mercoledì 18 novembre 2015

VICTORIAN ETIQUETTE: 'Calling Cards' and Paying Calls.



All'inizio del XIX° secolo, l'etichetta del 'Calling' era un rituale fermamente stabilito nella società, poiché divenir parte dell'elite vittoriana e dell'aristocrazia era l'obiettivo sociale della borghesia intraprendente, ed il biglietto da visita, ovvero la 'Calling Card', era parte integrante delle presentazioni, degli inviti e delle visite, era un modo per entrare a far parte di un circolo sociale, per far conoscere la propria figlia, magari prossima all'età da marito e non ancora 'sistemata', ma anche per tenere lontane in modo elegante le persone indesiderate. 







'CALLING CARDS'

La 'Calling Cards' ( oggi la chiameremmo biglietto da visita, ma al tempo non era semplicemente solo questo ) di una Lady aveva dimensioni maggiori di quella di un Gentleman al quale doveva stare nel taschino del panciotto, poteva essere smaltata, mentre quelle maschili dovevano essere più sobrie, l'incisione era piuttosto semplice, piccola e senza grandi elaborazioni, anche se divenne sempre più elaborata con più ci si addentrava nel periodo vittoriano: un semplice 'Mr.' o 'Mrs.' prima del nome era sufficiente, tranne in caso di riconoscimento di rango (Earl, Viscount, ecc). 








Le prime 'Cards' vittoriane recavano solo il titolo e il nome di una persona, con il nome della casa o del quartiere che talvolta veniva aggiunto insieme con il giorno in cui la Lady era a disposizione per ricevere.

Le 'Calling Card Cases' erano fatte di svariati materiali, tra cui argento, madreperla, avorio, tartaruga e legno ( questi tre ultimi materiali erano i preferiti dai Victorians, mentre durante il periodo Regency andavano per la maggiore la filigrana e la pelle ), i loro coperchi spesso raffiguravano vedute paesistiche o di castelli, quali Warwick o Winsdor, e solo dopo l'acquisto da parte della regina Vittoria e del Principe Consorte Albert del castello di Balmoral nelle Highlands, gli scorci paesistici scozzesi erano divenuti di gran moda.


 Call Card Case in Argento Sterling, Webster






Call Card Case di epoca vittoriana in tartaruga





 Call Card Case vittoriana in Argento, Birmingham, 1865





UTILIZZO DELLE 'CALLING CARDS'.

Quando una Lady si trasferiva in una nuova città doveva armarsi di un gran numero di 'Calling Cards' per trasmettere ai membri del vicinato l'arrivo della sua famiglia; compiva poi un giro in carrozza per consegnarle, porgendole al proprio sposo il quale a sua volta le dava al valletto che era incaricato di porgerle al maggiordomo: se questi rispondeva che 'Mylady non era in casa' i nuovi arrivati erano palesemente rifiutati; in caso contrario ella attendeva a sua volta di ricevere 'Calling Cards' dai vicini, che le buona maniere le avrebbero quindi suggerito di invitare a casa propria. 

Le 'Calling Cards' venivano poste dal maggiordomo su di un vassoio d'argento dai bordi rialzati, 


situato nel vano d'ingresso - i nomi più importanti e notevoli dovevano apparire per primi – mentre le famiglie meno abbienti disponevano di un piatto in ceramica su cui posarle.

Con la metà del secolo venne concesso alla moglie di lasciare la propria 'Calling Card' e quella del marito, anzi, quelle del marito dovevano essere due, una per la Lady ed una per il Master e della propria poteva lasciarne una oppure tre; il nome delle figlie più grandi poteva comparire sulla 'Calling Card' se accompagnavano la madre durante le sue visite: se il biglietto recava l'angolo in alto a destra piegato verso il basso significava che era stato consegnata di persona dall'interessato, sennò voleva dire che della consegna si era occupato un membro della servitù.





'PAYING CALLS'.

Le 'Calls', ovvero le visite di cortesia, dovevano essere effettuate solo nei giorni e negli orari indicati sulla 'Calling Card', almeno si aveva la sicurezza che la Lady fosse in casa e che non le si fosse di disturbo e non dovevano durare più di 15 minuti ... non dimentichiamo che stiamo parlando di un'epoca in cui il telefono ancora non esisteva ed era la scrittura il solo mezzo di comunicazione.

