martedì 18 maggio 2021

♚ NOBLE MANSIONS AND CROWNS ♚ The Kaiservilla in Bad Ischl, Emperor Franz Josef and Empress Elisabeth's Summer retreat.


The Esplanade of Ischl by Rudolf von Alt,1840


Like a gem among the gems set between the mountains that are dressed in mother-of-pearl at sunset waiting to turn gilded the next morning and the alpine lakes with the clear turquoise waters of the Salzburger reliefs - Ischl owes its name to the Celtic term Iscla or Iscula, the name given to the river that today runs alongside the Imperial Villa and which we find already written in a document of the year 829, to finally become Ischl about two hundred years later.

But it is with the XIXth century that it also acquires importance as a spa, when to its highly saline mineral springs are recognized therapeutic properties, already known at the time of Emperor Maximilian, but in those years confirmed by Doctor Josef Götz who recognizes them, specifically, useful above all for treating disorders of the motor, respiratory and cardiovascular systems and therefore opens the first thermal establishment there in 1823. Since then, the small town of Ischl has been transformed into a holiday resort for diplomats and aristocrats, not least the Austrian chancellor Prince Metternich who rented a charming villa built in 1834 for Dr. Josef Eltz, a Viennese lawyer, located at the foot of the hill called Jainzen, from which one could enjoy an enchanting view over the village.



Ischl by Hubert Sattler, 1863


On the advice of the court doctor, Dr. Wierer, according to whom to the waters of the small spa could also be attributed curative properties against sterility, the Archduke Franz Karl, brother of the Austrian Emperor Ferdinand I, and the archduchess Sofia, his wife, born Princess of Bavaria as the daughter of King Maximilian I, married in 1824 and after three years of marriage still childless, began to 'cure' themselves in Ischl in 1827. On 18th, August 1830 it was born in Schönbrunn Palace in Vienna, the future Emperor Franz Joseph followed on July 6th, 1832 by Ferdinand Maximilian, future Emperor of Mexico, on July 30th, 1833 by their brother Karl Ludwig, on October 27th, 1835 the first and only female, Maria Anna , who died at the age of four, and finally Ludwig Viktor, born on May 15th, 1842 (in reality the couple had six children, if we also take into account the little one who was born dead on October 24th, 1840). It goes without saying that what Dr. Wierer was persuaded of found wide confirmation in the facts and that the family of archdukes since then saw in Ischl a place invested with a sort of sacredness, to which they returned every year to spend the Summer holidays, almost to celebrate a 'thanksgiving rite'.


View of Bad Ischl with the imperial villa in foreground, engraving, XIXth c. by L.Rohbock, A.Fesca


Already in the summer of 1831 the inhabitants of the village saw for the first time the little Franz Josef who celebrated his first birthday there and, since then, every year, until his death, which took place on November 21st, 1916, on August 18th he didn't fail to be found in Ischl where not only the imperial family met, but also all the inhabitants of the village celebrated what from 1849 became no longer a simple birthday, but the birthday of an illustrious person (on December 2nd, 1848, when the all the Europe was inflamed by revolutionary uprisings, the Emperor of Austria, Ferdinand I, abdicated in favor of his brother, Archduke Franz Karl, who refused the succession after a few hours that he had been granted and ceded the throne to his eldest son who became Emperor with the name of Franz Josef I). On August 16th, 1853, Archduchess Ludovika, wife of Duke Maximilian Joseph in Bavaria, called Max, and sister of Sofia, went to Ischl with her two eldest daughters, Helene, called Néné, aged nineteen, and Elisabetta, called Sisi, who was only sixteen. Sofia, as the mother of the Emperor, had organized this meeting in the smallest details so that his son could get to know Elena, because it was her will that she would have become his future bride and one day sit on the imperial throne at his side. The meeting took place in the hall of the Hotel Austria, where Ludovica had booked her own rooms - Franz Josef, as usual, had already taken up residence, with his entourage, at the mayor of the town, while his parents were renting for nine years the Villa of Dr. Eltz, which has become Villa Mastalier. It was tea time, or four in the afternoon, when for the first time the young emperor's eyes met those of his very young cousin, Sisi, two doe eyes, brown, deep, so much so as to seem almost velvet.



A photography of the aged nineteen Helene in Bavaria ready to become the spouse of her cousin Franz Josef


Litography from 1853 by Franz Seraph Hanfstaengl portraying a very young Sisi at the time of her first fated stay at Ischl


And so it was that during the whole week that followed that day, spent in Ischl, it was the youngest of the Wittelsbach sisters who won the heart of the twenty-three year old Franz Josef, who will ensure, for the first time, that his will prevail over the plans of his mother who until then had planned every little step of his life: love had made the young Emperor sure of his intentions and for no reason did he want to give up his own intentions.


Participation with which the engagement of Franz Josef and Elisabeth was officially announced


Therefore the birth of this great love is also linked to Ischl, and the announcement of the engagement, although in an unofficial way; but not only: every year, Franz  Josef and Elisabeth will return there, even with their children, and will stay in what will called Kaiservilla, the Imperial Villa, which was donated by Archduchess Sofia to her son on the occasion of his wedding with the beloved Elisabeth. She bought the Villa in which she had spent the Summer holidays with her husband for many years, the Villa Mastalier, and ordered to the architect Antonio Legrenzi to add two wings to it, to enlarge it and so that it would assume, seen from above, the shape of a great 'E' in honor of her future daughter-in-law. This place surrounded by nature was loved a lot by Sisi and by all the children she had from Franz Josef, but the one who felt most attached to it was their youngest child, Marie Valerie, hes favorite, who inherited it and continued to bring on the tradition of staying there in the Summer with the new, large family to which she had given life by marrying Archduke Franz Salvator of the Habsburg branch of Tuscany (the couple had 10 children).


The Kaiservilla


Today the Villa has become for the most part a museum of considerable interest as it preserves the rooms intact, complete with furnishings and personal objects, as they were at the time when Franz Josef and Elisabeth spent their holidays there.



Just some rooms are used as accommodation for Maria Valeria's son-in-law, Archduke Markus Emanuel Salvator of Habsburg-Lorraine, who inherited it from his father Hubert Salvator (second son of the archducal couple), who lives there with his family. 


Even today our time has passed quickly and, if you have followed me this far, I wish you all the best by giving you an appointment at the next post.

See you soon 






La Kaiservilla in Bad Ischl, rifugio estivo del Kaiser Francesco Giuseppe e della sua amata consorte Elisabetta (Sisi).


IMMAGINE 1 - The Esplanade of Ischl by Rudolf von Alt,1840 


Come una gemma tra le gemme incastonate tra le montagne che si vestono di madreperla al tramonto in attesa di indorarsi il mattino successivo ed i laghi alpini dalle limpide acque turchine del salisburghese - da epoche remote regione ricchissima grazie al sale, l'oro bianco custodito dai suoi rilievi - Ischl deve il suo nome al termine celtico Iscla o Iscula, nome dato al fiume che costeggia oggi la Villa Imperiale e che troviamo scritto già in un documento dell'anno 829, per divenire infine Ischl circa duecento anni dopo.

Ma è con il XIX secolo che Ischl acquista importanza anche quale centro termale, quando alle sue sorgenti di acque minerali altamente saline vengono riconosciute proprietà terapeutiche, già note all'epoca dell'imperatore Massimiliano, ma in quegli anni confermate dal Dottor Giuseppe Götz che le riconosce, nello specifico, utili soprattutto per curare disturbi dell'apparato motorio, del sistema respiratorio e di quello cardiovascolare e vi apre, perciò, nel 1823, il primo stabilimento termale. Da allora il piccolo centro di Ischl si trasforma in luogo di villeggiatura per diplomatici ed aristocratici, non ultimo il cancelliere austriaco, principe Metternich il quale affittò una ridente villa costruita nel 1834 per il Dottor Giuseppe Eltz, avvocato viennese, situata ai piedi della collina chiamata Jainzen, dalla quale si poteva godere di un'incantevole vista sul paese. 


IMMAGINE 2Ischl by Hubert Sattler, 1863


Su consiglio del medico di Corte, il Dottor Wierer, secondo il quale alle acque del piccolo centro termale si potevano ascrivere anche proprietà curative contro la sterilità, l'arciduca Francesco Carlo, fratello dell'Imperatore d'Austria Ferdinando I, e l'arciduchessa Sofia, sua consorte, nata principessa di Baviera, quale figlia del re Massimiliano I, sposatisi nel 1824 e dopo tre anni di matrimonio ancora senza figli, iniziarono a 'curarsi' a Ischl nel 1827. Il 18 agosto del 1830 venne alla luce, nel Castello di Schönbrunn a Vienna, il futuro imperatore Francesco Giuseppe cui seguì il 6 luglio del 1832 Ferdinando Massimiliano, futuro imperatore del Messico, il 30 luglio del 1833 il loro fratello Carlo Ludovico, il 27 ottobre del 1835 la prima ed unica femmina, Maria Anna, spirata a soli quattro anni, ed infine Ludovico Vittorio, nato il 15 maggio 1842 (in realtà la coppia ebbe ben sei figli, se teniamo conto anche del piccolo che nacque morto il 24 ottobre del 1840). Inutile dire che ciò di cui era persuaso il Dr.Wierer trovò ampia conferma nei fatti e che la famiglia degli arciduchi da allora vide in Ischl un luogo investito da una sorta di sacralità, in cui ogni anno tornava per trascorrervi le vacanze estive, quasi a celebrare un rito di ringraziamento.


IMMAGINE 3View of Bad Ischl with the imperial villa in foreground, incisione del XIX° sec. ca. by L.Rohbock, A.Fesca


Già nell'estate del 1831 gli abitanti del paese videro per la prima volta il piccolo Francesco Giuseppe che ivi festeggiò il suo primo compleanno e, da allora, ogni anno, fino alla sua dipartita, occorsa il 21 novembre del 1916, il 18 di agosto non mancava di farsi trovare ad Ischl dove non solo la famiglia imperiale si riuniva, ma anche tutti gli abitanti del villaggio celebravano quello che a partire dal 1849 divenne non più un semplice compleanno, bensì un genetliaco (il 2 dicembre del 1848, quando l'Europa tutta era infuocata dai moti rivoluzionari, l'imperatore d'Austria, Ferdinando I, abdicò in favore del fratello, l'arciduca Francesco Carlo, il quale rifiutò la successione dopo poche ore che gli era stata concessa e cedette il trono al figlio primogenito che divenne imperatore con il nome di Francesco Giuseppe I). Il 16 agosto del 1853 l'arciduchessa Ludovica, moglie del duca Massimiliano Giuseppe in Baviera, detto Max, e sorella di Sofia, si recò ad Ischl con le sue due figlie maggiori, Elena, detta Néné, di diciannove anni, ed Elisabetta, detta Sisi, che ne aveva solamente sedici: Sofia, in qualità di madre dell'imperatore, aveva organizzato nei minimi dettagli  tale incontro affinché questi potesse conoscere Elena, perché era suo volere che divenisse la sua futura sposa ed un giorno sedesse sul trono imperiale al suo fianco. L'incontro avvenne nella hall dell'Hotel Austria, dove Ludovica aveva prenotato le proprie stanze - Francesco Giuseppe, come di consueto, aveva già preso alloggio, con il suo seguito, presso il sindaco della cittadina, mentre i suoi genitori prendevano in affitto ormai da nove anni la villa del Dr. Eltz, divenuta Villa Mastalier. Era l'ora del tè, ovvero le quattro del pomeriggio, quando per la prima volta gli occhi del giovane imperatore, incrociarono quelli della giovanissima cugina, Sisi, due occhi da cerbiatto, castani, profondi, tanto da sembrare quasi di velluto.


IMMAGINE 4 - Fotografia della diciannovenne arciduchessa Elena in Baviera pronta per divenire la sposa del cugino Francesco Giuseppe


IMMAGINE 5Litografia del 1853 by Franz Seraph Hanfstaengl che ritrae una giovanissima Sisi al tempo del suo primo fatale soggiorno ad Ischl


E fu così che durante tutta la settimana che a quel giorno fece seguito, trascorsa ad Ischl, fu proprio la più piccola delle sorelle Wittelsbach a conquistare il cuore del ventitreenne Francesco Giuseppe, il quale farà sì, per la prima volta, che la sua volontà prevalga sui progetti della madre che fino ad allora aveva programmato ogni più piccolo passo della sua vita: l'amore aveva reso il giovane imperatore sicuro delle proprie intenzioni e per nulla ragione voleva rinunciare ai propri propositi.


IMMAGINE 6Partecipazione con cui venne annunciato ufficialmente il fidanzamento di Francesco Giuseppe ed Elisabetta 


Perciò ad Ischl è legata anche la nascita di questo grande amore, e l'annuncio del fidanzamento, anche se in via ufficiosa; ma non solo: ogni anno, Francesco Giuseppe ed Elisabetta vi faranno ritorno, anche con i loro figli, alloggiando in quella che venne chiamata Kaiservilla, la Villa Imperiale, che venne donata dall'arciduchessa Sofia al figlio in occasione delle sue nozze con l'amata Elisabetta: ella acquistò la villa in cui per molti anni aveva trascorso con il marito le vacanze estive, la Villa Mastalier, e vi fece aggiungere dall'architetto Antonio Legrenzi due ali, per ampliarla e perché assumesse, vista dall'alto, la forma di una grande 'E' in onore della futura nuora. Questo luogo immerso nella natura fu amato molto da Sisi e da tutti i figli che ebbe da Francesco Giuseppe, ma colei che più vi si sentì più legata fu l'ultimogenita, Maria Valeria, la sua  prediletta, la quale la ereditò e continuò a portare avanti la tradizione di alloggiarvi l'estate con la nuova, numerosa famiglia cui aveva dato a sua volta vita maritando l'arciduca Francesco Salvatore del ramo Asburgo di Toscana (la coppia ebbe infatti ben 10 figli).


IMMAGINE 7 - La Kaiservilla


Oggi la villa e divenuta per la maggior parte un museo di notevole interesse in quanto conserva intatti gli ambienti, con tanto di arredi e di oggetti personali, quali erano al tempo in cui vi trascorrevano le vacanze Francesco Giuseppe ed Elisabetta.


IMMAGINE 8 - Sala da pranzo


IMMAGINE 9 - Posacenere in argento su di un tavolino collocato in un disimpegno


IMMAGINE 10 - Studiolo dell'imperatrice


IMMAGINE 11 - Salottino di rappresentanza


IMMAGINE 12 - Studiolo dell'imperatore


Solamente alcune stanze sono adibite ad alloggio del nipote di Maria Valeria, l'arciduca Markus Emanuele Salvatore d'Asburgo-Lorena, che lo ha ricevuto in eredità dal padre Umberto Salvatore (secondogenito della coppia arciducale), il quale vi risiede con la propria famiglia.


Anche oggi il nostro tempo è trascorso veloce e, se mi avete seguita fin qui, vi auguro ogni bene dandovi appuntamento al prossimo post.

A presto 







LINKING WITH:







sabato 8 maggio 2021

The Mother of Mother's Day.


In the United States and in most of the world, including Italy, Mother's Day is celebrated on the second Sunday of May, and the origins of this holiday also take us back to the Victorian period.



It was 1872 when a certain Julia Ward Howe invited women to join in support of disarmament and asked that June 2, 1872 be established as "Mother's Day for Peace".

Her appeal to womanhood in the world, which involved women uniting for peace, is sometimes referred to as Mother's Day Proclamation. But the day she wanted to celebrate, was not specifically to honor mothers, but rather to organize pacifist mothers.



 Portrait of Julia Hard Howe, John Elliott (1858-1925)


Julia Ward Howe was a prominent American abolitionist, social activist, poet and author of The Battle Hymn of the Republic and in 1869 she became co-leader with Lucy Stone of the American Woman Suffrage Association. The following year she became president of the New England Women 's Club of which she was the founder and from 1876 to 1897 she was president of the Association of American Women, which supported the education of women.

What still remains a holiday today was created by her daughter, Anna Jarvis in 1908, who wanted to honor her mother and her work, as well as fulfill her dream of celebrating all mothers.

But the idea didn't take off until she got into business with the wealthy Philadelphia merchant John Wanamaker, who celebrated it on May 8, 1910 in the Bethany Temple Presbyterian Church, Philadelphia, PA of which he was founder.

In a letter to the parish priest, she wrote "It is our first Mother's Day".

Anna Jarvis continued to promote the holiday until President Woodrow Wilson officially recognized it as a national holiday in 1914, but it soon became commercialized, which was not Anna's intention and she didn't like it at all so much that she passed the rest of her life fighting what she saw as an abuse of the celebration by criticizing the practice of buying greeting cards.

She was arrested in 1948 for disturbing the peace while she protested the commercial aspect that Mother's Day was taking, and she died in 1848 sincerely regretting having created it.

Today we are grateful to Anna Jarvis because Mother's Day remains one of the most important days for the sale of flowers and greeting cards and is celebrated, albeit on different dates, almost everywhere.




And see you soon 








La Madre della Festa della Mamma.

Negli Stati Uniti e in gran parte del mondo, Italia compresa, la festa della mamma si celebra la seconda domenica di maggio, e anche le origini di questa celebrazione ci riportano al periodo vittoriano.


Immagine 1 - Ritratto di Mrs. Anna M. Jarvis


Era il 1872 quando una certa Julia Ward Howe invitò le donne a unirsi a lei invocando il disarmo e chiese che il 2 giugno 1872 fosse istituita come "Festa della mamma per la pace".

Il suo appello alla femminilità nel mondo, che coinvolse le donne che si unirono in nome della pace, è a volte indicato come proclamazione della festa della mamma. Ma il giorno che ella voleva celebrare, non era specificamente per onorare le madri, ma piuttosto per organizzare le madri pacifiste.


Immagine 2 - Ritratto di Julia Hard Howe, John Elliott (1858-1925)


Julia Ward Howe era un'eminente abolizionista americana, attivista sociale, poeta e autrice di The Battle Hymn of the Republic e nel 1869 divenne co-leader con Lucy Stone dell'American Woman Suffrage Association. L'anno successivo divenne presidente del New England Women 's Club di cui era la fondatrice e dal 1876 al 1897 fu presidente dell'Associazione delle donne americane, che sosteneva l'istruzione femminile.

Ciò che ancora oggi rimane una festività fu creata nel 1908 da sua figlia, Anna Jarvis, la quale voleva onorare sua madre ed il suo operato, oltre a realizzare il suo sogno di celebrare tutte le mamme.

Ma l'idea non decollò fino a quando non entrò in affari con John Wanamaker, un ricco capitalista di Philadelphia, che lo celebrò l'8 maggio 1910 nella Bethany Temple Presbyterian Church, Philadelphia, PA di cui fu fondatore.

In una lettera al parroco ella scriveva "È la nostra prima festa della mamma".

Anna Jarvis continuò a promuovere la festa fino a quando il presidente Woodrow Wilson non la riconobbe ufficialmente come festa nazionale nel 1914, ma presto fu commercializzata, il che non era nelle intenzioni di Anna e non le piacque al punto che trascorse il resto della sua la vita combattendo quello che vedeva come un abuso della celebrazione criticando la pratica dell'acquisto di biglietti augurali.

Fu arrestata nel 1948 per aver disturbato la pace mentre protestava per l'aspetto commerciale che stava assumendo la festa della mamma, e morì nel 1848 sinceramente pentita di averla creata.

Oggi siamo grati ad Anna Jarvis perché la festa della mamma resta uno dei giorni più importanti per la vendita di fiori e biglietti di auguri e viene celebrata, seppur in date diverse, un po' ovunque.





Auguri a tutte le mamme e a presto 




LINKING WITH: