domenica 21 maggio 2017

The fascinating Wisteria and the roots of its name.



The Chinese call it Zi Teng, or 'Blue Vine',
the German people know it with the most romantic name of 'Blauregen', i.e.'Blue Rain',
we call it 'Wisteria' which is simply its botanical name ...
Have you ever wondered why ?



It was 1717 when Hans Kaspar Wüster, after leaving Germany with his family to reach the New Continent where to begin a new life, came to Pennsylvania to settle down and become thus one of the first German-born colonists and the first of a "revolutionary American dynasty" ; a few years later also his brother Johann arrived and soon afterwards, with its spread, their surname Wüster was anglicized, in the first case in Wistar (Caspar Wistar), in the second case, perhaps by mistake and hence involuntarily, in Wister (Johann also anglicized its first name that became John).

While (Hans) Caspar and his son Richard (1727-1781) made their fortunes investing in landowners and revolutionizing the glass industry (Wistarburgh Glass), Caspar the Younger (1761-1818)


Richard's son, followed a very different path, devoting himself to the study of medicine at the University of Pennsylvania and then at the University of Edimburgh (1786), and he's known for having created a series of anatomical models and for the publication of a system of Anatomy as well as hosting several "intellectual banquets" in the residence on 4th Street in Philadelphia.

And here's appearing in our story the British botanist Thomas Nuttall


who from 1803 spent much time in Philadelphia, summoned as a scientific mind to take part in the organization of the so-called Lewis and Clark Expedition, the first epic American expedition that, through Louisiana, had to reach the Pacific coast via land.

Among many science fathers, ours in Philadelphia he knew for sure Caspar Wistar, but in all probability also his cousin Charles Jones Wister (1782-1865) 


grandson of John Wister, who was also part of the city's scientific-intellectual landscape. Charles held geology and mineralogical courses and was an enthusiastic botanical student.
Known especially for his knowledge of the local flora, he was drawn to a strong interest in cultivating his family's property in Germantown known as Wister Woods and Grumblethorpe and, like his cousin, became a member of the American Philosophical Society as an early promoter of the studies of scientific subjects and their development.

At this point, there we may ask ourselves to which of the two members of the former family Wüster, whether Caspar the young or Charles Jones, Thomas Nuttall wanted to dedicate this plant belonging to the legume family of cluster flowers



delicately scented that, although they don't entirely retain in our continents the characteristics that belong to them in its places of origin, China and Japan, graces our gardens and our parks from the beginning of the XIXth century when it was brought to Europe for the first time and more precisely to Rooksnet, Surrey, by the English Captain Welbank (1816)



It seems that most scholars prefer to think of the name of this beautiful blue waterfall as an honor done to Caspar Wistar even if the surname suggests rather Charles Jones Wister ... but we know, the English pronunciation would  have changed Wistar in Wister.



And keeping this little doubt I'm leaving you also today with a strong hug,
thanking you as always for having followed me so far.


And may your Spring be filled with flowers and perfumes !



See you soon 💕

















I cinesi la chiamano Zi Teng, ossia 'Vite blu', 
il popolo tedesco la conosce con il nome ancor più romantico di 'Blauregen' ovvero 'Pioggia blu',
noi la chiamiamo 'Glicine' che significa 'Pianta dolce' ( dal greco) anche se il suo nome botanico è semplicemente Wisteria ... 
vi siete mai domandati perchè ?





- immagine 1 - Glicine a Tenuta Geremia





Era il 1717 quando Hans Kaspar Wüster, dopo aver lasciato la Germania con la propria famiglia alla volta del Nuovo Continente, raggiunse la Pennsylvania per insediarvisi e divenire così uno dei primi coloni di lingua madre tedesca ed il primo di una dinastia di 'rivoluzionari americani'; pochi anni dopo lo raggiunse il fratello Johann e presto, con il suo diffondersi, il cognome Wüster venne anglicizzato, nel primo caso in Wistar (Caspar Wistar), nel secondo caso, forse per errore e quindi involontariamente, in Wister (Johann anglicizzò anche il proprio nome che divenne John).

Mentre (Hans) Caspar ed il figlio Richard (1727-1781) fecero la loro fortuna investendo in possedimenti terrieri e rivoluzionando l'industria del vetro (Wistarburgh Glass), Caspar il Giovane (1761-1818),





- immagine 2 - Caspar il Giovane





figlio di Richard, seguì una strada ben diversa dedicandosi allo studio della medicina prima presso la University of Pennsylvania e poi la University of Edimburgh (1786) ed è noto per aver dato vita ad una serie di modelli anatomici e per la pubblicazione di un sistema di anatomia, nonché per aver ospitato più volte "banchetti intellettuali" nella residenza sita in 4th Street a Philadelphia.

Ed ecco che della nostra storia entra a far parte il botanico inglese Thomas Nuttall 





- immagine 3 - Thomas Nuttall





il quale a partire dal 1803 trascorse molto tempo a Philadelphia, convocato quale mente scientifica per prendere parte all'organizzazione della così detta Spedizione di Lewis e Clark, la prima, epica spedizione americana che, tramite la Louisiana, doveva raggiungere via terra la costa pacifica.

Tra tanti uomini di scienza, a Philadelphia il nostro conobbe per certo Caspar Wistar, ma con ogni probabilità anche il di lui cugino Charles Jones Wister (1782-1865),





- immagine 4 - Charles Jones Wister 





nipote di John Wister, il quale anche faceva parte del panorama scientifico della città. Charles tenne corsi di geologia e di mineralogia e fu un'entusiasta studente di botanica.
Noto soprattutto per le sue conoscenze circa la flora locale, Charles fu preso da un forte interesse per la coltivazione delle proprietà della sua famiglia a Germantown conosciute come Wister Woods e Grumblethorpe e, come il cugino, divenne membro della American Philosophical Society, quale precoce promotore delle studio delle materie scientifiche e del loro sviluppo.

A questo punto non rimane che chiedersi a quale dei due componenti l'ex famiglia
Wüster, se Caspar il giovane o Charles Jones, Thomas Nuttall abbia voluto dedicare questa pianta appartenente alla famiglia delle leguminose dai fiori a grappolo





- immagine 5 ed immagine 6 - fiori di glicine in dettaglio a Tenuta Geremia





delicatamente profumati che, anche se non conservano del tutto nei nostri continenti le caratteristiche che li connotano nei loro luoghi di origine, ossia la Cina ed il Giappone, ingentiliscono i nostri giardini ed i nostri parchi dagli inizi del XIX secolo quando per la prima volta fu recata in Europa e più esattamente a Rooksnet, nel Surrey, dal capitano inglese Welbank (1816) 





- immagine 7 - Collage glicine Tenuta Geremia





Sembra che la maggior parte degli studiosi preferiscano pensare al nome di questa splendida cascata di fiori blu come ad un onore fatto a Caspar Wistar anche se il cognome ci suggerisce piuttosto Charles Jones Wister ..., ma si sa, la pronuncia inglese avrebbe comunque mutato Wistar in Wister.





E conservando questo piccolo dubbio vi lascio anche oggi con un forte abbraccio, 
ringraziandovi come sempre per avermi seguita fin qui.

E che la vostra primavera sia colma di fiori e di profumi !


A presto 💕





domenica 14 maggio 2017

Elizabeth Keckley, from Slave to Mrs.Lincoln's Dressmaker and Confidant at the White House.


Elizabeth reached Washington without any money, without any friends and a house, but she soon found a work as a seamstress for two dollars and a half a day and a room at a boarding house. She had decided almost immediately to get to work on her own and she obtained a signboard and some business card.
Her specialty, she wanted people to know, was the 'mantua': se was very able at sewing the complicated and adherent corsets for which the elegant ladies were craving. Little by little she created herself a tour of customers who had recommended her.1



Born in a rather wealthy southern family, Elizabeth Keckley was sold as a slave when was just a litle child and succeeded after 37 years of slavery to buy her freedom after scraping together the sum of $ 1200 sewing clothes for slaves and ladies of the place and being paid by her master a little per piece.
So it was going on to define what would have become her art, that of sewing, an art that she practiced with extreme passion and skill so that she shortly became known in the center of Saint Louis and then in the great Washington, where she went to an attempt to make fortune.
The mantua, so sought-after at that time, so complicated to create because they had to fit the waist with extreme perfection, almost like a second skin, were her winning weapon: she sewed so many of them with a very expert and highly precise hand that she had to became known for sure.

May 1860 Peterson's Magazine



Owner of nothing, without a rooftop of her own, she was staying at the guesthouse managed by Mrs.Virginia Lewis in a bourgeois area of the city reserved for people of color, and had in her work basket, a loyal companion with the tools of the craft, her true, the only authentic treasure she possessed, since it allowed her to pay the studies of her only son, George, a student at Wilberforce University in Ohio.


Elizabeth Keckley fotografata quando raggiunse Washington



A few days before Lincoln were elected president, in October 1860, Elizabeth sewed a dress for the wife of a cavalry officer, a certain colonel Robert E.Lee"Do not be afraid to spend for it," said the colonel to Elizabeth, handing a hundred dollars for the purchase of laces, buttons and flakes for his consort's suit. Elizabeth was happy not to obey, and when Mrs. Lee wore it at a private dinner in honor of the Prince of Wales held at the White House, the other ladies who were present, struck by her beauty and the perfect cut of her gown, hurried all to gain Elizabeth.2

They didn't pass many days before she started working for Varina Davis,


the Mississippi senator Jefferson Davis' wife: in their drawing room, Elizabeth always found a friendly, home-like atmosphere, she felt comfortable with the Davises who commissioned her such a lot of work, but with the ferment that was spreading in the city after the election of Lincoln as president, animated by conflicting opinions about maintaining slavery, the Davises planned to move to Alabama and to bring Elizabeth with them; she, although she had been working for them for three months and was earning much money - Mrs Davis was definitely ambitious - and was feeling affection for them, did not want to abandon her friends and especially the north where, she thought, with the threat of an imminent civil war, the black people would have been perhaps more secure.

In January 1861, the Davises definitively left Washington and the states of the south welcomed the former senator Jefferson Davis by electing him President of the Southern Confederation and Mrs Varina thus became the first First Lady of the South.

Known by chance Mrs. Lincoln just shortly before her settlement with her husband and family at the White House, Elizabeth found herself sharing the pomp and opulence of the presidential environments as she became increasingly intimate with the wife of the 16th President of the United States ... what better anti-slavery 'ensign' than that of showing themselves together with a friend of color !


The Lincolns portrayed with the White House behind them




Those following were months, and then years, connoted by a truly unique relationship: the one that was born between Mary Todd Lincoln and Elizabeth Keckley wasn't an ordinary relationship between friends, Lizzie, as her Lady lovingly called her, had become the true confidant of the wife of Abraham Lincoln, the one who guarded her most intimate secrets that no one knew, that to nobody else she dared to confess, because she trusted the deepest loyalty of her seamstress, indeed, of her best friend .... and she was not wrong.

This is the very first dress that Lizzie sewed for her Lady renewing an old cut with new details and artistic decorations for attending the Inaugural Ball at the White House (in the colored photograph that follows you can observe it as it was in its time, in a rather bright rose): it must be sayd that when they arrived in Washington the Lincolns were not very wealthy and Mrs.Mary's wardrobe was pretty limited, so she had a great deal of necessity of a dressmaker, but above all of one that was not very pretentious and Elizabeth was not pretentious at all !


This is the dress with which the new First Lady, Mrs Mary Todd Lincoln, took part in the White House Settlement Ceremony



Elizabeth

[ ...] little by little found out that Mrs. Lincoln preferred to dress in white, but she also loved pink, violet, deep yellow, purple and blue. She liked wearing pearls on her skin and flowers in her hair, and she preferred deep necklines with short sleeves to show her neck and shoulders she was proud of, ignoring any comments, whispered in a half, on the fact that such a style was suitable for younger women. 3 

During the Winter of Secession, Elizabeth's activity had diminished because many of her best clients had gone to the South, but with the arrival of Spring her deal of work resumed. Meanwhile, Mrs. Lincoln had exhibited many creations of hers at various White House receptions, and suddenly Elizabeth found herself to be the most famous and sought after mantua seamstress of Washington's Unionists.

Below I'm showing you the details of some of Elizabeth's dresses created for Mary Lincoln, I say a few, because since her consort became president and for the duration of her settlement at the White House, the dress which were sewed by her beloved Lizzie were so, so many - think that only during the Spring of 1861 she sewed 15 suits !




Mrs. Lincoln did not have a very easy character, she was perhaps a bit capricious, with a changeable, humorous mood, but she loved her seamstress so much that she became her very best friend, and Lizzie could bear her bizarre temper knowing that she was, anyway, a good-hearted woman whose destiny began to hit her hardly in August 1862, when for the second time she lost a son, her beloved Willie, struck by a cold that led him to carry very high fevers for a long time, till weakens and to surrender finally to death at the age of only 12 years; Mary Lincoln re-lived the years of distress when comsumption brought to death her second son, Eddie, who died right amongst her arms just twelve years before, but perhaps this time it was even harder to find the strength to recover ... even though she had the support of her beloved friend and husband the passing of time brought them all to despair that she would have regained her health.

It took almost about a couple of years for her to recover her verve, but the whimsical component of her character did not improve, indeed, she increasingly found herself spending money at the shops for tailor-made finishes to the point of accumulate insurmountable debts, which the president never came to know, and even in this case, poor Lizzie tried to offer her her modest economic aid, but the debt surpassed $ 27,000, a sum even higher than the annuity reserved for the president!

And when the war, after bloody battles, came to its epilogue and all seemed to end in joy, Mrs Lincoln suddenly became a widow after the unthinkable murder of her husband.

This was the beginning of the end for her, who, increasingly burdened by debts which were struggling more and more to keep secret, had to leave the White House to leave the place for the Johnsons, the newcomers, to go to Chicago, before and then to New York, with her Lizzie, whom she had become inevitably dependent on, and, together with her, the poor Robert and Tad, the only sons who the Lord had left her... this was Mrs Lincoln's family !

But malicious people soon spread rumors about the debts of the former First Lady to which they added notes of blame about the disastrous state in which she had, in their view, left the environments at the White House, since the Johnsons founded looted rooms and damaged furniture: after the absence of the Lincolns there have been probably visitors who committed vandalous acts that by mistake were attributed to the whims of Mrs. Mary, who had to endure tribulations even to get the money that was due to her because of her husband's death and she did not even get that about the year just begun, so that the amount she eventually realized left her in misery ... the debts were further multiplied and even the wealthy friends of her husband whose support she asked for did not respond to her appeals ... Mary Lincoln ended up becoming an increasingly desperate woman and victim of self-pity especially for the opinion that, she understood it, people had of her.

In mid-June 1866 Elizabeth decided to come back to Washington, accompanied by the best wishes of her friend: the business left in the hands of her two helpers couldn't wait for her any longer ...

By the end of the Summer the activity had developed to such an extent that Elizabeth had to open a second shop. The close correspondence with Mrs Lincoln revealed that things were far less good for her. 5 

... to such a point that she finally found herself forced to sell the big trunks with the kit that Elizabeth had sewed her if she and her children wanted to survive.
And then Lizzie came back to New York to help her, there was nothing she couldn't do for her, every time she needed her help:

«All the others have abandoned her except for her children. [...] One should not wonder why I help her so much, indeed why so many others help her so little».
Mrs. Lincoln was the wife of the "great emancipator," the martyr president who had done so much for their breed. How could Elizabeth refuse to do something to help her? 6 

When she reached her and found her with a run-down appearance - she lived in company with so many concerns  - she was led to a very low-class inn where she was staying at the time ( but with a person of color she had to stay with her in a room at the last floor):

When they came to their destination, and the bellman opened the doors of their rooms, the seamstress could not tell who was feeling more uncomfortable. They had received small, dingy rooms, poorly furnished, in the attic for the servants who smelled of dust, damp and sweat. 7 

For sure, Mrs Lincoln couldn't afford to do better and couldn't count on anyone's help and consideration because she was travelling under Mrs Clarke's pseudonym to hide the shame she lived in and from where Elizabeth was desperately trying to raise her by telling her old clients, who were the wives of Lincoln's friends, the miserable conditions of life of the former president's wife and of how badly the government was treating her: Elizabeth did not like the lies Mrs Lincoln lived in even though they were about to hide the embarrassment and humiliations she could have felt otherwise by telling who she really was.

During this time of her life, Elizabeth Keckley really came to realize what a feeling of sincere and deep friendship was linking her to Mary, she arrived to the point to neglect her work completely, loosing thus a well-established clientele, to fight alongside with her friend, coming to write her own memories in the extreme attempt to rehabilitate her ... yes, because despite it was illegal for slaves to learn to read and to write, Lizzie's masters did not prevent her from doing so and she earned I do not say a culture but a certain mastery of the language, certainly uncommon for those who had lived in her same conditions.


And it will be just this book, once published, to permanently separate these two women which nobody and nothing before never succeeded to keep apart: Elizabeth's ingenuity prompted her to leave the letters Mrs Lincoln had sent her and that she had jealously kept at MrJames Redpath, a friend of Frederick Douglass who worked at the publishing house GW Carleton & Company, who had not only spurred her on writing her memoirs, but also helped her by correcting her drafts; she gave him the letters in the exclusive attempt to make him fully enter the intimacy of the relationship that had been born, but he, taken from the grip of making something that caused a sensation, put the letters in the appendix, omitting only some details that he considered particularly compromising.

When Elizabeth read the book and found these writings she realized that she would be misunderstood in her meaning and also realized that in the very moment in which the book was published she had completely lost Mrs. Lincoln.

They were vain and without any answer the countless attempts that Elizabeth used to explain to the former First Lady and to apologize, trying to recover her esteem and friendship, and if things for the latter seemed to get better thanks to the government's recognition of the 70's, in the Summer of 1872 she also lost Tad, the minor child she had ... after the misery, this second loss finally put her in madness so much that Robert, the older son, already married, decided to internate her in a psychiatric hospital, since for her every hope was now out of the question.

As for Lizzie, now it was her to make the experience of misery - back to Washington there were few customers who required her work and in the meantime fashion had also changed - of the inner solitude, of the fear of being accomplice of the state in which Mrs. Lincoln was living her days, feeling so much impotent - no one could help her anymore ....


The book she had written didn't give her any money, indeed, such a lot of money was thrown into the wind, it was not much required (later she learned that Robert had bought all the copies he found on the market and had burned them) and further fed the pot both for Mary Lincoln and Elizabeth, since she was considered a liar, no one believed even her identity, everyone believed that a former slave was not even able to write.

She had reached the age of 75 when she was proposed by the bishop of the Ohio College where her George studied many years before (he was one of the countless victims of the Civil War, poor Elizabeth!) to teach the art of sewing and of the household economy to the girls who attended the courses at that time, but even not being completely convinced of being up to that task, Elizabeth accepted and received satisfactions from that experience: reaching that age she could begin to draw the sums on her life lived until then ...

Those young women, and the apprentices she had formed and advised in Washington, and the blacks escaped or enfranchise to whom she had provided the rudiments to take care of themselves and their family were her legacy. Their success, independence and security were the most authentic gifts they left the world.
Her most precious heritage was not measured in clothing or words, but in the wisdom she had given, in the existences improved thanks to her intervention.

It was such a shame that everything had to end too soon as a result of a small stroke that caused her to decline her task, and after a short illness Elizabeth Keckley went off in the House for Poor Women and Children in Washington in May 1907: she was 89, while Mary Lincoln had died long ago, in the Summer of 1862, at the age of only 64 ... Lizzie, think, had learned it from the newspapers !




And let me finally recommend you this reading: first of all it is a historical novel, faithful to events, but it's so filled with ancient values and good sentiments to become a book enriching the Spirit, a book that I'm sure you'll read it in a while !





I apologize if I went too far, but I thought this story, for someone of you not known, could be a reason of interest and curiosity and believe me, I could not synthesize it further!

I embrace you as always with warmth and the deepest gratitude,
thank you


see you soon 💕










BIBLIOGRAPHYC SOURCES: 

Jennifer Chiaverini, La sarta di Mary Lincoln, Neri Pozza Editore, Vicenza, 2014.

WIKIPEDIA;

SMITHSONIAN.COM




QUOTATIONS: 

1 - Jennifer Chiaverini, La sarta di Mary Lincoln, Neri Pozza Editore, Vicenza, 2014, p.10; 

2 - Ibidem, p. 10;

3 - Ibid., p. 48;

4 - Ibid., p. 61;

5 - Ibid., p. 303;

6 - Ibid., p. 323;

7 - Ibid., p. 326;

8 - Ibid., p. 382.












Elizabeth era arrivata a Washington senza denaro, né amici, né casa, ma presto aveva trovato lavoro come aiuto sarta per due dollari e mezzo al giorno e aveva preso una stanza in una pensioncina. Aveva deciso quasi subito di mettersi in proprio e si era procurata un'insegna e dei biglietti da visita.

La sua specialità, aveva fatto sapere in giro, erano i mantua: era bravissima a confezionare i corpetti complicati e aderenti per i quali le dame eleganti impazzivano. Poco per volta si era creta un giro di clienti che l'avevano raccomandata alle amiche.1 




- fotografia 1




Nata in una famiglia piuttosto facoltosa del sud, Elizabeth Keckley fu venduta come schiava da bambina e riuscì dopo 37 anni di schiavitù a comprarsi la libertà avendo racimolato la somma di 1200 dollari cucendo abiti per le schiave e per le signore del luogo ed essendo retribuita dal suo padrone un tanto al pezzo.
Andò così già definendosi quella che sarebbe divenuta la sua arte, quella del cucito, arte che praticava con estrema passione ed abilità, tanto da riuscire in poco tempo a farsi un nome nel centro di Saint Louis e poi nella grande Washington, dove si recò nel tentativo di far fortuna.

I mantua, così ricercati al tempo, così complicati da creare perché dovevano calzare alla vita con perfezione estrema, quasi come una seconda pelle, erano la sua arma vincente, ne cuciva moltissimi con una mano esperta ed altamente precisa.




- fotografia 2 - May 1860 Peterson's Magazine




Proprietaria di nulla, senza un tetto proprio, albergava presso la pensione gestita da Mrs Virginia Lewis in una zona alto borghese della città riservata a persone di colore, ed aveva nel suo cestino da lavoro, fedele compagno con gli attrezzi del mestiere, il vero, solo, autentico tesoro che possedeva, poiché le consentiva di mantenere agli studi il suo unico figlio, George, studente presso l'Università di Wilberforce in Ohio.



- fotografia 3 - Elizabeth Keckley fotografata non appena raggiunse Washington




Pochi giorni prima che Lincoln fosse eletto presidente, nell'ottobre del 1860, Elizabeth confezionò un abito per la moglie di un ufficiale di cavalleria, un certo colonnello Robert E.Lee«Non badate a spese» aveva detto il colonnello a Elizabeth consegnandole cento dollari destinati all'acquisto di pizzi, bottoni e fiocchi per il vestito della consorte. Elizabeth era stata ben felice di obbedire, e quando Mrs Lee aveva sfoggiato l'abito ad una cena privata alla Casa Bianca in onore del principe di Galles, le altre signore presenti, colpite dalla sua bellezza e dal taglio perfetto, si erano affrettate ad accaparrarsi Elizabeth. 2 


Non trascorsero molti giorni prima che ella cominciasse a lavorare per Varina Davis,




- fotografia 4 - Cameo con una miniatura raffigurante Varina Davis




moglie del senatore del Mississippi Jefferson Davis: nell'ambiente della loro abitazione Elizabeth trovava sempre un'atmosfera accogliente e casalinga, quasi famigliare, si sentiva a proprio agio con i Davis che le stavano dando moltissimo lavoro, ma con il fermento che serpeggiava in città dopo l'elezione di Lincoln a presidente, animato da contrastanti opinioni circa il mantenimento della schiavitù, i Davis progettarono di trasferirsi in Alabama e di portare Elizabeth con loro; ella, anche se lavorava da tre mesi per loro e stava guadagnando molto - Mrs Davis era decisamente ambiziosa - e nutriva dell'affetto per tutti loro, non voleva abbandonare i propri amici e soprattutto il nord dove, pensava, con la minaccia di una guerra civile imminente, la gente di colore sarebbe stata forse più al sicuro.

Con il gennaio del 1861 i Davis lasciarono definitivamente Washington e gli stati del Sud accolsero l'ex senatore Jefferson Davis eleggendolo presidente della Confederazione 
( Sudista ) e Mrs Varina divenne così la prima First Lady del Sud.


Conosciuta per caso Mrs Lincoln proprio poco tempo prima del suo insediamento con il marito e la famiglia alla Casa Bianca, Elizabeth si trovò a condividere gli sfarzi e l'opulenza degli ambienti presidenziali, mentre entrò sempre più in intimità con la moglie del XVI° presidente degli Stati Uniti ... quale miglior vessillo antischiavista poteva esistere se non quello di mostrarsi a fianco di una amica di colore !




- fotografia 5 - La famiglia Lincoln fotografata con la Casa Bianca alle loro spalle.




Furono quelli che seguirono mesi, anzi, anni governati da un rapporto davvero unico: quella che era nata tra Mary Lincoln ed Elizabeth Keckley non era una relazione che può intercorrere tra amiche comuni, Lizzie, come la chiamava amorevolmente la sua Lady, era divenuta la vera e propria confidente della consorte di Abraham Lincoln, colei che custodiva intimi segreti che nessuno sapeva, che ella a nessuno osava confessare, perché confidava nella più profonda lealtà della sua sarta, divenuta la sua migliore amica .... e non si sbagliava.


Questo il primissimo abito che Lizzie le confezionò, rinnovando un vecchio taglio con nuovi dettagli ed artistici decori per presenziare al Ballo Inaugurale alla Casa Bianca ( nella fotografia colorata che segue lo potete osservare come era a suo tempo, di un rosa piuttosto acceso ): va detto che quando giunsero a Washington i Lincolns non erano molto facoltosi ed il guardaroba di Mrs Mary era piuttosto sguarnito, per cui di una sarta aveva di certo grande necessità, ma soprattutto di una che non fosse molto pretenziosa ed Elizabeth non lo era per certo !




- fotografia 6 e fotografia 7 - Questo l'abito con cui la neo First Lady, Mrs Mary Todd Lincoln prese parte alla cerimonia d'insediamento alla Casa Bianca





Elizabeth 

Pian piano scoprì che Mrs Lincoln preferiva vestirsi di bianco, ma che amava anche il rosa, il rosso porpora, il giallo intenso, il viola e il blu. Le piaceva portare perle sulla pelle e fiori tra i capelli, e prediligeva scollature profonde con abiti a maniche corte per mostrare il collo e le spalle di cui andava fiera, ignorando i commenti, bisbigliati a mezza voce, sul fatto che uno stile del genere fosse adatto a donne più giovani. 3 

Durante l'inverno della secessione l'attività di Elizabeth era diminuita, perché molte delle sue migliori clienti erano partite verso sud, ma con l'arrivo della primavera anche il lavoro riprese. Nel frattempo Mrs Lincoln aveva sfoggiato molte sue creazioni a diversi ricevimenti alla Casa Bianca, e a un tratto Elizabeth si trovò ad essere la sarta di mantua più celebre e ricercata tra le unioniste di Washington. 4 


Qui di seguito vi mostro i dettagli di alcuni di quegli abiti che Elizabeth confezionò per Mary Lincoln, dico alcuni, poiché da che il suo consorte divenne presidente e per tutta la durata del suo insediamento alla Casa Bianca, ogni suo abito era cucito dalla sua adorata Lizzie - pensate che solamente durante la primavera del 1861 ne confezionò 15.




fotografia 8


- fotografia 9


- fotografia 10




Mrs Lincoln non aveva un carattere molto facile, era forse un po' capricciosa, di umore mutevole, vezzosa, ma amava a tal punto la sua sarta, che divenne la sua migliore amica, e Lizzie sopportava le sue bizzarrie sapendo che si trattava comunque di una donna di buon cuore cui il destino, cominciò con lo sferrare un duro colpo nell'agosto del 1862, quando per la seconda volta perse un figlio, il suo amato Willie, stroncato da un raffreddore che lo condusse a portare febbri altissime per lungo tempo, ad indebolirsi per poi infine arrendersi alla morte all'età di soli 12 anni; Mary Lincoln rivisse lo strazio di dodici anni prima quando la tubercolosi le strappò dalle braccia il suo secondogenito, Eddie, ma forse questa volta era ancor più difficile trovare la forza per riprendersi, anche se aveva accanto il sostegno dell'amica e del marito che con il trascorrere del tempo giunsero a disperare che si sarebbe ripresa.

Ci vollero circa un paio di anni perché ella recuperasse la sua verve, ma la componente capricciosa del suo carattere non migliorò, anzi, sempre più spesso si trovò a lasciarsi andare nel fare acquisti presso modisterie e negozi che vendevano rifiniture per sarte giungendo ad accumulare debiti insormontabili di cui il presidente mai venne a conoscenza ed anche in questo caso la povera Lizzie cercò di offrirle il suo, seppur modesto, aiuto economico, ma il debito sormontava i 27.000 dollari, una cifra persino superiore al vitalizio annuale riservato al presidente !

E quando finalmente la guerra, dopo sanguinose battaglie, giunse al suo epilogo e tutto sembrò concludersi in letizia, Mrs Lincoln si trovò improvvisamente ad essere vedova, dopo l'impensabile, ormai, assassinio del marito.




- fotografia 11 sulla sinistra - Mary Lincoln in lutto dopo la morte del marito




Fu questo l'inizio della fine per lei che, sempre più gravata da debiti che a stento cercava di mantenere segreti, dovette abbandonare la Casa Bianca per lasciare il posto ai Johnsons, i nuovi arrivati, per recarsi a Chicago, prima e poi a New York, con la sua Lizzie, dalla quale era ormai divenuta inevitabilmente dipendente, sempre al suo fianco, insieme con i poveri Robert e Tad, i soli figli che le erano rimasti.
Ma le malelingue diffusero presto le voci circa i debiti della ex First Lady alla quale aggiunsero note di biasimo circa lo stato disastroso in cui aveva, secondo loro, lasciato i locali della Casa Bianca, da che i Johnson trovarono i vani saccheggiati ed i mobili danneggiati: dopo l'assenza dei Lincolns vi erano stati probabilmente dei visitatori che compirono atti vandalici che per errore furono attribuiti ai capricci di Mrs Mary la quale dovette sopportare tribolazioni anche per ottenere il denaro che le spettava data la morte del marito e non ottenne neppure quello relativo all'anno appena cominciato, per cui la cifra che realizzò alla fine la lasciò comunque in miseria ... i debiti si erano ulteriormente moltiplicati e persino gli amici facoltosi del marito ai quali chiedeva sostegno non rispondevano ai suoi appelli ... Mary Lincoln finì per divenire una donna sempre più disperata e vittima dell'autocommiserazione soprattutto per l'opinione che, comprendeva, la gente si era fatta di lei.

A metà del giugno del 1866 Elizabeth decise di rientrare a Washington, accompagnata dai migliori auguri da parte della sua amica: la sua attività lasciata in mano alle sue due aiutanti non poteva attenderla oltre ...

A fine estate l'attività si era sviluppata a tal punto che Elizabeth dovette aprire una seconda bottega. La fitta corrispondenza con Mrs Lincoln rivelava che per lei le cose andavano molto meno bene. 5 

... a tal punto che si trovò infine costretta a vendere i grossi bauli con il corredo che le aveva cucito Lizzie se voleva riuscire a sopravvivere.





Ed allora la sua Lizzie la raggiunse nuovamente a New York per aiutarla, non vi era nulla che non potesse fare per lei, ogni qual volta ella invocava il suo aiuto:




- fotografia 12 sulla destra - Elizabeth Keckley fotografata in prossimità della mezza età




«Tutti gli altri l'hanno abbandonata ad eccezione dei suoi figli [...] Non bisognerebbe chiedersi perché io l'aiuti tanto, ma perché tanti altri l'aiutino così poco». Mrs Lincoln era la moglie del "grande emancipatore", il presidente martire che aveva fatto tanto per la loro razza. Come poteva Elizabeth rifiutarsi per fare qualcosa per aiutarla? 6 

Una volta raggiuntala e trovatala dall'aspetto decisamente sciupato - le preoccupazioni non mancavano di certo a farle compagnia - fu da lei condotta in una locanda di terz'ordine dove al tempo alloggiava (ma con una persona di colore si doveva spostare all'ultimo piano e stare con lei):

Quando arrivarono a destinazione, e il fattorino aprì le porte delle loro stanze, la sarta non avrebbe saputo dire chi restò più interdetta. Avevano ricevuto camere piccole, squallide, scarsamente ammobiliate, nella soffitta destinata ai servitori che puzzava di polvere, umido e sudore.

Certo, Mrs Lincoln non poteva permettersi di meglio ed inoltre non poteva contare sul rispetto di nessuno poiché viaggiava sotto lo pseudonimo di Mrs Clarke per nascondere la vergogna in cui viveva e da cui Elizabeth cercava disperatamente di sollevarla raccontando le miserrime condizioni in cui versava la moglie dell'ex presidente, di come era stata malamente trattata anche dal governo alle sue vecchie clienti che erano le mogli dei conoscenti di Lincoln, così brutalmente assassinato: Elizabeth non amava le menzogne anche se erano volte a nascondere l'imbarazzo e le umiliazioni cui il suo stato la sottoponevano.

Durante questo periodo della sua vita Elizabeth Keckley diede realmente prova di cosa sia un sentimento di amicizia sincera e profonda, poiché giunse persino a trascurare del tutto il suo lavoro, perdendo anche un'affermata clientela, per lottare a fianco della sua Amica, giungendo a scrivere le proprie memorie nel tentativo estremo di riabilitarla ... sì, perché nonostante fosse illegale insegnare a leggere e a scrivere agli schiavi, i padroni di Lizzie non le impedirono di farlo, ed ella acquistò non dico una cultura, ma una certa padronanza della lingua, di sicuro non comune per chi aveva vissuto nelle sue stesse condizioni.




- fotografia 13 - Elizabeth Keckley in età matura




E sarà proprio questo libro, una volta pubblicato, a separare definitivamente queste due donne che mai nulla aveva allontanato l'una dall'altra: l'ingenuità di Elizabeth la indusse a consegnare le lettere che Mrs Lincoln le aveva spedito e che ella aveva gelosamente conservato a Mr James Redpath, amico di Frederick Douglass che lavorava presso la casa editrice G.W Carleton & Company, che l'aveva non solo spronata a scrivere le sue memorie, ma che l'aiutava anche correggendo le sue bozze; ella gli consegnò le lettere nel tentativo esclusivo di farlo entrare pienamente nell'intimità del rapporto che era nato, ma questi, preso dalla foga di far pubblicare qualcosa che facesse scalpore, mise in appendice le lettere, omettendo solamente alcuni dettagli che riteneva particolarmente compromettenti.

Quando Elizabeth lesse il libro e trovò questi scritti capì di essere stata fraintesa e capì anche che nel momento in cui aveva consegnato il plico al giovane James aveva del tutto perso Mrs Lincoln.

Vani e senza alcuna risposta furono gli innumerevoli tentativi epistolari cui Elizabeth ricorse per spiegare l'accaduto alla ex First Lady e per scusarsi, cercando di recuperare la sua stima e la sua amicizia, e se le sorti per quest'ultima sembrarono risollevarsi dati i riconoscimenti governativi degli anni '70, nell'estate del 1872 ella perse anche Tad, il figlio minore che le era rimasto ... dopo la miseria, quest'ennesima perdita la gettò definitivamente nella follia tanto che Robert, il figlio maggiore, già maritato, decise di internarla in un ospedale psichiatrico, per lei ogni speranza era ormai vana.


Quanto a Lizzie, ora toccava a lei fare esperienza della miseria - tornata a Washington poche erano le clienti che richiedevano il suo lavoro e nel frattempo la moda era altresì cambiata - della solitudine interiore, del timore di essere complice dello stato in cui versava Mrs Lincoln, dell'impotenza più totale - nessuno poteva più aiutarla ....  




- fotografia 14 - Frontespizio del libro dal titolo "Behind the Scenes"





Il libro che aveva scritto non le diede alcun guadagno, anzi, furono soldi gettati al vento, non fu molto richiesto (più tardi venne a sapere che Robert aveva acquistate tutte le copie in commercio e le aveva fatte bruciare) ed alimentò ulteriormente l'astio nei confronti sia di Mary Lincoln che della stessa Elizabeth, poiché le sue erano considerate menzogne, nessuno credeva neppure alla sua identità, era opinione diffusa che una ex schiava non fosse capace neppure di scrivere.


Aveva raggiunto i 75 anni di età quando le fu proposto dal Vescovo del college in Ohio in cui studiava molti anni prima il suo amato George ( fu uno delle innumerevoli vittime della Guerra di Secessione, povera Elizabeth !) di insegnare l'arte del cucito e dell'economia domestica alle ragazze che frequentavano i corsi allora, ma pur non essendo del tutto convinta di essere all'altezza di tale compito, Elizabeth accettò e trasse anche soddisfazioni da tale esperienza: raggiunta quell'età poteva cominciare a tirare le somme sulla sua vita fino ad allora vissuta ...


Quelle giovani donne, e le apprendiste che aveva formato e consigliato ai tempi di Washington, e le nere fuggite o affrancate cui aveva fornito i rudimenti per prendersi cura di sé e della loro famiglia erano la sua eredità. La loro riuscita, indipendenza e sicurezza erano i doni più autentici che lasciava al mondo.
Il suo retaggio più prezioso non si misurava in indumenti o parole, ma nella saggezza che aveva impartito, nelle esistenze migliorate grazie al suo intervento.



Peccato che tutto dovette concludersi troppo presto di conseguenza ad un piccolo ictus che la indusse a declinare l'incarico e dopo una breve malattia, Elizabeth Keckley si spense nella Casa per donne e bambini di colore poveri a Washington nel maggio del 1907: aveva 89 anni, mentre Mary Lincoln era deceduta molto tempo prima, nell'estate del 1862, all'età di soli 64 anni ... Lizzie, pensate, lo aveva appreso dai giornali !




E lasciate che infine vi consigli questa lettura: va detto che a tutta prima si tratta di un romanzo storico, fedelissimo agli eventi, ma è intriso di valori antichi e di buoni sentimenti, è un libro che si legge tutto di un fiato, e, credetemi, arricchisce lo spirito !




Mi scuso se mi sono dilungata troppo, ma pensavo che questa storia, di certo poco conosciuta, potesse essere motivo di interesse e curiosità e credetemi, 
non ho potuto riassumerla ulteriormente !

Vi abbraccio come sempre con calore e riconoscenza, 
grazie a voi tutti


a presto 💕










BIBLIOGRAFIA: 

Jennifer Chiaverini, La sarta di Mary Lincoln, Neri Pozza Editore, Vicenza, 2014;

WIKIPEDIA;

SMITHSONIAN.COM



CITAZIONI: 

1 - Jennifer Chiaverini, La sarta di Mary Lincoln, Neri Pozza Editore, Vicenza, 2014, pag.10; 

2 - Ibidem, pag. 10;

3 - Ibid., pag. 48;

4 - Ibid., pag. 61;

5 - Ibid., pag. 303;

6 - Ibid., pag. 323;

7 - Ibid., pag. 326;

8 - Ibid., pag. 382.





LINKING WITH: