mercoledì 22 marzo 2023

Boxing with Byron


LORD BYRON SPARRING WITH JOE "GENTLEMAN" JACKSON


How many things did Lord George Byron do in his, albeit short, life?

We have met him several times during our walks through History and we can say, without any doubt, that he really did many things, apparently different and almost conflicting with each other. Byron was a poet, playwright, adventurer, wanderer, Dandy, Bohemian, revolutionary... But few people know that Byron also embarked on the path of boxing. His was the great era of the boxer when they still fought down the streets and the prize was in money. The fights took place with bare fists and often lasted for hours. They consisted of a single round that ended only when one of the two boxers was rejected or thrown to the ground! In those years the boxer John Jackson – commonly known as “Gentleman” Jackson – was almost as famous as the Duke of Wellington. He was Champion of England from 1795 to 1803, then, after his retirement, he began to train students athletically, including, precisely, the young Byron. Indeed, many noble young men took lessons from Jackson at his school on London's Bond Street. 


"To day I have been very sulky – but an hour’s exercise with Mr. Jackson of pugilistic memory – has given me spirits & fatigued me into that state of languid laziness which I prefer to all other." (Lord Byron, letter 8th April 1814)

The "exercise" referred to is boxing training, called "sparring". The fascination that boxing exercised on Byron was not short-lived, it lasted lots of years.
It sounds almost incredible that a man, first of all devoted to the intellectual life, considered such a rough sport prestigious: actually he saw the fatigue, the effort in a positive way, he ascribed to it the ability to "purge" physical and mental impurities. So it was worth leading a debauched life as a few hours of hard exercise at John Jackson's gym would put his body and spirit anew!
He was thus the Byron "man of the world" who loved the noble art of boxing.
Sports reporter Pierce Egan, editor of Boxiana magazine, among other things, who followed London sports and Byron's ardent admirer wrote:

"His Lordship of him always entered into the spirit of the thing, as into his poetry; – regarded boxing as a national proclivity – a stimulus to true courage… In putting a… he received coolly from his opponent, and returned to his opponent with all the vigor and assurance of a master of the art." (Book of Sports)

Throwing oneself "into the spirit of the thing" is the cardinal element here, the hard training affording Byron a physical and psychological outlet: Byron's absorption in vigorous exercise may simply have been an attempt to reconcile his conscience for the behavior not entirely blameless past and present. Meanwhile he continued to record in his diary:

"The more violent the fatigue, the better my mood will be for the rest of the day; and then my evenings have that calm nothing of languor, which delights me most."


BARE-KNUCKLE BOXING DOWN THE STREETS AS IT WAS USUAL DURING BYRONS' LIFE
 
It was really a matter of discipline versus dissipation. Basically, it was useful to fend off boredom. 
Boxing effort induced fatigue and, for Byron, this constituted a high state of physical health and psychological consciousness.


And after revealing this little curiosity about Byron's life, 
I'm sending my dearest hug to you all.
See you soon 







Fare a pugni con Byron


IMMAGINE DI COPERTINA - LORD BYRON MENTRE SI ALLENA A PUGILATO CON JOE "GENTLEMAN" JACKSON


Quante cose ha fatto nella sua, seppur breve, vita George Byron?

Più volte lo abbiamo incontrato durante le nostre passeggiate nella Storia e possiamo dire, senza dubbio, che ne fece davvero molte, apparentemente differenti e quasi contrastanti tra loro. Byron fu poeta, drammaturgo, avventuriero, girovago, Dandy, Bohémien, rivoluzionario… Ma pochi sanno che da ragazzo Byron intraprese anche la strada del pugilato. La sua era la grande era del pugile quando ancora si combatteva per le strade ed il premio era in denaro. I combattimenti si svolgevano a pugni nudi e spesso duravano per ore. Erano composti da un unico round che terminava solo quando uno dei due pugili veniva respinto o scagliato a terra! In quegli anni il pugile John Jackson – conosciuto comunemente come “Gentleman” Jackson– era famoso quasi quanto il duca di Wellington. Fu Campione d'Inghilterra dal 1795 al 1803, poi, dopo il suo ritiro, iniziò a preparare atleticamente allievi, tra cui, appunto, il giovane Byron. In effetti, molti giovani nobili presero lezioni da Jackson nella sua scuola di Bond Street a Londra. 


IMMAGINE 2 - IL PUGILE JOHN JACKSON


"Oggi sono stato molto imbronciato - ma un'ora di esercizio con il signor Jackson di memoria pugilistica - mi ha dato allegria e mi ha affaticato al punto da gettarmi in quello stato di languida pigrizia che preferisco a tutti gli altri." (Lord Byron, lettera dell'8 aprile 1814)

L' esercizio a cui si fa riferimento è l’allenamento pugilistico. Il fascino che il pugilato esercitò su Byron non fu di breve durata, si protrasse per numerosi anni.
Sembra quasi incredibile che un uomo, dedito innanzitutto alla vita intellettuale, considerasse prestigioso uno sport così rude: egli in realtà vedeva la fatica in modo positivo, le ascriveva la facoltà di “purgare” le impurità fisiche e mentali. Quindi valeva la pena condurre una vita dissoluta, tanto qualche ora di duro esercizio fisico presso la palestra di John Jackson avrebbe rimesso il suo fisico ed il suo spirito a nuovo!
Era quindi il Byron "uomo di mondo" che amava la nobile arte del pugilato.
Il cronista sportivo Pierce Egan, curatore tra l'altro della rivista Boxiana, che seguiva gli sport londinesi, e acceso ammiratore di Byron, scriverà:

"Sua Signoria entrava sempre nello spirito della cosa, come nella sua poesia; – considerava la boxe una propensione nazionale – uno stimolo al vero coraggio… Nel mettere a… riceveva con freddezza dal suo avversario, e tornava sul suo avversario con tutto il vigore e la sicurezza di un maestro dell'arte."(Book of Sports)

Gettarsi "nello spirito della cosa" è l'elemento cardine qui, il duro allenamento offre a Byron uno sfogo fisico e psicologico: l'assorbimento di Byron in un esercizio vigoroso potrebbe essere stato semplicemente un tentativo di riconciliare la sua coscienza per il comportamento non del tutto irreprensibile passato e in corso. Intanto continuava a registrare nel suo diario:

"Più violenta è la fatica, migliore sarà il mio umore per il resto della giornata; e poi le mie sere hanno quel calmo nulla di languore, che più mi diletta.


IMMAGINE 3 - ALL'EPOCA IN CUI VISSE BYRON ERA CONSUETUDINE PRATICARE IL PUGILATO PER LE STRADE E A PUGNI NUDI


Era davvero una questione di disciplina contro la dissipazione. Fondamentalmente, era utile per respingere la noia. Lo sforzo pugilistico induceva affaticamento e, per Byron, ciò costituiva un elevato stato di salute fisica e di coscienza psicologica.


E dopo avervi rivelato questa piccola curiosità sulla vita di Byron,  
Invio il mio più caloroso abbraccio a tutti Voi!
A presto 







giovedì 16 marzo 2023

Irish linen and Victorian "spinsters"

Today I'd love to celebrate St. Patrick's Day with you by recalling a tradition linked to the precious "Emerald Isle", as Ireland is commonly called in English, since its hills boast countless shades of green.


Giovanni Battista Torriglia
(Genoa, 1857-1937)
La ruota dell'arcolaio


First of all, I would like to clarify the use of the word SPINSTER in order to avoid any kind of misunderstanding, due to the derogatory connotation it has assumed over time. Literally, SPINSTER is a woman who drives the spinning wheel, a WHEEL SPINNER WOMAN.
The term SPINSTER was later used to define a woman who was unmarried or advanced in age - again in the context of the time - and who had no expectations of marrying. Over time it became an offensive and even abusive term, meaning a middle-aged or elderly woman, unmarried and with a harsh or sad character, depending on the circumstances in which she was presented.
Having clarified the meaning of this word, My little old world dedicates St. Patrick's Day to all Irish women who were the promoters of an artisan craft that has survived over the centuries, leaving examples of minor but no less beautiful or less precious artistic manifestations.


Giovanni Battista Torriglia
(Genoa, 1857-1937)
La filatrice o La ruota che gira


In the 19th century, at the height of the textile industry, the nobility and the middle class required high-quality fabrics to make their clothes and household goods. The flax plant provided one of the most appreciated fabrics, not only for its softness and resistance but also for its great versatility.
Ireland, especially in its northernmost part, made the cultivation and processing of flax the basis on which it founded its economy, becoming one of the largest producers of the plant worldwide, as well as the main supplier of European countries. The production of flax became the livelihood of entire countries which depended almost entirely on its cultivation and processing. The entire family worked in the flax industry, including the children who brought home wages to add to the family income.
One of the successes of Irish linen lay in the skill of the SPINSTERS, the weavers who handled the linen on distaffs or spindles.
The distaff was a wheel in which the fibers were spun to separate them as finely as possible, while the spindle was a straight stalk, usually made of wood or bone which had, on top, a spherical object made to hold the thread.


Platt Powell Ryder 
(America, 1821–1896)
Woman At Spinning Wheel


Many spindles had a hook or groove, like that of a sewing needle, to guide the fibers of the flax.
The work of the SPINNERS was distinguished by the way they spun the flax fibers into very fine threads, which were then woven on looms, giving the resulting linen fabrics for use in the garment industry. Thus the first factories were born. But, although entire families dedicated themselves to this task, the work was not sufficient to satisfy the demand and, moreover, it made the product more expensive, since it took a long time to reach the textile industries. For this entrepreneurs devised a production formula that became very popular in the XIXth century.
They encouraged families to have their own fields, to harvest flax, to spin and weave it on their own looms. Once the linen was woven, entrepreneurs bought it from families and then worked it and sold it to clothing companies. Since Irish families did not have enough money to buy the machinery, the looms were supplied free of charge, even if always under the supervision of the entrepreneurs, to verify their correct use and what was produced was sold to them entirely.


Gustave Courbet 
(France, 1819 –1877)
The Sleeping Spinner


The business was so profitable that the SPINSTERS soon began hiring girls as apprentices in order to be able to produce more items and faster without deteriorating the quality of the yarn, as a direct weaving variety of linen began to circulate, without prior hand spinning. This mechanization achieved higher production but also thicker and coarser fibers which lowered the price of the fabric.
Victorian bed or table linen made from Irish linen, usually embellished with embroidery or brocade, was considered a paragon of exquisite taste and luxury for their spinwork and softness to the touch. A high-status Victorian family always adorned their table with an Irish-sourced tablecloth or adorned their bedside tables and chests of drawers with Irish linen doilies.
The art of SPINSTERS became so popular during the Victorian era that even Queen Victoria herself had her own spinning wheel and she did not hesitate to have a picture taken of her doing such household chores.


Queen Victoria at the spinning wheel


Over time the work of SPINSTERS lost in competitiveness compared to mechanized work and mass production, whose production costs were lower. The arrival of linen from countries where wages were much lower made access to linen products cheaper and more democratised, to the detriment of their quality. The fields and mills were abandoned and families devoted themselves to jobs that were economically much more profitable and less labour-intensive. Fortunately this art has not been lost, but has been relegated to the concept of traditional craftsmanship.
Even today, in fact, the Irish Linen seal of quality continues to represent the prestige of a product of excellence.


Carl Reichter 
(Austria, 1836-1918) 
Kittens on a Spinning Wheel


In the hope You've enjoyed with gladness 
the time we spent together today, 
I'm sending much love to You all.
Happy St. Patrick's Day and
see you soon ❤






Il lino irlandese e le "spinsters" vittoriane 


Mi piacerebbe oggi con voi celebrare il giorno di San Patrizio ricordando una tradizione legata alla preziosa "Isola di smeraldo", come viene chiamata comunemente in inglese quella dell'Irlanda, poiché le sue colline vantano innumerevoli tonalità di verde.


IMMAGINE 1 - Giovanni Battista Torriglia (Genova, 1857-1937) La ruota dell'arcolaio


Innanzitutto tengo a chiarire l'uso del termine SPINSTER che attualmente viene tradotto con "zitella", al fine di evitare qualsiasi tipo di fraintendimento dovuto alla connotazione dispregiativa che nel tempo la parola ha assunto. Letteralmente SPINSTER è una donna che guida la ruota che gira, unaWHEEL SPINNER WOMAN, e la ruota qui è quella del filatoio o del telaio. 
Il termine SPINSTER fu poi utilizzato per definire una donna non sposata o che era in età avanzata - sempre nel contesto dell'epoca - e priva di aspettative di accasarsi. Con il tempo divenne un termine offensivo e persino ingiurioso, poiché con esso si indicava una donna di mezza età o anziana, non maritata e dal carattere acido o triste, a seconda delle circostanze in cui veniva descritta.
Chiarito il termine My little old world dedica il giorno di San Patrizio a tutte le donne irlandesi che furono le promotrici di un mestiere artigianale sopravvissuto nei secoli, lasciando esempi di manifestazioni artistiche minori ma non per questo meno belle o meno preziose.


IMMAGINE 2 - Giovanni Battista Torriglia (Genova, 1857-1937) La filatrice o La ruota che gira


Nell'Ottocento, al culmine dell'industria tessile, la nobiltà e la borghesia richiedevano tessuti di alta qualità per confezionare i propri abiti e corredi domestici. La pianta del lino forniva uno dei tessuti più apprezzati, non solo per la sua morbidezza e resistenza ma anche per la sua grande versatilità. 
L'Irlanda, soprattutto nella sua parte più a settentrione, fece della coltivazione e della lavorazione del lino le basi su cui fondò la propria economia, divenendo uno dei maggiori produttori della pianta a livello mondiale, nonché il principale fornitore dei paesi europei. La produzione del lino divenne di sostentamento di interi paesi che dipendevano quasi interamente dalla sua coltivazione e dalla sua lavorazione. L'intera famiglia lavorava nell'industria del lino, compresi i figli che portavano a casa salari da aggiungere al reddito familiare.
Uno dei successi del lino irlandese risiedeva nell'abilità delle SPINSTERS, le tessitrici che maneggiavano il lino su conocchie o fusi.
La conocchia era una ruota in cui le fibre venivano filate per separarle il più finemente possibile, mentre il fuso era uno stelo diritto, solitamente in legno o osso che aveva, sulla parte superiore un oggetto sferico fatto per trattenere il filo. 


IMMAGINE 3 - Platt Powell Ryder (America, 1821–1896) Woman At Spinning Wheel


Molti fusi avevano un uncino o una scanalatura, come quella di un ago da cucito, per guidare le fibre del lino.
Il lavoro delle filatrici si distingueva per il modo in cui filavano le fibre di lino in fili finissimi, che venivano poi tessuti sui telai, dando i tessuti di lino risultanti da utilizzare nell'industria dell'abbigliamento. Nacquero così i primi opifici. Ma, nonostante intere famiglie si dedicassero a questo compito, il lavoro non era sufficiente a soddisfare la richiesta e, inoltre, rendeva il prodotto più caro, poiché ci voleva molto tempo per raggiungere le industrie tessili. Per questo gli imprenditori idearono una formula di produzione che divenne molto popolare nel XIX° secolo.
Essi incoraggiarono le famiglie ad avere i propri campi, a raccogliere il lino, a filarlo e tesserlo sui propri telai. Una volta che il lino era tessuto, gli imprenditori lo acquistavano dalle famiglie per poi lavorarlo e venderlo alle aziende di abbigliamento. Poiché le famiglie irlandesi non disponevano di denaro sufficiente per acquistare i macchinari, i telai venivano forniti gratuitamente, anche se sempre sotto la supervisione degli imprenditori, per verificarne il corretto utilizzo e ciò che veniva prodotto veniva loro interamente venduto.


IMMAGINE 4 - Gustave Courbet, (Francia,1819 –1877), The Sleeping Spinner


La biancheria da letto o da tavola vittoriana realizzata con lino irlandese, solitamente impreziosita da ricami o broccati, era considerata un campione di gusto e lusso squisito per il loro lavoro di filatura e morbidezza al tatto. Una famiglia vittoriana di alto rango adornava sempre la propria tavola con una tovaglia di provenienza irlandese o adornava i comodini e le cassettiere con centrini di lino irlandesi.
L'arte delle SPINSTERS divenne così popolare durante l'era vittoriana che persino la stessa regina Vittoria aveva il suo arcolaio e non esitò a farsi fotografare mentre svolgeva tali lavori domestici.


IMMAGINE 5 - La regina Victoria all'arcolaio


L'attività era così redditizia che le SPINSTERS iniziarono presto ad assumere ragazze come apprendiste per poter produrre più oggetti e più velocemente senza deteriorare la qualità del filato, poiché iniziò a circolare una varietà di lino a tessitura diretta, senza previa filatura a mano. Questa meccanizzazione ha ottenuto una produzione più elevata ma anche fibre più spesse e grossolane che hanno abbassato il prezzo del tessuto.
Nel tempo il lavoro delle SPINSTERS perse in competitività rispetto a quello meccanizzato e alla produzione di massa, i cui costi di produzione erano inferiori. L'arrivo della biancheria da paesi in cui i salari erano molto più bassi hanno reso più economico e democratizzato l'accesso ai prodotti di biancheria, a scapito della loro qualità. I campi e i mulini furono abbandonati e le famiglie si dedicarono a mestieri economicamente molto più redditizi e che richiedevano meno manodopera. Per fortuna quest'arte non è andata persa, ed è stata relegata al concetto di artigianato tradizionale.
Ancora oggi, infatti, il sigillo di qualità Irish Linen continua a rappresentare il prestigio di un prodotto di eccellenza. 


IMMAGINE 5 - Carl Reichter (Austria, 1836-1918) Kittens on a Spinning Wheel


Nella speranza che Vi siate giovati con gioia 
del tempo che abbiamo trascorso insieme oggi,
invio tanto affetto a tutti Voi.
Felice giorno di San Patrizio e
a presto ❤





LINKING TO:








domenica 5 marzo 2023

Amos Bronson Alcott, Abigail May and Orchard House, Little Women's 'nest'

Surely, dear father, some good angel or elf dropped a talisman in your cradle that gave you force to walk thro life in quiet sunshine while others groped in the dark...

~ Louisa May Alcott to her father

November 28, 1855


In 1857, Amos Bronson Alcott purchased 12 acres of land with a manor house that had been on the property since the 1660s for $945. He then moved a small tenant farmhouse and joined it to the rear of the larger house, making many improvements over the course of the next year, as he detailed in his journals.  The grounds also contained an orchard of 40 apple trees which greatly appealed to Mr. Alcott, who considered apples the most perfect food. It is not surprising, then, that he should name his home "Orchard House".

After moving more than twenty times in nearly thirty years, the Alcotts had finally found their anchoring place at Orchard House, where they lived until 1877. A. Bronson Alcott was born on November 29, 1799. The son of a flax farmer in Wolcott, Connecticut, he taught himself to read by forming letters in charcoal on a wooden floor. Through sheer willpower and dedication to the ideal, he educated himself and guided his genius to expression as a progressive educator and leader of the Transcendentalists.
"Transcendentalism" was a term coined for a movement of New England writers and thinkers in the 1830s. They believed that people are born good, that they possess a power called intuition, and that they can come closer to God through nature.  Amos Bronson Alcott was unique in the way he embodied and lived out his Transcendentalist ideas. As a young man, he worked as a handyman and gardener. When Orchard House became his home, he was married to Abigail May for 27 years. Abigail, or Abba as she was called, had a passionate temperament, a fine mind, and a generous heart. She keenly felt the injustices of the world and worked energetically for various causes, especially those that helped the poor or furthered the causes of abolition, women’s rights, and temperance, that's why she inspired the charachter of Marmee in Little Women.  Abba met Amos Bronson Alcott in Brooklyn, Connecticut at the home of her brother, Samuel Joseph May, the first Unitarian minister in the state. Throughout their long courtship, Mr. Alcott, "a shy lover," communicated his sentiments to Miss May by letting her read passages he wrote about her in his journal. Bronson and Abba were married in King’s Chapel in Boston on May 23, 1830.
Abba’s love for her visionary husband was a mainstay in calm and storm.  Although frequently frustrated by his inability to support his family, Mrs. Alcott believed in her husband and his ideals -- even when it seemed that the rest of the world did not. She wrote in her journal that she could never live without him: 

"I think I can as easily learn to live without breath."

Their marriage had four daughters: Anna, Louisa, Lizzie and May. 


In the very first years of their life together, the couple moved several times due to failed attempts, for financial reasons, to open experimental schools based on their own educational system, tested directly with their own families. In fact, Alcott believed that education should be a pleasant experience and thus included physical education, dance, art, music and the drafting of a daily diary among the subjects of study of the daughters.
As an educator, he believed that all knowledge and moral guidance springs from inner sources and it is the teacher’s role to help these unfold in a beneficial way.  His daughter Louisa, one of his most faithful pupils, wrote:

"My father taught in the wise way which unfolds what lies in the child’s nature, as a flower blooms, rather than crammed it ... with more than it could digest."

Mr. Alcott taught in Connecticut, Pennsylvania, and Boston.  He introduced art, music, nature study, and physical education to his classes at a time when these subjects were not commonly taught.  Many parents did not understand Alcott’s innovative methods and withdrew their children from his schools.  
Mr. Alcott believed that the key to social reform and spiritual growth lay in the home, and specifically within family life. Essential values instilled in his children from an early age were self-reliance and the ideals of duty, self-sacrifice, compassion, and charity. Self-expression was also highly valued and cultivated through the keeping of journals on the part of all family members. Journals were even shared on many occasions to foster an openness of thought and feeling.
From 1859 through 1864, Mr. Alcott served as Superintendent of Schools in Concord. In later years, he conducted lecture tours in the Midwest where his enthusiastic presentations on educational reform and Transcendentalism brought much recognition to himself and fellow friends and Concordians, Ralph Waldo Emerson and Henry David Thoreau.
In 1879, primarily through the support of his Midwest admirers, his lifelong dream for a school of philosophy in Concord was fulfilled. One of the first summer schools for adults, The Concord School of Philosophy continued for nine summers.  It closed in July of 1888 with a memorial service to Mr. Alcott, who had passed away on 4 March of that year.

But let's come back to Orchard House!
The house is most noted for being where Louisa May Alcott wrote and set her beloved classic, Little Women, in 1868 at a "shelf desk" her father built especially for her.
Fortunately, there have been no major structural changes to the house since the Alcotts' time, with ongoing preservation efforts adhering to the highest standards of authenticity.  Since approximately 80% of the furnishings on display were owned by the Alcotts, the rooms look very much as they did when the family lived here, causing many modern-day visitors to comment that
"A visit to Orchard House is like a walk through Little Women!" 


Beth's piano inside Orchard House



A.Bronson Alcott sitting in his study at Orchard House


Abba sitting on an armchair in his husband's study at Orchard House


And here's the study as you can see it today by visiting Orchard House


And so, let's have this lovely walk through Little Women! 
I suggest you a visit inside this so charming house having a look at some rooms as they were set for the last film about Louisa May Alcott most famus novel dating back to 2019.
Every shot is by Wilson Webb ©2019 CTMG.


THE ATTIC



THE KITCHEN



A VIEW OF THE DINING ROOM



THE PARLOR DECORATED FOR CHRISTMAS 
(FOR SURE YOU DO REMEBER THAT THE NOVEL BEGINS ON A RATHER BLEAK CHRISTMAS MORNING OF A YEAR BETWEEN 1863 AND 1866, THE LATTER PART OF THE CIVIL WAR.) AND FINALLY ORCHARD HOUSE SEEN BY OUTSIDE, WITH ITS CHIMNEY SMOKING, AS IT WOULD BE IN A WINTRY COLD DAY AS IT IS TODAY!



With these so wonderful images suggesting that there's still life over there, it sounds as if we had a jump back in time, doesn't it?


In the sincere hope you've enjoyed this all, 
I'm sending my dearest hug to you, 
lovely Readers and Friends of mine!

See you soon 







Amos Bronson Alcott, Abigail May e Orchard House, il 'nido' di Piccole donne


Per certo, mio caro Padre, qualche angelo buono o qualche elfo ha lasciato cadere nella tua culla un talismano che ti ha dato la forza di camminare nella calma della luce del sole, mentre altri brancolavano nel buio... 

~ Louisa May Alcott a suo padre

28 novembre 1855


Immagine 1 - DISEGNO DI ORCHARD HOUSE


Nel 1857, Amos Bronson Alcott acquistò 12 acri di terreno con una casa padronale in legno, che faceva parte della proprietà dal 1660, per $ 945. Quindi unì al retro della casa una piccola appendice, sempre in legno, ed apportò molti miglioramenti nel corso dell'anno successivo, come descrisse dettagliatamente nei suoi diari. Il terreno conteneva anche un frutteto che contava 40 alberi di mele che conquistò Mr. Alcott, poiché egli considerava le mele il cibo perfetto in assoluto. Non sorprende, quindi, che abbia chiamato la sua casa "Orchard House"- La casa del frutteto.
Dopo aver cambiato dimore per più di venti volte in quasi trent'anni, gli Alcott avevano finalmente trovato il loro posto di ancoraggio a Orchard House, dove vissero fino al 1877. Amos Bronson Alcott era nato il 29 novembre 1799. Figlio di un coltivatore di lino di Wolcott, Connecticut, imparò da solo a leggere e a scrivere utilizzando un carboncino ed un pavimento di legno. Attraverso la pura forza di volontà e la dedizione agli ideali, si è formato e ha guidato il suo genio ad esprimere la sua vocazione: quella di educatore progressista e leader dei Trascendentalisti.
"Trascendentalismo" era un termine coniato da un movimento di scrittori e pensatori del New England negli anni '30 del XIX° secolo. Costoro credevano che le persone nascessero buone, che possedessero un potere chiamato intuizione e che potessero avvicinarsi a Dio attraverso la Natura. Amos Bronson Alcott fu l'unico ad aver fatto propri anche nella sua vita i principi  trascendentalisti. Da giovane aveva lavorato come tuttofare e giardiniere. Quando Orchard House divenne la sua casa, era sposato con Abigail May da 27 anni. Abigail, o Abba come veniva chiamata, aveva un temperamento appassionato, una mente fine e un cuore generoso. Avvertiva profondamente le ingiustizie del mondo e lavorò energicamente per sostenere varie cause, specialmente quelle volte ad aiutare i poveri o che promuovevano l'abolizione della schiavitù, quelle che patrocinavano i diritti delle donne e valutavano la temperanza, ecco perché ha ispirato il personaggio di Marmee in Piccole donne. Abba incontrò Amos Bronson Alcott a Brooklyn, nel Connecticut, a casa di suo fratello, Samuel Joseph May, che fu il primo ministro unitario dello stato. Durante il loro lungo corteggiamento, Mr. Alcott, "un amante timido",  comunicava i suoi sentimenti a Miss May lasciandole leggere i passaggi che scriveva su di lei nel suo diario. Bronson e Abba si sposarono nella King's Chapel di Boston il 23 maggio 1830.
L'amore di Abba per il marito visionario era un pilastro nella calma e nella tempesta. Sebbene spesso frustrata dalla sua incapacità di mantenere la sua famiglia, Mrs. Alcott credeva in suo marito e nei suoi ideali, anche quando sembrava che il resto del mondo non lo facesse. Su legge nel suo diario che non avrebbe mai potuto vivere senza di lui:

"Penso di poter più facilmente imparare a vivere senza fiato."

Dal loro matrimonio nacquero quattro figlie: Anna, Louisa, Lizzie e May.


Immagine 2 - FOTO PICCOLE DONNE


Nei primissimi anni di convivenza, i coniugi si spostarono più volte a causa dei falliti tentativi, per motivi economici, di aprire scuole sperimentali basate sul proprio sistema educativo, sperimentato direttamente con le proprie famiglie. Alcott, infatti, riteneva che l'educazione dovesse essere un'esperienza piacevole e quindi includeva l'educazione fisica, la danza, l'arte, la musica e la stesura di un diario quotidiano tra le materie di studio delle figlie.
Come educatore, credeva che tutta la conoscenza e la guida morale provenissero da fonti interiori e che fosse compito dell'insegnante aiutarle a svilupparsi in modo benefico. Sua figlia Louisa, una delle sue allieve più fedeli, scriveva:

"Mio padre insegnava in modo saggio a dispiegare ciò che giace nella Natura del bambino, come un fiore che sboccia, piuttosto che riempirlo ... con più di quanto potesse digerire."

Mr. Alcott insegnò in Connecticut, in Pennsylvania e a Boston. Introdusse lo studio dell'arte, della musica, della natura e l'educazione fisica nelle sue classi in un momento in cui queste materie non erano comunemente insegnate. Molti genitori non capirono i metodi innovativi di Alcott e ritirarono i propri figli dalle sue scuole. 
Mr. Alcott credeva che la chiave per la riforma sociale e la crescita spirituale risiedesse nella casa, e in particolare nella vita familiare. I valori essenziali instillati nei suoi figli fin dalla tenera età erano l'autosufficienza e gli ideali di dovere, sacrificio di sé, compassione e carità. Anche l'espressione di sé era molto apprezzata e coltivata attraverso  il tenere diari da parte di tutti i membri della famiglia. I diari sono stati persino condivisi in molte occasioni per favorire un'apertura di pensiero e sentimento.
Dal 1859 al 1864, Mr. Alcott fu sovrintendente delle scuole a Concord. Negli anni successivi, ha condotto conferenze nel Midwest, dove le sue entusiastiche presentazioni sulla riforma dell'istruzione e sul Trascendentalismo hanno portato molto riconoscimento a sé stesso e ai suoi amici e concordiani, Ralph Waldo Emerson e Henry David Thoreau.
Nel 1879, principalmente grazie al sostegno dei suoi ammiratori del Midwest, il suo sogno di una vita per una scuola di filosofia a Concord fu realizzato. Una delle prime scuole estive per adulti, la Concord School of Philosophy è sopravvissuta per nove estati. Si chiuse nel luglio del 1888 con un servizio funebre a Mr. Alcott, che era morto il 4 marzo di quell'anno.

Ma torniamo a Orchard House!
La casa è nota soprattutto per essere stata il luogo in cui Louisa May Alcott ha scritto e ambientato il suo amato classico, Piccole donne, nel 1868 su di una scrittoio che suo padre costruì appositamente per lei.
Fortunatamente, non ci sono stati grandi cambiamenti strutturali alla casa dai tempi degli Alcott, grazie a continui sforzi di conservazione che aderiscono ai più alti standard di autenticità. Poiché circa l'80% degli arredi ancora oggi in mostra erano di proprietà degli Alcott, le stanze sembrano molto simili a quando la famiglia viveva qui, il che inducendo molti visitatori moderni a commentare che
"Una visita a Orchard House è come una passeggiata tra le pagine di Piccole donne!"


Immagine 3 - Il piano di Beth a Orchard House

Immagine 4 - A.Bronson Alcott seduto nel suo studio a Orchard House

Immagine 5 - Abba seduta su di una poltrona nello studio di suo marito a Orchard House

Immagine 6 - Ed ecco lo studio come lo potete vedere ancora oggi visitando Orchard House


Ebbene, concediamoci allora questa passeggiata tra le pagine di Piccole donne!
Vi propongo una visita all'interno di questa casa così affascinante dando concentrandoci su alcune stanze così come furono preparate per girare l'ultimo film sul romanzo più famoso di Louisa May Alcott nel 2019.
Ogni fotografia è stata scattata da Wilson Webb ©2019 CTMG.


Immagine 7 - IL SOTTOTETTO

Immagine 8 - LA CUCINA

Immagine 9 - VEDUTA DELLA SALA DA PRANZO

Immagine 10 - IL SALOTTO DECORATO PER NATALE (RICORDERETE SICURAMENTE CHE IL ROMANZO INIZIA IN UNA MATTINA DI NATALE PIUTTOSTO SQUALLIDA DI UN ANNO COMPRESO TRA IL 1863 E IL 1866, CHE CORRISPONDE ALL'ULTIMA PARTE DELLA GUERRA DI SECESSIONE) 

Immagine 11 - E INFINE ORCHARD HOUSE VISTA DALL' ESTERNO, CON IL CAMINO FUMANTE, COME SAREBBE IN UNA FREDDA GIORNATA INVERNALE COME OGGI!


Con queste meravigliose immagini che suggeriscono che ancora ci sia vita in quei luoghi, sembra di aver compiuto un salto indietro nel tempo, che ne dite?


Sperando vivamente che tutto ciò vi sia stato gradito, 
Vi invio il mio più caloroso abbraccio,
Miei Cari Lettori ed Amici!

A presto 










LINKING TO:








lunedì 6 febbraio 2023

The Empress' Scents: rose and violet water and "Fantasia de Fleurs" by Creed

 

It is said that you cannot buy class 
and elegant people like Her are hard to come by, even today.


History tells that the Empress of Austria, Who became an icon of beauty and style for Her grace and grandeur, did not like to wear eye-catching make-up and had no particular predilection for perfumes; indeed, She complained when Ludwig, the Bavarian cousin She was deeply linked to, perfumed himself excessively. And it documents a letter She sent to Franz Joseph in Vienna when She was in England during one of Her many sojourns in Britain, that to be close to the Princess of Wales bothered Her so much because she went too far with strong, heavy-to-bear scented fragrances. It doesn't mean that She didn't use perfumes, but that She preferred to use natural essences with light floral notes. Her favorite one was, by far, the violet, followed by the rose one.
The scent of Her face was that of the Crème Céleste, which She wore every morning and which gave Her skin that healthy and rosy look that we often can admire in Her portraits: it, in addition to moisturizing the skin, hid imperfections and the face appeared, so, flawless. As we have already seen (Click HERE to read My Little Old World's post about Victorian beauty recipes), the Créme Céleste was widely used by Victorian ladies and there were numerous versions. And even the Empress had Her own personal recipe according to which it was prepared by the court apothecary: at the time this was one of Her beauty secrets, but, like all the others, today it is no longer a secret.
As the director of the Sissi Museum in Vienna documents, having drawn on the files of the imperial apothecary, that of the Empress was prepared

“… with white wax, whale white, sweet almond oil and rose water. Another cream, which She used (as recently discovered cosmetic recipes show) was Cold Crème, appreciated by many court ladies too. It consisted of almond oil, cocoa butter, beeswax, and rose water and owed its name to the cooling effect it generated on the skin. Since the water-oil emulsion is unstable and easily penetrates the skin, the water evaporates quickly so that the cream gave rise to a pleasant cooling effect. To wash Her face She mainly used rose water, which protects the skin from irritation and keeps impurities away. She also tried infusions of lavender and of course lotions of violets, which have an invigorating effect, with which She also soaked the towels She kept all night long wrapped around Her neck, in order to avoid Her wrinkles."


As you well know, the strength of Her beauty was Her far amazing and very long hair, to the care of which She dedicated 3 hours a day. Her hair weighed 5 kilos and gave Her severe migraines, so much so that before going to bed it was hung to a chandelier to relieve Her headache. Terrified by hair loss, when it was time to wash and dry it, that was every 20 days, She was unapproachable by everyone for 12 hours: 20 egg yolks and a bottle of cognac were used for Her shampoo which made Her hair ultra shiny; its drying, on the other hand, included walks through the corridors of the palace that the Empress carried out wearing a waterproof bathrobe; to keep Her hair in style at night it was spread on a special mattress so that the locks were not crushed. Finally, when it was styled, the perfumed touch: in addition to natural essences, the Empress liked  Creed's Fantasia de Fleurs fragrance. Fanny Angerer, Her hairdresser, sprinkled it on Her hair and then She was ready to charm Her court.


Creed's Fantasia de Fleurs - The Empress' Perfume.
The story of Creed begins as far back as 1760, when the company was originally founded as a tailoring house in London by James Henry Creed. Today it is an Anglo-French multinational niche perfumery house, based in Paris, but let's see exactly how its fame was born. In 1760 King George III of Great Britain
commissioned James Henry Creed a pair of custom-made scented leather gloves for him to wear and appreciate their fragrance when riding his steed. The sovereign also commissioned Creed the creation of the very first perfume of the House: Royal  English  Leather, in which the mandarin makes the impetuous character of the intense leather notes less heavy, all softened by the presence of jasmine. In the same year James Henry Creed founded the Creed House which has come to the present day offering unparalleled fragrances which became real cult objects.
But its true fame dates back to the mid-19th century when, as a celebrated tailor's House, it made clothes for the fashionable dandy Count d'Orsay, for Queen Victoria and for the Empress Eugenie who made a gift to the Creed & Cumberland signature: a guarantee certificate for tailoring items. The Empress of the French will want Henry Creed II, then owner of the Creed House, to move from London to Paris under her protection: it was 1854.
The European Royal Houses did not spare themselves in giving the Creed House awards, given the excellence in the creation of clothes and fragrances of unrivaled manufacture. But let's come to Sisi's perfume. Created in 1862 for the Empress of Austria-Hungary, Fantasia De Fleurs has not lost its charm ever since and it's still one of the most popular perfumes for classy and romantic women today. A classic but still modern perfume that never goes out of style. Have you ever got the chance to appreciate this fragrance? Its sensual and refined character is combined with the freshness of Spring flowers, which is why Fantasia De Fleurs is like a walk in a flower garden on a beautiful June day. Recommended for hot Summer days, Fantasia De Fleurs wraps you in a cloud of colorful flowers, taking the wearer on a timeless journey where beauty, seduction and femininity are combined. The journey with  Fantasia De Fleurs begins with its particular top note of bergamot, a bright, sweet and citrusy blend that slowly mingles with the floral essence of the precious Bulgarian Rose and Florentine Iris that represent the heart of this perfume. The feminine and sophisticated soul of Bulgarian Rose and the fresh and delicate essence of Iris then merge into a single fragrance that lasts over time and then leaves room for the sensuality and softness of ambergris, the base note. Fantasia De Fleurs is a luxury perfume, as precious as a real diamond, lively and fresh but, at the same time, sensual and enveloping, ideal for women who want to enhance their femininity with delicacy without exaggerating with too intrusive perfumes. 

I hope that, reading this topic, you've spent peaceful moments, 
and with utmost gratitude, as usual, 
I thank you for being faithful friends of My Little Old World.

See you soon 






I Profumi dell'imperatrice: acqua di rosa, di viola e "Fantasia de Fleurs" di Creed

IMMAGINE DI COPERTINA - L'imperatrice Elisabetta d'Austria

Si dice che ''La classe non è acqua' e persone eleganti come lo era Lei sono, ancor oggi, difficili da trovare.

La storia racconta che l'imperatrice d'Austria, divenuta icona di bellezza e di stile per la sua grazia ed imponenza, non amasse truccarsi vistosamente e non avesse una particolare predilezione per i profumi; anzi, si lamentava quando Ludwig, il cugino bavarese a cui era profondamente legata, si profumava eccessivamente. E documenta una lettera che inviò a Francesco Giuseppe a Vienna quando era in Inghilterra, durante uno dei suoi tanti soggiorni in Gran Bretagna, che stare vicino alla principessa del Galles la infastidiva molto perché si spingeva troppo oltre con fragranze profumate forti, pesanti da sopportare. Questo non significa che non usasse profumi, piuttosto ci dice che preferiva usare essenze naturali con leggere note floreali. Il suo profumo preferito era, di gran lunga, quello della viola, seguito da quello della rosa.
Il profumo del suo viso era quello della Crème Céleste, che indossava ogni mattina e che donava alla sua pelle quell'aspetto sano e roseo che spesso possiamo ammirare nei suoi ritratti: essa, oltre a idratare la pelle, nascondeva le imperfezioni e il viso che appariva, quindi, impeccabile. Come abbiamo già visto (QUI potete leggere il post che My Little Old World dedicò alle ricette di bellezza risalenti all'epoca vittoriana) la Créme Céleste era ampiamente utilizzata dalle donne vittoriane e ne esistevano numerose versioni. Ovviamente anche l'imperatrice aveva una sua personale ricetta secondo la quale veniva preparata dallo speziale di Corte: all'epoca questo era uno dei suoi segreti di bellezza, ma, come tutti gli altri, oggi non è più un mistero.
Come documenta la direttrice del Museo Sissi di Vienna, attingendo agli archivi dello speziale imperiale, quello dell'imperatrice era preparata

“… con cera bianca, bianco di balena, olio di mandorle dolci e acqua di rose. Un'altra crema che utilizzava (come dimostrano ricette cosmetiche recentemente scoperte) era la Cold Crème, apprezzata anche da molte dame di Corte. Consisteva in olio di mandorle, burro di cacao, cera d'api e acqua di rose e doveva il suo nome all'effetto rinfrescante che generava sulla pelle. Poiché l'emulsione acqua-olio è instabile e penetra facilmente nella pelle, l'acqua evapora rapidamente così che la crema dava luogo ad un piacevole effetto rinfrescante. Per lavarsi il viso usava principalmente acqua di rose, che protegge la pelle dalle irritazioni e allontana le impurità. Provava anche infusi di lavanda e naturalmente lozioni alle viole, che hanno un effetto tonificante, con cui inzuppava anche gli asciugamani che teneva tutta la notte avvolti intorno al collo, per evitare le rughe."

IMMAGINE 2 - L'imperatrice fotografata con Houseguard, il suo amato levriero irlandese

Come ben sapete, il punto di forza della Sua bellezza erano i Suoi capelli lunghissimi e stupefacenti, alla cui cura dedicava 3 ore al giorno. Essi pesavano 5 chili e le procuravano forti emicranie, tanto che prima di andare a letto venivano appesi a un lampadario per alleviare il Suo mal di testa. Terrorizzata dalla caduta dei capelli, quando era il momento di lavarli e asciugarli, cioè ogni 20 giorni, Ella era inavvicinabile da tutti per 12 ore: 20 tuorli d'uovo e una bottiglia di cognac venivano utilizzati per il Suo shampoo che le rendeva i capelli lucentissimi; la loro asciugatura, invece, prevedeva passeggiate per i corridoi del palazzo che l'imperatrice effettuava indossando un accappatoio impermeabile; per mantenere i Suoi capelli a posto durante la notte, essi venivano stesi su un materasso speciale in modo che le ciocche non si schiacciassero. Infine, quando era il momento della piega, ci voleva il tocco profumato: oltre alle essenze naturali, all'imperatrice piaceva la fragranza Fantasia de Fleurs di Creed. Fanny Angerer, la sua acconciatrice, gliela cospargeva sui capelli ed era, quindi, pronta per ammaliare la Sua Corte.

IMMAGINE 3- LOGO di Creed

Fantasia de Fleurs di Creed - Il profumo dell'imperatrice.
La storia di Creed inizia nel lontano 1760, quando l'azienda fu originariamente fondata come casa di sartoria a Londra da James Henry Creed. Oggi è una casa di profumeria di nicchia multinazionale anglo-francese, con sede a Parigi, ma vediamo esattamente come è nata la sua fama. Nel 1760 Re Giorgio  III di Gran Bretagna commissionò a James Henry Creed un paio di guanti su misura in pelle profumata da indossare quando avrebbe cavalcato il suo destriero al fine di apprezzarne appieno la fragranza. Il sovrano commissionò a Creed anche la creazione del primissimo profumo della Maison: Royal  English  Leather, in cui il mandarino rende meno pesante il carattere impetuoso delle intense note cuoiate, il tutto addolcito dalla presenza del gelsomino. Nello stesso anno James Henry Creed fondò la Creed House che è arrivata ai giorni nostri proponendo fragranze ineguagliabili che sono diventate dei veri e propri oggetti di culto. Ma la sua vera fama risale alla metà dell'Ottocento quando, come celebre sartoria, realizzava abiti per il dandy alla moda Conte d'Orsay, per la regina Vittoria e per l'imperatrice Eugenia che fece dono alla firma Creed & Cumberland di un certificato di garanzia per i capi di sartoria. L'imperatrice dei Francesi vorrà che Henry Creed II, allora proprietario della Creed House, si trasferisca da Londra a Parigi sotto la sua protezione: era il 1854. Le Case Reali europee non si sono risparmiate nel conferire i premi Creed House, data l'eccellenza nella creazione di abiti e fragranze di manifattura senza eguali. Ma veniamo al profumo di Sisi. Creato nel 1862 per l'imperatrice d'Austria-Ungheria, Fantasia De Fleurs non ha perso il suo fascino da allora ed è ancora oggi uno dei profumi più apprezzati dalle donne romantiche e di classe. Un profumo classico ma sempre moderno che non passa mai di moda. Avete mai avuto modo di apprezzare questa fragranza? Il suo carattere sensuale e raffinato si unisce alla freschezza dei fiori primaverili, ecco perché Fantasia De Fleurs è come una passeggiata in un giardino fiorito in una bella giornata di giugno. Consigliato per le calde giornate estive, Fantasia De Fleurs vi avvolge in una nuvola di fiori colorati, accompagnando chi lo indossa in un viaggio senza tempo in cui si uniscono bellezza, seduzione e femminilità. Il viaggio con Fantasia De Fleurs inizia con la sua particolare nota di testa di bergamotto, una miscela luminosa, dolce e agrumata che si fonde lentamente con l'essenza floreale della preziosa Rosa Bulgara e dell'Iris Fiorentino che rappresentano il cuore di questo profumo. L'anima femminile e sofisticata della Rosa Bulgara e l'essenza fresca e delicata dell'Iris si fondono poi in un'unica fragranza che dura nel tempo per poi lasciare spazio alla sensualità e alla morbidezza dell'ambra grigia, nota di fondo. Fantasia De Fleurs è un profumo di lusso, prezioso come un vero diamante, vivace e fresco ma, allo stesso tempo, sensuale e avvolgente, ideale per le donne che vogliono esaltare la propria femminilità con delicatezza senza esagerare con profumi troppo invadenti.

Spero che la lettura di questo argomento vi abbia donato momenti di svago e spensieratezza,
e con tutta la gratitudine possibile, 
come sempre Vi ringrazio per essere fedeli amici di 
My Little Old World.

A presto