lunedì 27 novembre 2017

A Day with Qeen Marie Antoinette.

Even though it was lived between comforts and luxury, sometimes excessively, have you ever wondered how contrived and complex a day of a woman who was sitting on a throne in the XVIIIth and XIXth centuries could be?
Nothing was left to chance, everything was strictly not only foreseen, but laid down and strictly observed, nothing could be omitted, there was a rigid protocol that established even the slightest detail to follow ...

... and often all this represented a bond that closely linked the free spirits that lived and marked the History of those ages, not least the Queen of France Marie Antoinette, the AUSTRIAN, as she was called with disdain by her poeple, a daughter of Empress Maria Teresa of Austria, and became a consort of Dolphin Louis XVI in May 1770, named King after the death of his grandfather Louis XV, which occurred in May 1774, shortly after they got married.
Knowing how adamant the protocol of the Viennese court was, still adhering to the Spanish one dating back to the XVIth century, that of the court of Paris could represent a sort of 'lightening' of all that in Vienna was imposed, and perhaps the young girl who went to Paris to marry herself (Marie Antoinette went to Paris to get married at the age of 14) really thought just this way at the time, but let's read together with me how it was organized a Queen's day and you can understand why she often wandered around the gardens surrounding the rural village of the Petit Trianon that her husband had donated her, wearing just a simple muslin dress and often with a floral hat that made her almost unrecognizable to the most!

(Louis XVI offered the Petit Trianon to his young bride when his grandfather, Louis XV, who had made it build for his favorite, first Madame de Pompadour, later the Duchesse du Barry, had just died and there Marie Antoinette created a personal and intimate universe, far from the splendour of the court, by making build the Théâtre de la Reine, and adding an English garden that enlivened the monotony of the rest of the park. Richard Mique erected many buildings, between 1777 and 1782, such as a temple dedicated to Love, an "Alpine garden" with its 'belvedere' and a game of fountains, and, in a more rustic style, a borough (Hameau de la Reine) drawn by the painter Hubert Robert, according to the Russian inspiration prevailing at the time proclaiming a return to the purity and clearness of nature completed the ensemble.). 

At this moment she was especially happy with a new pastime. Amidst the stately halls of Versailles she had often longed for a villa on a smaller scale, which she might call of her own; and the wish was now gratified. [...] and, pleased with her new toy, Marie Antoinette, still a girl in her impulsive eagerness for a fresh pleasure (she was not yet nineteen), begun to busy herself with remodeling the pleasure-grounds with which it was surrounded. [ ...] She imported English drawings and hired English gardeners. She visited in person le Count de Caraman, and one or two other nobles, who had already done something by their example to inoculate the Parisians with the new fashion. And prsently lawns and shrubberies, winding walks and irregular shaped flower-beds, supplanted the stately uniformity of the terraces, alleys converging on central fountains, or on alcoves as solid and stiff as the palace itself, and trees cut into all kinds of fantastic shapes, which had previously been regardedas the masterpieces of the gardeners' invention. Her happiness was at its height when, at the end of a few months, all was completed to her liking, and she could invite her husband to an intertainment in a retreat which was wholly her own, and the chief beauties of which were her own work. 1

At 8.00, Her Majesty was awakened; a woman of the wardrobe came to her room carrying a basket with what were called "offers", namely two or three 'chemises', some handkerchiefs and some towels.

Then came the first waiting woman with the 'gazette des atours', a book that contained fabric samples of all the Queen's clothes, who for every season had twelve 'toilettes', twelve 'semi-toilettes', that were less formal dresses, and twelve sumptuous dresses with 'panniers', the striking straw padding that 18th-century fashion wanted to put on the lingerie and under the dress to round and pad the hips. The Queen picked the patterns of the dresses she wished to wear on that day by scoring them with a pin. What she had chosen was then handed over into large taffeta baskets and there there had to be "a sumptuous dress, a less formal one for the afternoon and an evening dress for theater and dinner."

The Queen was then wrapped in a long, flannel-like dress buttoned to the bottom and went to have a bath. The servants attending it (bathers) reached her with the bathing items and when she had finished, a large sheet was kept tended high to protect her from prying eyes and let her dry herself in private; so she went back to her bed wearing a white taffeta cloak and took in her hands either her embroidery work or a book to read.

A little purse belonging to the Queen which she embroidered herself

Breakfast time was set at 9.00 when, in the queen's room, a valet ran a tray with a cup of hot chocolate or coffee, and an hour later Marie Antoinette could go to visit the King's aunt in her apartments and then to the King's ones; at 11.00, her hair was dressed according to the style she liked more and therefore, when she was ready, she curtsied to everyone in the room (often swe was already reached by the King's brothers).

At noon came the time of the 'Grand Toilette' during which the Queen was got ready for lunch and the whole day, and for all the court ladies and the personal servants came with this the most important rite of the whole day: the ladies sat in circle around her  who was in the middle of the room in front of her toilet; this rite began with the cleansing of her face with detergents and astringent creams on which a whitening cream and a whitening and perfumed powder were applied. Rouge reddens her cheeks and pomade glosses her lips and since as a little girl Marie Antoinette suffered from smallpox, the little scars that were left on her cheeks were disguised with small points made with the dark pencil to simulate litle mouches - and it was so that the fashion of the pale face spurred by the often mischievously drawn mouches near the lips was launched; then her beloved toilet water, scented with orange flowers, was sprinkled on her face and on her body, and finally she wore, one by one, all her garments ( as first all it was done by her personal maids, but later the famous Mademoiselle Rose Bertin became responsable of this whole rite - she the first stylist in History, of whom HERE, long ago, I had the pleasure of telling you. )
All this shouldn't last more than half an hour as it was followed by the the rite of the Holy Mass, which the Queen and her consort heard daily before lunch (and in this case the Queen was accompanied by her following, first of all the Princesse de Lamballe,  at whom the ministers of worship joined); at 13.00 o'clock it was presented to Hes Majesty, who in the meantime retired in her rooms, the lunch menu directly from the hands of the maître d'hôtel.
Lunch in public was held every Sunday in the nobility's cabinet. On that day, the ladies titled, and then able to  enjoy the privilege of appearing among the chosen ones, sat on folding chairs placed on both sides of the table, while the not-noble ladies stood. The Queen dined alone with the King: behind the King's chair there was the captain of the guard and the first valet, behind the Queen's chair was her valet, the chief squirrel and her maître d'hôtel. The meal began when the Prince closer to the King presented him with a bowl to wash his hands and when the Princess closer to the Queen provided the same service.

Lunch was a sort of frugal snack given the Queen usually dined with only a small portion of meat and never drank wine.
After the meal the Queen visited the Dolphin's apartment and then returned to her apartments with her ladies to dedicate herself to correspondence or to read and it is at this time of the day that she removed her cumbersome and binding 'pannier' and the bottom of her dress, preferring to wear a light dress, in cotton or muslin, for the rest of the day.
At 3:00 pm she went back to visit the King's aunt and an hour later she received the Abbot in her apartments; at 5:00 p.m. there was an hour of music or singing lesson (Marie Antoinette played the harpsichord), after which she came back to pay a call to the King's aunt or went on a walk in the gardens.

At 7:00 p.m. all the preparations for the evening started, from the changing of the Queen's toilette, to arranging those activities that would have followed dinner, such as attending a theatrical performance or playing cards.
Dinner was served at 9:00 p.m. and was for the Queen a meal a little more substantial than lunch, as it usually consisted of a cup of broth, a chicken wing and a glass of water where she dipped some biscuits as a dessert. If the King wasn't present, dinner should only be served by female servants.
At 11:00 p.m. a procedure similar to the one that followed the awakening was repeated before the Queen laid down, even though it should be said that this time the offers from the wardrobe were a nightgown, a night cap and a pair of socks for the next morning; after the Queen was dressed for the night, everything she had wore during the day was taken to the wardrobe room to be repaired or cleaned.
I reveal a secret to you: to keep her hands beautiful the Queen often slept with waxed gloves.

Also for the king there was a very similar ceremony before the night retreat; while the Queen was waiting for her husband, her first maid was sitting at the foot of her bed; then the King came, and all the servants who had accompanied him were led to their rooms from the Queen's first maid, so she finally came to close the door of the Queen's room before going to bed.

Thanking you heartily for the love and interest I always read in your comments,
I'm send you a big hug, 
wishing you all my best.

See you soon 💕



Marie-France Boyer, Francois Halard, The Private Realm of Marie Antoinette, Thames & Hudson, 1996;

Elisabeth De Feudeau, From Marie-Antoinette's Garden: An Eighteenth-Century Horticultural Album, Alain Baraton, 2013;

Hélène Delalex, A Day with Marie Antoinette (A Day at), Flammarion-Slp edition, 2015;

Hélène Delalex, Alexandre Maral, Nicolas Milavanovic, Marie-Antoinette, J. Paul Getty Museum, 2016;

Charles Duke Yonge, The Life of Marie Antoinette, Queen of France, 1876;

Maxime de La Rocheterie, The Life of Marie Antoinette, 1893.


1 - Charles Duke Yonge, The Life of Marie Antoinette, Queen of France, 1876, p. 99.

Anche se vissuta tra agi e lusso, talvolta decisamente eccessivi, vi siete mai chiesti quanto potesse essere artificiosa e complessa la giornata di una donna che nel XVIII e nel XIX secolo sedeva su di un trono ?
Nulla era lasciato al caso, tutto era rigorosamente non solo previsto, ma sancito e strettamente osservato, nulla poteva essere tralasciato, vi era un rigido protocollo che stabiliva anche il minimo dettaglio da seguire ...

- fotografia 1

... e spesso tutto ciò rappresentava un vincolo che legava strettamente gli spiriti liberi che in quelle epoche vissero e segnarono la storia, non ultima la Regina di Francia Marie Antoinette, l'AUSTRIACA, come veniva chiamata con spregio dai suoi sudditi, figlia dell'Imperatrice Maria Teresa d'Austria e divenuta consorte del Delfino Luigi XVI nel maggio del 1770, nominato re dopo la morte del nonno Luigi XV, occorsa nel maggio 1774, poco dopo il matrimonio.
Sapendo quanto fosse rigido il protocollo alla corte viennese, ancora aderente a quello spagnolo risalente al XVI secolo, viene da pensare che la corte di Parigi potesse rappresentare una sorta di 'alleggerimento' di tutto quanto a Vienna era imposto, e forse la giovanissima promessa sposa (Marie Antoinette si recò a Parigi per sposarsi all'età di soli 14 anni) davvero lo pensò, a suo tempo, ma leggete con me come era organizzata una sua giornata da regina e ben riuscirete a comprendere perché spesso la si vedesse girovagare nei giardini che circondavano il villaggio rurale del Petit Trianon che il marito le aveva donato, abbigliata di un semplice abito di mussola e spesso con un floscio cappello che la rendevano quasi irriconoscibile ai più !

- fotografia 2

- fotografia 3

- fotografia 4

- fotografia 5

- fotografia 6

- fotografia 7

(Luigi XVI offrì il Petit Trianon alla sua giovane sposa quando il nonno, Luigi XV, che lo aveva fatto costruire per la sua favorita, prima Madame de Pompadour, cui poi 'succedette' la Duchesse du Barry, era appena deceduto; Marie Antoinette vi creò un universo personale e intimo, lontano dai fasti della corte, facendovi costruire il Théâtre de la Reine (un teatro di società), ed aggiungendo un giardino all'inglese che vivacizzava la monotonia del resto del parco. Richard Mique vi eresse molti edifici, tra il 1777 e il 1782, ossia un tempio dedicato all'Amore, un "giardino alpino", con un suo belvedere ed un gioco di fontane, ed, in uno stile più rustico, un borghetto - Hameau de la Reine - disegnato dal pittore Hubert Robert, completò l'insieme, secondo l'ispirazione russoviana imperante al tempo che proclamava un ritorno alla purezza e alla sorgività della natura.).

In quel momento era particolarmente felice per questo suo nuovo passatempo. Tra le maestose sale di Versailles aveva spesso desiderato una villa di dimensioni più ridotte, che potesse chiamare sua; e il desiderio era ora gratificato. [...] e, felice del suo nuovo giocattolo, Maria Antonietta, ancora una ragazza nella sua impulsiva impazienza alimentata da un nuovo piacere (non aveva ancora diciannove anni), iniziò a pendersi cura di rimodellare i terreni da cui era circondata. [...] Importò disegni inglesi e assunse giardinieri inglesi. Visitò di persona il Conte di Caraman e uno o due altri nobili, che avevano già fatto qualcosa con il loro esempio per introdurre ai parigini questa nuova moda. E ora prati e arbusti, passeggiate a chiocciola e aiuole di forma irregolare, soppiantarono la maestosa uniformità delle terrazze, i vicoli che convergevano sulle fontane centrali, o le alcove solide e rigide come il palazzo stesso, e gli alberi tagliati in tutti i tipi di forme fantastiche, che erano stati precedentemente considerati come i capolavori dell'invenzione dei giardinieri. La sua felicità era al culmine quando, alla fine di alcuni mesi, tutto fu completato a suo piacimento, e lei poté invitare suo marito ad un incontro  in un rifugio che era interamente suo, e le cui bellezze principali erano frutto del suo lavoro. 1

- fotografia 8

- fotografia 9

- fotografia 10

- fotografia 11

- fotografia 12

Alle ore 8,00 Sua Maestà veniva destata; una guardarobiera raggiungeva la sua stanza recando un cesto con quelle che venivano chiamate "offerte", ossia due o tre 'chemises', alcuni fazzoletti ed alcuni asciugamani.
Giungeva quindi la prima cameriera personale con la 'gazette des atours', un libro che conteneva campioni di tessuto di tutti gli abiti della regina la quale per ogni stagione aveva dodici 'toilettes', dodici 'semi-toilettes', ovvero abiti meno formali, e dodici abiti sontuosi corredati di 'panniers', le vistose imbottiture di paglia che la moda del XVIII secolo voleva poste sulla biancheria e sotto l'abito ad arrotondare ed imbottire i fianchi. La regina selezionava i capi che intendeva indossare quel giorno segnando i campioni con uno spillo. Ciò che aveva scelto le veniva quindi consegnato in grandi cesti di taffetà e vi dovevano essere compresi "un vestito sontuoso, uno meno formale per il pomeriggio ed un vestito da sera per il teatro e la cena".

La regina si avvolgeva quindi in una lunga veste di flanella inglese abbottonata sul fondo e si accingeva a fare il bagno: gli addetti a seguirla durante questa cerimonia la raggiungevano con gli articoli da bagno e quando ella aveva concluso, un ampio lenzuolo veniva tenuto alto ben teso per proteggerla da occhi indiscreti e lasciarla asciugare in privato; quindi se ne tornava a letto con indosso un mantello di taffetà bianco e prendeva in mano il suo ricamo o un libro da leggere.

- fotografia 13 - Piccola borsetta appartenente alla regina da lei stessa ricamata

L'ora della colazione era stabilita per le 9,00, quando, nella stanza della regina, un valletto recava un vassoio con una tazza di cioccolata calda o di caffè ed un'ora dopo Marie Antoinette poteva recarsi in visita negli appartamenti della zia del re e quindi in quelli del re; alle 11,00 i suoi capelli venivano acconciati secondo lo stile che più gradiva e quindi si rivolgeva a tutti i presenti nella stanza che assistevano compiendo inchini ( spesso era già stata raggiunta dai fratelli del re ).

A mezzogiorno giungeva il momento della 'Grand Toilette' durante il quale la regina si preparava per il pranzo e per tutte le dame di corte e le cameriere personali giungeva con questo il rito più importante dell'intera giornata: in cerchio si disponevano intorno a lei, che, davanti la sua toilette, sedeva al centro della stanza; si cominciava con la pulizia del viso che veniva effettuata con detergenti e creme astringenti sulle quali venivano applicate una crema ed una cipria sbiancante e profumata e dato che da bambina Marie Antoinette soffrì di vaiolo, le antiestetiche cicatrici che le erano rimaste sulle guance venivano camuffate con piccoli punti fatti con la matita scura a simulare dei nei - e fu così che venne lanciata la moda del volto pallido ingentilito da nei posticci spesso maliziosamente disegnati vicino le labbra; quindi veniva aspersa sul volto e sul corpo della regina la sua amata acqua di toilette profumata ai fiori d'arancio prima del rito della vestizione di cui, dapprincipio, si occupavano le sue cameriere personali, poi di tutto ciò diverrà responsabile la famosa Mademoiselle Rose Bertin, la prima stilista della storia, di cui QUI, tempo fa, ebbi già il piacere di narrarvi.

Tutto ciò non doveva durare più di mezz'ora poiché ad esso seguiva il rito della S.Messa cui quotidianamente la regina ed il suo consorte assistevano prima del pranzo ( ed anche in questo caso la regina era accompagnata dal suo seguito, tra cui primeggiava la Princesse de Lamballe, cui si univano i ministri di culto); alle 13,00 in punto veniva presentato a Sua Maestà, che nel frattempo, dopo la funzione, si era ritirata nelle sue stanze, il menù per il pranzo direttamente dalle mani del maître d’hôtel.
Il pranzo 'in pubblico' si teneva ogni domenica nel gabinetto dei nobili. In quel giorno, le signore titolate e che quindi godevano del privilegio di figurare tra le prescelte, sedevano su sedie pieghevoli  ai due lati del tavolo, mentre le dame senza titolo rimanevano in piedi. La regina pranzava da sola con il re: dietro la sedia del re si trovava il capitano della guardia ed il primo valletto, dietro la sedia della regina stava il suo valletto, il capo scudiero ed il suo maître d'hôtel. Il pasto aveva inizio quando il principe più vicino al re gli presentava una ciotola per lavarsi le mani e quando la principessa più vicina alla regina prestava il medesimo servizio.

Quello del pranzo era una sorta di frugale spuntino visto che la regina di solito pranzava con solo una piccola porzione di carne e non beveva mai vino.
Dopo il pasto la regina visitava l'appartamento del Delfino e poi tornava nei suoi appartamenti con le sue dame per dedicarsi alla corrispondenza o alla lettura ed è in questo momento della giornata che ella rimuoveva il suo ingombrante e costrittivo 'pannier' e la parte inferiore del suo abito, preferendo indossare un abito leggero, di cotone o mussola, per il resto della giornata.
Alle ore 15,00 si recava nuovamente in visita alla zia del re ed un'ora più tardi riceveva l'abate nei suoi appartamenti; alle ore 17,00 era prevista un'ora di lezione di musica ( Marie Antoinette suonava il clavicembalo) o di canto dopo la quale tornava a far vista alla zia del re oppure si dedicava a passeggiare in giardino.

- fotografia 14

Alle ore 19,00 cominciavano i preparativi per la serata, dal cambio di toilette per la regina all'allestimento di quelle attività che avrebbero seguito la cena, come l'assistere ad una rappresentazione teatrale o giocare alle carte.
La cena veniva servita alle ore 21,00 in punto e rappresentava per la regina un pasto un po' più sostanzioso rispetto al pranzo, poiché generalmente constava di una tazza di brodo, un'ala di pollo ed un bicchiere d'acqua in cui ella immergeva alcuni biscotti come dessert. Se il re non era presente, la cena doveva essere servita solamente da personale di servizio femminile.
Alle ore 23, 00 una procedura simile a quella che seguiva il risveglio veniva ripetuta prima che la regina si coricasse, anche se va detto che questa volta le offerte recate dalla guardarobiera nel suo cesto erano una camicia da notte, un berretto da notte e le calze per il mattino successivo; dopo che la regina si era abbigliata per la notte, tutto ciò che aveva indossato durante il giorno veniva portato nella stanza guardaroba per le riparazioni o le pulizie.

Vi svelo un segreto: per mantenere le proprie mani bellissime la regina si coricava spesso con guanti cerati.

Anche per il re era prevista una cerimonia molto simile prima del ritiro notturno: mentre la regina attendeva suo marito ed il suo seguito, la sua prima cameriera sedeva ai piedi del suo letto; giunto il re, tutti i servitori che lo avevano accompagnato se ne andavano condotti nelle proprie stanze dalla prima cameriera della regina, quindi costei tornava infine a chiudere la porta della stanza della regina prima di andarsene a dormire.

Ringraziandovi di cuore per l'affetto e l'interesse che sempre dimostrate per le mie pubblicazioni, 
vi invio un forte abbraccio augurandovi ogni bene.

A presto 💕



Marie-France Boyer, Francois Halard, The Private Realm of Marie Antoinette, Thames & Hudson, 1996;

Elisabeth De Feudeau, From Marie-Antoinette's Garden: An Eighteenth-Century Horticultural Album, Alain Baraton, 2013;

Hélène Delalex, A Day with Marie Antoinette (A Day at), Flammarion-Slp edition, 2015;

Hélène Delalex, Alexandre Maral, Nicolas Milavanovic, Marie-Antoinette, J. Paul Getty Museum, 2016;

Charles Duke Yonge, The Life of Marie Antoinette, Queen of France, 1876;

Maxime de La Rocheterie, The Life of Marie Antoinette, 1893.


1Charles Duke Yonge, The Life of Marie Antoinette, Queen of France, 1876, pag 99.





This blog post was featured by ANGELINA at PETITE HAUS and  BEV at ECLECTIC RED BARN  !!!
Thank you lovely ladies, I have no words which to thank you with ❤


giovedì 16 novembre 2017

Decorating a Victorian Buffet Table.

Like true aesthete, attentive to the details aimed to create the beauty even in the smallest and negligible area of their everyday life as they were, our Victorians were real artists in decorating tables laid out for special occasions, from those for a simple buffet to those prepared for the Christmas celebrations.

A Buffet Table decorated with a large wreath and a lavish fountain in the middle, and golden ribbons draping the sides of the towel

When THE ENCYCLOPEDIA OF PRACTICAL COOKERY - Editor Theodore Francis Garrett - was published in England in 1892, Queen Victoria had been sitting on her throne for more than 55 years and had already consecrated the period which we call in her honor Victorian Age just as a golden era for everything which was domestic and it is unquestionable that such a publication, which in the culinary sector represented one of the vertices, opened a new style for food, both for preparing and for presenting it.

Eliza Acton had published her Modern Cookery for Private Families that sold copies very quickly and introduced some of the conventions we may find in modern kitchen books such as measurements and cooking times and Mrs Beeton's Book of Household Management followed it as a best-seller for about 50 years.

You have to know that during the XIXth century over 100 popular cooking books were published, therefore the choice of time to produce an eight-volume encyclopedia should have been chosen with extreme accuracy and well-guided. It was a kind of thorough and detailed cooking treatise, with contributions of no fewer than ten kitchen chefs and far competent confectioners.

It was undoubtedly ambitious in its field - its subtitle is "A Complete Dictionary of All Pertaining to the Art of Cooking and Table Service," and it contains recipes for every occasion, including "ball suppers, picnics, garden party refreshments, race and boating baskets."

In all its details, the format of the Encyclopedia is quite classic, as it contains recipes, illustrations and descriptions of foods, but it's written with such care and passion that it happens to read more poetic than accurate measures: just think that in a recipe to prepare "Broad beans and cream" it's needed "a lump of butter the size of a fowl's egg."

It also contains recipes that could be rare for a today's chef, and on the other hand, they are far from our tastes! The black pudding, for example, is a sort of pork blood sausage, for the description of which there is a detailed half-page book; the first advice to prepare it it's to "Get a supply of large pig's entrails." And it was not entirely secondary the knowledge of the preservation of fresh products at that time, since as for the half-liter of pork blood required, it is essential to get it the same day that the animal is slaughtered.

The recipes are intertwined with a series of extremely sumptuous illustrations: some are only demonstrative, while others show more elaborate table decorations that clearly appear to be not part of nowadays "practical cooking"; it is the case of some center-table that are real works of art, such as a plate of woodcocks and other birds decorated with white swan statues arranged on several levels,

or of a fish dish decorated with King Neptune, with his trident facing upwards,

or a plaster rooster wearing a pince-nez and a hat that makes ornament for a game-based dish.

And others not less fascinating at all ...

Yes because at that time plaster statues, small fountains, etc. were used to decorate tables and dishes.

Thanks to the New York Academy of Medicine, which keeps the Encyclopedia in its collection, today we can see how people - of course only those belonging to a certain rank - cooked and ate at the end of 1800, and we do it above all with images that are a real treat for the eyes !

And always the most extraordinary decorations belong to desserts and gateaux ... judge yourself ...

I wonder why such an art was lost, along with so many, many things belonging to that period that I love so much, or should only be reserved for exceptional occasions because it does not belong to the middle class, which at the time didn't exist yet ..!

Finally, I'm  leaving you with an image suggesting the decoration for a wedding-breakfast table ... well it is an image that 'speaks' for itself!

And before taking my leave of you, 
let me thank you as always for having followed me up to here with your usual enthusiasm, 
thanks to all of you from the bottom of my heart

see you soon 💕


The Encyclopaedia of Practical Cookery: A Complete Dictionary of All Pertaining to the Art of Cookery and Table Service, Editor Theodor Francis Garrett, Contributor William A. Rawson, Illustrators Harry Furniss, George Cruikshank, W. Mann Andrew.

Da veri esteti, attenti ai dettagli volti a dar vita al bello anche nel più piccolo e trascurabile ambito della loro vita quotidiana, i Victorians erano veri artisti nel decorare le tavole imbandite per occasioni speciali, da quelli per un semplice buffet a quelli addobbati per le celebrazioni natalizie.

- immagine 1 - tavolo imbandito per un buffet con tanto di fiocchi a drappeggiare i bordi della tovaglia e fontana nel centro di una vasta ghirlanda decorata che separa i piatti dei commensali

Quando THE ENCYCLOPEDIA OF PRACTICAL COOKERY - Editore Theodore Francis Garrett - venne pubblicata in Inghilterra nel 1890, la regina Vittoria sedeva sul trono già da più di 55 anni ed aveva consacrato quel periodo che noi chiamiamo in suo onore Vittoriano, appunto, come un'epoca d'oro per tutto ciò che era domestico ed è indubbio che una tale pubblicazione, che in ambito culinario rappresentò uno dei vertici, inaugurò un nuovo stile per alimentarsi. 

Eliza Acton aveva pubblicato il suo Modern Cookery for Private Families che vendette copie molto velocemente e introdusse alcune delle convenzioni dei libri di cucina moderni, come le misurazioni delle vivande ed i tempi di cottura. Il Mrs Beeton’s Book of Household Management gli fece seguito rimanendo un best-seller per circa 50 anni.

Pensate che durante il XIX secolo oltre 100 libri di cucina popolari sono stati pubblicati perciò la scelta di tempo per dare alle stampe un'enciclopedia di otto volumi doveva essere stato scelto con estrema accuratezza e del tutto indovinato. Era questo una sorta di trattato di cucina completo e dettagliato, con contributi di non meno di dieci chef di cucina e pasticceri. 
Era indubbiamente ambizioso nel suo ambito - questo è il suo il suo sottotitolo "un dizionario completo di tutto ciò che riguarda l'arte della cucina e del servizio a tavola", e contiene ricette per ogni tipo di occasione, tra cui "cene date in occasioni di balli, pic-nic, rinfreschi da giardino, cesti preparati in occasione di gare all'aperto e di gite in barca."

In tutti i dettagli, il formato dell'Encyclopedia è decisamente classico, poiché contiene ricette, illustrazioni e descrizioni di alimenti, ma è redatto con una tale cura e passione che accade di leggervi misure più poetiche che accurate: pensate che in una ricetta per preparare " Fave in brodo con panna " è scritto che è necessario "un pezzo di burro delle dimensioni di un uovo di gallina" !

Essa contiene anche ricette che potrebbero essere rare per il cuoco di oggi, e, pur se ricercate al tempo, sono lontane dai nostri gusti ! Il budino nero, per esempio, è una sorta di sanguinaccio di maiale, per la descrizione del quale è impegnata una mezza pagina dettagliata del libro; il primo consiglio per prepararlo è "procurarsi intestini di maiali di grandi dimensioni". E non era del tutto secondaria anche una conoscenza della conservazione dei prodotti freschi a quell'epoca: a causa del mezzo litro di sangue di maiale richiesto, l'Encyclopedia afferma che è essenziale prepararlo il medesimo giorno in cui si macella l'animale.

Le ricette sono intercalate ad una serie di illustrazioni decisamente sontuose: alcune sono solamente dimostrative, mente altre mostrano decorazioni da tavola più elaborate che appaiono chiaramente come non appartenenti all'ambito della "cucina pratica"; è il caso di alcuni centro-tavola che sono vere opere d'arte - è il caso di un piatto di beccacce ed altri volatili decorato con statue di cigni bianchi disposti su più livelli 

- immagine 2

di una portata di pesce decorata con re Nettuno, con il suo tridente in alto, 

- immagine 3

o di un gallo in gesso che indossa un pince-nez e un cappello che fa da ornamento per un piatto a base di selvaggina.

- immagine 4

Ed altri ancora ...

- immagine 5

- immagine 6

Sì perché a quel tempo per decorare i piatti che si servivano in tavola venivano utilizzati statue in gesso, piccole fontane, etc.

Grazie all'Accademia di Medicina di New York, che conserva l'Encyclopedia nella sua collezione, oggi siamo in grado di intravedere come le persone - ovviamente solo quelle appartenenti ad un certo rango - cucinavano e mangiavano alla fine del 1800, e lo facciamo soprattutto con immagini che sono una vera delizia per gli occhi !

E sempre le decorazioni più straordinarie appartengono ai desserts e ai gateaux ... giudicate voi stessi ...

- immagine 7

- immagine 8

Mi chiedo perché una tale arte sia andata perduta, insieme a tante, troppe cose che appartengono a quel periodo che tanto amo, o la si debba riservare solamente ad occasioni eccezionali perché non divenuta alla portata del ceto medio, che al tempo ancora non esisteva ... !

Per concludere vi lascio con un'immagine che suggeriva la decorazione di un tavolo per un buffet di nozze ... è un'immagine che si commenta da sé !

- immagine 9

E prima di prendere congedo da voi, 
vi ringrazio come sempre per avermi seguita fin qui con l'entusiasmo di sempre,
 grazie a tutti voi dal profondo del cuore

a presto 💕


The Encyclopaedia of Practical Cookery: A Complete Dictionary of All Pertaining to the Art of Cookery and Table ServiceEditor Theodor Francis Garrett, Contributor William A. Rawson, Illustrators Harry Furniss, George Cruikshank, W. Mann Andrew.