'Formal Calls', ovvero visite formali erano quelle che facevano seguito a cerimonie quali un battesimo od un matrimonio, e anche quelle che venivano fatte come riconoscimento di ospitalità; quelle riguardanti le condoglianze e le congratulazioni dovevano seguire di una settimana circa la data dell'evento, mentre le 'Ceremonial Calls', ossia quelle che avevano la funzione di ringraziamento, dovevano essere fatte il giorno dopo un ballo, entro un giorno o due dopo una cena, ed entro una settimana da un party.


 After the Visit by Victor Gabriel Gilbert (1847 - 1933)




Ogni tipo di visita aveva la sua fascia oraria: le 'Morning Calls' dovevano tenersi dalle 15.00 alle 16.00, le 'Ceremonial calls' e quelle a carattere semi-cerimoniale tra le 16.00 e le 17.00, e le visite intime tra le 17.00 e le 18.00,  ma mai la domenica, giorno riservato ad amici e parenti; se un visitatore interrompeva una visita già in atto, immediatamente l'ospite si alzava ed interrompeva la propria per il nuovo venuto nell'arco di un minuto o due.
Se una famiglia stava lasciando temporaneamente la zona, doveva scrivere PPC (Pour Prendage Conge) sulla propria 'Calling Card' quando si recava in visita.

Inutile dire che se le visite interessavano la padrona di casa, costei riceveva nel salotto, situato al piano terra nelle case vittoriane inglesi ed al piano rialzato in quelle americane e mentre le signore dovevano lasciare il proprio parasole nell'ingresso, i signori dovevano recare il proprio frustino ed il cappello con sé.
Ad ogni visita doveva essere restituita una visita, ad una 'Calling Card' una 'Calling Card', entro una settimana, o al massimo, dieci giorni.



Spero di non aver dimenticato nulla ... così come spero di non avervi annoiati !

Come avete potuto constatare vi era un certo rigore formale nel codice comportamentale del tempo, molte e ben precise erano le norme da seguire per fare propria una condotta corretta che non urtasse gli altri, ma tutto era semplificato dall'imprescindibile Mrs. Beeton's Book of Household Management by Isabella Beeton che non tralasciava alcun ambito della vita sociale e familiare, anzi, per concludere cito da esso un passo che mi sembra interessante: se il costume delle 'Callings' era andato definendosi in epoca Regency, ovvero durante i primissimi anni del secolo XIX°, in epoca Vittoriana si avvertono già delle lievi sfumature nel rigore formale, se volete una maggiore permissività ... leggiamo insieme:

Precedentemente l'usanza era quella di accompagnare tutti i visitatori intenzionati a lasciare la casa verso la porta d'ingresso e lì prendere da loro congedo; ma la società moderna, che ha superato in gran parte questo tipo di cerimonia, ora si limita a prescrivere che la padrona di casa debba alzarsi da dove è seduta, stringa la mano, o s'inchini, a seconda di quanto detta l'intimità che ha con i suoi ospiti, e suoni il campanello per chiamare il servo al fine di invitare lui ad aprire l'uscio ai visitatori. 1

Oggi tutto ciò è andato quasi totalmente sfumando, anche perché le nostre vite e le nostre giornate sono decisamente mutate, poche sono le signore che possono concedersi di trascorrere interamente le loro giornate tra le pareti domestiche, e quasi tutti noi agli svaghi non possiamo che dedicare il tempo libero che ci concede il lavoro, tempo che varia spesso da persona a persona... e poi nel frattempo sono giunte la comunicazione telefonica, prima, la telefonia mobile e la comunicazione virtuale, dopo, ad aiutarci nel mantenere vive le amicizie.

