venerdì 20 gennaio 2023

HISTORY OF FASHION ~ Early Victorian Winter Mantelet or Mantlet



Two young Victorian ladies wearing mantlets according to 1850s fashion




WHAT IS A MANTLE CLOTHING

Coats can have many names, but similar terms like mantles and mantelets are confusing. A mantle was originally a long flowing cloak without sleeves that developed into a capacious coat. A mantle would be at least three-quarter length to floor length. 


A Victorian Lady wearing a mantle


A mantelet is a shorter coat with cloak or wrap like qualities often emanating from interestingly devised sleeves or illusion of sleeves.  Mantelet can be spelt mantlet.
The early mantelet or mantelet, mantles clothing of 1730 began life as a simple silk or taffeta cape with a scarf-like formation. It had longer front points that passed and crossed to the waist, often being able to be passed to the back. It came back into favor in various similar forms in the late 1820s, but then the scarf ends reached the knees and sometimes it was called a pelerine.
It remained popular as a scarf like form until the 1840s when it was somewhat supplanted by a fashion for fine wool shawls.
Then, in the 1850s, it revived as a dominant style trend, becoming a fashion garment in its own right, a true style staple that changed the value of the clothes worn underneath and gave the finishing touch to the silhouette.



VICTORIAN MANTLETS

In the early and mid-Victorian era, the mantlet appeared as a harmonious garment, perfectly balanced in length between front and back.
Later it will lose this harmony and will, in fact, become longer to fan out on the hips in order to embrace the dome of the skirts with crinoline which had become wider. Over time the mantlet evolved to become almost a half-jacket with full sleeves, as the arrival of the bustle induced it to become much shorter at the back, often breaking off at the waist, and developing drapes or tails that parted radially or spread out separately above the skirt. The back was invariably different than the front view: sometimes it had longer back tails and a short front and other times it had longer front tails and a shorter back.
In the late Victorian era there will be two main styles of mantlet and what set them apart was how the sleeve area was handled. In both models the sleeves existed, but sometimes they appeared as if they were an illusion: in the first case the sleeve was very evident and was defined as a DOLMAN, it was cut wide and generous especially very wide towards the wrist; 


in the second case it blended in with the drapes of the mantlet.



In late Victorian times, when worn with tonally suitable dress and thus part of a visiting dressing gown, the mantlet will be referred to as a VISITING MANTLET.




As for the fabrics most used for this lovely garment, the tailors made use of smooth velvet, plush cloth, broadcloth and corduroy.
All mantlets were richly trimmed with decorations and borders that changed with the fluctuating styles, personal tastes and, as mentioned above, according to the fullness of the skirts; they were often adorned with contrasting moiré, fur, bands of velvet. They could also be finished with macrame fringe and lace appliqués, used to add a touch of elegance and lightness.







IMAGES
All the sketches published in this post were taken from Le Moniteur De La Mode of April 1850 and an advertisement for Sewell and Comp Soho, London of 1852.


In the hope You've enjoyed the time we spent together today, 
with sincere thankfulness I'm sending my dearest hug to You,  
Dearest Readers and Friends of mine!
See you soon 








STORIA DELLA MODA ~ Mantlets invernali del primo periodo vittoriano


IMMAGINE DI COPERTINA - Due giovani ladies vittoriane che indossano mantles seguendo i dettami della moda degli anni '50 del 1800


IL MANTELLO

I cappotti possono avere molti nomi, ma termini simili come mantelli e mantelline creano, ancora oggi, confusione. Il mantello era originariamente una lunga cappa fluttuante senza maniche che si trasformava in un generoso cappotto e, generalmente, doveva essere lungo almeno tre quarti rispetto alla statura di chi lo vestiva. 


IMMAGINE 2 - Giovane donna vittoriana con mantello


Un mantelet o mantlet  era un capo più corto, svolazzante o avvolgente, qualità che spesso si coniugavano con la creazione di maniche ideate in modo interessante e personalizzato. 
I primi mantlets furono creati nel 1730 come semplici mantelli di seta o taffetà ed avevano il taglio simile ad una sciarpa. Avevano punte anteriori più lunghe che raggiungevano la vita e si incrociavano e potevano spesso essere passate dietro la schiena. Il mantlet tornò in auge in varie forme simili alla fine del 1820, quando le estremità della sciarpa arrivarono fino alle ginocchia e talvolta, in quel caso, veniva chiamata pellerine. Rimase popolare come sciarpa fino al 1840, quando fu in qualche modo soppiantata dalla moda per gli scialli di lana fine.
Quindi, nel 1850, riprese vita come tendenza di stile dominante, diventando un indumento di moda a sé stante, un vero punto di forza dello stile che mutava il valore degli abiti indossati sotto e che conferiva il tocco finale alla silhouette.


IL MANTLET  VITTORIANO

All'inizio e a metà dell'era vittoriana il mantlet  appariva come un capo armonioso, perfettamente bilanciato, quanto a lunghezza, tra davanti e dietro. 
In seguito perderà questa armonia e diventerà, infatti, più lungo per aprirsi a ventaglio sui fianchi onde abbracciare la cupola delle gonne con crinolina che si era fatta più ampia. Col tempo il mantlet si è evoluto fino a diventare quasi una mezza giacca con maniche ampie, perché l'arrivo del bustle lo ha indotto a farsi molto più corto posteriormente, troncandosi spesso all'altezza della vita, e sviluppando drappeggi o code che si aprivano a raggiera o si allargavano separatamente sopra la gonna. La parte posteriore era invariabilmente diversa rispetto alla vista frontale: a volte aveva code posteriori più lunghe e una parte anteriore corta e altre volte aveva, invece, code anteriori più lunghe e una parte posteriore più corta.
Nell'era tardo vittoriana esisteranno due stili principali di mantlet e ciò che li distingueva era come veniva gestita la zona della manica. In entrambi i modelli le maniche esistevano, ma a volte apparivano come se non ci fossero: nel primo caso  la manica era molto evidente ed era definita DOLMAN, era tagliata ampia e generosa soprattutto molto larga verso il polso; 


IMMAGINE 3 - Mantlet con maniche a DOLMAN


nel secondo caso si confondeva con i drappeggi del mantlet e creava un EFFETTO ILLUSIONE.


IMMAGINE 4 - Mantlet con maniche ad EFFETTO ILLUSIONE


In epoca tardo vittoriana, quando veniva indossato con un abito tonalmente adatto e quindi parte di una toilette da visita, il mantlet verrà chiamato MANTLET DA VISITA.


IMMAGINE 5 - MANTLET DA VISITA


Quanto ai tessuti più utilizzati per questo grazioso capo di vestiario, le sartorie si valevano di velluto liscio, di panno felpato, di panno pettinato e di velluto a coste.
Tutti i mantlets erano riccamente rifiniti con decorazioni e con bordi che mutavano con il fluttuare degli stili, dei gusti personali e, come detto sopra, in accordo con l'ampiezza delle gonne; spesso erano ornati con moiré a contrasto, pelliccia, bande di velluto. Potevano anche essere rifiniti con frange in macramè e con applicazioni in pizzo, utilizzati per aggiungere un tocco di eleganza e di leggerezza. 


