sabato 19 giugno 2021

Saturnia, Herald of the Beautiful Season, has eventually arrived!

 



They gave her a name filled with so much charm, she’s called ‘Saturnia’ as if she came from another planet to announce us the Beautiful Season coming, with its warmth and its beauty.
She’s one of the largest moths in the world - its wingspan reaches 15-17 cm. - and the largest at all we have in Italy.
With its 'eyes' painted on her wings that seem to scrutinize you if you approach her - made to chase away nocturnal predators - this wonderful butterfly, which moves only when cloaked in the white light of the moon, belongs to a family of moths not very common in Italy but that you can commonly find in tropical and subtropical countries, where large insects are diffused.
Just think that when she's flying at night she's so big to be confused with a bat!





Here at Tenuta Geremia we are lucky enough to have some rare specimens that every year come to visit us, first when they’re still caterpillar with their large blue-dotted body



and then, once they become butterflies, they stay with us for a few nights, waiting to be courted by the males to lay eggs and leave their memory for the next Spring: we see them from February to May, depending on the temperature trend. That's why this year they were late in coming: Spring was truly bizarre and characterized by unstable weather, but lately temperatures are rising little by little and the weather seems to be getting more stable day after day.
It is not a coincidence, in fact, that all the Spring blooms are late and even our roses, this year, have just begun to open their buds.





And then good Summer to all of you, my dear readers, in the hope that the Beautiful Season is delighting you too with its Beauty, its scents and its colours.


I hug you warmly, thanking you with all my heart, as usual,

see you soon 







Saturnia, Messaggera della Bella Stagione, è finalmente arrivata!


 FOTO SATURNIA


Le è stato dato un nome pieno di fascino, si chiama ‘Saturnia’ come se provenisse da un altro pianeta per annunciare l’arrivo della bella stagione, dei suoi profumi e del suo tepore; è una delle più grandi falene del mondo – la sua apertura alare raggiunge i 15-17 cm. – e la più grande che abbiamo in Italia.
Con i suoi ‘occhi’ dipinti sulle ali che sembrano scrutarvi se vi avvicinate, fatti per scacciare i predatori notturni, questa meravigliosa farfalla, che si muove solo se ammantata dalla bianca luce della luna, appartiene ad una famiglia di falene non molto diffusa in Italia, che si trova comunemente nei paesi tropicali e subtropicali, dove è consueto che vivano insetti di grandi dimensioni.
Pensate che quando è in volo di notte è talmente grande da poter essere confusa con un pipistrello!


 ALTRE FOTO SATURNIA


Qui a Tenuta Geremia abbiamo la fortuna di averne alcuni rari esemplari che ogni anno vengono a farci visita prima con il loro grande bruco punteggiato di blu


FOTO BRUCO


e poi, una volta divenute farfalle, rimangono con noi per alcune sere, in attesa di essere corteggiate dai maschi per deporre uova e lasciare il loro ricordo per la primavera a venire: le vediamo da febbraio a maggio, a seconda dell’andamento delle temperature. Ecco perché quest’anno hanno tardato a venire: la primavera è stata molto bizzarra e connotata da tempo instabile, ma ultimamente le temperature stanno salendo poco per volta ed il tempo sembra farsi più stabile giorno dopo giorno.
Non è un caso, infatti, che tutte le fioriture primaverili siano state tardive ed anche le rose quest’anno abbiano cominciato da poco ad aprire i loro boccioli.


FOTO ROSE

1 - Banksiae Alba Plena

2 - Geoff Hamilton

3 - Malvern Hills


Ed allora buona estate a tutti voi, miei cari lettori, nella speranza che la bella stagione vi stia deliziando con i suoi profumi ed i suoi colori.


Vi abbraccio caramente ringraziandovi come sempre,

a presto 







LINKING WITH:

INSPIRE ME MONDAY

BLUE MONDAY

TROUGH MY LENS

AWWW MONDAYS

TUESDAY WITH A TWIST

VINTAGE CHARM PARTY

THANKFUL THURSDAY

THURSDAY FAVORITE THINGS

Bev at Ecletic Red Barn featured this post! I heartily thank you lovely Lady 

FLORAL FRIDAY FOTOS


martedì 1 giugno 2021

The Chalon Family in London by Jacques-Laurent Agasse.


"Humility and simplicity are the two real sources of beauty."

Johann Joachim Winckelmann (Stendal, December 9, 1717 - Trieste, June 8, 1768)


The Chalon Family in London by Jacques-Laurent Agasse 

(Geneva, April 24, 1767 – London, December 27, 1849)



Today I want to show you a painting, which, despite its naturalness, has unique characteristics.

THE AUTHOR- Born in Geneva, Jacques-Laurent Agasse went to Paris, when he wasn’t twenty yet, to attend a veterinary school before devoting himself to painting, which is why his first paintings portray horses and other animals. Back in Switzerland, it seems that he was so appreciated by a rich Englishman to whom he had painted the dog, that he followed his mentor to England, where he began to paint landscapes and life scenes.
Unfortunately, like most of the artists of his time, he wasn’t appreciated during his life and died in the same poverty which he was born in.

THE PROTAGONISTS - Forced to leave France after the French Revolution, as a Protestant family, the Chalon first took refuge in Switzerland to settle permanently, at the end of the 18th century, in London. The two sons, Alfred and John Chalon, both became artists and it seems likely that they came to know Agasse, a colleague who emigrated from Switzerland and who knew their Paris.

What we have before our eyes is a painting - it is an oil on canvas - which fascinated me as soon as I saw it precisely for its informality: it is in fact the type of image that artists created and gave as a gift to friends or which painted for mere pleasure- the thing is also suggested to us by its limited size (it measures only about 5 "x 7" - 13.7 x 19.7 cm.). Unfortunately, the specific identities of the people portraiyed have been forgotten, but we can still say with certainty that this looks like the portrait of a peaceful and comfortable family. The women are engaged in their manual labor, while the men speak over the wall and although it is not documented, it would not be surprising if the man leaning outside the boundary wall in the upper left was Agasse himself.


The first thing that catches your eye in this painting is probably the light, which takes us back to the late afternoon hours of a Summer day.
Also worth of note is the wealth of detail in the clothing of the four women.

The older woman, probably the mother, sitting alone and looking at the artist with modest eyes, is dressed in the style of a previous generation, with a simple dress, a handkerchief and a ruffled bonnet. She is also wearing a floral print apron over which she has superimposed a cloth maybe for not to get it dirty; instead of sewing, she is busy peeling white turnips, perhaps to prepare dinner: a plate of those already peeled appears on the ground next to her on her right, while other turnips with leaves still attached and still dirty with earth are at her feet on the left.

The young women who are intent on sewing are dressed in a much more elegant way with hats, shoes and high-waisted dresses typically belonging to the Regency era (in fact the painting is dated around 1800). Gathered around a wooden table and seated on chairs that were probably brought outside from an indoor living room, they are trying to keep the most of the daylight with their work-baskets close at their hands. 

The woman in the center wears glasses, and I wonder if the woman on the right, who keeps her head down, wears them too. A curiosity: at the time the glasses that were used for manual work didn’t have rods and didn’t hook around the ears, but were fixed with a ribbon at the nape ... and I wonder if the blue ribbons that go down under the hat on the sides of her face are just those which should tie the glasses, perhaps simply resting on the nose like pince-nez.
Finally I want to point out the 'spencer' that this young woman is wearing: it seems to be in brown velvet, and it was a real 'gem' of Regency women's clothing, not to mention the beige crocheted or knitted ‘bolero’ that dresses the one at center.

I wanted to present this oil on canvas to you because it communicates a particular tranquility to me, it portrays the calm and the sweetness of family life lived peacefully, in that peace so longed-for and, after so much wandering, finally conquered. But not only for that: it is so rich in details, especially as regards the clothes, that it looks like a photograph of the fashion of the time, something that the painter certainly, while painting, had absolutely not thought about.

Look at this print below taken from the Parisian fashion magazine The Journal des Dames et des Modes of 1799: even if the model is a lady and not a young woman, don't you find perfect correspondence in the clothes and accessories?



And what about these hats dating back to the early 1800s from The Ackermann Repository?



If you love Regency fashion, read that post that ~ My little old world ~ published some time ago on this subject: click HERE and enjoy!


Alas, our time has run out, my dear friends and readers, and I always tell you this with a hint of regret; I therefore wish you all the best while waiting to find you here on our next journey among the romantic and curious wonders belonging to our past.
See you soon ♥






 ∗⊱♡❀♡⊰∗



"L'umiltà e la semplicità sono le due vere fonti della bellezza."

Johann Joachim Winckelmann (Stendal, 9 dicembre 1717 - Trieste, 8 giugno 1768)


 The Chalon Family in London by Jacques-Laurent Agasse 

(Ginevra, 24 Aprile 1767 – Londra, 27 Dicembre 1849)


Oggi voglio proporvi un dipinto, che, pur nella sua genuinità, presenta delle caratteristiche uniche.

L’AUTORE – Nato a Ginevra, Jacques-Laurent Agasse si recò a Parigi non ancora ventenne per frequentare la scuola di veterinaria prima di dedicarsi alla pittura, ecco perché i suoi primi dipinti ritraggono cavalli ed altri animali. Tornato in Svizzera, sembra che sia stato talmente apprezzato da un ricco inglese al quale aveva dipinto il cane, che seguì il suo anfitrione in Inghilterra, dove si diede alla pittura paesistica e alle scene di vita. 
Purtroppo, come la maggior parte degli artisti del tempo, non fu apprezzato in vita e si spense nella stessa povertà in cui nacque.

I PROTAGONISTI – Costretta a lasciare la Francia dopo la Rivoluzione francese, in qualità di protestante, la famiglia Chalon si rifugiò prima in Svizzera per stabilirsi definitivamente, sul finire del XVIII° secolo, a Londra. I due figli maschi, Alfred e John Chalon, diventarono entrambi artisti e sembra probabile che siano così giunti a far conoscenza di Agasse, una collega emigrato dalla Svizzera che conosceva la loro Parigi.

Quello che abbiamo sotto gli occhi è un dipinto – si tratta di un olio su tela – che mi ha affascinata appena lo vidi proprio per la sua informalità: si tratta infatti di quel tipo di immagine che gli artisti creavano e davano in dono agli amici o che dipingevano per mero diletto, cosa che ci è suggerita  anche dalla sua limitata dimensione (misura solo circa 5 "x 7"- 13,7 x 19,7 cm.). Purtroppo le identità specifiche delle persone sono andate dimenticate, ma possiamo comunque dire con certezza che questo appare come il ritratto di una famiglia serena e a proprio agio. Le donne sono impegnate nel proprio lavoro manuale, mentre gli uomini parlano oltre il muro e pur non essendo documentato, non ci sarebbe da sorprendersi se l'uomo appoggiato all’esterno del recinto in alto a sinistra fosse proprio lo stesso Agasse.



La prima cosa che salta agli occhi è la luce di questo dipinto, che ci riporta alle ore del tardo pomeriggio di un giorno d’estate.
Da notare è inoltre la ricchezza di dettagli nell'abbigliamento delle quattro donne.
 

La donna più anziana, probabilmente la madre, seduta da sola e che guarda, con occhi dimessi l'artista, è vestita nello stile proprio di una generazione precedente, con un abito semplice, un fazzoletto ed una cuffietta arruffata. Indossa anche un grembiule con stampa floreale a cui ha sovrapposto un drappo probabilmente per non sporcarlo; ella, invece che nel cucire, è impegnata a sbucciare rape bianche forse per preparare la cena: un piatto di quelle già sbucciate figura per terra accanto a lei alla sua destra, mentre altre rape con le foglie ancora attaccate ed ancora sporche di terra sono ai suoi piedi sulla sinistra.
Le giovani donne che sono intente a cucire sono vestite in modo molto più elegante con cappellini, scarpette ed abiti a vita alta tipicamente appartenenti all’epoca Regency (infatti il dipinto è datato 1800 ca.). Riunite attorno a un tavolo in legno e sedute su sedie che probabilmente sono state portate all'aperto da un salotto interno, stanno sfruttando al massimo la luce del giorno con i cestini da lavoro a portata di mano. 

La donna al centro porta gli occhiali, e mi chiedo se li indossi anche la donna a destra che tiene il capo chino. Una curiosità: all'epoca gli occhiali che venivano utilizzati per i lavori manuali non avevano bacchette e non si agganciavano intorno alle orecchie, ma venivano fissati con un nastro alla nuca… e chissà che i nastri azzurri che le scendono sotto il cappellino ai lati del viso siano proprio quelli che dovrebbero legare gli occhiali, magari semplicemente appoggiati al naso come pince-nez.

Infine voglio farvi notare lo ‘spencer’ che veste la giovane sulla sinistra: sembra essere di velluto marrone, ed era una vera ‘chicca’ dell’abbigliamento femminile epoca, per non parlare del bolerino beige fatto all’uncinetto o a maglia che veste quella al centro. 

Ho voluto presentarvi questo olio su tela perché a me comunica una particolare tranquillità, ritrae la calma e la dolcezza della vita famigliare vissuta pacificamente, in quella pace agognata e, dopo tanto peregrinare, finalmente conquistata. Ma non solo: così ricco di dettagli, soprattutto per quanto concerne gli abiti, sembra una fotografia della moda del tempo, cosa a cui il pittore sicuramente, dipingendo, non aveva assolutamente pensato.

Guardate questa stampa qui sotto tratta dalla rivista di moda parigina il Journal des Dames et des Modes del 1799: la modella è una lady e non una giovane donna, ma non trovate comunque una perfetta rispondenza negli abiti e negli accessori?


 

E che dire di questi cappellini riportarti nei primi anni del 1800 dall’Ackermann Repository



Se amate la moda Regency riprendete quel post che  ~ My little old world ~ pubblicò tempo fa sull’argomento: cliccate QUI e buona lettura!


Il nostro tempo si è esaurito, miei carissimi amici e lettori, e ve lo dico sempre con un pizzico di rammarico; vi auguro quindi ogni bene nell'attesa di ritrovarvi qui nel nostro prossimo viaggio tra le romantiche e curiose meraviglie che appartengono al nostro passato.
A presto 









LINKING WIH: