domenica 24 dicembre 2017

December 24th, 1888: the last Christmas Empress Elisabeth of Austria spent surrounded by her family.

Dad spoke so laconically tonight that I could almost have grieved, I did not know he just pretended he did not care so much. Mom was sad. Rudolph now watched her, now me and was very friendly. The little Elisabeth [N.d.A. Erzsi, daughter of Rudolph and Stefanie] had a lot of fun with her gifts and played with her things ...

From the Diary of Marie Valerie of Hapsburg, December 24th, 1888

Born on December 24th (1837), the Christmas Eve, in Munich, in the august ducal palace of the family that overlooked (and still faces) on the Ludwigstraße, owned by her father and thus called Herzog Max Palais, Elisabeth Amalie Eugenie, born Archiduchess in Bavaria, saw in the feast of the Nativity, so much felt among the Germanic people that hold all the oldest and meaningful traditions, something transcendent, and was in fact considered a harbinger of fortune to be born the same night in which the Savior was born, just as it was to born with a small, first, tiny little tooth in the mouth and above all to born on Sunday, which meant having the privilege of living throughout life halfway between the world of the living people and the one of souls.

You can imagine the joy that brought, amongst the cold walls of the building, which often echoed the silvery shouts of children, to celebrate a double feast in 'the bosom' of a family so numerous and so often governed by happiness.

Joseph Karl Stieler, The Children of Max Joseph in Bayern

And the festivities continued every year even after the girl became empress, wife of Emperor Franz Joseph I of Hapsburg, and mother, of Sophie (Laxenburg, 5 March 1855 - Budapest, 29 May 1857), Giselle (Laxenburg, 12 July 1856 - Munich, July 27, 1932), Rudolph, Crown Prince (Vienna, 21 August 1858 - Mayerling, 30 January 1889), and finally Marie Valerie (Budapest, 22 April 1868 - Wallsee-Sindelburg, 6 September 1924).
Every year even the Hapsburgs, as the Wittelsbach did before, gathered themselves around their richly decorated Christmas tree to celebrate this double 'birth', even if they couldn't indulge in emotional moments, at least as they wanted and as could happen to other bourgeois or aristocratic families, as the court protocol always required the presence of a large servitude.

But a special meaning had that Christmas Eve of 1888 ... for each of them ...

On the evening of that Eve, as always Giselle was absent since she got married with Prince Leopold of Bavaria in 1873 (she had left her family of origin to get married at the young age of seventeen and did not feel strongly the bond with it); Marie Valerie was about to announce her engagement with Archduke Franz Salvator of Austria -Tuscany, for which she was at the height of joy, while in Rudolph it was stirring, making alive more than ever, the inner conflict that will trigger the tragedy of Mayerling, which will happen only a little more than a month later: he had always suffered from the lack of love of his mother, so similar to him, so loved by him, by the arms of which he had been prematurely torn, since, as a future emperor, it must have been reserved for him a particular, unique education that had nothing to do with affection and that would have to strengthen him and make him a man already at an early age ... in reality the methods 'suited to barracks' adopted by him whom the Archduchess Sophie had chosen as his educator, Count Leopold Gondrecourt, former superior general of the Austrian army, who knew nothing about children, will make his physical health more frail, the psychological one weak and vulnerable  ... yes, the Archduchess Sophie was the one who took care of the education of her grandchildren, tearing them from the empress's breast, considered too young and in any case of little experience ... especially to follow the training of a future emperor!

She boasted of having made of her Franzi a perfect emperor, but the temperament of Franz Joseph and that of Rudolph were completely different, already in origin ... and maybe Franz Joseph had really become a perfect emperor, indeed, to use a term forced, but that makes the idea - please give it to me - too perfect to be able to find the time to devote himself to affections ... he had become a perfect emperor, who, as never before, gave so much to his subjects, but what he had earned as a dedication to the sense of duty, he had lost in sensitivity to his family.

An elderly Archduchess Sophie portrayed in 1866 by Ludwig Angerer

But let's come back to that fateful Eve, for which Rudolph had prepared for his mother a very special surprise: thanks to a friend he had managed to buy eleven autograph letters from the poet Heinrich Heine, whom the empress considered her teacher and guide in poetry , and could not wait to make this gift to his beloved mother, almost looking for yet another confirmation of his long-awaited love, but the empress was sad that evening, was about to permanently lose her beloved daughter, Marie Valerie, the only one whom she had the opportunity to grow following her maternal instinct for the first time, without the mediation of educators (when Marie Valerie was born, in 1868, the Archduchess Sophie was already sick and infirm, relegated to her bed, and died, watched over by her daughter-in-law, four years later, on May 28th, 1872) ... when he gave her his precious gift, she deigned it with little consideration, at least not of what he, anxious, expected, and placed it under the big tree that stood on a table in the majestic room where the table with all the presents was set ... the empress was very generous and paid no attention on expenses especially on the occasion of the festivities, but that evening was sad Elisabeth, although at the same time she felt a certain joy, because her beloved daughter conveyed her happiness to her.

After dinner with Rudolph and his wife Stefanie, who from Laxemburg, their official residence, had in the meantime transferred to spend the winter in a wing of the vast Palace of the Hofburg in Vienna, seat of the imperial power, the couple retired to their rooms and Maria Valeria remained alone with her parents, realizing she had given the news of her future engagement to her sister-in-law, without having yet told her brother ... it was necessary to go and call him.

And given Rudolph showed himself to be very cordial towards his brother-in-law, his mother embraced him, and said, "I love you so much." Rudolph was so moved by that comment of his beautiful, beloved mother who barely managed to stifle his sobs. He only asked: "No, really? It was a long time since it was not like that". Rodolfo probably did not feel disappointed that his mother did not give importance to his present. Instead it made him deeply happy that she finally expressed her feelings. But even these beloved emotions for him came too late. He was struggling to see a way out of his situation. 1

Then, like every evening, Marie Valerie remained alone with her mother:

Then Mother and I said the evening prayer as usual and shortly after 7 and 1/2 I hugged her crying, and as a conclusion of my peaceful life as a free girl, I begged her to forgive me for all my shortcomings to her, if there were any. In her immense goodness, she said that she would have preferred there were more to forgive, because it would be easier for her to give me away ... 2

That was the last Christmas that the imperial family spent together in the Hofburg, celebrating it ... Elizabeth did not know it, but before losing her daughter she will lose, forever, Rudolph, who will die in causes that are still not completely clear, and perhaps will be forever shrouded in mystery, in his hunting lodge in Mayerling, on the following January 30th ... it was the last time that mother and son had the opportunity to meet themselves, the next time Elizabeth will cry him already lifeless

The emperor and empress at the deathbed of Rudolph; Mayerling, scene of the drama with Crown Prince Rudolph of Austria by Theodore Georges Jansoone Breitwieser

and since then never wanted anyone to wish her "Happy Birthday", "Happy Holidays" and "Happy New Year", she no longer wanted to see Christmas decorations around her, lights and decorations and since then she will wear mourning for the rest of her days ; and feeling less and less the warmth of the festivities, with the flowing of time she will seldom more and more in Vienna, especially during the Christmas season, giving rise, the death of Rudolph, to a continuous, aimless, incessant, anguished wandering (often for Christmas  Elizabeth will be in the company of her sister Marie Sophie in Paris), a never ending wandering all the Europe long, that will eventually lead her to meet her death on September 10th, just 10 years after that Christmas marked by fate.

And now let's leave aside the voice of History and let's think of the Good Wishes, 
those for our Christmas ... may it be for you all prodigal of Joy and Serenity 
and that the New Year may realize all your wishes, 
I wish it to you from the bottom of my heart!


Maria Valeria d'Asburgo, La prediletta - Il diario della figlia di Sissi, a cura di Martha e Horst Schad, traduzione di Flavia Floradini, MGS PRESS, 2001;

Conte Egon Cesar Corti, L'imperatrice Elisabetta, Mondadori, Milano, 1937;

Sigrid Maria Größing, Rodolfo d'Asburgo. Libero pensatore, rubacuori, psicopatico, MGS PRESS, Trieste, 2006;

Brigitte Hamann, Elisabeth. Kaiserin wieder Willen, Amalthea Verlag, Wien, München, 1982;

Brigitte Hamann, (a cura di), ELISABETH Bilder einer Kaiserin, Amalthea Verlag, 1998;

Gabriele Praschl – Bichler, L'Imperatrice Elisabetta, Longanesi & C., Milano, 1997;

Gabriele Praschl-Bichler, Josef Cachée, "...von dem müden Haupte nehm' die Krone ich herab": Kaiserin Elisabeth Privat, Amalthea Signum Verlag, Wien, 1981;

John T.Salvendy, Ribelle Reale. Ritratto psicologico di Rodolfo d'Asburgo, Mursia, Milano, 1995.


1 - Sigrid Maria Größing, Rodolfo d'Asburgo. Libero pensatore, rubacuori, psicopatico, MGS PRESS, Trieste, 2006, pag. 226;

2 - Maria Valeria d'Asburgo, La prediletta - Il diario della figlia di Sissi, a cura di Martha e Horst Schad, traduzione di Flavia Floradini, MGS PRESS, 2001, pag. 144.

24 dicembre 1888, l'ultima Vigilia di Natale che l'Imperatrice Elisabetta d'Austria trascorse circondata dalla sua famiglia.

Papà ha parlato in modo così laconico di stasera, che avrei quasi potuto affliggermi, non sapevo che fa solo finta che non gli importi moltissimo. La mamma era triste. Rodolfo osservava ora lei, ora me ed era molto cordiale. La piccola Elisabetta [ N.d.A. Erzsi, figlia di Rodolfo e Stefania] si divertiva molto con i regali e giocava con le sue cose ... 

Dal Diario di Maria Valeria d'Asburgo, 24 dicembre 1888

- immagine 1 - Una stampa del tempo di autore sconosciuto

Nata il 24 di dicembre (del 1837), la vigilia del Natale, a Monaco di Baviera, nell'augusto palazzo ducale della famiglia che si affacciava (e si affaccia tutt'ora) sulla Ludwigstraße, di proprietà del padre e chiamato appunto Herzog Max Palais, Elisabetta Amalia Eugenia, nata Arciduchessa in Baviera, vedeva nella festa della Natività, così tanto sentita presso il popolo germanico che ne vanta tutte le più antiche tradizioni, un qualcosa di trascendente, ed era in effetti ritenuto presagio di fortuna nascere la stessa notte in cui è nato il Salvatore, così come lo era il nascere con in bocca già un piccolo, primo, minuscolo dentino e soprattutto nascere di domenica, che significava avere il privilegio di vivere per tutta la vita a metà tra il mondo dei vivi e quello delle anime.

Potete immaginare la gioia che recava tra le fredde mura del palazzo, che spesso riecheggiavano grida argentine di fanciulli, il festeggiare una doppia festa in seno ad una famiglia così numerosa e così spesso governata dall'allegria.

- immagine 2 - Joseph Karl Stieler, The Children of Max Joseph in Bayern

Ed i festeggiamenti continuarono ogni anno anche dopo che la fanciulla divenne imperatrice, moglie dell'Imperatore Francesco Giuseppe I d'Asburgo, e madre, di Sofia (Laxenburg, 5 marzo 1855 – Budapest, 29 maggio 1857), Gisella (Laxenburg, 12 luglio 1856 – Monaco di Baviera, 27 luglio 1932), Rodolfo, Principe Ereditario (Vienna, 21 agosto 1858 – Mayerling, 30 gennaio 1889), ed infine di Maria Valeria (Budapest, 22 aprile 1868 – Wallsee-Sindelburg, 6 settembre 1924).
Ogni anno anche gli Asburgo, così come facevano prima i Wittelsbach, si riunivano attorno al loro albero di Natale, riccamente decorato, per festeggiare questa doppia 'nascita', anche se non potevano lasciarsi andare all'entusiasmo degli slanci affettivi, come poteva accadere ad altre famiglie borghesi o aristocratiche, in quanto il protocollo di corte imponeva sempre la presenza di una nutrita servitù. 

Ma un significato particolare ebbe la vigilia di Natale del 1888 ... per ciascuno dei presenti ...

La sera di quella Vigilia come sempre, da che si era maritata con il Principe Leopoldo di Baviera nel 1873, Gisella era assente (ella aveva lasciato la famiglia di origine per sposarsi alla giovane età di diciassette anni e non avvertiva forte il legame con essa); Maria Valeria stava per annunciare il suo fidanzamento con l'Arciduca Francesco Salvatore d'Asburgo -Toscana, per cui era all'apice della gioia, mentre in Rodolfo si stava agitando, facendosi vivo più che mai, il conflitto interiore che scatenerà la tragedia di Mayerling, che accadrà solo poco più di un mese dopo: egli, da sempre, aveva sofferto della carenza dell'amore della madre, a lui così tanto simile, da lui così tanto amata, dalle braccia della quale era stato precocemente strappato, poiché, in qualità di futuro imperatore, doveva essergli riservata un'educazione particolare, unica, che nulla avesse a che fare con l'affetto e che lo avrebbe dovuto irrobustire e fare di lui un uomo già in tenera età ... in realtà i metodi da caserma adottati da colui che l'Arciduchessa Sofia aveva scelto come suo educatore, il Conte Leopold Gondrecourt, ex maggiore generale dell'esercito austriaco, che nulla conoscenza annoverava dell'infanzia, renderanno la sua salute fisica più gracile, quella psicologica labile e vulnerabile ... sì, l'Arciduchessa Sofia era colei che si occupava dell'educazione dei nipoti, strappandoli al seno dell'imperatrice, ritenuta troppo giovane e comunque di scarsa esperienza ... soprattutto per seguire la formazione di un futuro regnante !

Lei si vantava di aver fatto del suo Franzi un perfetto imperatore, ma il temperamento di Francesco Giuseppe e quello di Rodolfo erano completamente diversi, già in origine ... e forse Francesco Giuseppe era davvero divenuto un perfetto imperatore, anzi, per usare un termine forzato, ma che rende l'idea - vi prego concedetemelo - troppo perfetto da poter trovare il tempo da dedicare agli affetti... era divenuto un perfetto imperatore, che tanto, come nessuno mai, diede ai suoi sudditi, ma ciò che aveva guadagnato in qualità di dedizione al senso del dovere lo aveva perso in sensibilità verso la sua famiglia.

- immagine 3 - Un'anziana Arciduchessa Sofia ritratta dal fotografo di corte Ludwig Angerer nel 1866

Ma torniamo a quella fatidica sera della Vigilia, per cui Rodolfo aveva preparato per la madre una sorpresa del tutto speciale: grazie ad un amico era riuscito ad acquistare undici lettere autografe del poeta Heinrich Heine, che l'imperatrice considerava suo maestro e guida nel poetare, e non vedeva l'ora di farne dono all'amata madre, quasi cercando un'ennesima, ultima, conferma del suo tanto agognato amore, ma l'imperatrice era triste quella sera, stava per perdere definitivamente la sua figlia prediletta, Maria Valeria, la sola che ebbe la possibilità di crescere seguendo per la prima volta il suo istinto materno, senza la mediazione di educatori (quando nacque la piccola, nel 1868, l'Arciduchessa Sofia era già malata ed inferma, relegata al letto, e spirerà, vegliata dalla nuora, quattro anni dopo, il 28 maggio del 1872) ... quando questi le porse il suo prezioso dono, ella lo degnò di scarsa considerazione, perlomeno non di quella che lui, ansioso, si attendeva, e lo pose sotto il grande albero che troneggiava su di un tavola della maestosa stanza in cui era allestito il tavolo con tutti i doni .... l'imperatrice era molto generosa e non badava a spese soprattutto in occasione delle feste, ma quella sera era triste Elisabetta, anche se al contempo provava una certa letizia, perché la sua adorata le trasmetteva la sua felicità.

Dopo la cena consumata con Rodolfo e la sua consorte Stefania, i quali da Laxemburg, loro residenza ufficiale, si erano nel frattempo trasferiti per trascorrere l'inverno in un'ala del vastissimo Palazzo della Hofburg in Vienna, sede del potere imperiale, la coppia arciducale si ritirò nelle proprie stanze e Maria Valeria rimase sola con i genitori, accorgendosi di aver aver dato la notizia del suo futuro fidanzamento alla cognata, senza averlo ancora detto al fratello ... bisognava andare a chiamarlo.

E siccome Rodolfo si mostrò molto cordiale anche nei confronti del futuro cognato, sua madre lo abbracciò, e disse: "Ti voglio tanto bene". 
Rodolfo era così commosso per quel commento della sua bella, amata mamma che riuscì a malapena a soffocare i singhiozzi. Chiese solo: "No, davvero? Era tanto tempo che non era più così". 
Probabilmente Rodolfo non avvertì come una delusione il fatto che la madre non avesse dato importanza al regalo. lo rese invece profondamente felice che lei finalmente gli esprimesse dei sentimenti. Ma anche queste emozioni per lui giungevano troppo tardi. 
Stentava a vedere una via d'uscita alla propria situazione. 1

Quindi come ogni sera Maria Valeria rimase sola con la madre: 

Poi la mamma ed io abbiamo detto come sempre la preghiera della sera e poco dopo le 7 e 1/2 l'ho abbracciata piangendo, e come conclusione della mia serena vita di ragazza libera, l'ho pregata di volermi perdonare tutte le mia mancanze nei miei confronti, qualora ve ne siano state. Nella sua immensa bontà lei ha detto che avrebbe preferito ci fosse di più da perdonare, perché le sarebbe più facile darmi via ... 2

Fu quello l'ultimo Natale che la famiglia imperiale trascorse insieme, nella Hofburg, festeggiandolo ... Elisabetta non lo sapeva, ma prima di perdere la figlia perderà, per sempre, Rodolfo, che morirà in cause ancora non del tutto chiare, e forse per sempre avvolte dal mistero, nel suo casino di caccia a Mayerling, il 30 di gennaio successivo ... 
fu quella l'ultima volta in cui madre e figlio ebbero l'occasione di incontrarsi, la volta successiva Elisabetta lo piangerà già privo di vita

- immagine 4 - The emperor and empress at the deathbed of Rudolph; Mayerling, scena del dramma che coinvolse il Principe Ereditario Rodolfo d'Asburgo di Theodore Georges Jansoone Breitwieser

e da allora mai più volle che nessuno le augurasse "Buon Compleanno", "Buone Feste" e "Buon Anno", non volle più vedere decorazioni natalizie intorno a sé, luci ed addobbi e da allora vestirà il lutto per il resto dei suoi giorni; ed avvertendo sempre meno il calore delle festività, con il trascorrere del tempo sarà sempre più di rado a Vienna, soprattutto durante il periodo delle feste natalizie, dando inizio la morte di Rodolfo ad un peregrinare continuo, senza meta, incessante, angoscioso (spesso per le feste di Natale Elisabetta si troverà in compagnia della sorella Maria a Parigi), un girovagare perituro per l'Europa che la condurrà infine ad incontrare la morte il 10 settembre di 10 anni dopo quel Natale segnato dal destino. 

Ed ora lasciamo da parte la voce della Storia e passiamo agli Auguri, 
quelli per il nostro Natale ... che sia per tutti prodigo di Gioia e di Serenità 
e che il Nuovo Anno possa realizzare tutti i vostri desideri, 
ve lo auguro dal profondo del cuore !


Maria Valeria d'Asburgo, La prediletta - Il diario della figlia di Sissi, a cura di Martha e Horst Schad, traduzione di Flavia Floradini, MGS PRESS, 2001;

Conte Egon Cesar Corti, L'imperatrice Elisabetta, Mondadori, Milano, 1937;

Sigrid Maria Größing, Rodolfo d'Asburgo. Libero pensatore, rubacuori, psicopatico, MGS PRESS, Trieste, 2006;

Brigitte Hamann, Elisabeth. Kaiserin wieder Willen, Amalthea Verlag, Wien, München, 1982;

Brigitte Hamann, (a cura di), ELISABETH Bilder einer Kaiserin, Amalthea Verlag, 1998;

Gabriele Praschl – Bichler, L'Imperatrice Elisabetta, Longanesi & C., Milano, 1997;

Gabriele Praschl-Bichler, Josef Cachée, "...von dem müden Haupte nehm' die Krone ich herab": Kaiserin Elisabeth Privat, Amalthea Signum Verlag, Wien, 1981; 

John T.Salvendy, Ribelle Reale. Ritratto psicologico di Rodolfo d'Asburgo, Mursia, Milano, 1995.


1 - Sigrid Maria Größing, Rodolfo d'Asburgo. Libero pensatore, rubacuori, psicopatico, MGS PRESS, Trieste, 2006, pag. 226;

2 - Maria Valeria d'Asburgo, La prediletta - Il diario della figlia di Sissi, a cura di Martha e Horst Schad, traduzione di Flavia Floradini, MGS PRESS, 2001, pag. 144.





This blog post was featured by Angelina at PETITE HAUS !
I thank you wholeheartedly sweet lady ಌ•❤•

domenica 17 dicembre 2017

For a Victorian Christmas ~ Make Your Own Victorian Mistletoe Ball.

It is precisely during the Victorian Age that spreads in England the tradition to exchange a kiss underneath the mistletoe at midnight of Christmas Eve, even if this custom draws its origins from the Celtic world and its legends (in Italy we have made this tradition our own, but we have moved it to the night separating the old year from the new one).

That of the mistletoe harvest was another typically Victorian rite: it is not easy to find here this plant that grows very willingly, however, in the woods of the English countryside as a parasite of several trees, and it was a labor of patience that was often reserved to children;

The Mistletoe Gatherer, Sir John Everett Millais (1829 - 1896)

its berries, very clear and vitreous, almost transparent, are much loved by birds but very poisonous for us ... so, if you think about it, it's really strange that a plant that has such ... negative characteristics has become a symbol of good luck, so much so that during the holidays, even when a person was welcomed at home, the  hostess held him/her her hand just under the mistletoe.

It should be remembered that the decoration made of mistletoe and to hang from a ceiling beam became traditional first amongst the lower classes, then it became customary for the servants to hang it in their hall to become finally part of the traditions of even the most wealthy families.

But let's watch our video that teaches us how to make this last, typical Victorian decoration made with the branches of this beautiful plant to hang to the ceiling or the chandelier of the room in which we celebrate Christmas, wether there isn't the table under it, although perhaps the most suitable room of the house is the entrance hall.

And after watching this last video together, ~ My little old world ~ hopes to have helped you surrounding yourself with the typical atmosphere of the most traditional Christmas ever and that the warmth of the tradition contributes to heat up your hearts on the occasion of the most beautiful Holiday of the year.

I'm waiting for you just a little before Christmas for a very last post, beloved readers and friends,

see you soon 💕


E' proprio durate il periodo vittoriano che in Inghilterra si diffonde la tradizione di scambiarsi un bacio sotto il vischio allo scoccare della mezzanotte la notte della Vigilia di Natale, anche se tale usanza trae le proprie origini dal mondo celtico e dalle sue leggende (in Italia abbiamo fatta nostro questo costume, ma l'abbiamo spostato alla notte che separa l'anno vecchio da quello nuovo).

Quello della raccolta del vischio era un altro rito tipicamente vittoriano: non è facile da trovare qui da noi questa pianta che cresce molto volentieri, invece, nei boschi delle campagne inglesi quale parassita di svariati alberi, ed era un lavoro di pazienza che spesso veniva riservato ai fanciulli; 

- Immagine 1 - The Mistletoe Gatherer, Sir John Everett Millais (1829 - 1896)

Le sue bacche, chiarissime e vitree, quasi trasparenti, sono molto amate dagli uccelli ma velenosissime per noi ... per cui, a ben pensarci, è davvero strano che una pianta che annovera caratteristiche così ... negative sia divenuta simbolo di buon augurio, tanto che durante le feste, anche quando si accoglieva in casa una persona, le si porgeva la mano proprio sotto il vischio.

Va ricordato che la decorazione fatta di vischio da appendere ad un trave del soffitto diviene tradizionale prima presso i ceti più bassi, poi presso la servitù dei benestanti per passare infine a far parte delle tradizioni anche dei più facoltosi. 

Ma veniamo al nostro video che ci insegna come realizzare questa ultima, caratteristica decorazione vittoriana fatta con i rami di questa bellissima pianta da appendere o al soffitto o al lampadario della stanza in cui si celebra il Natale, se sotto di esso non vi è posto il tavolo, anche se forse il vano più adatto è la zona d'ingresso dell'abitazione.


E dopo aver visto insieme questo ultimo video ~ My little old world ~ si augura di avervi aiutati a circondarvi dell'atmosfera tipica del Natale più tradizionale e che il calore della tradizione contribuisca a scaldare i vostri cuori in occasione della festa più bella dell'anno.

Vi aspetto poco prima del Natale per un ultimissimo post, amati lettori ed amici,

a presto 💕

mercoledì 13 dicembre 2017

For a Victorian Christmas ~ Dress Your Own Victorian Christmas Tree.

The Christmas Tree by Albert Chevallier Tayler (1862 - 1925)

In the last post of ~ My little old world ~ we watched together, in the video that accompanies us from the beginning of the month teaching us how to create our Victorian Christmas, how to make cornucopias, traditionally dating back to the Victorian culture, filled with sweets of every kind or little gifts, and I have suggested you how to dry slices of orange and how to use them with creativity in your ornaments.

Today we just have to decorate our Christmas Tree, for which also we have to thank our Victorians ... indeed, Prince Consort Albert, as first ... 

Victorian Christmas Trees, brought from the mountain and hillsides, were of all sizes, from two feet high to a majestic height that could graze the lofty ceilings in the decorated homes of the wealthy. Most families bought and carried home their tree many days before Christmas eve, when, according to the tradition, it had to be decorated.

Very large trees were difficult to hold in a firm position, but if securely fastened were much more impressive after they were trimmed. Height, with branches compact to the trunk, was an important matter to be considered in the selection of a Christmas tree, because the weight of the articles ornamenting it always made the branches droop.

A Christmas tree of moderate size could be conveniently placed in a small tub and filled in with stones, coal or anything to keep it secure and steady. At times colored paper was pasted over the tub, so as to hide unsightly crevices, and then some moss laid over all. Sometimes the tree was propped up in a freshly painted tub where were set pots of blooming plants and bright foliage.

The smaller Christmas trees were generally fastened onto a support made of wood, 

surrounded with crude fence-rails and carpeted with moss for grass. Godey's Lady's Book and Magazine provided an engraving in 1876 for decorating the Christmas tree. The illustration showed a quantity of moss placed around the Christmas tree to form a border for the apples, oranges, gilded nuts, and bags of muslin and tarlatan containing sweetmeats. The books and larger toys which could not be conveniently suspended from the branches of the tree were laid at the base of the tree.
Hard candy tied in squares of colored tissue paper were also hung from the branches of the Christmas tree.

Tiny cakes in fanciful and animal shapes were suspended from every branch. Sometimes a narrow strip of the finest cotton-wool was spread along each branch and twig to the farthest needle-tips, to represent snow, and children were always excited with this addition. Shreds of glittering gilt and silver foil, which would not catch fire, was thrown over the entire tree for a charming effect.
At the top of the Christmas tree paper flowers were arranged as their bright colors contrasted favorably with the green branches. At times, roses were placed here and there, in and out.

In addition stars, hearts and other shapes made of gay colored paper were threaded on long strands and draped upon the Christmas tree. 
Often gilded walnut shells suspended from colored ribbons looked pretty. The walnuts were covered with gilt paper, or dropped in liquid gold and placed on a board to dry. The two shells were glued together before they were gilded, with the ribbon glued on upon one end.
Pine cones were hung from the branches.  

Then came the tree candleholders - the most worthy decoration. One magazine recommended that a "dignified tree" be decorated with candles only, except for a few gaily wrapped gifts among the branches. The more candles there were, the more beautiful the effect, especially if all the candles were red. Variations were all green candles or a tree of assorted colors. If white candles were used, the tree was sprinkled with artificial snow.

Only little gifts were placed on the tree and when it tree was fully decorated, the children went round and round it, pointing to each fruit by name, to the tri-colored paper chains, cornucopias and tissue wrapped candy, to the gilded nuts and pine cones, to the flickering candles in their polished holders and laughed delighted if a twig was scorched by a flame and sent out its well-loved pine odor.

The Christmas tree decorations were kept from year to year, from generation to generation and each year some new and special ornaments being added.

But let's watch the next video which show us how to decorate a simple but traditional Victorian Christmas Tree.

Surely, our Victorians didn't lack both imagination and simplicity, and the result was always great!

I hope to have today too rejoiced you and suggested you how to dress your houses with the atmosphere apt to welcome the most traditional Christmas that you have ever known.

And before than taking my leave of you, I'm posting a nice poem by Mary M.Parks about how birds do celebrate their Christmas with their Christmas Tree !

And with this I'm waiting for you next time, for the last decoration that the Victorian tradition suggests us to realize.

From my heart to yours 💕


- immagine 1 - The Christmas Tree by Albert Chevallier Tayler (1862 - 1925)

Nell'ultimo post di ~ My little old world ~ abbiamo visto insieme, nel video che dall'inizio del mese ci accompagna insegnandoci come creare il nostro Natale vittoriano, come realizzare le cornucopie, tradizionalmente risalenti alla cultura vittoriana, da appendere al nostro albero, ricolme di piccoli dolciumi di ogni tipo o doni, ed io vi ho suggerito come far essiccare le fettine di arancia per candirle e per poterle utilizzare con fantasia nei vostri addobbi.

Oggi non ci resta che decorare il nostro albero, per la tradizione del quale dobbiamo essere grati ai nostri Victorians ... ovvero, al Principe Consorte Albert, in primis !

Gli alberi di Natale vittoriani, ossia gli abeti, portati dalle montagne e fatti scendere dai pendii, potevano essere di tutte le dimensioni, da un'altezza di poco più di sessanta cm. a un'altezza maestosa che poteva sfiorare i soffitti alti nelle case imponenti delle famiglie benestanti. La maggior parte delle famiglie comprava e portava a casa il proprio albero molti giorni prima della vigilia di Natale, quando, secondo la tradizione, doveva essere decorato.

Gli alberi molto grandi erano difficili da mantenere in una posizione stabile, ma se fissati saldamente erano molto più imponenti di quando erano nel loro bosco. L'altezza, con i rami compatti intorno al tronco, era  importante da tenere in considerazione nella scelta di un albero di Natale, perché il peso degli addobbi che lo avrebbero ornato rendeva sempre i rami cadenti.

Un albero di Natale di dimensioni moderate poteva essere comodamente posto in una piccola vasca riempita con pietre, pezzi di carbone o altro per tenerlo sicuro e fermo. A volte della carta colorata veniva incollata sopra la vasca, in modo da nascondere eventuali brutte crepe, e poi del muschio veniva posato su tutto, oppure veniva dipinta di fresco ed in essa erano piantati vasi di piante in fiore e foglie sgargianti. 

Gli alberi di Natale più piccoli erano generalmente fissati su di un sostegno fatto in legno,


magari circondati da grezzi recinti e tappezzati di muschio per simulare l'erba. Il Godey's Lady's Book and Magazine pubblicò un'incisione nel 1876 per fornire un suggerimento su come decorare l'albero di Natale. L'illustrazione mostrava una quantità di muschio posta attorno all'albero per formare un bordo per le mele, le arance, le noci dorate e sacchetti di mussola e tarlatana contenenti dolciumi. I libri e i giocattoli più grandi che non potevano essere collocati direttamente tra i rami erano stati posti alla base dell'albero.
Dai rami dell'albero di Natale pendevano anche caramelle legate dentro a quadrati di carta velina colorata.
Piccoli dolciumi in forme fantasiose e animaletti erano sospesi ad ogni ramo. Talvolta una sottile striscia di lana finissima veniva stesa lungo ogni ramo e ramoscello fino alle punte degli aghi più lontane, per rappresentare la neve, ed i bambini erano sempre entusiasmati da questa aggiunta. Frammenti di lamina argentate e dorate, che non avrebbero preso fuoco, venivano lanciati sull'intero albero per ottenere un effetto affascinante.
In cima all'albero di Natale, fiori quali poinsettie o rose erano disposti in modo che i loro colori vivaci contrastassero con il verde dei rami, ma occasionalmente alcune rose venivano collocate qua e là, dentro e fuori la chioma dell'abete.
Inoltre stelle e cuori fatti di carta colorata venivano infilati su lunghi fili e appesi all'albero.
Gusci di noce dorati sospesi su nastri colorati facevano bella mostra di sé. Le noci o venivano coperte con carta dorata, o aperte e immerse e in una vernice tinta oro e quindi poste su una tavola ad asciugare. Il guscio veniva quindi ricomposto con della colla e veniva aggiunto del nastro su di un'estremità; anche le pigne erano spesso appese ai rami.

Poi venivano aggiunti i candelabri - il tocco finale. Una rivista raccomandava che un "albero sobrio" dovesse essere decorato solo con delle candele, tranne qualche vivace dono tra i rami, però più candele c'erano, più bello era l'effetto, specialmente se tutte le candele erano rosse, anche se non era inusuale trovare candele verdi o di colori assortiti. Se venivano usate candele bianche, l'albero veniva infine cosparso di neve artificiale.

Solo i dono più piccoli erano posti sull'albero e quando l'albero era completamente decorato, i bambini giravano attorno ad esso, indicando ogni frutto per nome incantandosi guardando i festoni di carta tricolore, le cornucopie colme di dolciumi e le caramelle appese, le noci dorate e le pigne, le candele tremolanti nei loro lucenti sostegni e ridevano deliziati se un ramoscello veniva occasionalmente bruciato da una fiamma ed emanava così il suo amato odore di pino.

Le decorazioni dell'albero di Natale venivano conservate di anno in anno, di generazione in generazione, e ogni anno venivano aggiunti nuovi e speciali ornamenti.

Ma vediamo insieme come procedere nel prossimo video!

Certo che ai nostri Victorians non facevano difetto fantasia e semplicità, ed il risultato era sempre grandioso !

Spero di averi anche oggi rallegrato e suggerito come vestire di atmosfera le vostre case per accogliere il Natale più tradizionale che mai abbiate conosciuto.

Ma prima di congedarmi da voi, mi piace pubblicare una graziosa poesia di Mary M.Parks su come un giorno anche gli uccelli celebrarono il loro Natale con il loro Albero di Natale!

Il macellaio ci diede del grasso, 
ed il buon Brown del frumento; 
lo zio John un fascio di avena
perchè gli uccellini potessero mangiare.

E noi infilammo mirtilli rossi
e popo corn, in ghirlande, 
e cospargemmo l'albero di polvere di diamante, 
che sembrava ghiaccio, sapete?

La notte della Vigilia lo decorammo,
e ci fece ridere il vedere
come l'indomani mattina
il nostro Albero di Natale brulicava di uccellini.

Mangiarono il frumento,
e quanto piacque loro, non vi dico!
Ma tornarono al lavoro e mangiarono infine, 
anche tutte le decorazioni che avevamo messo!

E con ciò vi do appuntamento alla prossima volta, per l'ultima decorazione che la tradizione vittoriana ci suggerisce di realizzare.

Con tutto il cuore 💕