IMMAGINE 6 ED IMMAGINE 7 - Raccolta di figurini per mantlets in vari stili



IMMAGINI
Tutti i figurini selezionati e pubblicati in questo post sono stati tratti da Le Moniteur De La Mode dell'aprile 1850 e da una pubblicità per Sewell e Comp Soho, London del 1852.


Nella speranza che abbiaTe gradito il tempo trascorso insieme oggi,
con sentita gratitudine Vi invio il mio più sincero abbraccio,
miei Cari Amici e Lettori!
A presto 








LINKING WITH:









giovedì 12 gennaio 2023

Fanny & Stella ~ The Young Men who shocked Victorian England



Sisters. Side by side and shoulder to shoulder. Sisters for better and for worse.


All Cracks are found so full of Ails


A New Society prevails


Call'd Sodomites; Men worse than Goats


Who dress themselves in Petticoats.”


John Dunton, The He-Strumpets, A Satyr on the Sodomite-Club,17071



It was the evening of Thursday, April 28th, 1870, when, with an elegant step, they approached the recently restored Strand Theater in London - able to hold a thousand people now - two young ladies who left all the bystanders, chatting while waiting for the the beginning of the show, simply breathless: the men turned their head to admire the class with which they exhibited their jewels, their elaborate clothes, their curly hairstyles with which they strongly perfumed the air they left behind them, and expressed with a smile their consent and their complacency; the women felt almost embarrassed because, even in their evening researched toilets, they felt themselves to be inferior in their appearance.


The Royal Strand Theatre in London just restored



Three gentlemen who knew them well and aspired to their company awaited them on a reserved stage.
Miss Stella Boulton and Mrs Fanny Graham were two actresses of operettas and burlesque and they were going to become the stars of the firmament of that Spring evening. They were linked by a special, uncommon relationship, an affection similar to the one that links two sisters and by a destiny who had wanted both of them to be born of the wrong sex, indeed, of a 'new sex' since they were neither men, nor women: they were part of those who at the time were called Mary-Annes, or He-She Ladies...
They were men, but had feminine features, feminine voices and tastes and didn't feel to be men at all... that's a disease called hermaphroditism...

These men appeared to be very unfortunate,
for whenever they dressed in men's clothes they
were always taken for women, and when they were
attired in the sex of the fair sex, they were always
taken for men. Under such unfortunate 
circumstances what were they to do? 

Extraordinary Revelations 2


But Victorian Londoners didn't look at them as disadvantaged, ill-fated, suffering people: for well-to do persons they were sodomites.
And it wasn’t certainly an easy life people belonging to this category found themselves to live, since the law of the time, imbued with Puritan moralism, not only did not accept who violated God's Law, but judged them to life imprisonment, to forced labor, and sometimes even hanged them: there was no need to catch also those who did street life red-handed, there was always something that betrayed the appearance or the attitudes of these effeminate men who chose to lead the feminine life and the more experienced policemen knew it, and did not let them escape: they led them into a jail and, after a night spent in cell and a careful examination carroied on their body too which had to confirm or not the suspicions of who had arrested them, if they were judged guilty, a date was set for the trial that would have taken place months and months later.
Sodomy was severely condemned and those who practiced it, although taking all the precautions necessary to act far from the eyes of ordinary people, if discovered, had no peace.
And so it happened also to these two poor... 'wrong' creatures that tried anyway to get by and, at the end of a tortuous path, sometimes not free from troubles and tears, they had managed to accept their nature to lead a life as much dignified as possible.
They were staying in one of the rooms that Miss Martha Stacey rented at her 'lodging house' in Wakefield Street, 
Bloombsbury, one of those hotels where orphans and destitutes were sheltered, and where those who led a job that contrasted the current morality could find a discreet place.
And therefore the success of these "graceful young girls" lasted very little, they precipitated from the height of consensus in the social sphere to the scandal becoming those who shocked Victorian London.
That very same evening, on leaving the theater, they were in fact arrested and, while, between sobs, they awaited among the unhealthy walls of the prison for the night to pass begging for clemency to Heaven, the detective Chamberlain, who had noticed them and watched them for days, profaned their room by taking their possessions, the things they dearly guarded and their mises, which they used for the life they personified not only on the stage, but also among the people, for that life they pretended in reality.


~ Stella ~


Ernest Boulton was born in the cold December of 1848 and immediately showed a certain fragility of constitution and a delicacy of temperament, traits poorly suited to the male sex, but his mother, Mary Ann, loved this first-born of hers so graceful, able to sing before speaking, with a prestigious soprano voice, and ambitious to dress feminine clothes to impersonate female roles, thus demonstrating an early propensity for acting. She saw him different from the other children of his age, but this diversity made him even much more valuable than them.
Ernest was truly exceptional, he wanted to sing and act and this was the future he chose as a boy, playing female roles in Shakespearean comedies.
The collapse of the family's economic situation led Mr. Boulton to force his eldest son to find a lucrative job that could support them all, and that was how Ernest became a clark at the London and County Bank, but this arrangement could only be extended to some months, since the boy, little more than eighteen years old, began to deteriorate and completely lose his already weak health.
His parents could do nothing but surrender to the evidence and let their son return to the life he preferred - that of acting - and that was how Ernest gradually became Stella, that Stella that so many men loved to meet secretly in London parks with the complicity of the darkness of the night, that Stella whom people acclamed on the stage, that Stella to whom no one could not fail to throw a flower to.
Mrs Boulton, above all, not only accepted her son’s unusual weakness, but she became an accomplice of his by giving him clothes, buying them for him, sewing them for him and calling him Stella when he met his 'friends' at home.


Fanny ~



Life for Frederick William Park was since ever much more complex and difficult than that of Ernest-Stella despite being born into a wealthy family (his father Alexander was a lawyer): the last of twelve children, he lost his mother at the age of three, three brothers and two sisters of his he never knew and he was raised by the elderly nurse Mary Batson, formerly Mrs William Park’s nurse, at 35 Wimpole Street in what could clearly be called a house fairly completely at the feminine - counting also the servants, there were at least thirteen women, three men and two boys. His father, a successful lawyer, was almost always absent during the day, and, when he was at home, he shut himself up in his own office leaving Frederick, called Freddy, in the company of his older brother Harry and of his sisters. It wasn't easy for Freddy to admit that he had always been Fanny in his heart, several times he tried to deny it even to himself, but his nature was that, he liked being in the company of his sisters, sharing their recreational activities, he loved singing, dancing, acting, and dressing in a curious and eccentric way, above all he was passionate with wearing feminine clothes. He did not accept this diversity of his with serenity, he always felt to be a sort of "ugly duckling" for everyone, but not for Harry. Inexplicably his father chose to educate him at home by their own governess like all the sisters of his while the other male children attended private schools, which persuaded Freddy more and more of his inadequacy as a child and of his lack of masculinity. Once he became a boy, his father wanted him to pursue his own career and sent him to practice at the office of Mr Gepp of Chelmsford, but the more time passed, the more Frederck became effeminate and inadequate to take on the role of a lawyer: theater, that of theater was the way to go for him and he felt himself therefore suited to live the life of the theater as well as the theater in everyday life. And it was thanks to the stage that he met Stella for whom, for years now, he was a steady sister in acting and in life.


BUT LET'S COME BACK TO THE STORY OF THESE VICTIMS 
OF THE DESTINY AND OF THEIR AGE.




The very day after the night of their arrest, Fanny and Stella were taken to the courtroom where there were people who defended them and people who, instead, led to the police station evidences capable of condemning them showing how insulting for the morality of those ages it was that in the streets of London persons of that kind could walk.
There were in fact many young people at that time who lived following these customs, so much so as to constitute a sort of company in London, but between all Stella and Fanny seemed to be just the most unscrupulous, which certainly did not play to their advantage.
You have to know that Stella got even ‘married’ with none other than a Lord, Lord Arthur Pelham-Clinton, the future Duke of Newcastle, a union strongly supported by Mrs Mary Ann who saw in it a definitive arrangement for her son and a cessation of all the chatters which surrounded him. And at first Fanny joined them as a kind of mutual friend, or a "sister-in-law",


Lord Arthur Pelham-Clinton, future Duke of Newcastle is seating on a chair amongst Fanny and Stella (sitting on the floor)



but from Lord Arthur’s confidant, he/she became his lover, which caused the definitive rupture of the relations between the two "sisters", who were reconciled only afterwards, following a Stella disease which led her to a long hospitalization and convalescence.
Everything was forgiven and forgotten.
Fanny and Stella were released in July 1870 without that much fuss was made in the hope that the whole episode was nearly forgotten and with it the degradation that was spreading through the streets of London at night. 
It must be said, that, according to historical records, if in medieval times sodomy was viewed with fear, little by little, with the flowing of the centuries and the acquisition of greater audacity on the part of the modern man who broke himself more and more free from God in implementing his own destiny, it found propagation and practical until it became a widespread phenomenon, even if always condemned, as seen above, both by the law and by the church.

"When, in February and March of 1750 two earthquakes shook London, Thomas Sherlock, the Bishop of London, declared them divine retribuition for the rise of sodomy in the city" 3

almost echoing, with these words of his, the Holy Scriptures where they narrate the tragic episodes occured in Sodom and Gomorrah.
It could therefore be said that what concerned our two He-She Ladies, incriminated more than a hundred year after what was written in the lines of the introduction it was nothing more than a sort of tip of the iceberg: not only wasn't it an isolated phenomenon, but it became the starting point for a form of 'moral cleansing' by the authorities that reached unexpected results.

Exactly one year after that tragic evening in front of the Strand Theater – it  was May 1871  – it began the trial of the two men captured in women's clothes, which, it is clear, were at that time judged guilty, but to the great surprise of all those present, two persons appeared in the courtroom without the slightest hint of femininity, with sideburns, mustaches and masculine clothes, thanks to the "work" of their new lawyer, Mr. George Lewis, whom even the Prince of Wales, finding himself in difficulty for his "amorous affairs", had the opportunity to get in contact with.
Well, in the light of their new appearance, how can the sentence that continued to hang over their heads still stand? These were certainly not the subjects of the dubious morality and of the ambiguous tendencies mentioned in the file concerning them.
And how one could easily suppose, after six days spent listening to doctors, witnesses and examining objects, women's clothes and so on, given the lack of consistency of the thesis that saw the two young He-She Ladies never caught red-handed, Frederick Park (Fanny) and Ernest Boulton (Stella) were declared innocent.
In the meantime the relations between the two friends for life had deteriorated a little, the strong bond that had been linking them for years had cooled and while seeing, in the course of the trial, the jury so intrigued and captured by Ernest-Stella's hermaphroditism, so moved by the testimony of his/her very affectionate mother, Frederick-Fanny became increasingly jealous, so that, when everything was happily concluded, he/she decided to leave London to go to America with his/her brother Harry, their father having died a few months earlier and having therefore both of them received a conspicuous inheritance: the chapter in his/her life that had seen him/her inextricably linked to Stella had ended forever.
It is certain that for the latter, already frail, things were a little more complex: many months had to pass before he/she fully overcame the stress induced by this episode, but once he had completely recovered his/her health, he was able to think again about the theater and he threw himself headlong into work as a man who played female roles.
He met a certain Mr Louis Munro whom he joined in 1872 to create a masculine couple, but, not being able to get rid of his past altogether, which often resurfaced in people's memories, their success struggled to take off, that’s the reason why he was forced to change his name to Ernest Byne to give life to 'The Wonderful Bynes' but the reviews, not always positive, however, played a decisive weight on the future of this duo so much that Munro decided, after a few months, to dissolve the company.
But Stella already had an ace up her sleeve: her brother Gerard would have willingly taken the place of her former partner and the year after Fanny's death - she died at the age of 34, after a long and painful illness surely consequently having contracted syphilis in her youth - that is, in the Spring of 1874, Stella and Gerard arrived in America as 'The Brothers Blair' and for the next 22 years they were on tour in the States to present their ‘drawing-room comediettas’.
It was the year 1903 when Stella became seriously ill with an incurable brain disease, probably due, like it happened to Fanny, to syphilis and at the age of 54 she closed her eyes on this world of ours, after enjoying the full hands of success that she longed for.
She would have liked to see her beloved Fanny once again and even Lord Arthur Clinton, who was wanted at the time of her arrest because he was involved in the trial, and had staged his death, but almost everyone was, after years, certain that it was a false move to preserve intact the good name of his family and then he had perhaps changed his identity to live peacefully in some corner of the New World.

This story that, beyond the news, presents a fresco of an era with its vices, its moral rigor, its etiquette, was taken from the text by Neil McKenna which I highly recommend to all of you since I have found this reading very pleasant, captivating and compelling.



Neil McKenna, 
FANNY & STELLA -
The Young Men Who Shocked Victorian England
Faber & Faber Ltd., London, 2013.





In the hope not to have annoyed You with such a long reading,
I'm sending You all much love.
See you soon ❤  





QUOTATIONS:

1 - Neil McKenna, FANNY & STELLA - The Young Men Who Shocked Victorian England, Faber & Faber Ltd., London, 2013, p.187

2 - Neil McKenna, FANNY & STELLA - The Young Men Who Shocked Victorian England, op.cit. p.12

3 - Neil McKenna, FANNY & STELLA - The Young Men Who Shocked Victorian England, op.cit. p.274






Fanny & Stella ~ I due giovani che scioccarono la Londra vittoriana


IMMAGINE 1 - Sorelle. Fianco a fianco, complici. Sorelle nel bene e nel male.



”Ogni Fenditura si trova così colma di Afflizione


Da che Una Nuova Società sta emergendo


Chiamata dei Sodomiti; Uomini peggio che Capre


Che indossano la Sottoveste.”


John Dunton, The He-Strumpets, A Satyr on the Sodomite-Club,17071



Era la sera di giovedì 28 aprile 1870 quando, con passo elegante, si approssimavano allo Strand Theatre di Londra, di recente restaurato e capace di contenere un migliaio di spettatori, due giovani ladies le quali lasciarono incantati tutti gli astanti che facevano crocchi qua e là attendendo l’inizio dello spettacolo: gli uomini si voltavano per ammirare la classe grazie alla quale esibivano i loro gioielli, i loro abiti elaborati, le loro acconciature ricciute - con cui profumavano fortemente di essenze floreali l’aria che lasciavano dietro di sé - ed esprimevano con un sorriso il loro consenso e la loro compiacenza; le donne quasi avvertivano imbarazzo perché sentivano tutte, pur nelle loro ricercate toilettes da sera, di essere loro inferiori nell’aspetto.


IMMAGINE 2 - Il Royal Strand Theatre a London da poco ripristinato



Ad attenderle su di un palco prenotato tre gentlemen che bene le conoscevano e che ambivano alla loro compagnia. Miss Stella Boulton e Mrs Fanny Graham erano due attrici di operette e di parodie e si stavano concretando come le stelle del firmamento di quella sera di primavera: erano legate da un rapporto speciale, non comune, da un affetto simile a quello che unisce due sorelle e da un destino che aveva voluto che entrambe nascessero del sesso sbagliato - facevano parte di quelle che al tempo erano definite Mary-Annes, Marianne, oppure He-She Ladies, ovvero uomini travestiti.
Erano uomini, ma avevano fattezze femminili, voci e gusti femminei, non sembravano assolutamente essere uomini... la loro era una malattia conosciuta oggi come ermafroditismo... 

Questi uomini sembravano essere molto sfortunati,

poiché nonostante vestissero abiti maschili essi

erano sempre scambiati per donne

e se agghindati come dettato dal gentil sesso, erano sempre

scambiati per uomini. In tali sfortunate circostanze,

cosa rimaneva loro da fare?


Extraordinary Revelations 2


Ma la Londra Vittoriana non li vedeva come persone svantaggiate, sventurate, sofferenti: agli occhi della gente altolocata, agli occhi della gente ‘per bene’, essi erano nient’altro che sodomiti. 
Non era di certo una vita facile quella che si trovavano a condurre le persone che appartenevano a questa categoria poiché la legge del tempo, intrisa di moralismo puritano, non solo non accettava che si contravvenisse a quanto dettato dalle Sacre Scritture, ma giudicava al carcere a vita, ai lavori forzati, se non all’impiccagione, chi veniva riconosciuto come un uomo che, con abiti femminili, si aggirava per le strade della città, anche se con la complicità del buio… non vi era alcun bisogno di cogliere in flagrante anche chi faceva la vita di strada, vi era sempre qualcosa che tradiva l’aspetto o gli atteggiamenti di questi uomini effeminati che sceglievano di condurre la vita al femminile ed i poliziotti più esperti lo sapevano. Lo sapevano e non se li lasciavano sfuggire: li conducevano in gattabuia e, dopo una notte trascorsa in cella, venivano giudicati alla luce di un attento esame condotto sul loro corpo che doveva confermare o meno i sospetti di chi li aveva arrestati e, se ritenuti colpevoli, veniva fissata la data del processo che si sarebbe tenuto mesi e mesi dopo.
La sodomia era duramente condannata e chi la praticava, pur prendendo tutte le cautele necessarie per agire lontano dagli occhi della gente comune, qualora veniva scoperto non aveva più pace.
E così accadde anche a queste due povere giovani… ‘sbagliate’ che avevano cercato comunque di arrangiarsi e, alla fine di un percorso tortuoso, talvolta non scevro di affanni e lacrime, erano riuscite ad accettare la loro natura per condurre una vita il più dignitosa possibile.
Alloggiavano in una delle stanze che Miss Martha Stacey affittava nella sua lodging house a Bloombsbury in Wakefield Street, uno di quegli alberghi dove trovavano ricovero gli orfani e gli indigenti e rappresentava un luogo discreto per chi conduceva un lavoro che contrastava con la morale vigente, appunto.
E perciò ben poco durò il successo di queste ‘leggiadre fanciulle’ che precipitarono dall’apice del consenso e del plauso in ambito sociale allo scandalo, divenendo coloro che scioccarono la Londra vittoriana.
Quella stessa sera, all’uscita dal teatro, vennero infatti arrestate e, mentre, tra singhiozzi, attendevano tra le malsane pareti del carcere il trascorrere della notte implorando clemenza al Cielo, il detective Chamberlain, che già da giorni le aveva notate e le sorvegliava, profanava la loro stanza prendendo possesso dei loro averi, delle cose che caramente custodivano e delle loro mises, che usavano per la vita che impersonavano non solo sul palco, ma anche in mezzo alla gente, per quella vita che fingevano nella realtà.

STELLA - IMMAGINE 3 Ernest Boulton era nato nel freddo dicembre del 1848 e mostrò già da subito una certa fragilità di costituzione ed una delicatezza di temperamento, tratti poco consoni al sesso maschile. Ma la madre, Mary Ann, amava questo suo primogenito così grazioso, capace di cantare prima di parlare, con una prestigiosa voce da soprano, ed ambizioso di vestire abiti femminili per impersonare ruoli femminili, dimostrando così una precoce propensione per la recitazione. Costei lo vedeva diverso dagli altri bambini della sua età, ma questa sua diversità lo rendeva ai suoi occhi ben più pregevole di chiunque altro. Ernest era davvero eccezionale, voleva cantare e recitare e questo fu il futuro che scelse già da ragazzino, impersonando ruoli femminili nelle commedie shakespeariane. Il precipitare della situazione economica familiare indusse Mr Boulton a costringere il figlio maggiore a trovarsi un lavoro redditizio che potesse essere di supporto alla famiglia. E fu così che Ernest divenne un impiegato alla London and County Bank, ma questa sistemazione non poté protrarsi che per alcuni mesi, poiché il ragazzo, poco più che diciottenne, cominciò con il deperire e perdere del tutto la già flebile salute. I genitori non poterono fare altro che arrendersi all’evidenza e lasciare che il figlio tornasse alla vita che prediligeva, a quella della recitazione, e quindi Ernest divenne, a poco a poco, Stella, quella Stella che tanti uomini amavano incontrare di nascosto nei parchi londinesi con la complicità dell’oscurità della notte, quella Stella che applaudivano sul palco, quella Stella a cui nessuno non poteva mancare di lanciare un fiore. Mrs Boulton, soprattutto, non solo accettò questa debolezza del figlio, ma ne divenne complice prestandogli abiti, acquistandoli al posto suo, cucendoli per lui e chiamandolo Stella quando in casa si riuniva con gli ‘amici’. 

FANNY – IMMAGINE 4 – La  vita per Frederick William Park fu già da subito molto più complessa e difficile rispetto a quella di Ernest-Stella nonostante fosse nato in una famiglia facoltosa (il padre Alexander era un avvocato): ultimo di dodici figli, perse la madre all’età di tre anni, tre fratelli e due sorelle che mai conobbe e fu allevato dall’anziana nurse Mary Batson, già istitutrice di Mrs William Park, al numero 35 di Wimpole Street in quella che si poteva definire palesemente una casa al femminile, poiché, contando anche la servitù, vi erano almeno tredici donne, contro tre uomini e due ragazzi. Il padre, un avvocato di successo, era quasi sempre assente durante il giorno, e quando era a casa si chiudeva nel proprio studio, lasciando Frederick, chiamato Freddy, in compagnia del fratello maggiore Harry e delle sorelle. Non fu facile per Freddy ammettere di essere sempre stato in cuor suo Fanny; più volte cercò di negarlo anche a sé stesso, ma la sua natura era quella, gli piaceva stare in compagnia delle sorelle condividendo le loro attività ricreative, amava cantare, danzare, recitare, ed abbigliarsi in modo curioso ed eccentrico, soprattutto aveva l’ambizione di indossare abiti femminili. Non accettò con serenità questa sua diversità, si sentì sempre una sorta di ‘brutto anatroccolo’ per tutti, ma non per Harry. Inspiegabilmente il padre scelse di farlo educare a casa, come le sorelle, e dalla loro stessa governante, contrariamente a come aveva fatto per gli altri figli maschi che frequentarono scuole private; il che persuase il giovinetto sempre più della sua inadeguatezza e mancanza di mascolinità e, una volta divenuto ragazzo, il padre volle che intraprendesse la sua stessa carriera. Lo mandò quindi a far pratica presso lo studio di Mr Gepp of Chelmsford, ma più il tempo passava, più Frederck diveniva effeminato ed inadeguato a vestire i panni dell’avvocato: quella del teatro era la strada da percorrere per lui-lei, egli si sentiva vocato a vivere la vita del teatro nonché il teatro nella vita di tutti i giorni. E fu proprio grazie al palcoscenico che conobbe Stella con la quale faceva coppia fissa sia nella recitazione che nell’esistenza di tutti giorni.

MA TORNIAMO AL RACCONTO DI QUESTE DUE VITTIME DEL DESTINO


IMMAGINI 5 - 6 - 7 sono tratte dalle cronache riportate nei quotidiani del tempo.


Il giorno successivo la notte del loro arresto Fanny e Stella furono condotte in aula dove si avvicendarono persone che le difendevano a persone che, invece, conducevano al commissariato prove capaci di condannarle per dimostrare quanto fosse ingiurioso che per le strade di Londra circolassero ‘tipi’ di quel genere i quali, se vestivano da uomini, sembravano donne in abiti maschili, magari truccati e con guanti rosa, desiderosi di provocare gli uomini, e, se abbigliati da donne, sembravano uomini che ambivano comunque a conquistare gli sguardi maschili. Erano infatti numerosi i giovani a quel tempo che vivevano seguendo tali costumi, tanto da costituire una sorta di compagnia a Londra, ma tra tutti Stella e Fanny sembravano essere proprio i più spregiudicati, il che non giocava di certo a loro vantaggio. Pensate che Stella aveva alle spalle anche un ‘matrimonio’ nientemeno che con un Lord, Lord Arthur Pelham-Clinton, futuro duca di Newcastle, unione fortemente appoggiata da Mrs Mary Ann che vedeva in essa una sistemazione definitiva per il figlio capace di far cessare le chiacchiere che attorno a lui circolavano. E a loro Fanny si unì dapprincipio come una sorta di amica comune, o di ‘cognata’. 


IMMAGINE 8 - Lord Arthur Pelham-Clinton, futuro duca di Newcastle siede su di una poltrona tra Fanny e Stella accovacciata sul pavimento.


Ma poi di Lord Arthur divenne amante, il che causò la definitiva rottura dei rapporti tra le due ‘sorelle’ che si riconciliarono solo tempo dopo a seguito di una malattia di Stella che la condusse ad una lunga degenza e convalescenza.
Tutto fu perdonato e dimenticato. Fanny e Stella furono rilasciate nel luglio del 1870 senza che fosse fatto troppo scalpore nella speranza che l’episodio venisse presso dimenticato e con esso fosse accantonato il degrado che stava dilagando per le strade di Londra. Ad onore del vero, stando alle documentazioni storiche, va detto che, se in epoca medioevale la sodomia era vista con timore, a poco a poco, con il trascorrere dei secoli e l’acquisizione di maggiore audacia da parte dell’uomo moderno che si divincolava sempre più da Dio nel l’attuare il proprio destino, trovò larga diffusione e pratica fino a divenire un fenomeno ampiamente dilagante anche se, come abbiamo già visto, continuava ad essere condannato sia dalla legge che dalla chiesa – “Quando, nel febbraio e nel marzo del 1750 due terremoti colpirono Londra, Thomas Sherlock, il Vescovo di Londra, li individuò quali la giusta ‘sanzione’ divina per la crescita della pratica della sodomia in città” quasi facendo, con queste parole, eco alle Sacre Scritture laddove narrano degli episodi di Sodoma e Gomorra. 
Si potrebbe perciò dire che quello che riguardava le nostre due He-She Ladies, incriminate più di cento anni dopo quanto narrato sopra, non fosse altro che una sorta di punta di un iceberg: non solo non si trattava di un fenomeno isolato, ma fu il punto di partenza per una forma di ‘pulizia morale’ condotta dalle autorità che raggiunse risultati inattesi.

Esattamente un anno dopo quella tragica sera davanti allo Strand Theatre , ovvero nel maggio del 1871, cominciò il processo ai due uomini catturati in abiti femminili, i quali, si evince, furono al tempo giudicati colpevoli. Ma con grande sorpresa di tutti i presenti, in aula fecero la loro comparsa due individui senza il minimo accenno di femminilità, con basette, baffi ed abiti maschili, merito del ‘lavoro’ del loro nuovo legale, l’avvocato Mr George Lewis al quale persino il Principe di Galles, trovatosi in difficoltà per i suoi ‘affari amorosi’, ebbe occasione di rivolgersi. 
Ebbene, alla luce del loro nuovo aspetto, come poter far reggere ancora la condanna che continuava a pendere sul loro capo? Non erano certo questi i soggetti dalla dubbia moralità e dalle tendenze ambigue di cui si faceva menzione nel fascicolo che li riguardava. E come si poteva facilmente supporre, dopo sei giorni spesi ad ascoltare medici, testimoni e ad esaminare oggetti, abiti femminili e quant’altro, data la poca consistenza della tesi che vedeva i due giovani mai colti in flagrante, Frederick Park (Fanny) ed Ernest Boulton (Stella) furono dichiarati innocenti e rilasciati. Va detto che nel frattempo i rapporti tra le due He-She ladies si erano andati un po’ deteriorandosi, che il forte legame che da anni li-le univa si era raffreddato e nel vedere, nel corso del processo, la giuria così incuriosita e catturata dall’ermafroditismo di Ernest-Stella, così commossa dalla testimonianza della sua affezionatissima madre, Frederick-Fanny divenne geloso-a sempre più, tanto che, quando tutto fu felicemente concluso, decise di lasciare Londra per recarsi in America con il fratello Harry, essendo il padre morto pochi mesi prima ed avendo perciò entrambi ricevuto una cospicua eredità: si era chiuso per sempre il capitolo della sua vita che la vedeva indissolubilmente legata a Stella. Certo che per quest’ultima, già gracile, le cose furono un po’ più complesse: doverono trascorrere molti mesi prima che superasse appieno lo stress indotto da questo episodio, ma una volta recuperata del tutto la propria salute, poté nuovamente pensare al teatro e si gettò a capofitto nel lavoro come uomo che impersonava ruoli femminili. Conobbe un certo Mr Louis Munro al quale si unì nel 1872 per creare una coppia ‘maschile’ cabarettistica, ma, non essendo in grado di liberarsi del tutto del suo passato, che spesso riaffiorava nei ricordi della gente, il successo stentava a decollare, motivo per cui si trovò costretto a mutare il proprio nome in Ernest Byne per dar vita a ‘The Wonderful Bynes’, i fantastici Bynes; le critiche non sempre positive, però, giocarono un peso decisivo sul futuro di questo duo tanto che Munro decise dopo pochi mesi di sciogliere la compagnia. Ma Stella aveva già pronto un asso nella propria manica: suo fratello Gerard avrebbe di buon grado preso il posto del suo ex compagno e l’anno dopo la morte di Fanny – che perse la vita a soli 34 anni, dopo una lunga e dolorosa malattia, sicuramente di conseguenza ad aver contratto la sifilide in gioventù - ovvero nella primavera del 1874, Stella e Gerard giunsero in America come ‘The Brothers Blair’ e per i successivi 22 anni furono in tournée negli States per presentare i loro ‘siparietti’ e le loro operette. Era il 1903 quando Stella si ammalò gravemente di un male incurabile al cervello probabilmente conseguente all’aver contatto, come Fanny, la sifilide da ragazza e all’età di 54 anni chiuse gli occhi su questo nostro mondo, dopo aver goduto a piene mani del successo che tanto bramava. Avrebbe tanto desiderato, prima che si spegnesse, rivedere la sua Fanny e magari anche Lord Arthur Clinton, il quale, ricercato a suo tempo poiché coinvolto nel processo, aveva inscenato la propria morte, ma, dopo anni, quasi tutti ormai erano certi che si fosse trattata di una mossa falsa per preservare intatto il buon nome della sua famiglia; era probabile che avesse mutato identità per vivere tranquillo in qualche angolo del Nuovo Mondo.

Questa storia che, al di là del fatto di cronaca, ci presenta l’affresco di un’epoca con i suoi vizi, il suo rigore morale, la sua etichetta, è stato tratto dal testo di Neil McKenna che consiglio vivamente a tutti voi: ho trovato questa lettura decisamente piacevole, entusiasmante, accattivante ed avvincente.


Neil McKenna, 

FANNY & STELLA -

The Young Men Who Shocked Victorian England,

Faber & Faber Ltd., London, 2013.

(Il testo è disponibile solamente in lingua originale)




Nella speranza di non averVi annoiati con una lettura così lunga, 

Vi auguro ogni bene.

A presto 
❤  




CITAZIONI:


1 - Neil McKenna, FANNY & STELLA - The Young Men Who Shocked Victorian England, Faber & Faber Ltd., London, 2013, p.187

2 - Neil McKenna, FANNY & STELLA - The Young Men Who Shocked Victorian England, op.cit. p.12

3 - Neil McKenna, FANNY & STELLA - The Young Men Who Shocked Victorian England, op.cit. p.274





LINKING TO: 

PINK SATURDAY

AWWW MONDAYS

BLUE MONDAY & RUBY TUESDAY TOO


giovedì 5 gennaio 2023

The Twelfth Night Cake


"Upon the table was an immense dish, and in the dish was the biggest Twelfth-Cake that the eyes of childhood had ever beheld. It was a positive monster, and whitened sugar of the most approved kind encrusted it all over."

From Little Grub, E. H. Knatchbull-Hugesson, 1874

(In the cover image you can see a group of sugar cavalry officers parade round the Prince of Wales Feathers on top of a Regency period Twelfth Cake)


Twelfth Night, on the 5th day of January, is on the last day of Christmastide and was once the party highlight of the twelve-day long festival. In fact, Twelfth Night used to be the big day where gifts would be exchanged, and folk would make much merriment, very aware of the austere months ahead of them. 
The focal part of the Twelfth Night side-table was the elaborately-decorated Twelfth Cake. This cake is part of an ancient tradition which dates back to medieval times and was particularly popular during the early Tudor period. It was a large fruit cake made and eaten to celebrate the Twelfth Night or Epiphany - the day on which the Magi are believed to have visited Jesus - which was a much bigger feast-day than Christmas at the time (as we well know, Christmas did not gain its popularity until the XIXth century when, thanks to the Victorian age, all of this, including the cake, has moved to Christmas Day). At one time, a large party was held on the night of 5 January at which a slice of this cake would be handed to guests as they arrived. 


Ally Sloper's Twelfth Night, from the comic, Ally Sloper's Half Holiday, c1888 

A dried bean (and sometimes also a dried pea) would be baked into the cake; whoever found the dried bean and pea became King and Queen of Twelfth Night. At the XIXth century, it was possible to buy a set of cards to accompany the cake: each card had a character on it, and once the king and queen had been found, the remaining guests would pick one of the cards from out of a hat and play their chosen character for the duration of the party. During Victorian times, in big households, the cake was often elaborately iced using special wooden moulds or confectioner's boards (one cake apparently had a working water canon on it!). As the tradition of Twelfth Night died out and the Christmas feast became more popular, the Twelfth Cake was adapted and became what we now know as Christmas cake.

Useless to say that some Twelfth Cakes were extremely expensive, and every baker or confectioner in the land worth their salt would produce a breath-taking, awe-inspiring shop window filled with cakes of differing sizes, all covered in wonderful sugar-work. There was huge competition between confectioners to produce the best displays; and no wonder, selling any number of these bespoke cakes meant some real money had been made that winter! 
At court there was always a Twelfth Cake at these festivities. The Illustrated London News of 1849 did a big ‘spread’ on Queen Victoria’s cake with a party on top, describing it in minute detail:


The Illustrated London News, 13 January 1849, p. 21
Scanned image, bibliographical information, and text by Philip V. Allingham

We give a representation of the Twelfth Cake prepared for her Majesty, which graced the Royal table at Windsor Castle on Saturday last (Twelfth Night).
This superb Cake was designed and carried out by her Majesty's confectioner, Mr. Mawditt. The Cake was of regal dimensions, being about 30 inches in diameter, and tall in proportion: round the side the decorations consisted of strips of gilded paper, bowing outwards near the top, issuing from an elegant gold bordering. The figures, of which there were sixteen, on the top of the Cake, represented a party of beaux and belles of the last century enjoying a repast al fresco, under some trees; whilst others, and some children, were dancing to minstrel strains.
The repast, spread on the ground, with its full complemens [sic] of comestibles, decanters, and wine-glasses (the latter, by the way, not sugar glasses, but real brittle ware), was admirably modelled, as were also the figures, servants being represented handing refreshments to some of the gentlemen and ladies, whilst some of the companions of the latter were dancing. The violinist and harpist seemed to be thoroughly impressed with the importance of their functions, and their characteristic attitudes were cleverly given. As a specimen of fancy workmanship, the ornaments to the cake do credit to the skill of Mr. Mawditt, the Royal confiseur.”

We must remember that Queen Victoria wanted on Her table a Twelfth Cake all Her life long, although the Christmas Cake was gaining its importance and tradition more and more.
The Twelfth Night Cake began life – like many traditional cakes did – as a yeast-leavened bread, enriched with dried fruit and ale. Over time, the cakes were enriched further with brandy or rum and sugar, giving it a close texture. Eventually, chemical raising agents were used to give the batter a lift.
The most ancient recipe I managed to find dates back to 1604 and it's one of those collected in Elinor Fettiplace's Receipt Book: Elizabethan Country House Cooking
(HERE you can find and buy the last edition of this cookbook, still printed in 2011):

Take a peck of flower, and fower pound of currance, one ounce of Cinamon, half an ounce of ginger, two nutmegs, of cloves and mace* two peniworth, of butter one pound, mingle your spice and flower & fruit together, but as much barme [the yeasty froth from the top of fermenting beer barrels] as will make it light, then take good Ale, & put your butter in it, saving a little, which you must put in the milk, & let the milk boyle with the butter, then make a posset**with it, & temper the Cakes with the posset drink, & curd & all together, & put some sugar in & so bake it.

* Mace or macis is the flower of the nutmeg, a spice itself.
**A posset was originally a popular British hot drink made of milk curdled with wine or ale, often spiced, which was often used as a remedy.

As every far old recipe it's quite hard to follow, given there are no quantities of the ingredients, experienced cooks made everything by eye. 
I've found this recipe on an old recipe book of mine dating back to the Victorian Age which I'm going to tell you about in another post during the following months, and I have made it in this way: the result is assured!
Here are the ingredients and the execution:

175 g softened butter

175 g caster or brown sugar

1 tbs black treacle

3 eggs

175 g plain flour

¼ tsp each ground cinnamon, nutmeg and mace

400 g mixed dried fruit (currants, raisins, sultanas, quartered prunes)

75 g candied peel

50 g slivered almonds

60 ml brandy, rum, strong ale (or milk)

1 dried butter bean (optional)

royal icing

Line and grease an 8-inch cake tin and preheat your oven to 160°C.

Cream the butter, treacle and sugar until pale and fluffy and beat in the eggs one by one before gently stirring in the flour and spices. Once incorporated, mix in the fruits, peel and nuts and stir in the booze (or milk). Pour into the cake tin, pop in the king/queen bean, level off the top and bake for an hour. Cool in the tin. Decorate the cake with the royal icing,  being as elaborate as you like. You may use your piping-bag and your phantasy, and add figurines of marzipan, if you want.
I was forced, for reasons of time, to not to decorate it, and here's the result, but with the royal icing it's another thing, of course!


Royal icing is ‘royal’ because it was the British Royal Family that used in for their wedding cakes, and naturally if the Royals did it, then cooks managed to copy it. Icing had been around since the eighteenth century; before that, there wasn’t the technology to refine the sugar appropriately. The first icing was similar to royal icing, it was spread over the top of the cake but then the cake was returned to the oven to set hard. The final result was a nice flat, shiny surface like that of a frozen lake, hence we call the stuff icing.


Elizabeth Raffald mentions it in The Experienced English Housekeeper  (1769) where ther's the first written recording of the word. Royal icing is the most popular icing because it can be piped and coloured easily. Plus it is easy to make , which a bonus. Here’s how: take

2 medium egg whites

2 tsp lemon juice

500g icing sugar, sieved

Whisk the egg whites until frothy but not yet stiff and then stir in the lemon juice. Add icing sugar to the egg white bit by bit, mixing as you go – an electric beater comes in very handy here, but you can use a wooden spoon if your forearms are up to the job. The icing can be used straight away.
Spread the mixture all over the cake using a palette knife to smooth it out. Dipping the knife in very hot water is a good way of getting the icing very smooth. You can reserve some of the icing for piping of course and when decorated, leave it for two or three days to set hard.


All I have to do is to wish everyone a happy Epiphany and... 
I hope you too will try to honor the tradition with this dessert 
(I made it a little early to try it and show you the result)!
See you soon 








La Torta della Dodicesima Notte, il dolce dell'Epifania

"Sul tavolo c'era un piatto immenso, e nel piatto c'era la Torta della Dodicesima Notte più grande che gli occhi dell'infanzia avessero mai visto. Era qualcosa di mostruoso, ma buono, e lo zucchero bianco del tipo più gradito lo avvolgeva dappertutto."

Da Little Grub, E. H. Knatchbull-Hugesson, 1874

IMMAGINE 1 - (Nell'immagine di copertina potete vedere un gruppo di ufficiali di cavalleria di zucchero sfilare intorno alle piume del Principe di Galles in cima a una Torta della Dodicesima Notte risalente al periodo Regency)



La Dodicesima Notte, ovvero quella del 5 di gennaio, è l'ultimo giorno del periodo natalizio e una volta rappresentava l'apice delle festività natalizie che si protraevano, appunto, per 12 giorni, dal 24 di dicembre al 5 gennaio. In effetti, la Dodicesima Notte era il grande giorno in cui i doni venivano scambiati e la gente si divertiva molto, ben consapevole dei mesi austeri che li avrebbero attesi.
La parte centrale del tavolo della Dodicesima Notte era la torta riccamente decorata. Questa torta fa parte di un'antica tradizione che risale al medioevo ed era particolarmente apprezzata durante il primo periodo Tudor. Si trattava di una grande torta di frutta preparata e mangiata per celebrare la dodicesima notte o Epifania - giorno in cui si ritiene che i Magi abbiano fatto visita a Gesù - che all'epoca era una festa molto più importante del Natale (come ben sappiamo, il Natale non ha guadagnato la sua popolarità fino al XIX secolo quando, grazie all'età vittoriana, tutto questo, compresa la tradizione del dolce, è stato spostato al 25 dicembre). Un tempo la notte del 5 gennaio si teneva una grande festa in cui veniva consegnata una fetta di questo dolce agli ospiti al loro arrivo.


IMMAGINE 2 - Ally Sloper's Twelfth Night, dal fumetto, Ally Sloper's Half Holiday, c1888 


Un fagiolo secco (talvolta poteva trattarsi anche di un pisello secco) veniva cotto nella torta; chi trovava il fagiolo secco o il pisello diventava il re o la regina della Dodicesima Notte. Nell'Ottocento era possibile acquistare un mazzo di carte per accompagnare la torta: ogni carta aveva un personaggio sopra, e una volta trovati il re o la regina, i restanti ospiti sceglievano una delle carte da una cappello e interpretava il personaggio scelto per tutta la durata della festa. Durante l'epoca vittoriana, nelle grandi famiglie, la torta veniva spesso glassata in modo elaborato utilizzando speciali stampi di legno o tavole da pasticcere. Man mano che la tradizione della Dodicesima Notte si estinse e la festa di Natale divenne più popolare, la Torta della Dodicesima Notte fu adattata e divenne quello che oggi conosciamo come il Dolce di Natale.

Inutile dire che alcune Torte della Dodicesima Notte erano estremamente costose e ogni fornaio o pasticcere del paese degno di questo nome avrebbe fatto il possibile per esibire una vetrina mozzafiato e maestosa piena di torte di dimensioni diverse, tutte ricoperte di una meravigliosa glassa di zucchero. Vi era un tempo un'enorme concorrenza tra pasticceri per produrre la migliore esposizione; e non c'è da stupirsi se la vendita di un numero qualsiasi di queste torte su misura significava che quell'inverno erano stati guadagnati soldi veri!
A corte c'era sempre una Torta della Dodicesima Notte durante queste feste. L'Illustrated London News del 1849 fece una grande "divulgazione" sulla torta della regina Vittoria che recava come decorazione l'esibizione di una festa, descrivendola nei minimi dettagli:


IMMAGINE 3 - The Illustrated London News, 13 gennaio 1849, p. 21
Scansione dell'immagine, informazioni bibliografiche e testo di Philip V. Allingham


“Diamo una rappresentazione della Torta della Dodicesima Notte preparata per Sua Maestà, che ha abbellito la tavola Reale al Castello di Windsor sabato scorso (Dodicesima Notte).
Questa superba torta è stata progettata e realizzata dal pasticcere di Sua Maestà, il signor Mawditt. La Torta era di dimensioni regali, essendo di circa 30 pollici di diametro, e alta in proporzione: ai lati le decorazioni erano costituite da strisce di carta dorata, incurvate verso l'esterno in prossimità della sommità, che uscivano da un'elegante bordatura d'oro. Le figure, che erano sedici, sulla sommità della Torta, rappresentavano una comitiva di beaux and belles del secolo scorso che si godevano un pasto all'aperto, sotto alcuni alberi; mentre altri, tra cui alcuni bambini, ballavano al ritmo della musica suonata da menestrelli.
Il pasto, steso per terra, completamente fatto con commestibili, caraffe e bicchieri da vino (questi ultimi, tra l'altro, non di zucchero, ma in vetro), era mirabilmente modellato, come lo erano anche le figure, essendo rappresentati servitori che porgevano le vivande ad alcuni dei signori e delle dame, mentre alcuni dei compagni di queste ultime danzavano. Il violinista e l'arpista sembravano essere profondamente impressionati dall'importanza delle loro funzioni e i loro atteggiamenti caratteristici erano abilmente espressi. In quanto esemplare di raffinata fattura, gli ornamenti della Torta rendono merito all'abilità del signor Mawditt, il pasticcere reale.

Ricordiamo che la regina Vittoria ha voluto per tutta la vita sulla sua tavola una Torta della Dodicesima Notte, anche se il Dolce di Natale stava acquisendo importanza e tradizione sempre più.
La Torta della Dodicesima Notte nasce – come molti dolci tradizionali – come un pane lievitato, arricchito con frutta secca e birra. Nel tempo si è arricchita ulteriormente con brandy o rum e zucchero, che le hanno conferito una consistenza compatta. Infine sono stati usati agenti lievitanti per dare una spinta definitiva alla pastella e renderla più soffice.
La ricetta più antica che sono riuscita a trovare risale al 1604 ed è una di quelle raccolte nel Receipt Book di Elinor Fettiplace: Elizabethan Country House Cooking
(QUI potete trovare e acquistare l'ultima edizione di questo ricettario, ancora stampato nel 2011):

Prendete un pizzico di fiori e una libbra di frutti di ribes, un'oncia di cannella, mezza oncia di zenzero, due noci moscate, di chiodi di garofano e di macis* due prese, di burro una libbra, mescolate insieme il composto di spezie, fiori e frutta, finché fa la schiuma [la stessa schiuma che appare nella parte superiore dei barili di birra ed è costituita dal lievito in fermentazione]; non appena la schiuma la renderà leggera, prendete della buona birra, e metteteci dentro il vostro burro, tenendone da parte un po' da mettere nel latte, e lasciate che il latte mantechi con il burro, poi fate un posset** con esso, stemperate la mistura con il liquore che avete preparato, mettete quindi la cagliata, mescolate tutto insieme, aggiungete un po' di zucchero e cuocetelo.

* Mace o macis è il fiore della noce moscata, una spezia essa stessa.
** Il posset era originariamente una popolare bevanda calda britannica a base di latte cagliato con vino o birra, spesso speziata, che veniva spesso usata come rimedio.

Come ogni ricetta antica è abbastanza difficile da seguire, dato che non ci sono quantità degli ingredienti, i cuochi esperti facevano tutto a occhio.
Ho trovato questa ricetta su un mio vecchio ricettario dell'epoca vittoriana di cui vi parlerò in seguito e l'ho realizzata in questo modo: il risultato è assicurato!
Eccovi gli ingredienti e l'esecuzione:

175 g di burro ammorbidito

175 g di zucchero semolato o di canna

1 cucchiaio di melassa nera

3 uova

175 g di farina 

¼ di cucchiaino di cannella in polvere, noce moscata e macis

400 g di frutta secca mista (ribes, uva passa, uva sultanina, prugne secche in quarti)

75 g scorza di agrumi candita

50 g di mandorle a lamelle

60 ml di brandy, rum, birra forte (o latte)

1 fagiolo essiccato (facoltativo)

glassa reale (per decorare)

Foderare e imburrare una tortiera da 8 pollici e preriscaldare il forno a 160°C.

Sbattere il burro, la melassa e lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e spumoso e sbattere le uova una alla volta prima di incorporare delicatamente la farina e le spezie. Una volta incorporati, mescolare la frutta, la buccia e le noci e aggiungere l'alcol (o il latte). Versare nella tortiera, inserire i fagioli per re/regine, livellare la parte superiore e cuocere per un'ora. Raffreddare nella teglia. Decorare la torta con la glassa reale elaborandola a piacere. Potete usare la tasca da pasticcere e la vostra fantasia, e aggiungere figurine di marzapane, se volete.
Il dolce che ho fatto io sono stata costretta, per motivi di tempo, a non decorarlo, ed ecco il risultato, ma con la glassa reale è un'altra cosa, ovviamente!


IMMAGINE 4 - Una fetta della mia TORTA DELLA DODICESIMA NOTTE


La glassa reale è detta "reale" perché era la famiglia reale britannica che la usava per le torte nuziali e, naturalmente, se lo facevano i reali, col tempo, i pasticceri hanno cercato di copiarla. La glassa esisteva dal diciottesimo secolo; prima di allora, non c'era la tecnologia per raffinare lo zucchero in modo appropriato. La prima glassa era simile alla glassa reale, veniva spalmata sulla parte superiore della torta ma poi la torta veniva rimessa in forno a solidificare. Il risultato finale era una bella superficie piatta e lucida proprio come quella di un lago ghiacciato, da qui il nome 'glassa'. 


IMMAGINE 5 - Elizabeth Raffald


Elizabeth Raffald la menziona nel The Experienced English Housekeeper (1769) dove si trova la prima registrazione scritta della parola. La glassa reale è la glassa più popolare perché può essere colorata facilmente. Inoltre è facile da realizzare. 
Ecco come: prendete

2 albumi d'uovo medio

2 cucchiaini di succo di limone

500 g di zucchero a velo setacciato

Sbattete gli albumi fino a renderli spumosi ma non ancora fermi e quindi incorporate il succo di limone. Aggiungete lo zucchero a velo all'albume a poco a poco, mescolando mentre procedete. La glassa può essere utilizzata subito.
Stendete il composto su tutta la torta aiutandovi con una spatola per lisciarlo. Immergere il coltello in acqua molto calda è un buon modo per ottenere una glassa molto liscia. Una volta decorata, lasciarla riposare per due o tre giorni.


Non mi rimane che augurare a tutti buona Epifania e... 
spero che proviate ad onorare la tradizione con questo dolce anche voi 
(io l'ho fatto un po' in anticipo per provarlo e mostrarvi il risultato)!
A presto 







LINKING TO:





This post is amongst those Laurie featured on her blog today, January 15, 2023! Thank you Sweet Lady, it means so much to me!



Also Angie at God's Growing Garden featured this post on January 17, 2023!
I'm as pleased as punch, thank you Dear Lady, God bless!