martedì 27 febbraio 2018

The Gratitude Train and its hand-made Dolls telling us the History of Fashion.


It was the year 1948: the whole Western Europe, thanks to the aid provided by the Marsahall Plan, better known in the States as the "European Recovery Program", but still under reconstruction after having paid such a heavy price as a result of the Second World War, when France, which, not unlike other countries, was still coming 
up the slope, decided to reward America: 
the state, but, above all, 
the population that had also rushed to help it.



Collage representing the XVIIth, the XIXth and the XXth century fashion



The "Friendship Train" made up of a good seven hundred wagons (the original project was to be of eighty!), filled with humanitarian aid for a total amount of 40 million dollars, had left New York the year before, after toured each US county, to reach Le Havre on December 18th, 1947.
The idea was by Drew Pearson, a political journalist and well-known radio personality, moved by compassion for the damage that France and Italy had suffered during the war.

The following year the French and Italian people, moved by this gesture of goodwill and eager to express their own gratitude, followed the suggestion of a veteran and former railwayman named André Picard, giving life to the "Gratitude Train" or "Merci Train": it consisted of 49 railroad freight cars, one for each American state - Washington DC and the Hawaiian Territory would had shared the forty-nineth wagon - and this too, as it was the case with the American Friendship Train, was a project based on the generosity of individuals.

People were encouraged to donate as much as they could: children created drawings or sacrificed beloved toys; women donated handmade doilies and ashtrays made of broken mirrors, food, sewing works, puppets for children, letters, war medals; men brought wine, books, furniture and homemade toys.
And the donations were so abundant that more than nine thousand gifts remained in France.

Each wagon and every gift inside it was labeled with the emblem of the Gratitude Train, the image of a train, seen in front, to which were added flowers to symbolize the fields of Flanders.

But it must be said that, with the humble gifts of individuals, they were included works of art and priceless historical artifacts: they were created by the designers, at that time most famous for their achievements, 49 models 24 inches tall (61 cm ca), authentic dolls built with skillfully shaped iron wire, complete with vintage hairstyles made of real hair, dressed with clothes whose details were just the same of dresses in real size, reproducing models that went from 1715 to 1906.

And it is not a coincidence that the very first mannequin bears precisely that date:


“1715 Doll”, Marcel Rochas 



the year 1715 marks the death of King Louis XIV, - Le Roi Solieil - whose kingdom had brought significant changes in the cultural landscape of France - some of the greatest artists and literary authors, from Molière to Rigaud, prospered during the period of his domination - and its political position within Europe, bringing the fashion industry to its peak by encouraging the production of tapestries and the Lyon silk industry.
Also known as a great patron, Le Roi Soleil was able to elevate his nation to a position of cultural domination that continued throughout his seventy-two years of reign.

Each designer then chose the historical period that inspired him most, referring to paintings and fashion prints of the era for which he had opted, giving life to an authentic masterpiece that knows no economic value and, at that time, La Syndicale de la Couture de Paris donated the entire collection to the Brooklyn Museum so that all the mannequins could remain united and be appreciated for what they are: a singular example of French craftsmanship and design ingenuity that is still admired and preserved today by The Metropolitan Museum of Art which holds the copyright of each of the images I am going to show you.

The fabrics used to create these miniature mannequins were donated by the Union des Industries Textiles, the Fédération de la Soire, the Comité Central de la Laine, the Syndicale Général de l'Industrie Cotonnière, and the Négociants en tissus speciaux pour la Haute Couture.

For sure this was a unique moment in the history of French fashion.

And here you are the miniatures I think to be the most charming ...



"1733 Doll", Jean Bader (French)




"1755 Doll", A.Reichert (French)




"1774 Doll", Jean Dessès (French)




"1779 Doll", Lucille Manguin (French)




"1785 Doll", Maggy Rouff (French)




"1787 Doll", Mendel (French)




"1811 Doll", House of Paquin (French)




"1820 Doll", House of Patou (French)




"1828 Doll", Henriette Beaujeu (French)




"1830 Doll", Madeleine de Rauch (French)




"1832 Doll", Marcelle Dormoy (French)




"1866 Doll", Marcelle Chaumont (French)




"1867 Doll", Jacques Fath (French)




"1873 Doll", Madeleine Vramant (French)




"1876 Doll", Jacques Heim (French)




"1884 Doll", Nina Ricci (Italian-born French fashion designer)




"1888 Doll", House of Balmain (French)




"1892 Doll", Germaine Lecomte (French)




"1896 Doll", Bruyère (French)




"1902 Doll", Robert Piguet (French)




"1906 Doll", Elsa Schiaparelli (Italian)



But it was also an unforgettable moment for the inhabitants of New York, who organized a great parade to welcome the freight cars that, through the Atlantic, on the merchant ship Magellan, after leaving the port of Le Havre, reached on February 3rd, 1949 that of New York: over two hundred thousand people attended the celebrations organized there to welcome the whole train, but above all the New York wagon that was transported from Broadway to Manhattan accompanied by an authentic festivity.

Once the United States were reached, the freight cars were divided according to the location of the states that they had to reach and took directions to the South, the West and the New England and put on open freight cars, ie without shores, since the wagons of the Gratitude Train were too large for the size of the railway tracks that ran through the States.

Every single state organized committees that cataloged the contents of their wagon and many were donated to charity auctions, while others were destined to libraries and museums.



Even today our time is over, but I hope, with all my heart,

 to have, once again, entertained you pleasantly ...

it's always a joy for me to have you here,

dear readers and friends!


See you soon 💕








SOURCES:


WIKIPEDIA (links HERE and HERE)


WEB as for the images









Correva l'anno 1948: tutta l'Europa occidentale, forte degli aiuti previsti dal Piano Marsahall, meglio conosciuto negli States come "European Recovery Program", ma ancora in via di ricostruzione dopo aver pagato duramente lo scotto conseguito dal secondo conflitto mondiale, quando la Francia, che, non diversamente dagli altri paesi, ancora stava risalendo la china, decise di ricompensare l'America: 
lo stato, ma soprattutto la popolazione 
che anche era accorsa in suo aiuto.




- immagine 1 - Collage che rappresenta la moda del XVIII°, del XIX° e del XX° secolo





Il treno dell'amicizia - "Friendship Train" - composto di ben settecento vagoni (il progetto originario ne prevedeva ottanta!) ricolmi di aiuti umanitari per un ammontare complessivo di 40 milioni di dollari, era partito da New York l'anno prima, dopo avere fatto il giro delle singole contee statunitensi, per raggiungere Le Havre il 18 dicembre 1947.
L'idea era stata di Drew Pearson, giornalista politico e noto personaggio radiofonico, mosso da compassione per i danni che soprattutto Francia ed Italia avevano subito durante la guerra.

L'anno successivo i popoli francese ed italiano, mossi all'azione da questo gesto di buona volontà e desiderosi di esprimere la propria gratitudine, seguirono il suggerimento di un veterano ed ex ferroviere di nome André Picard, dando vita al  "Gratitude Train" o "Merci Train", il treno della riconoscenza: lo componevano 49 vagoni merci, uno per ogni stato - Washington D.C. ed il Territorio delle Hawaii avrebbero condiviso il quarantanovesimo vagone - ed anche questo, così come accadde per l'American Friendship Train, era un progetto fondato sulla generosità delle singole persone.

Le genti furono incoraggiate a donare quanto potevano: i bambini creavano disegni o sacrificavano amati giocattoli; le donne donavano centrini fatti a mano e portaceneri fatti di specchi rotti, cibo, lavori di cucito, pupazzi per bambini, lettere, medaglie di guerra; gli uomini recavano vino, libri, mobili e giocattoli fatti in casa. 
E le donazioni furono talmente abbondanti che più di novemila doni rimasero in Francia.
Ogni vagone e ogni dono al suo interno era etichettato con l'emblema del Gratitude Train, l'immagine di un treno visto di fronte cui erano stati aggiunti dei fiori a simboleggiare i campi delle Fiandre.

Ma va detto che, con gli umili doni di singoli individui, furono incluse opere d'arte e manufatti storici inestimabili: vennero creati dagli stilisti, a quel tempo più famosi per le loro realizzazioni, 49 modelli alti 24 pollici (61 cm. ca), autentiche bambole costruite con filo di ferro sapientemente modellato, con tanto di acconciature d'epoca fatte di capelli veri, abbigliate con abiti i cui dettagli furono rispettati come in quelli a dimensioni reali, riproducenti modelli che andavano dal 1715 al 1906.

E non è un caso che il primissimo manichino rechi proprio quella data: 





- immagine 2 - “1715 Doll”, Marcel Rochas (French)





il 1715 segna la morte di Re Luigi XIV, il Re Sole - Le Roi Solieil -, il cui regno aveva determinato cambiamenti significativi nel panorama culturale della Francia - alcuni dei più grandi artisti e autori letterari, da Molière a Rigaud, prosperarono durante il periodo del suo dominio - e la sua posizione politica all'interno dell'Europa, portando all'apice l'industria della moda attraverso l'incoraggiamento della produzione di arazzi e dell'industria della seta di Lione.
Conosciuto anche come grande mecenate, il Re Sole fu in grado di elevare la sua nazione in una posizione di dominio culturale che continuò ben oltre i suoi settantadue anni di regno.

Ogni stilista scelse quindi il periodo storico che più lo ispirava, rifacendosi a dipinti e a stampe di moda dell'epoca per cui aveva optato, dando vita ad un autentico capolavoro che non conosce valore economico e, a quel tempo, La Syndicale de la Couture di Parigi fece dono dell'intera collezione al Museo di Brooklyn in modo che tutti i manichini potessero rimanere uniti ed essere apprezzati per quello che sono: un singolare esempio di artigianato francese ed ingegno progettuale che ancora oggi viene ammirato e conservato dal The Metropolitan Museum of Art che detiene il copyright di ciascuna delle immagini che sto per mostrarvi.

I tessuti utilizzati per creare questi manichini in miniatura furono donati dall' Union des Industries Textile, dalla Fédération de la Soire, dal Comité Central de la Laine, dal Syndicale Général de l’Industrie Cotonnière, e dai Négociants en tissus speciaux pour la Haute Couture.


Vi basti sapere che quello fu un momento unico nella storia della moda francese.

Ed eccovi i modelli che ritengo essere più affascinanti ...




- immagine 3 - "1733 Doll", Jean Bader (French)


- immagine 4 - "1755 Doll", A.Reichert (French)


- immagine 5 - "1774 Doll", Jean Dessès (French)


- immagine 6 - "1779 Doll", Lucille Manguin (French)


- immagine 7 - "1785 Doll", Maggy Rouff (French)


- immagine 8 - "1787 Doll", Mendel (French)


- immagine 9 - "1811 Doll", House of Paquin (French)


- immagine 10 - "1820 Doll", House of Patou (French)


- immagine 11 - "1828 Doll", Henriette Beaujeu (French)


- immagine 12 - "1830 Doll", Madeleine de Rauch (French)


- immagine 13 - "1832 Doll", Marcelle Dormoy (French)


- immagine 14 - "1866 Doll", Marcelle Chaumont (French)


- immagine 15 - "1867 Doll", Jacques Fath (French)


- immagine 16 - "1873 Doll", Madeleine Vramant (French)


- immagine 17 - "1876 Doll", Jacques Heim (French)


- immagine 18 - "1884 Doll", Nina Ricci (Italian-born French fashion designer)


- immagine 19 - "1888 Doll", House of Balmain (French)


- immagine 20 - "1892 Doll", Germaine Lecomte (French)


- immagine 21 - "1896 Doll", Bruyère (French)


- immagine 22 - "1902 Doll", Robert Piguet (French)


- immagine 23 - "1906 Doll", Elsa Schiaparelli (Italian)





Ma fu un momento indimenticabile anche per gli abitanti di New York, i quali organizzarono una grandiosa parata per accogliere i vagoni merci che, attraverso l'Atlantico, sulla nave mercantile Magellan, dopo aver lasciato il porto di Le Havre, raggiunsero il 3 febbraio del 1949 quello di New York: oltre duecentomila persone assistettero alle celebrazioni ivi organizzate per dare il benvenuto all'intero treno, ma soprattutto al vagone di New York che venne trasportato da Broadway a Manhattan accompagnato da un'autentica parata.

Una volta raggiunti gli Stati Uniti, i vagoni merci furono divisi in base alla collocazione degli stati che dovevano raggiungere e presero direzioni verso il Sud, l'Ovest e verso il New England e messi su carri merci aperti, ossia senza sponde, poiché i vagoni originari del Gratitude Train erano troppo larghi per le dimensioni delle rotaie della rete ferroviaria che percorreva gli 'States'.

Ogni singolo stato organizzò comitati addetti alla catalogazione del contenuto del proprio vagone e molti furono i doni messi all'asta per beneficenza, mentre altri furono destinati a biblioteche e musei.



Anche oggi il nostro tempo è terminato, ma mi auguro, con tutto il cuore,

 di avervi, ancora una volta, intrattenuti piacevolmente ... 

è sempre una gioia per me avervi qui, 

carissimi lettori ed amici!



A presto 💕








SOURCES:


WIKIPEDIA (links QUI e QUI)

WEB per le immagini







SIMPLY NEUTRALS
This blog post was featured ! I heartily thank you, wondrous Wen!

TUESDAY'S TREASURES


TUESDAY WITH A TWIST


Dave's WORDLESS WEDNESDAY


WONDERFUL WEDNESDAY


VINTAGE CHARM PARTY


THURSDAY FAVORITE THINGS
This blog post was featured by Bev at ECLECTIC RED BARN!
I thank you wholeheartedly, lovely lady!


domenica 18 febbraio 2018

♚ NOBLE MANSIONS AND CROWNS ♚ Countess Wilhelmina von Hallwyl and Hallwyl House, the house that time forgot.




With what I am about to tell you, I'm bring you today in Sweden, the Sweden of the XIXth century and exactly in Stockholm, where in 1859, or at the height of the Victorian age, at the age of 20, Anna Fridrica Wilhelmina Kempe, only daughter and heir of a wealthy merchant of timber, married Count Walther von Hallwyl (1839-1921), captain of the Swiss General Staff who later became a citizen of the nation in which he settled and, as such, a member of the Swedish parliament and heir of his father-in-law's activity and thuss of the entire complex of Ljusne-Woxna AB, a sort of small village given by the buildings in which the timber was stored and the factories where it was worked according to the destination that it should have taken.


Ljusne-Woxna AB in an advertising sign dated 1900




Wilhelmina was born in Stockholm in 1839 and his father, who had decided to devote himself to the trade of the main wealth that the nature of his country offered, became a wealthy merchant of what was much sought after in the XIXth century, since, even though Sweden was almost totally dominated by forests, wood was needed both as fuel and for the construction industry, for paper mills, to produce cellulose and for steel industries, in short, it could even be said that wood promoted the transition from a Sweden characterized by an agricultural economy to an industrial Sweden.

And it was precisely the wealth already accumulated by her family of origin that allowed the young Wilhelmina to cultivate her strong passion for collecting, since she began by collecting antiques and art in general that she found almost everywhere while traveling with her parents as a girl and, since this passion remained the main interest of her entire life, she ended up making her an impeccable collector - they belonged to her collection ancient books and manuscripts, weapons and armor, contemporary paintings and of previous eras, silverware, ceramics and decorative works of art in general of both European and Eastern origin.

The great amount of the objects that she came to accumulate allowed her to furnish a whole house, what will be called Hallwyl House, built between 1893 and 1898 by Isak Gustaf Clason in the center of Stockholm, near the Berzelii Park:



behind the façade of noticeable Venetian influence the rooms were decorated in various historical styles and both the paintings and the tapestries were initially hung on the walls of the apartments, but in the end it was the attic to welcome them when it was converted into an art gallery dedicated to the growing collection of paintings.


The entire house and the art objects which it contained were finally donated to the Swedish state: the donation was announced in 1920, but came into force only with the death of the countess, which occurred in 1930, and Hallwyl House was opened to the public as a museum only in 1938, when the catalog of all the precious exhibit was completed, but not only precious were included, the intention was to document and preserve the entire house exactly as it had been left, both the collections of art and antiques and the contemporary furniture, both the jewels that belonged to her and the fabrics and everyday objects of the family and the servants, such as clothes, kitchen utensils and office equipment.





(think that next to objects of art find their places even personal peculiarities such as a piece of the beard of the count and a slice of their wedding cake.)

Finally, I would like to point out that the catalog had already been started by the countess while the collection was still growing: since 1909 she hired a number of renowned experts in subjects such as Chinese bronzes, European painting, European and Asian porcelain for assist her in this work; think that in its final version, the detailed catalog contains about 50,000 objects and was eventually printed in 79 volumes between 1926 and 1957.

But let's enter the world of Wilhelmina now ... as it was in 1865 ...



The Countess is awaiting us!



She shows us the most famous portrait of hers depicting herself in an earlier age ...


An oval portrait showing us Wilhelmina at the age of 21




and the gorgeous dress she wore on that occasion;

  
This is the dress she wore on the occasion of the portrait, today on display along with many others that belonged to her



then she shows us some of the rooms of her sumptuous mansion:


 The Porcelain Room




The Billiard Room




 The Chinese Porcelain Room




A Dining Room




Another Dining Room




The Smoking Room




A corner where to enjoy a tea




A Series of Guest-Bedrooms







A corner where to read or to write a letter ...




The Kitchen



Let's eventually thank our delighhful hostess and thank to you all 
for having accompanied me on this other journey back in time within what is today 
one of the few museums preserving intact aspects of the life belonging to past times 
and allows us to identify ourselves with what we see.





See you soon, dear friends and readers ... faithful and occasional ones!











SOURCES:

Eva Bergman, "von Hallwyl, Wilhelmina"

Hallwylska museet

Wikipedia











- immagine 1 - La Contessa Wilhelmina Kempe ed uno dei suoi salotti



Con ciò che sto per narrarvi vi porto oggi nella Svezia del XIX° secolo ed esattamente a Stoccolma, dove nel 1859, ovvero in piena età Vittoriana, all'età di 20 anni, Anna Fridrica Wilhelmina Kempe, unica figlia ed erede di un facoltoso mercante di legname, sposò il Conte Walther von Hallwyl (1839-1921), capitano dello stato maggiore svizzero che in seguito divenne cittadino della nazione in cui si stabilì e, come tale, membro del parlamento svedese ed erede dell'attività del suocero, ovvero dell'intero complesso di Ljusne-Woxna AB, una sorta di piccolo villaggio dato dai fabbricati in cui veniva immagazzinato il legname e dagli opifici in cui veniva lavorato in base alla destinazione che avrebbe dovuto prendere.



- immagine 2 - Ljusne-Woxna AB in un'insegna pubblicitaria datata 1900



Wilhelmina era nata a Stoccolma nel 1839 ed il padre, che aveva deciso di dedicarsi al commercio della principale ricchezza che la natura del suo paese offriva, divenne un facoltoso commerciante di ciò che nel XIX° secolo era un bene molto ricercato, poiché anche se allora la Svezia era quasi totalmente dominata dalle foreste, il legname era necessario sia come combustibile che per l'industria edile, per le cartiere, per produrre cellulosa e per le industrie siderurgiche, insomma, si potrebbe persino giungere a dire che fu proprio il legno a favorire il passaggio in Svezia da un'economia agricola ad un'economia industriale.

E fu appunto la ricchezza accumulata già dalla sua famiglia di origine che permise alla giovane Wilhelmina di coltivare la propria spiccata passione per il collezionismo, poiché cominciò con il collezionare oggetti d'antiquariato e d'arte in generale che trovava un po' ovunque mentre viaggiava con i suoi genitori già da fanciulla e, dato che tale passione rimase il principale interesse di tutta la sua vita, essa finì con il fare di lei un'impeccabile collezionista - alla sua collezione appartenevano libri e manoscritti antichi, armi ed armature, dipinti contemporanei e di epoche precedenti, argenteria, ceramiche ed opere d'arte decorativa in genere di origine sia europea che orientale. 

La mole degli oggetti che ella giunse ad accumulare fu tale da consentirle di arredare prestigiosamente un'intera dimora, quella che verrà chiamata Hallwyl House, edificata tra il 1893 ed il 1898 da Isak Gustaf Clason nel centro di Stoccolma, vicino al Berzelii Park: 



- immagine 3 - Hallwyl House vista dal cortile interno


- immagine 4 - Hallwyll House: dettagli dall'esterno



dietro la facciata di palese influenza veneziana, le camere furono decorate in vari stili storici e sia i dipinti che gli arazzi furono inizialmente appesi alle pareti degli appartamenti, ma alla fine fu l'attico ad accoglierli quando venne convertito in una galleria d'arte dedicata alla crescente collezione di quadri. 




- immagine 5 - Il sottotetto divenuto galleria d'arte




L'intera dimora e gli oggetti d'arte che conteneva furono infine donati allo stato svedese: la donazione era stata annunciata nel 1920, ma entrò in vigore solo con la morte della contessa, occorsa nel 1930, e Hallwyl House venne aperta al pubblico quale museo solamente nel 1938, quando fu concluso il catalogo di tutti i preziosi esposti, ma non solo, l'intenzione era quella di documentare e conservare l'intera casa esattamente come era stata lasciata, sia le collezioni di arte ed antiquariato, sia i mobili contemporanei, sia i gioielli che le sono appartenuti, sia i tessuti e gli oggetti di uso quotidiano della famiglia e dei suoi servitori, quali abiti, utensili da cucina e apparecchiature per ufficio




- immagine 6 - utensili da cucina del XIX° secolo


- immagine 7 - macchina da scrivere Trusty Remington


- immagine 8 - completo da toilette e da barba


- immagine 9 - Il portavivande a sali-scendi




(pensate che accanto ad oggetti d'arte trovano posto peculiarità personali quali un pezzo della barba del conte ed una fetta della loro torta nuziale.)

Mi preme infine farvi notare che il catalogo era già stato avviato dalla contessa mentre la collezione era ancora in crescita: dal 1909 ella assunse infatti un certo numero di rinomati esperti in materie quali i bronzi cinesi, la pittura europea, le porcellane europee e asiatiche per assisterla nel lavoro; pensate che nella sua versione finale, il catalogo dettagliato contiene circa 50.000 voci e alla fine fu stampato in 79 volumi tra il 1926 ed il 1957.


Ma entriamo ora nel mondo di Wilhelmina ... così com'era nel 1865 ...

La Contessa ci sta attendendo!



- immagine 10



- immagine 11 - Una fotgrafia di Wilhelmina che risale proprio alla metà degli anni'60 dell'ottocento



Ci mostra il suo più famoso dipinto che la ritrae quando era un po' più giovane ...




- immagine 12 - Un ritratto ovale che ci mostra Wilhelmina all'età di 21 anni




e lo splendido abito che indossava in quell'occasione;




- immagine 13 e 14 - Questo è l'abito che ella indossava in occasione del ritratto, oggi in mostra insieme a molti altri che le sono appartenuti




quindi ci mostra alcune delle stanze della sua sontuosa magione:



- immagine 15


- immagine 16


- immagine 17


- immagine 18


- immagine 19


- immagine 20


- immagine 21


- immagine  22


- immagine 23


- immagine 24


- immagine 25


- immagine 26


- immagine 27




Ringraziamo infine la nostra deliziosa ospite ed io ringrazio tutti voi
per avermi accompagnato in questo altro viaggio indietro nel tempo 
all'interno di quello che oggi è uno dei pochi musei che conservano intatti 
gli aspetti della vita di un tempo e che ci permettono di immedesimarci in ciò che vediamo.



- immagine 28





A presto carissimi amici, e lettori ... fedeli ed occasionali!









SOURCES:

Eva Bergman, "von Hallwyl, Wilhelmina"

Hallwylska museet


Wikipedia




LINKING WITH:


BLUE MONDAY


TUESDAY TREASURES


SIMPLY NEUTRALS


TUESDAY WITH A TWIST


WONDERFUL WEDNESDAY

This article was featured by Bev at ECLECTIC RED BARN !
You've blessed my heart, lovely lady, I heartily thank you 

Dave's WORDLESS WEDNESDAY


Sandee's WORDLESS WEDNESDAY


SHARE YOUR CUP


THURSDAY FAVORITE THINGS

This article was featured by Angelina at PETITE HOUSE !
I thank you wholeheartedly, adorable friend 


VINTAGE CHARM PARTY