Con sincero affetto e gratitudine vi giunge il mio più caloroso e abbraccio,

a presto 













Fonti bibliografiche:


Edwin Banfield, Visiting Cards and Cases, Baros Books, Wiltshire, 1989; 

Isabella Beeton, Book of Household Management, EDITED by Mrs.Isabella Beeton, Volume 1, Published by the Ex-classics Project, 2009

Pamela Horn, Life as a Victorian Lady, Sutton Publishing Limited, 2007;

Kristine Hughes, The Writer's Guide to Everyday Life in Regency and Victorian England From 1811-1901, Writer's Digest Books, Cincinnati, 1998;

Daniel Pool, What Jane Austen Ate and Charles Dickens Knew, Simon & Schuster, New York, 1993;

Rona Randall, The Model Wife Nineteenth-Century Style, The Herbert Press, London, 1989. 








In the early XIXth century, that of  'Callings' was a ritual firmly established in the society, since to become  part of the the Victorian elite and of the aristocracy was the social objective of the enterprising bourgeoisie, and the 'Calling Card', was an integral part of introductions, invites and visits, it was a way to become part of a social circle, to make know a daughter, maybe next to the marriageable age and not yet 'settled', but also to ward off elegantly unwanted people.




- picture 1




'CALLING CARDS'

The 'Calling Cards' of a Lady was larger than that of a Gentleman, to whom it had to stay in his vest pocket, could be glazed, while the men's ones had be more sober, the incision was quite simple and smal, even if it became more elaborate with the Victorian period: a simple 'Mr.' or 'Mrs.' before the name was enough, except in the case of recognition of rank (Earl, Viscount, etc.).




- picture 2


- picture 3


- picture 4


- picture 5


- picture 6


- picture 7


- picture 8




The first Victorian cards bore only the title and the name of a person, with the name of the home or of the neighbourhood that was sometimes added together with the day when the Lady was available to receive.

The 'Calling Card Cases' were made of various materials, including silver, mother of pearl, ivory, tortoiseshell and wood (these last three materials were the much more favored by the Victorians, while during the Regency period people did prefer watermark and skin), their covers often depicted landscapes or views of castles such as Warwick or Winsdor, and only after the purchase by the Queen Victoria and the Prince Consort Albert of Balmoral Castle in the Highlands, the Scottish views became all the rage.




- picture 9 -  Victorian Sterling Silver Call Card Case, Webster


- picture 10 - Victorian tortoiseshell Call Card Case 


- picture 11 -  Victorian Silver Call Card Case, Birmingham, 1865







USE OF 'CALLING CARDS'.

When a Lady was moving to a new town had to obtain herself with a large number of 'Calling Cards' to give to the members of the new neighborhood for announce the arrival of her family; then, on a carriage together with her husband, she went to deliver them: one by one, she gave them to her spouse who in turn gave them to the servant who was in charge of handing them to the butler, who, if said that 'Mylady was not at home' it meant that the newcomers were clearly rejected; otherwise the new arrived Lady waited in turn to receive 'Calling Cards' from her new neighbours, and then the good manners would have suggested her to invite them at her home.

The 'Calling Cards' were placed by the butler on a silver tray by the raised edges,




- picture 12




located in the entrance room - the most important and considerable names were to appear for the first - while poorer households possessed a ceramic plate on which to place them.

By the mid of the century was granted to a wife to leave her 'Calling Card' and that of her husband, indeed, those of the husband had to be two, one for the Lady and one for the Master while she could leave one or three of that belonging to her; the name of the older daughters could appear on the  'Calling Card' if them would have accompany their mother during her visits: if the card had the corner at the top right folded down meant that it had been delivered in person, rather than by a servant.




'PAYING CALLS'.

The 'Calls', or courtesy visits, had to take place only on the days and in the times indicated on the 'Calling Card', to be sure that the Lady was at home and the call won't have disturb her and it had to last no more than 15 minutes ... do not forget that we are talking about a time when the phone didn't exist yet and it was writing the only means of communication.

'Formal Calls' were those following ceremonies such as a childbirth or a wedding, and also those that were made in recognition of hospitality; those concerning condolences and congratulations had to follow of one week the date of the event, while the 'Ceremonial Calls', that were those who had the function of gratitude, had to be made the day after a ball, within a day or two after a dinner, and within one week from a party.




- picture 13 -  After the Visit by Victor Gabriel Gilbert (1847 - 1933)




Each type of 'Card' had its time slot: the 'Morning Calls' must be held from 15:00 to 16:00, the 'Ceremonial Calls' and those of a semi-ceremonial acception between 16:00 and 17:00, and the intimate visits between 17:00 and 18:00, but never on Sundays, the day reserved to friends and relatives; if a visitor interrupted a visit already in place, the guest immediately stood up and interrupted his own for the newcomer within a minute or two.
If a family was temporarily leaving the area, had to write PPC (Pour Prendage Conge) on its own 'Calling Card' when paid its visit.

Needless to say, if the visits interested the hostess, she received in the drawing room which was placed on the ground floor in the Victorian British House and at the first floor in the American ones, and while the Ladies had to leave their parasols in the hall, the Gentlemen had to bear the just whip and hat with them.
To each call it had to be returned a call, to a 'Calling Card' a 'Calling Card', within a week, or at most, ten days.


I hope I haven't forget anything ... so as I hope not to have bored you!

As you could see, there was a certain formal rigor in the code of conduct of the Victorian age and many were the very specific rules to follow to make of one's own a conduct that didn't hurt the others, but everything was simplified by the essential Mrs. Beeton's Book of Household Management by Isabella Beeton, which did not miss any field of social and family life, indeed, to finish this writing I'd love to quote a step from it that I find interesting: if the costume of 'Callings' had gone defining during the Regency period, that is during the first few years of the XIXth century, during the Victorian times are already introduced some subtle nuances in the formal rigor, if you want, more permissiveness ... let's read together:

Formerly the custom was to accompany all visitors quitting the house to the door, and there take leave of them; but modern society, which has thrown off a great deal of this kind of ceremony, now merely requires that the lady of the house should rise from her seat, shake hands, or courtesy, in accordance with the intimacy she has with her guests, and ring the bell to summon the servant to attend them and open the door. 1

Today all this is almost faded or lost at all, partly because our lives and our days are definitely changed, there are few women who can allow themselves to spend their entire days between the walls of their  homes, and almost all of us can spend the free time that the work leave us for entertainment, time that often varies from person to person ... and in the meantime has come the telephonic communication, the mobile phones and the virtual communication to help us in keeping alive friendships.


With sincere affection and gratitude, it reaches you my warmest hug,

see you soon 











Bibliographic sources:


Edwin Banfield, Visiting Cards and Cases, Baros Books, Wiltshire, 1989; 

Isabella Beeton, Book of Household ManagementEDITED by Mrs.Isabella Beeton, Volume 1, Published by the Ex-classics Project, 2009

Pamela Horn, Life as a Victorian Lady, Sutton Publishing Limited, 2007;

Kristine Hughes, The Writer's Guide to Everyday Life in Regency and Victorian England From 1811-1901, Writer's Digest Books, Cincinnati, 1998;

Daniel Pool, What Jane Austen Ate and Charles Dickens Knew, Simon & Schuster, New York, 1993;

Rona Randall, The Model Wife Nineteenth-Century Style, The Herbert Press, London, 1989. 




Quotations:








I'm linking up with 




http://strangersandpilgrimsonearth.blogspot.it/2015/11/the-art-of-home-making-mondays-please_23.html

34 commenti:

  1. Oh my goodness, life in bygone eras were genteel. This modern era is so very different. I am afraid I would have been breaking a few of the societal rules that were in force in Victorian times. I must say I love the calling card boxes. Another intriguing and informative post, Dany. Reading your lovely blog is so enlightening and fun!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Kim
      you're so right, my darling friend, once people were much more respectful than today, and I say it with a little bit of regret, I didn't live that age, of course, but for some things I'd loved to, and this is one of those !
      Your words about ~ My little old world ~ make me feel sincerely and profoundly overjoyed and touch me, I thank you from the deep of my heart !

      Have a blessed remainder of your week, my dearest one ✿⊱╮

      Elimina
  2. Sono stupende queste calling cards vittoriane, le trovo molto eleganti ed estremamente romantiche. Sono meravigliose anche le custodie. In quel periodo il galateo, le buone maniere erano quotidianità. Come vorrei che anche oggi fosse così!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Alessandra
      preziosa amica mia dal cuore romantico, come ho scritto rispondendo a Kim, anche io guardo con rammarico a quei tempi, non posso dire rimpianto, perché non li ho vissuti, ma posso con certezza dire che raramente capita al giorno d'oggi di esperire il rispetto reciproco che allora era d'obbligo .... sinceramente non credo sia un bene, a volte ci vuole molto poco per disegnare un sorriso su di un volto e non lo considero meramente un fatto educativo, penso inoltre che sia solo il principio di eventi come quelli che stiamo vivendo in questi ultimi anni.

      Un bacio a te, mia cara, grande grande, per augurarti una dolce notte ed un prosieguo di settimana sereno, grazie di tutto cuore ⊰♥⊱

      Elimina
  3. Gosto muito de visitar seu blog Daniela !!
    é sempre tão bom ver coisas tão bonitas e sonhar !!
    fico muito feliz com sua amizade !!
    um grande abraço.
    :o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Eliane
      eu também estou muito feliz com sua amizade, você é uma pessoa com um coração de ouro !
      ღ Enviar-lhe um forte abraço e muita gratidão ღ

      Elimina
  4. Certo che per ricordarsi tutto questo bisognava avere una grande memoria....!!
    Ma sono anche queste "piccole" cose che mi rendono tanto cari questi anni.
    Anche questa volta c'hai azzeccato mia cara amica e per questo ti ringrazio,
    tieni accesa la fiamma in me!!
    Ti auguro una buonissima settimana e ti abbraccio con tanto affetto
    Love Susy ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Susy
      ... anni tanto cari, proprio così, per noi che abbiamo il cuore romanticamente vittoriano !
      Come sono felice quando leggo che ho pubblicato un post su di un argomento che ti ha coinvolta, non immagini quanto, il tuo plauso mi dà una grandissima gioia, dolcissima !!!

      Che anche la tua settimana scorra all'insegna della tranquillità e della contentezza e contraccambio l'abbraccio con un bacio grande grande ... immenso ... ti voglio un gran bene, ... sai ♡❤♡

      Elimina
  5. Another very interesting post, I had heard of calling cards but really never knew how they worked at all. It is so interesting that the classes were still divided in them also. The cases they carried them in are very special too, Love the calling cards with the pictures, they sure did some fancy ones. Thanks for sharing!
    Have a wonderful and blessed week!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Connie
      my blessed friend, while I was putting together this post I was thinking about you and said to myself " I wonder what lovely Calling Cards she would have been able to make, that would be her art "!, I sincerely think so, the taste with which you make your cards is unique, believe me.

      With the deepest gratitude I'm sending love and big hugs to you, darling ಌ❀ಌ❀ಌ

      Elimina
  6. Old fashioned social networking!! The calling card boxes are so unique. It is amazing how things have changed. If you are not on facebook these days, people pretty much won't talk to you. Like ever. Great post, Dany. I hope you have a wonderful day.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Stacy
      that's true, if you're not part of a social network today you're almost nobody, ... it's quite sad if we think about it, isn't it ?
      Thank you darling friend for your beautiful words and for gracing my blog todaywith your presence, you bring such a joy here !

      ஐ Have a most beautiful day you too, my sweetest ஐ

      Elimina
  7. Dearest Daniela, thank you so much for taking me back to simpler times. They are very beautiful, and I appreciate you and your blog so much!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Linda
      you're so dear to me, my beloved friend, you're such a precious, sweet heart as so few there are today, I'm so happy of this lovely friendship of ours, dearie !

      Thank you with all my heart, may the remainder of your week be filled with joy and wonder ❥

      Elimina
  8. Another wonderful post, my friend. I was tickled pink to see the calling cards and now when I read novels set in this era I shall think of the photos you shared on your blog :)

    How I wish the days were like that of the old days..... Thinking of you, sweet Dany. Love and hugs!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Stephanie
      to have you here, dearest friend of mine, is the most beautiful good morning I could ever wish, you know you brighten my day with your lovely words !
      I'm so grateful for having you by my side, darling, sweetest, precious lady who teaches everyone so many things with love.

      Sending blessings on your new day, with all my heart ಌ•❤•ಌ

      Elimina
  9. Usanze e modi di cui ci sarebbe bisogno anche oggi. Sono estasiata da tutte queste cose che ci stai mostrando, raccontando, e io sto imparando tanto grazie a te. Ad essere sincera io "bevo" letteralmente i tuoi post. Pieni di tatto, raffinatezza, un modo dolcissimo per catapultarci in quel periodo che tanto piace a noi. Mi chiedo quanta dedizione, passione e amore hai nella ricerca di tutto ciò che è contemplato in questo periodo storico. Meravigliosa TE. Grazie di ♥. Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Paola
      adorabile amica, le tue parole mi commuovono, te lo dico sinceramente ....
      sì, credo che la passione sia il motore principale che mi guida nel mettere insieme ciò che poi pubblico, ma è a voi che soprattutto la devo, perché essere seguita ed apprezzata con dedizione è il più bel dono che mi si possa fare ed è l'incentivo più grande per la devozione con cui mi dedico a tutto ciò ...
      Sei una ragazza dal cuore d'oro, mia cara, sono fiera di averti come amica, perché ormai sono davvero poche le persone a cui lo si possa dire, persone dotate di sensibilità, di animo nobile, di gentilezza e di grazia nel porsi ... tu sei così e te ne sono immensamente grata !

      Che la tua giornata sia colma di gioia, dolcissima, te lo auguro con tutto l'affetto e l'ammirazione che ho per te ⊰✿*✿⊱

      Elimina
  10. carissima Dany quando arrivo da te, entro in un'altra dimensione...il sogno!!!!! Leggo avidamente le tue parole che scorrono veloci e leggere come il vento e la mente vola....come vorrei aver vissuto in quell'epoca, dove tatto, eleganza, educazione erano la prassi quotidiana!!!!! per noi anime romantiche i tuoi post sono davvero carezze per il cuore e ti ringrazio tantissimo!!!!! un abbraccio forte con l'augurio di un dolce e sereno fine settimana Lory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Lory
      che ventata di leggiadria, di soavità, di amorevolezza che porti qui con te e quanto, quanto te ne sono grata, mia cara ... Carezze per il cuore, lo hai detto, sono davvero tali le tue parole per me !
      E' certamente proprio di tutte noi un lieve rincrescimento quando si guarda al passato in questi aspetti che tanto avremmo voluto avesse potuto conservare, aspetti che allora non erano secondari, ma parte integrante del vivere quotidiano e decisamente fondamentali, di cui ormai non possiamo fare più esperienza ( o se ci accade ce lo teniamo a mente perché accade molto di rado ! ).

      Che anche il tuo fine settimana sia all'insegna della gioia e della spensieratezza, ti auguro un buon mercatino e ti abbraccio con tanto affetto e tanta riconoscenza, grazie dolcissima ... a te ♡ஐ♡

      Elimina
  11. Adorabili queste cards!Grazie cara amica che ci trasporti sempre nel passato!E con questa musica di sottofondo, mi sento una Lady romantica e mi viene voglia di prendere un thé conte e tutte le altre amiche romantiche che ti seguono!Un abbraccio e grazie delle tue belle parole ai miei post!Bacioni,Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Rosetta
      carissima, le belle parole sorgono spontanee quando si legge un post in cui emerge, e dallo scritto e dalle immagini, un cuore colmo di amore, di voglia di donare, di calore, di bontà, ambienti arredati con gusto e resi accoglienti dalla dedizione di chi ha voluto creare un nido ... tutto ciò è da ammirare ... e molto !
      Prendiamocelo virtualmente questo thé tutte insieme, e sarebbe così tanto bello potersi riunire tutte insieme un giorno ... chissà che il destino non possa preparaci questa sorpresa !

      ⊰✽⊱ Ti abbraccio con tanta tenerezza e tanto affetto, grata per le tue bellissime parole, augurandoti di cuore un magnifico fine settimana ⊰✽⊱

      Elimina
  12. Another interesting post ... as always, dear Dany !
    Lovely calling cards and the boxes are real treasures !
    Wishing you a wonderful weekend, sweet friend !
    Hugs,
    Sylvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sylvia
      my wonderful friend !
      I also love these little and precious cases, and let me say that I'm so very glad you've enjoyed this reading, sincerely !

      ಌ•✿•ಌ I wish you too a joyous end of the week, my dearest ಌ•✿•ಌ

      Elimina
  13. Grazie per questi eleganti ma soprattutto interessanti post, fonte di approfondimento di un periodo storico a me caro, è sempre un piacere leggerti e vedere le bellissime foto, una lezione di storia mai noiosa ma piuttosto coinvolgente ed affascinante. ciao Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Marina
      sei la benvenuta qui tra noi e ti accolgo con un forte abbraccio colmo di gioia e di gratitudine, grazie di cuore per le bellissime parole !
      Visto che anche tu hai un blog verrò presto a trovarti, frattanto, ringraziandoti ancora, ti auguro una splendida domenica d'autunno ...
      con tutto il cuore ⊰❤⊱

      Elimina
  14. La mia passione per i tuoi scritti è infinita.
    La magia si mette in moto... gusto l'eleganza delle tue descrizioni e quel piacere di sentirmi catapultata in un mondo di raffinata bellezza, sognando ad occhi aperti.
    Coltivare le buone maniere sempre, perchè l'educazione è il limite di ciò che non ha limiti, proprio come le tue ispirazioni che sono sempre delle splendide "novità".
    Grazie amica mia carissima, ti abbraccio con tanta simpatia e ammirazione. La tua amica Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Lucia
      mia cara, di fronte a commenti come il tuo l'emozione mi paralizza ed ogni parola si dissolve ...
      Non c'è bisogno che ti dica che ti sono sinceramente grata per ciò che hai scritto, sei una persona dalla ricercata sensibilità e ciò ti rende immensamente prestigiosa e a me cara ... avviando ~ My little old world ~ non pensavo davvero di trovare un tale plauso presso persone così uniche e soprattutto di riuscire ad incontrare chi ancor oggi è dotato di una tale rara bellezza interiore ... sono felicissima di averti accanto, credimi, in questi 'viaggi' a ritroso nel tempo !

      Che la tua domenica sia serena e lieta, mia cara, preziosa amica grazie ancora, ... sempre e sempre più ✿⊱╮

      Elimina
  15. A simpler time, and yet so many rules! Although I do wish some of the Victorian etiquette was still in place today. Some people can be so impertinent in the questions they ask! There are things about each era that are good and bad, of course. I think what I miss the most is integrity and respect, attributes that used to be so favored in a person.

    The card cases are lovely, and would be fun to collect. Although here in America they are probably harder to find. Beautiful examples, my dear! Your research and expression is always so appreciated! Weekend blessings to you, my dear friend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ June
      my lovable friend, I also look at this rules, which maybe appear at our eyes so rigid and hard to remember, with a glance of praise for those times and I'm so heartily sorry that most of this all has vanished ... actually I think that the respect and the education should be spontaneous, but probably much is due to what we were taught from our families and from the examples of our parents, things that the new generation probably cannot have, they're often left to themselves already as children, alas !

      May your Sunday be blessed, darling and precious friend with a golden heart, useless to say that with your presence here you always brighten my day, you're like a ray of sun ❀♥❀

      Elimina
  16. Originalissimo anche questo post, complimenti! Pensa che a me sono sempre piaciuti i "biglietti da visita", tanto che ne ho una piccola collezione! Ti abbraccio. Minù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Minù
      come potrai immaginare anche io possiedo l'inclinazione al collezionismo, soprattutto di oggetti antichi, anche da riparare, è una passione che condivido con mio marito ( adoro i mercatini dell'antiquariato !!!! ) ma per la prima volta mi trovo a pensare ad una collezione di biglietti da visita ... preziosissima, immagino non siano facilissimi da reperire !

      Ti mando un grande bacio per ringraziarti, come sempre, e per augurarti una bellissima serata, tvb fatina mia ⊰♥⊱

      Elimina
  17. muito interessante estes calling cards..
    imagino a vida deles como um sonho cheio de magia..
    parece ser maravilhoso , todos estes vestidos ....
    um grande abraço.
    :o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Eliane
      que alegria e magia que portos sempre aqui, minha querida amiga, eu sou infinitamente grato !
      Beijos ❥

      Elimina

I WHOLEHEARTEDLY THANK YOU FOR YOUR THOUGHTS AND WORDS, SO PRECIOUS TO ME.