martedì 15 marzo 2022

Gisela, Sisi's estranged daughter



The Kaiser portrayed with Gisela and Rudolf in 1860


Gisella Louise Marie was born at 5.30 on July 12th, 1856 at Laxenburg Castle.
She was baptized Gisella, with two 'l', but she will always write her name with one 'l', and she will become for everyone Gisela.
It is not nice to say, but unfortunately her birth was a moment of great disappointment.
After Sophie, born on March 5th, 1855,


The birth of Sophie


everyone was waiting for an heir to whom one day could assign the throne and, when it was still a female who opened her eyes to this world of ours, the frustration was also profound for her godmother, her maternal grandmother Ludovika, who announced that she wouldn't be present for her baptism. In fact, she was represented by the other grandmother of hers, Archduchess Sophie. As required by the ceremonial, Gisela too was removed from the care of the Empress, and that was a thing that deeply marked their relationship from the very beginning which soon became cold and detached.


The birth of Gisela


Perhaps Elizabeth discharged on her the frustration of having to undergo further pregnancies until the birth of the desired heir, but it should not be forgotten that a fundamental role also played the princes of Archduchess Sophie, Sisi's mother-in-law, as well as her aunt, who considered her too much young and still unwary to take care of the education of her daughters. The disappearance of the little Sophie, eldest daughter of the imperial couple, during the official trip to Hungary in 1857, which took place on May 29th, only further alienated mother and daughter. Followed by her paternal grandmother and cared for by her nurse who had chosen her, Gisela grew well: her progress was promptly recorded by Archduchess Sophie who wrote:

"At 9 I went to Laxenburg, where due to the heat I sat for an hour in the garden with our dear Unica who was serene and joyful. She is growing fast and enjoys playing like she were older. So on her birthday, dad (Archduke Franz Karl) and I gave her a tiny coffee set and she, without anyone urging her, started pouring teaspoons of sugar and coffee from the pot and offered everyone a cup. "(From a letter sent to his son Karl Ludwig dated 23.7.1857). 

The relocation to the Hofburg, as well as the arrangement of her room next to her mother's, brought a certain serenity to the Court.
On August 21st, 1858, Rodolfo will be born and the little Gisela immediately fell in love with him:


The birth of Rudolf


Every day after returning from the walk, the little one had to go to her; it was she who called him "Komm here, mein Birirem (Come to me little brother), and he was happy to be with her while she played",

Archduchess Sophie wrote to her son Ferdinand Maximilian on 12.1.1859. Much more than little Rudolf manifested, Gisela showed that she suffered from the long absence of her mother who had been in Madeira for six months to recover. Over time, Archduchess Sophie, together with the nanny she had chosen, Baroness Karolina von Welden, had replaced the maternal figure that the little ones obviously needed so badly.






With her father, on the other hand, Gisela always had a good relationship, also due to the common character affinities. At sixteen she married Prince Leopold of Bavaria (1846-1930), her second cousin. The wedding, wisely planned by the empress, involved the estrangement of the Bavarian prince from Princess Amalie von Sachsen-Coburg und Gotha, whom Maximilian, one of her beloved brothers, had fallen in love with, who intended to marry her. Leopold certainly could not refuse the hand of the emperor's daughter who also enjoyed a substantial dowry (the sum received by her paternal grandparents alone amounted to half a million florins). On April 20, 1873, the wedding was celebrated in the Augustinerkirche in Vienna.
Even Johann Strauss II wanted to make a special gift to the emperor's daughter on the occasion of such a celebration and composed in her honor Wiener Blut-Viennese blood,


perhaps what will become and still remains today the best known waltz of the son of the composer Strauss, the one who ... 'invented' it!
But it seems almost obvious to say that the empress, with her beauty and charm, even without having her intention, obscured the bride and every other pomp of the celebrations.


The wedding of Gisela and Leopold


The bond between brothers never failed, however the painful separation affected the character of Rudolf, who became even more introverted after the change that had been given to his education that had to pursue the formative ideals of an heir to the throne. With a deep sense of duty, obedient to the principles infused by her grandmother Sophie, Gisela, turned out to be a good wife and a good mother, passionate about hunting and an expert amazon.


Gisela, young woman


The new family welcomed her with joy. With his son-in-law Leopold, a career officer and expert hunter, the emperor had a good understanding, so much so that he was often a guest in the Munich palace, the construction of which he himself had generously supported. While the relationship between father and daughter intensified over the years - especially after the tragic death of Rudolf and his mother - those between mother and daughter will always remain only formal. At the birth of the first granddaughter who bore her name - Elisabeth - Sisi showed such coldness that she wrote to Ida Ferenczy, lady of the Court and an affectionate confidant of hers:

"Thank God the day has passed! It hurts me a lot to stay here, all alone and without a person with whom to exchange a word. (In fact, she resided in the hotel rather than with her daughter).
Today there was the baptism, the mother and the baby are just fine. They will reach a hundred years. I am telling you this to reassure you that their state of health will not keep me here."

(in B. Hamann, Elisabeth. Kaiserin wider Willen, 1982, p. 302). Even more sad the Empress' consideration of her second grandchild, a little girl "von seltener Häßlichkeit" (of rare ugliness) who looked like her mother. Gisela had become for her mother "Eine rackerdürre Sau" (a thin grind sow) and she called her four grandchildren "Ferkeln" (piglets).


Archduchess Gisela of Austria with her husband Leopold of Bavaria and their children 
(Left to right Elisabeth, Konrad, Georg and Auguste), 1885, by Josef Albert 


Gisela will take care of her grandmother Ludovika until her death on January 25th, 1892, when she was 84 years old after premature aging and slow decay.
And perhaps few people even know of the sensitivity that the Kaiser's daughter had for social issues: she was very sensitive to the problems of the people and during the Great War she set up a military hospital for the wounded inside her palace. During the 1918 revolution, although her entire family fled the city, she remained to participate in the elections to the Weimar General Assembly, the first in which women had the right to vote.
From her mother he will inherit 4 million florins and the Achilleion that Sisi had made build in Corfu between 1889 and 1891.
Gisella and Leopold had a long life together, so much so that in 1923 they celebrated their golden anniversary; her husband passed away seven years later, she in 1932 at the age of 76.
Both of them rest in the St. Michael's Church in Munich.



With sincere gratitude for the affection you always show me,
I'm sending you all my biggest hug

See you soon 







Gisella, la figlia di Sisi allontanata


IMMAGINE 1 - Il Kaiser ritratto con la figlia Gisella ed il piccolo Rodolfo in braccio nel 1860


Gisella Louise Marie nacque alle 5.30 del 12 luglio 1856 nel castello di Laxenburg. 
Venne battezzata Gisella, con due 'l', ma ella scriverà sempre il proprio nome con una 'l' sola, e diventerà per tutti Gisela.
Non è bello da dirsi, ma purtroppo la sua nascita fu un momento di grandissima delusione. 
Dopo Sophie, venuta alla luce il 5 marzo del 1855, 


IMMAGINE 2 - La nascita dell'arciduchessa Sophie, primogenita dell'imperatore Franz Josef e dell'imperatrice Elisabeth (Sisi)


tutti attendevano un erede cui un giorno poter assegnare il trono e, quando ad aprire gli occhi su questo nostro mondo fu ancora una femmina la frustrazione fu profonda anche per la sua madrina, la nonna materna Ludovika, la quale annunciò che non sarebbe stata presente per il battesimo. La rappresentò infatti l'altra nonna, l’arciduchessa Sophie. Così come imposto dal cerimoniale, anche Gisela venne sottratta alle cure dell'imperatrice, cosa che segnò profondamente il loro rapporto già dal principio che si fece presto freddo e staccato. 


IMMAGINE 3 - La famiglia imperiale al completo dopo la nascita di Gisella


Forse Elisabetta scaricò su di lei la frustrazione di doversi sottoporre ad ulteriori gravidanze fino alla nascita del sospirato erede, ma non va dimenticato che un ruolo fondamentale giocarono anche i principi dell'arciduchessa Sophie, suocera di Sisi, nonché sua zia, che la riteneva troppo giovane ed ancora incauta per occuparsi dell'educazione delle sue figliole. La scomparsa della piccola Sophie, primogenita della coppia imperiale, durante il viaggio ufficiale in Ungheria del 1857, avvenuta il 29 maggio, non fece che allontanare ulteriormente madre e figlia. Seguita dalla nonna paterna e accudita dalla nutrice che questa le aveva scelto, Gisela cresceva bene: i suoi progressi venivano puntualmente registrati dall’arciduchessa Sophie che scriveva:

Alle 9 mi recai a Laxenburg, dove per il caldo rimasi seduta un’ora in giardino con la nostra cara Unica che era serena e gioiosa. Sta crescendo velocemente e si diverte giocando come se fosse più grande. Così nel giorno del suo compleanno, papà (l’arciduca Franz Karl) e io le abbiamo regalato un minuscolo servizio da caffè e lei senza che alcuno la spronasse iniziò a versare dei cucchiaini di zucchero e il caffè dal bricco e offerse a tutti una tazza” (da una lettera inviata la figlio Karl Ludwig datata 23.7.1857). 

Il trasferimento alla Hofburg, nonché la sistemazione della cameretta vicino alla madre, riportò a Corte una certa serenità.
Il 21 agosto 1858 nacque Rodolfo cui la piccola Gisela si affezionò immediatamente:


IMMAGINE  4 - La famiglia imperiale con Gisella ed il piccolo Rodolfo


 “Ogni giorno di ritorno dalla passeggiata, il piccolo doveva andare da lei; era lei che lo chiamava “Komm her, mein Birirem (Vieni da me fratellino), e lui era felice di stare con lei mentre giocava”,

scriveva l’arciduchessa Sophie al figlio Ferdinand Maximilian il 12.1.1859. Molto più di quanto manifestasse il piccolo Rudolf, Gisela dava a vedere di soffrire per la lunga assenza della madre che da sei mesi si trovava a Madeira per ristabilirsi. Con il tempo, l'arciduchessa Sophie, insieme con la bambinaia da lei stessa scelta, la baronessa Karolina von Welden, si era andata sostituendo alla figura materna di cui i piccoli, ovviamente, avevano un gran bisogno.


IMMAGINI  5 - 6 - 7 - Rodolfo e Gisella ritratti mentre giocano insieme


Con il padre, invece, Gisela ebbe sempre un buon rapporto, anche per le comuni affinità caratteriali. A sedici anni andò sposa al principe Leopold di Baviera (1846-1930), suo cugino di secondo grado. Il matrimonio, sapientemente pianificato dall'imperatrice, prevedeva l’allontanamento del principe bavarese dalla principessa Amalie von Sachsen-Coburg und Gotha, di cui si era innamorato Maximilian, uno dei suoi amati fratelli, che intendeva prenderla in sposa. Leopold non poteva certo rifiutare la mano della figlia dell’imperatore che godeva inoltre di una dote cospicua (la sola somma ricevuta dai nonni paterni ammontava a mezzo milione di fiorini). Il 20 aprile 1873 nell'Augustinerkirche a Vienna furono celebrate le nozze. 
Persino Johann Strauss II volle fare un dono speciale alla figlia dell'imperatore in occasione di una tale celebrazione e compose in suo onore Wiener Blut - Sangue viennese,


IMMAGINE 8 - Locandina del valzer 


forse quello che diverrà e che rimane ancor oggi il valzer più conosciuto del compositore figlio di colui che il valzer lo aveva...'inventato'. 
Ma sembra quasi cosa scontata dire che l’imperatrice, con la sua bellezza ed il suo fascino, pur senza averne l'intenzione, oscurò la sposa e ogni altro fasto dei festeggiamenti. 


IMMAGINE 9 - Il matrimonio di Gisella e Leopoldo


Il legame fra fratelli non venne mai meno, tuttavia la dolorosa separazione incise sul carattere di Rudolf, che diventò ancora più introverso di quanto già non l'avesse reso il mutamento che era stato impresso alla sua educazione che doveva perseguire ideali formativi propri di un erede al trono. Con profondo senso del dovere, obbediente ai principi infusi dalla nonna Sophie, Gisela, si rivelò essere una buona sposa e una buona madre, appassionata di caccia ed esperta amazzone.


IMMAGINE 10 - Gisella giovane donna


La nuova famiglia l’accolse con gioia. Con il genero Leopold, ufficiale di carriera ed esperto cacciatore, l’imperatore aveva una buona intesa, tanto da essere spesso ospite nel palazzo monacense, la cui costruzione era stata da lui stesso generosamente sostenuta. Mentre i rapporti fra padre e figlia si intensificarono nel corso degli anni – in particolare dopo la tragica morte di Rudolf e della madre – quelli fra madre e figlia si manterranno sempre solo formali. Alla nascita della prima nipotina che portava il suo nome, Elisabeth, Sisi mostrò una tale freddezza da scrivere a Ida Ferenczy, sua dama di Corte ed affezionata confidente: 

Grazie a Dio la giornata è passata! Mi pesa molto restare qui, tutta sola e senza una persona con cui scambiare una parola. (Dimorava infatti in Hotel anziché presso la figlia). 
Oggi c’è stato il battesimo, la madre e la bambina stanno più che bene. Arriveranno a cent’anni. Te lo dico per rassicurarti che il loro stato di salute non mi tratterrà qui.

(in B. Hamann, Elisabeth. Kaiserin wider Willen, 1982, p. 302). Ancora più triste – e sicuramente non le fa onore – la considerazione sulla secondogenita, una bambina “von seltener Häßlichkeit” (di rara bruttezza) che assomigliava alla madre. Gisela era diventata per l'imperatrice sua madre “Eine rackerdürre Sau“ (una secca scrofa sgobbona) ed i suoi quattro nipoti li definiva “Ferkeln” (maialini). 


IMMAGINE 11 - Archduchess Gisela of Austria with her husband Leopold of Bavaria and their children (Left to right Elisabeth, Konrad, Georg and Auguste), 1885, by Josef Albert


Gisela si prenderà cura della nonna Ludovika fino alla sua morte avvenuta il 25 gennaio 1892, quando aveva raggiunto gli 84 anni dopo un precoce invecchiamento ed un lento decadimento. 
E forse sono in pochi anche a sapere della sensibilità che la figlia del Kaiser ebbe per il sociale: 
ella era molto sensibile ai problemi del popolo e durante la Grande Guerra allestì un ospedale militare per i feriti all'interno del suo palazzo. Durante la rivoluzione del 1918, nonostante l'intera sua famiglia abbandonò la città, ella rimase per partecipare alle elezioni dell'assemblea generale di Weimar, la prima in cui ebbero diritto di voto le donne.
Dalla madre erediterà 4 milioni di fiorini e l’Achilleion che Sisi aveva fatto costruire a Corfù tra il 1889 ed il 1891.
Gisella e Leopold ebbero una lunga vita insieme, tanto che nel 1923 festeggiarono le nozze d'oro; suo marito si spense sette anni dopo, lei nel 1932 all'età di 76 anni.
Entrambi riposano nella chiesa di San Michele a Monaco di Baviera.


Con sincera gratitudine per l'affetto che sempre mi dimostrate, 
invio a tutti voi il mio più caloroso abbraccio

A presto 






LINKING WITH:





lunedì 7 marzo 2022

"In seed-time learn, in harvest teach, in winter enjoy"


 In seed-time learn, in harvest teach, 

in winter enjoy.


~William Blake (1757-1827) from The Marriage of Heaven and Hell, 1790-1793





Durante il tempo della semina impara, 


in quello del raccolto insegna, 


dell'inverno godi.


~William Blake (1757-1827) da The Marriage of Heaven and Hell, 1790-1793




Blow, blow, thou winter wind,

Thou art not so unkind

As man's ingratitude;

Thy tooth is not so keen

Because thou art not seen,

Although thy breath be rude...


From William Shakespeare's poem Blow, Blow, Thou Winter Wind first published in 1623 in the famous play As You Like It (1599-1600).


Have you ever tried to take a nice walk in the Nature early in a Winter morning, when the sun is about to peek over the horizon?
There is an intimacy with the 'whole', a confidentiality that no other season gives us a gift.
In all other seasons, people experience a kind of openness next to each other; only in winter can you have longer and quieter moments in which to enjoy belonging to yourself.
The winter days are transparent, pure, spotless, with a veil of snow or frost, animated by the crisp air and the sun that shines shyly without heating.
The simplicity of winter has a profound moral: the return of nature after a season of splendor and prodigality, the return to simple and austere habits.

•❆•*´¨`*•❆•*´¨`*•❆•


Avete mai provato a concedervi una bella passeggiata nella natura il mattino presto d'inverno, quando il sole sta per fare capolino all'orizzonte?
Vi è un'intimità con il tutto, una riservatezza di cui nessun'altra stagione ci fa dono.
In tutte le altre stagioni le persone vivono una sorta di apertura gli uni accanto agli altri; solo in inverno si possono avere momenti più lunghi e tranquilli in cui gustare l’appartenenza a sé stessi.
I giorni d'inverno sono trasparenti, puri, senza macchia, con un velo di neve o di gelo, animati dall'aria frizzante e dal sole che illumina timido senza scaldare.
La semplicità dell’inverno ha una profonda morale: il ritorno della natura dopo una stagione di splendore e prodigalità, il ritorno alle abitudini semplici ed austere.



Soffia, soffia, vento d'inverno,

Che non sei così crudele,

Come l'ingratitudine dell'uomo;

Il tuo dente non si fa così tagliente

Solo perché non sei visto,

Nonostante il tuo alito sia vigoroso...


Dalla poesia di William Shakespeare (1564-1616) Blow, Blow, Thou Winter Winpubblicata per la prima volta nel 1623 nella famosa commedia As You Like It (1599-1600).


In the hope You've enjoyed this walk made hand in hand with me 

breathing the cool of our Winter, 

I'm sending blessings to You all

See you soon 




Nella speranza che abbiate gradito questa passeggiata 

fatta mano nella mano con me

respirando il fresco del nostro inverno,

auguro ogni bene a tutti Voi

A presto ❤




LINKING WITH:


















sabato 26 febbraio 2022

The Art Noveau architectural style 'Leumann workers' Village'




The Leumann Village in a vintage postcard



 “It can be said that he was the precursor and creator of a very modern social policy, when class collaboration was a myth. He had only one cult in his life: that of work associated with charity. And of the wise purpose of improving the standard of living of his employees he made the essential purpose of his laborious existence. There were two ideals which he particularly directed his work to: the physical and moral well-being of his employees and the education and training of their children. "

(from the obituary for the death of Napoleon Leumann, July 11th, 1930)


The story I'm going to tell you today began in 1831, when Isaac Leumann (1807-1877) moved from Kümmertshausen in Thurgau to Voghera (in Piedmont, Italy), where for a few years he worked as a simple worker in the "Fratelli Tettamanzi" textile factory working flax.
His first son would be born a few month after he decided to take over the company in which he worked; his would be a very important name: he will be called Napoleon.
In the factory worked 105 workers then and it was going to open numerous relationships with the local economic world and with the textile industry.
Within twenty years the "Leumann and son", grew to employ 500 workers and the company successfully participated in the Italian exhibition in Florence which was held during those years, where its production was appreciated by the big names in the sector operating at the time. The turning point for the entrepreneurial destiny of the family came when Napoleon married Amalia Cerutti, daughter of the director and then president of the biggest bank of Voghera, the Cassa di Risparmio, a marriage that wiil ensure considerable and extremely facilitated credits.
With the necessary capital at their disposal, Isaac and Napoleon decided to leave Voghera, a predominantly agricultural town, at the time, and in 1875 they moved to Turin, a city that granted commercial and building favors to entrepreneurs to encourage industrialization and revive their economic fortunes, marred by the move of the capital of Italy to Florence. A plot of land is chosen in the Collegno area along the border with Grugliasco, in a position that allowed easy forwarding of the products to Genoa, from where it was possible to ship them both to the East (especially India) and America.
And the processing will go from that of flax to that of cotton.
The construction of the cotton mill began in the same year with some annexed structures (medical clinic, washhouse, refectory, kindergarten) and went into full operation in the early months of 1877 with good turnover and sure prospects for growth.


Women working at the Leumann Cotton Mill


The weaving, dyeing and finishing processes were carried out in the Leumann Cotton Mill. The factory was active at full capacity for almost a century.
With the passing of Isaac, in 1887, Napoleon, who inherited from his father the open mind, the propensity for progressivism and the sensitivity towards social issues, gave life to his most famous project, for which he is still remembered today more than for his fruitful entrepreneurial life. To meet the needs of his workers, give them a decent home and all the services and comforts they could need, he launched the project for a workers' village to be built on the sides of the factory.


The Leumann Village with, at the center, the Leumann Cotton Mill


The complex, built between 1875 and 1912, inspired by the building tradition of northern Italy of the time, contaminated above all in the volumetric cuts of the roofs with stylistic features of Swiss origin-given Napoleon's roots, consisted of two residential areas on the sides of the cotton mill, extending for about 60,000 square meters and originally housed about a thousand people including workers, employees and their families. It still includes 59 small villas and houses divided into 120 lodgings, each provided from the beginning with attached toilets and a shared garden on the ground floor.





The buildings necessary for a small community were also gradually built around the houses, namely: the elementary school, a gym, public bathrooms, a food cooperative, a small railway station, a hotel and the Boarding School for Young Female Workers. 
It is worth to say that, despite being of Calvinist religion, Napoleon Leumann wanted to equip his village with a church and in 1907 commissioned the project to engineer Pietro Fenoglio. 
It is dedicated to Saint Elizabeth and is one of the very few churches in the world, perhaps the only one, built in Art Nouveau style, while also showing some eclectic stylistic elements.


The church with the facing little square in a vintage photograph


In addition, inside the factory, there was a canteen but also a clinic, a nursery, a post office and a sports club.
In 1903 Napoleon decided to made build a small station, called 'La Stazionetta' (The Little Station), placed in front of the entrance to the cotton mill to allow commuter workers to reach the workplace more easily. It was a small wooden building surrounded on three sides by a small portico the interiors of which consisted originally of a single room used as a ticket office and waiting room.


La Stazionetta


Napoleon Leumann was firmly convinced that a correct education was one of the founding elements for having good workers in the future and so, also in 1903, the Leumann Village had its school. Located on the western area of the village: it included six elementary classes on the first floor, while on the ground floor there was the Wera Kindergarten, dedicated to the memory of his daughter who died at an early age.
The school was attended by the children of the workers and of the employees of the cotton mill but also by some residents of Collegno, since it was the only nearby school then existing in the municipality. The school provided free textbooks and could make use of the most advanced teaching equipment and methods of the time. There was also a well-stocked library. In addition, to stimulate the commitment of schoolchildren, Leumann periodically organized awards that included gifts or small bequests in money that was credited to postal books. Particular attention was also given to physical activity with gymnastics practiced daily in the courtyard or in the adjacent gym, including assistance from the doctor of the nearby cotton mill.
In March 1906, evening courses for workers were also activated and, given the concrete results achieved in the didactic field, the school was declared a non-profit organization by Royal Decree. In 1910 the school building was enlarged with the raising of a further floor to house two more classrooms and services. The following year, a report by the Royal School Inspectorate judged the Leumann Village school as a model of education and manners responding in all respects to the real needs of a working class. Subsequently, the school hosted only the elementary classes and the kindergarten was moved to another location.

Despite the cotton mill, after facing a serious crisis in the textile sector during the seventies, found itself ceasing its activity, the village is currently still inhabited by some former employees of the Leumann Cotton Mill-they're about a hundred families. A recent restoration has renewed the most characteristic Art Nouveau structures of the village to their original glory, such as some buildings of the former factory, the former elementary school and La Stazionetta.



In the hope you've enjoyed the topic we dealt with today, 
I'm thanking you sincerely

See you soon 








IMMAGINE 1- Il Villaggio Leumann in una cartolina d'epoca


«Si può dire che sia stato il precursore e l'ideatore di una politica sociale molto moderna, quando la collaborazione di classe era un mito. Aveva un solo culto nella sua vita: quello del lavoro legato alla carità. E del saggio scopo di migliorare il tenore di vita dei suoi dipendenti fece lo scopo essenziale della sua laboriosa esistenza. Due erano gli ideali a cui indirizzava in modo particolare il suo lavoro: il benessere fisico e morale dei suoi dipendenti e l'educazione e la formazione dei loro figli. "

(dal necrologio coniato in occasione della morte di Napoleone Leumann
l'11 luglio 1930)



La storia che vi racconterò oggi inizia nel 1831, quando Isaac Leumann (1807-1877) si trasferì da Kümmertshausen in Turgovia a Voghera, in Piemonte, dove per alcuni anni lavorò come semplice operaio nella fabbrica tessile " Fratelli Tettamanzi" addetta alla lavorazione del lino.
Il suo primo figlio sarebbe nato pochi mesi dopo che egli decise di rilevare l'azienda in cui lavorava; il suo era sarà un nome importantissimo: si chiamerà Napoleone.
Nella fabbrica lavoravano allora 105 operai e si sarebbero aperti numerosi rapporti con il mondo economico locale e con l'industria tessile italiana.
Nel giro di vent'anni la "Leumann e figlio" crebbe fino ad occupare 500 dipendenti.
L'azienda partecipò con successo alla fiera italiana di Firenze che si tenne durante quegli anni, dove la sua produzione fu apprezzata dai grandi nomi del settore operanti all'epoca. La svolta per il destino imprenditoriale della famiglia arrivò quando Napoleone sposò Amalia Cerutti, figlia del direttore e poi presidente della più grande banca di Voghera, la Cassa di Risparmio, un matrimonio che assicurò crediti considerevoli ed estremamente agevolati.
Con i capitali necessari a disposizione, Isacco e Napoleone decisero di lasciare Voghera, all'epoca centro prevalentemente agricolo, e nel 1875 si trasferirono a Torino, città che concedeva favori commerciali ed edilizi agli imprenditori per agevolare l'industrializzazione e rilanciare le loro fortune economiche, intaccate dal trasferimento della capitale d'Italia a Firenze. Venne scelto un appezzamento di terreno nel territorio di Collegno, lungo il confine con Grugliasco, in una posizione che permetteva di spedire agevolmente i prodotti a Genova, da dove era possibile inviarli sia in Oriente (soprattutto in India) che in America.
E la lavorazione tessile passò da quella del lino a quella del cotone.
Nello stesso anno iniziò la costruzione del cotonificio con alcune strutture annesse (ambulatorio medico, lavatoio, mensa, asilo nido) ed entrò a regime nei primi mesi del 1877 con un buon fatturato e sicure prospettive di crescita.


IMMAGINE 2 - Donne lavoratrici nel Cotonificio Leumann


I processi di tessitura, tintura e finissaggio venivano tutti eseguiti nel cotonificio Leumann che rimase attivo a pieno regime per quasi un secolo.
Con la morte di Isaac, nel 1887, Napoleone, che ereditò dal padre la mentalità aperta, la propensione al progressismo e la sensibilità per le questioni sociali, diede vita al suo progetto più famoso, per il quale è ancora oggi ricordato più che per la sua fertile attività imprenditoriale. Per soddisfare i bisogni dei suoi lavoratori, dare loro una casa dignitosa e tutti i servizi e le comodità di cui potevano necessitare, egli si fece promotore di un progetto per la costruzione di un villaggio operaio da edificare ai lati della fabbrica.


IMMAGINE 3 - Il Villaggio Leumann con, al centro, il cotonificio


Il complesso, edificato tra il 1875 e il 1912, ispirato alla tradizione edilizia del nord Italia dell'epoca e  contaminato soprattutto nei tagli volumetrici dei tetti da stilemi di origine svizzera-date le origini d'oltralpe di Napoleone-si compone di due nuclei abitativi siti ai lati del cotonificio: esso si estende per circa 60.000 mq e ospitava in origine circa un migliaio di persone tra operai, impiegati e le loro famiglie. Comprende ancora 59 villini e casette suddivise in 120 alloggi, ciascuno dotato fin dall'inizio di annessi servizi igienici e giardino condominiale al piano terra.


IMMAGINI 4-5-6-7- Le villette del Villaggio Leumann: i dettagli architettonici più significativi e gli interni


Intorno alle case si costruirono progressivamente anche gli edifici necessari per una piccola comunità, ovvero: la scuola elementare, una palestra, i bagni pubblici, una cooperativa alimentare, una piccola stazione ferroviaria, un albergo, il Convitto per Giovani Lavoratrici e una chiesa.
Vale la pena di dire che, pur essendo di religione calvinista, Napoleone Leumann volle dotare il suo villaggio di una chiesa e nel 1907 ne commissionò il progetto all'ingegner Pietro Fenoglio.
È dedicata a Santa Elisabetta ed è una delle pochissime chiese al mondo, forse l'unica, costruita in stile liberty, pur mostrando alcuni stilemi eclettici.


IMMAGINE 8 - La chiesa con la piazzetta prospiciente in una fotografia d'epoca


Inoltre, all'interno dello stabilimento, c'era una mensa ma anche un ambulatorio, un asilo nido, un ufficio postale e una società sportiva.
Nel 1903 Napoleone decise di far costruire una piccola stazione, denominata 'La Stazionetta', posta davanti all'ingresso del cotonificio per consentire ai lavoratori pendolari di raggiungere più facilmente il luogo di lavoro. Si trattava di un piccolo edificio in legno circondato su tre lati da un porticato i cui interni erano originariamente costituiti da un unico ambiente adibito a biglietteria e sala d'attesa.


IMMAGINE 9 - La Stazionetta


Napoleone Leumann era fermamente convinto che una corretta educazione fosse uno degli elementi fondanti per avere in futuro buoni lavoratori e così, sempre nel 1903, il Villaggio Leumann ebbe la sua scuola. Situato nel quartiere occidentale del paese, l'edificio comprendeva al primo piano sei classi elementari, mentre al piano terra si trovava l'Asilo Wera, dedicato alla memoria della figlia morta in tenera età.
La scuola era frequentata dai figli degli operai e dei dipendenti del cotonificio ma anche da alcuni residenti di Collegno, essendo l'unica scuola vicina allora esistente nel comune. La scuola provvedeva a procurare libri di testo gratuiti, comprendeva una biblioteca ben fornita e poteva utilizzare le attrezzature ed i metodi didattici più avanzati dell'epoca. Inoltre, per stimolare l'impegno degli scolari, Leumann organizzava periodicamente competizioni che comportavano doni o piccoli lasciti in denaro che venivano accreditati su libretti postali. Particolare attenzione veniva dedicata anche all'attività fisica con ginnastica praticata quotidianamente nel cortile o nell'adiacente palestra, ed era compresa l'assistenza del medico del vicino cotonificio.
Nel marzo del 1906 furono attivati ​​anche i corsi serali per operai e, visti i concreti risultati raggiunti in ambito didattico, la scuola fu dichiarata Onlus con Regio Decreto. Nel 1910 l'edificio scolastico fu ampliato con l'innalzamento di un ulteriore piano per ospitare altre due aule e servizi. L'anno successivo, un rapporto del Regio Ispettorato dell'Istruzione giudicò la scuola del Villaggio Leumann un modello di educazione e di buone maniere rispondente, a tutti gli effetti, ai reali bisogni di una classe operaia. Successivamente la scuola ospiterà solo le classi elementari e l'asilo verrà spostato in altra sede.

Nonostante il cotonificio, dopo aver affrontato una grave crisi del settore tessile negli anni settanta, si sia trovato a cessare la propria attività, il villaggio è attualmente ancora abitato da alcuni ex dipendenti del Cotonificio Leumann-si tratta di un centinaio di famiglie. Un recente restauro ha riportato all'antico splendore le strutture liberty più caratteristiche del villaggio, come alcuni edifici dell'ex fabbrica, l'ex scuola elementare e La Stazionetta.


IMMAGINE 10 - Napoleone Leumann


Nella speranza che l'argomento di cui ~ My little old world ~ ha trattato oggi
Vi sia stato gradito,
Vi ringraziando sentitamente

A presto ❤







giovedì 17 febbraio 2022

Queen Elizabeth I. ~ The Virgin Queen and Her murderous youth mask



© My Little Old World ~

 Portrait of Queen Elizabeth I of England (the Armada Portrait), unknown artist, c. 1588, oil on panel, 
38 1/2 in. x 28 1/2 in (97.8 mm x 72.4 cm), National Portrait Gallery, London. 
(Photo by VCG Wilson/Corbis via Getty Images)



Have you ever wondered why Queen Elizabeth I had adopted such a heavy, immaculate makeup, with lips so red that they made her features hard and severe enough to almost look like a doll, judged excessive even by those who lived at her time, next to her?
Hers was not a simple makeup... it almost looked like 'plaster made of lime' that hardened on the face with the passing of the hours with the consequence of making it almost inexpressive ... and it was a shame because according to the canons of beauty in force at the time when she lived in, she had a pleasant appearance. 
One might think that hers was a sort of beauty mask designed to satisfy her desire to keep her skin young by preserving it, with that layer of 'white lead', from all types of atmospheric agents that would have caused it to age, from cold, to the wind, to the sun.
I also came to think that in this way she wanted to distinguish herself from all the other ladies of the Court who also had their faces whitened by powder, but they were less 'ghostly' than he... Maybe this was how she wanted to emphasize her purity, her candor that made her deserve the pseudonym of 'virgin queen'?
In reality, the reasons indicated by the historians were quite different.

Elizabeth I was 29 years old in 1562, exactly 460 years ago, when she was struck by what it was first believed to be a violent fever.
She was ordered by doctors to stay in bed in Hampton Court Palace, but it soon became clear that her illness was more than just a fever: everyone thought that she had contracted smallpox.
This was then a much feared, highly widespread, contagious and deadly viral disease of which thousands of people perished every year.
What began as a trivial disease continued with a rash that then developed into small blisters or pustules that would crack before drying and forming a scab that would leave indelible marks.
During the early stages of smallpox, the queen refused to believe she had been infected with such a terrible disease.
The author Anna Whitelock in The Queen's Bed: An Intimate Story of Elizabeth's Court (2014) writes that Dr. Burcot, a well-known German doctor, was called to her bedside, and that he confirmed that the Queen had been infected with the much feared and terrible illness.
However, as Elizabeth's health deteriorated further, Dr. Burcot was asked for a second consultation following which he confirmed his previous diagnosis.

« It's smallpox » he said to the queen, and Elizabeth groaned and replied:
« The pestilence of God! What is better? To have smallpox on your hands, face or heart that kills your whole body?» 

Eventually, the queen became ill to the point to be able to barely speak and after seven days of agony she ended up fearful that she was going to die.
Her ministers then set to work hastily discussing a succession plan and, as the queen had no children, there was great concern as to who would sit on the throne if she would have died suddenly.
The risk that Elizabeth was going to loose her battle against smallpox was very high - about 30 percent of those who contracted the disease died, those who managed to escape the disease wore frightening scars from skin lesions for the rest of their lives.
Elizabeth's most likely heir was Mary, Queen of Scots,


Portrait of Mary Stuart, Queen of Scotland by Anonimus


but because Mary was a Catholic, many British Protestants were concerned about the repercussions of having a Catholic on the throne.
But the question of succession was put aside, as Elizabeth recovered and, although her face was scarred, she was not terribly disfigured.
Different was the fate of her faithful companion, Mary Sidney, who spent hours and hours beside her sick bed, making sure she had plenty of water and tea and was a constant comfort for her: it was not a surprise to find that even she had contracted the dreaded smallpox, the tragedy was that she was severely disfigured throughout her life.
When Elizabeth finally got up from her bed, completely recovered from the disease that almost took her life, she had to think about restoring her beauty to her.
She had always been celebrated for her charm, her elaborate clothes and her flawless white skin, but, after nearly dying from smallpox, the queen carried the memory of her illness throughout her life: she was shocked when she realized that her skin would forever bear the scars of the terrible disease that had struck her.
Probably, for a woman who believed that much of her power was due to her own beauty, it was truly terrible to find herself so changed in her appearance.
She then had to think about covering up the blemishes she now had on her face by using heavy white makeup.
It is known by the name of CERUSE VENEZIANA or BLANC DE CERUSE DE VENISE or even as SPIRITS OF SATURN the mash based on vinegar and white lead with which she used to make her face perfect again, but it was a mixture qualifiable as a potential killer.

Lisa Eldridge writes in her book Face Paint - The story of Makeup (2015) that archaeologists have found traces of white lead in the graves of aristocratic women who already lived in ancient Greek times. It is also believed that the ceruse was used in China during the ancient Shang dynasty (1600-1046 BC).
At the time of Queen Elizabeth I, a woman's totally white face symbolized her youth and fertility and also spoke of her social status, since if a woman had a white face, it was synonymous that she had never had to work outdoors.
Most of women smeared the Venetian ceruse on their face, neck and décolleté. Clearly, the main problem with this 'maquillage' was due to lead and, if used for an extended period of time, it caused illness and / or death.
To make it even worse, white makeup was left on the skin for a long time without being removed: women would leave it on their face for at least a week before cleaning. Those who maintained health and life soon found themselves with gray, wrinkled skin once they  removed it.
But the ingredients of the commonly used facial cleanser also had potential lethality: they were used rose water, mercury, honey, and even eggshells. Sure this mixture left the skin soft and smooth, but the mercury had the power to gradually corrode the skin.
To complete her look, the Queen also used bright red pigments on her lips which contained additional heavy metals. It was also fashionable to coat the eyes with black kohl and to use special eye drops based on "belladonna" which dilated the pupils and irritated the eyes making the glance more... languid!
The eyebrows were shaved until they became thin and arched, creating the look of a high forehead that supposedly made women look not only smart but belonging to the upper class. Eventually plants and animal dyes were used for lipsticks.
Elizabeth was very aware of the importance of her appearance in public and, with the clear intention to appear 'regal', she even decided of insisting on having control of her official portraits.
Queen Elizabeth I died at the age of 69, on March 24th, 1603, it was said for an incurable disease. Today, knowing that she lost most of her hair, that she was very fatigued in the last days of her life, that she suffered from memory loss and digestive problems, all symptoms of lead poisoning, the reason for her death is put forward in discussion.
Surely, as she gets older, she will have applied more and more layers of makeup on her face.
And in the light of recent studies, the certainty that the endless attempt to disguise herself in her deadly 'mask of youth' was responsible for her death takes shape today more and more.


Elizabeth I, The Rainbow Portrait (1600) attributed to Marcus Gheeraerts the Younger (1561-1636), collection of the Marquis of Salisbury on display at Hatfield House, Hatfield, Hertfordshire



With utmost gratitude for all the sincere affection and interest you never fail to show me 
both with your visits and your beautiful words of appreciation, 
I' m sending my dearest love to you

See you soon 





SOURCES:  

Eldridge Lisa,  Face Paint - The story of Makeup (2015)

Whitelock Anna, The Queen's Bed: An Intimate Story of Elizabeth's Court (2014)






La regina Elisabetta I ~ La regina vergine e la sua micidiale maschera della giovinezza



- IMMAGINE 1 - 

© My Little Old World ~

Portrait of Queen Elizabeth I of England (the Armada Portrait), unknown artist, c. 1588, oil on panel, 
38 1/2 in. x 28 1/2 in (97.8 mm x 72.4 cm), National Portrait Gallery, London. 
(Photo by VCG Wilson/Corbis via Getty Images)



Vi siete mai chiesti perché la regina Elisabetta I avesse adottato un 'maquillage' così pesante, immacolato, con labbra così rosse che le rendevano i tratti duri e severi tanto da sembrare quasi una bambola, giudicato eccessivo anche da chi le visse, a suo tempo, accanto?
Il suo non era un semplice trucco... sembrava quasi 'intonaco fatto di calce' che induriva sul volto con il trascorrere delle ore tanto da renderla quasi inespressiva... ed era un peccato perché secondo i canoni della bellezza in vige nell'epoca in cui visse aveva un aspetto gradevole.
Si potrebbe pensare che la sua fosse una sorta di maschera di bellezza studiata per assecondare il suo desiderio di mantenere la pelle giovane preservandola, con quello spesso strato di 'biacca', da ogni tipo di agenti atmosferici che ne avrebbero procurato l'invecchiamento, dal freddo, al vento, al sole.
Sono anche giunta a pensare che così volesse distinguersi da tutte le altre dame di Corte le quali anche avevano il volto imbiancato dalla cipria, ma erano meno 'fantasmatiche' di lei... forse così voleva sottolineare la sua purezza, il suo candore che le fece meritare lo pseudonimo di 'regina vergine'?

In realtà i motivi indicati dagli storici furono ben altri.

Elisabetta I aveva 29 anni nel 1562, esattamente 460 anni fa, quando fu colpita da quella che si credette essere dapprincipio una febbre violenta.
Le fu ordinato dai medici di rimanere a letto nel suo palazzo di Hampton Court, ma fu presto chiaro che la sua malattia era più che una semplice febbre: si temeva che avesse contratto il vaiolo.
Era questa allora una malattia virale molto temuta, altamente diffusa e contagiosa nonché mortale di cui migliaia di persone perivano ogni anno.
Quella che era iniziata come una banale malattia proseguì con un esantema che poi si sviluppò in piccole vesciche o pustole che si sarebbero spaccate prima di asciugarsi e formare una crosta che avrebbe lasciato segni indelebili.
Durante le prime fasi del vaiolo, la regina si rifiutava di credere di essere stata contagiata da  una malattia così terribile.
L'autrice Anna Whitelock in The Queen's Bed: An Intimate Story of Elizabeth's Court (2014) scrive che fu chiamato al suo capezzale un noto medico tedesco, il dottor Burcot, il quale confermò che la regina era stata contagiata dalla tanto temuta e terribile malattia.
Tuttavia, poiché la salute di Elisabetta peggiorò ulteriormente, al dottor Burcot fu chiesto un secondo consulto a seguito del quale egli confermò la sua diagnosi.

« È vaiolo » disse alla regina, ed Elisabetta gemendo replicò:
« La pestilenza di Dio! Cosa è migliore? Avere il vaiolo sulle mani, sul viso o nel cuore che ti uccide tutto il corpo

Alla fine, la regina si ammalò al punto da riuscire a malapena a parlare e dopo sette giorni di agonia si finì per temere che stesse per morire.
I suoi ministri si misero quindi al lavoro per discutere frettolosamente un piano di successione e, visto che la regina non aveva figli, c'era grande preoccupazione per chi sarebbe seduto sul trono se Ella fosse morta improvvisamente. 
Il rischio che Elisabetta perdesse la sua battaglia contro il vaiolo era molto alto - circa il 30 per cento di coloro che contraevano la malattia morivano, chi riusciva a sfuggire alla malattia portava spaventose cicatrici procurate dalle lesioni cutanee per il resto della sua vita.
Il più probabile erede di Elisabetta era Maria, regina di Scozia, 


 - IMMAGINE 2 - 

Portrait of Mary Stuart, Queen of Scotland by Anonimus


ma poiché Maria era di fede cattolica, molti protestanti britannici erano preoccupati per le ripercussioni che avrebbe potuto procurare l'avere un cattolico sul trono. 
Ma la questione della successione fu messa da parte, poiché Elisabetta si riprese e, sebbene il suo viso fosse rimasto sfregiato, non era terribilmente sfigurata.
Diverso fu il destino della sua fedele dama di compagnia, Mary Sidney, che trascorse ore ed ore accanto al letto della sua regina malata, assicurandosi che avesse acqua e tè in abbondanza e rappresentando per lei un conforto costante: non fu una sorpresa scoprire che anch'ella avesse contratto il temuto vaiolo, il dramma fu che ella rimase gravemente deturpata per tutta la vita.
Quando alla fine Elisabetta si alzò dal suo letto, del tutto ripresasi dalla malattia che per poco non le tolse la vita, dovette pensare a ripristinare la sua bellezza.
Ella era da sempre celebrata per il suo fascino, i suoi abiti elaborati e la sua pelle impeccabilmente bianca, ma, dopo aver sfiorato la morte a causa del vaiolo, la regina portò per tutta la vita il ricordo della sua malattia: rimase sconvolta quando si rese conto che la sua pelle avrebbe per sempre portato le cicatrici del terribile morbo che l'aveva colpita.
Probabilmente, per una donna che credeva che gran parte del suo potere fosse dovuto alla propria bellezza, fu davvero terribile scoprirsi così mutata nell'aspetto. 
Dovette quindi pensare a coprire le imperfezioni che aveva ora sul viso utilizzando un trucco bianco pesante.
E' conosciuta con il nome di CERUSE VENEZIANA o BLANC DE CERUSE DE VENISE o ancora come SPIRITS OF SATURN la poltiglia a base di aceto e piombo bianco con cui si imbellettava a faceva tornare il suo volto nuovamente perfetto, ma si trattava di un intruglio qualificabile come un potenziale assassino.

L'autrice Lisa Eldridge scrive nel suo libro Face Paint - The story of Makeup (2015) che gli archeologi hanno trovato tracce di piombo bianco nelle tombe di donne aristocratiche che vivevano già ai tempi dell'antica Grecia. Si ritiene inoltre che il ceruse fosse usato in Cina durante l'antica dinastia Shang (1600-1046 a.C.)
Al tempo della regina Elisabetta I, il viso totalmente bianco di una donna ne simboleggiava la giovinezza e la fertilità ed inoltre parlava del suo status sociale, poiché se una donna aveva il volto bianco, era sinonimo del fatto che non aveva mai dovuto lavorare all'aperto.
La maggior parte delle donne si spalmava la ceruse veneziana su viso, collo e décolleté. Chiaramente, il problema principale che questo trucco comportava era dovuto al piombo e, se usato per un periodo di tempo prolungato, causava malattie e / o morte.
A rendere il tutto ancor peggiore, il trucco bianco veniva lasciato sulla pelle per molto tempo senza essere tolto: le donne lo lasciavano sul proprio viso per almeno una settimana prima di pulirsi. Chi conservava la salute e la vita si ritrovava presto con pelle grigia e rugosa una volta che lo aveva rimosso.
Ma anche gli ingredienti del detergente comunemente usato per il viso avevano una potenziale letalità: venivano usati acqua di rose, mercurio, miele e persino gusci d'uovo. Sicuramente questa miscela lasciava la pelle morbida e liscia, ma il mercurio aveva il potere di corrodere a poco a poco la pelle.
Per completare il proprio aspetto la regina utilizzava anche pigmenti rosso vivo sulle labbra che contenevano metalli pesanti aggiuntivi. Era anche di moda rivestire gli occhi con il kohl nero e usare speciali colliri a base di "belladonna" che dilatavano le pupille ed irritavano gli occhi rendendo lo sguardo più... languido!
Le sopracciglia venivano rasate fino a che diventavano sottili e arcuate, creando l'aspetto di una fronte alta che presumibilmente faceva sembrare le donne non solo intelligenti ma della classe superiore. Infine piante e coloranti animali venivano usati per il rossetto.
Elisabetta era molto consapevole dell'importanza del proprio aspetto in pubblico e fece il possibile per apparire 'regale' insistendo per avere il controllo dei suoi ritratti ufficiali.
Elisabetta si spense all'età di 69 anni, il 24 marzo 1603, si diceva per un male inguaribile. Oggi, sapendo che giunse a perdere la maggior parte dei capelli, che era molto affaticata negli ultimi tempi della sua vita, che soffriva di perdita di memoria e problemi digestivi, tutti sintomi questi di avvelenamento da piombo, il motivo della sua morte viene messo in discussione.
Sicuramente, invecchiando, avrà applicati sempre più strati di trucco sul viso. 
E alla luce di recenti studi prende sempre più corpo la certezza che sia stato responsabile del suo decesso l'infinito tentativo di travestirsi con la micidiale 'maschera della giovinezza'.


- IMMAGINE 3 - 

Elizabeth I, The Rainbow Portrait (1600) attributed to Marcus Gheeraerts the Younger (1561-1636), collection of the Marquis of Salisbury on display at Hatfield House, Hatfield, Hertfordshire



Con la massima gratitudine per l'affetto sincero e l'interesse che non mancate mai di mostrarmi,
sia con le Vostre visite che con le Vostre belle parole di apprezzamento,
Vi invio tanto bene da qui

A presto ❤









FONTI BIBLIOGRAFICHE:  

Eldridge Lisa,  Face Paint - The story of Makeup (2015)

Whitelock Anna, The Queen's Bed: An Intimate Story of Elizabeth's Court (2014)





LINKING WITH: