venerdì 21 marzo 2014

"Old West Surrey" by Gertrude Jekyll.






Ho già avuto modo di raccontarvi di quanto talentuosa fosse la deliziosa Gertrude Jekyll, artista nata, divenuta celeberrima paesaggista, la prima della storia, grazie anche alla prolifica collaborazione con l'amico Edwin Lutyens, nell'Inghilterra del tardo ottocento che tanto ci ha lasciato quanto a patrimonio artistico, storico, letterario e culturale in genere.

Pochi sanno che Miss Jekyll era inoltre un'abile fotografa e scrittrice, amava documentare ciò che apparteneva ancora alla cultura del suo popolo, soprattutto quegli aspetti che andavano al suo tempo sfumando per fare posto al progresso industriale e fu questo il motivo che la indusse, nel 1903, a scrivere Old West Surrey, un trattato ampiamente documentato con immagini, pubblicato l'anno seguente, che ci cala nella realtà rurale di fine ottocento delle zone del circondario di Godalming, una realtà che noi non abbiamo conosciuto, ma che, vi assicuro, stiamo per vivere!

Così tanti e così grandi sono stati i cambiamenti che hanno interessato l'ultimo mezzo secolo, che ho ritenuto opportuno annotare, mentre può ancora essere fatto, quello che posso ricordare dei modi e delle vite e delle abitazioni delle persone anziane della classe operaia del paese che ho vissuto quasi ininterrottamente fin da quando ero molto piccola. 1 

Nel suo stile semplice ed immediato, ma attento e perspicace che già abbiamo avuto modo di apprezzare in Children and Gardens, Gertrude Jekyll ci mostra, a partire dagli edifici appartenenti ai più umili lavoranti della campagna del Surrey e alle strutture di cui dovevano essere fornite 





quanto semplicemente dovevano svolgersi le giornate delle generazioni del passato ... semplicemente inteso da un punto di vista etico, ovviamente, nella realtà dei fatti la loro vita ai nostri occhi appare tutt'altro che facile, ma sono certa che constando comunque di consuetudini, non esistesse il disagio o la scomodità che leggiamo noi oggi tra le righe e nelle immagini pubblicate in queste splendide pagine che costituiscono un prezioso documento d'epoca.



In una grande casa colonica nel mio borgo, ora occupata dal proprietario di una vasta tenuta, il bacon-loft, ovvero l'essicatoio-affumicatoio della pancetta, non essendo più necessario è stato murato fuori dal camino, e venne fatto un nuovo ingresso ricavato da un passaggio da una camera da letto. È stato proposto di utilizzare questa rientranza nel muro come scansia ma, nonostante la pulizia e la merlatura a calce, le sue pareti sono così profondamente impregnate dell'infiltrazione del salmastro che hanno ricevuto dalle tonnellate di carne suina salata che è stata appesa contro quelle pareti per secoli, che il luogo non può essere utilizzato per qualsiasi altro scopo se non per tenere le stoviglie. Tutto ciò che ha natura assorbente diventa umido e ammuffito, e il luogo continua ad emanare ancora un debole, persistente aroma dalle antiche travi. Sembra quasi protestare contro il voler essere utilizzato in qualsiasi altro modo, e dire: "Sono stato un pancetta-loft per secoli, e non voglio adattarmi a qualsiasi altro uso." 2


Le abitazioni datate di secoli, memori del loro passato, è come se nel tempo avessero, attraverso gli attimi, gli stati d'animo ed i gesti di chi vi ha vissuto, maturato e consolidato un'anima e non potessero da essa prescindere, qualsivoglia sia il nostro intento nel ristrutturarle ... 






ci comunicano del loro vissuto, e quasi ci impongono di essere, con rispetto, assecondate.
E così gli arredi, che recano con sè il significato dato dalla mano di chi li ha duramente, con sagacia e perizia, lavorati... impossibile per me sottrarsi al fascino degli antichi oggetti: toccarli, osservarli, è come subire la malia di vecchie vicende narrate da un anziano che, mentre narra, ricordando, con gli occhi della mente rivede e rivive ...



Mi sembra una cosa strana che, in questi giorni di generale progresso e ravvedimento, l'arredamento di cottages e fattorie sia diventato talmente svilito e deteriorato. 
Nei tempi trascorsi era bastevole, forte, ben fatto, e bello nel suo genere. Dava un confortevole senso di soddisfazione, in quanto era assolutamente adatto per il suo scopo. Molti dei pezzi più solidi, tavole di quercia, credenze, cassapanche ed armadi, erano tramandati di padre in figlio dall'epoca Tudor e perfino dal periodo giacobino. Avevano acquistato una colorazione riccamente scura e deliziosa sulla propria superficie per l'età e la lucidatura frequente con panni e cera, ed erano il giusto orgoglio della buona massaia. Ora, ahimè ! Questi bei vecchi mobili sono rari nelle abitazioni di campagna. Sono stati sostituiti da roba misera, scadente e pretenziosa. E ciò è ancor più evidente nelle fattorie, dove, anche se un buon pezzo o due sono rimasti, vengono sommersi da una quantità di cose che sono solo fragili e vistose.


In ogni casa rurale antica i luoghi che più parlano della loro storia sono quelli topici quali il portico sul davanti, il focolare nel vano centrale, la cucina sul retro con il forno:



Una gabbia così, con dentro una gazza ladra, appare in una delle immagini in 'Dame Wiggins.' ( N.d.A. Dame Wiggins Of Lee, And Her Seven Wonderful Cats è una storia per fanciulli scritta nel 1823 da Lady of Ninety e pubblicata da John Ruskin, illustrata nell'edizione del 1885 da Kate Greenaway ) Era comune vederla appesa fuori dal portico di casa o sotto una qualche altra tettoia, e, quando veniva portata in casa era appesa ad un chiodo conficcato in una delle spesse travi di quercia che delle vecchie case costituivano il soffitto dando così tanto carattere alle stanze. Infiniti erano gli usi di questi travetti, spesso con robusti chiodi piantati per contenere tutti i tipi di cose. Soprattutto nell'utile, spaziosa cucina sul retro, dove era il grande forno di mattoni, si trovavano grandi chiodi appesi ai travi da cui pendevano cestini, strumenti, alveari, lanterne e ogni sorta di piccola cianfrusaglia, oltre a corde con trecce di cipolle, prosciutti, e così via. Tutto così appeso poteva essere visto a colpo d'occhio. Ed appoggiata in un angolo vicino al forno la pala di ferro a manico lungo, per mettere i pani a cuocere e, una volta cotti, farli uscire.


Ogni cottage era una piccola industria a sè stante ( pensate che nei cottage gardens erano persino tenute un paio di arnie con le api per la produzione di miele e cera !) dove chiunque vi abitava produceva: chi era in casa filava la lana, cuciva pezze di stoffa nei pittoreschi patchwork quilts, preparava conserve in cucina, si occupava delle faccende domestiche, mentre fuori casa gli uomini pensavano, con attrezzi ancora molto rudi ed essenziali, al lavoro nei campi.

Nell'intento di documentare anche il folklore, le consuetudini, i modi caratteristici di abbigliarsi e di esprimersi, miss Jekyll ci fornisce, con Old West Surrey, un compendio, uno spaccato di tutta un'epoca che ha avuto il piacere e la gioia di avvertire ancora presente durante la sua infanzia vissuta così felicemente tanto da rimanervi legata e da desiderare di fissarla in parole ed immagini come se il tempo fosse così in grado di non farla del tutto sfumare. 







E' triste pensare che, nel giro di pochi anni, la morte sopraggiungerà a portarci via le poche persone ancora viventi che parlano nella maniera della prima parte del XIX secolo. Nati e cresciuti in remoti e tranquilli villaggi e frazioni, molti di loro non sanno né leggere né scrivere, e ne ho incontrato alcuni che non sono mai stati oltre dieci miglia di distanza dal loro luogo di nascita. Ma non sono affatto i più ottusi della terra, anzi, la loro semplice saggezza e perspicacia sono del tutto simili a quelli dei loro fratelli nella maggior parte del mondo. Le loro vite sono state forse persino più felici essendo volte a soddisfare pochi bisogni e poche responsabilità, e se i loro pensieri sono principalmente il vivere alla giornata, il raccolto, i tuberi, e la cura delle pecore e dei bovini, abbiamo la presunzione di pensare che questi interessi sono di meno conto rispetto ai nostri; dopo tutto, lasciatemi dire, che cosa ci può essere di maggiore necessità o di maggiore importanza suprema ?
E talmente bello avere a che fare con queste persone gentili ed anziane. Luminosi e allegri nel viso, piacevoli e pronti nel discorso, cortesi nei modi, sono un prezioso residuo di quei vecchi giorni in cui la vita degli uomini era più semplice e più tranquilla, libera dallo stress, dalla tensione e dall'irrequietezza, dalla fretta senza fine e dalla lotta contro il tempo, e da tutte le distrazioni preoccupanti e meschine che fanno la vita quotidiana del lavoratore più moderno. Fanno sentire talmente bene che intrattenersi con una di queste persone anziane per una tranquilla chiacchierata di un'ora è un'esperienza decisamente riposante e rilassante.

E poteva infine, secondo voi, mancare, almeno in appendice, qualche cenno e qualche fotografia sui cottage gardens, autentica espressione dei moti profondi dell'animo del popolo rurale britannico ? 
Non dimentichiamo che stiamo parlando di Gertrude Jekyll che con la sua solita inconfondibile grazia così ne tratta:









La persone che abitano i vecchi cottage sono grandi amanti dei fiori, e del loro fascino; i piccoli giardini, nei villaggi e sul ciglio della strada, sono alcuni dei più incantevoli incidenti di percorso in cui si possa incorrere viaggiando nelle nostre contee del sud. 6
Sempre questi piccoli giardini sembrano parlarmi della gioia di vivere e della disposizione d'animo all'allegria, attributi pregiati del carattere del nostro genuino folklore rurale. 7






Che dite, vi è piaciuto questo viaggio ? A me tantissimo e spero, con l'entusiasmo che ho provato nello scorrere queste pagine, di avervi ancora una volta contagiati ed avervi fatto trascorrere qualche attimo di spensierata gaiezza e serenità.

Vi ringrazio con tutto il cuore e vi abbraccio con affetto.


A presto 










Bibliografia:

Gertrude Jekyll, Old West Surrey, 1904



Citazioni:

1 - Gertrude Jekyll, Old West Surrey, op. cit, PREFACE
2 - ivi, pg. 19
3 - ivi, pg. 44
4 - ivi, pg. 76
5 - ivi, pg. 218
6 - ivi, pg. 269
7 - ivi, pg. 277 








- picture 1


I've already had the chance to tell you how delicious and talented Gertrude Jekyll was, she was an artist born, she became famous as landscape architect, the first in history, thanks to the fruitful collaboration with her friend Edwin Lutyens, in the late XIXth century England which so much left us as for artistic, historical, and literary culture in general. 

Miss Jekyll was also a keen photographer and writer, she loved to document what still belonged to the culture of her people, especially those aspects that in her time were going to fade to make way for the industrial progress and this was the reason that led her, in 1903, to write Old West Surrey, a treatise widely documented with pictures, published the following year, that drops us into the reality of the late XIXth century rural areas of the district of Godalming, a reality that we didn't know, but, I assure you, we are going to live !

So many and so great have been the changes within the last half-century, that I have thought it desirable to note, while it may yet be done, what I can remember of the ways and lives and habitations of the older people of the working class of the country I have lived in almost continuously ever since I was a very young child. 1


In her simple and straightforward style, but in the meanwhile careful and insightful that we've had occasion to appreciate reading Children and Gardens, Gertrude Jekyll shows us, from the buildings belonging to the most humble workers of the Surrey countryside and the structures of which they had to be provided 


- picture 2



how simply the days of the generations of the past had to flow... simply meant by an ethical point of view, of course, in reality their lives appear to our eyes to be anything but easy, but I'm sure, however, for being it made of habits, everyone was happy of what they had, there wasn't the discomfort or inconvenience that we today read between the lines and behind the images published in these so beautiful pages that make it a really valuable document of the era.

- picture 3 on the left - In a large farmhouse in my neighbourhood, now occupied by the owner of an extensive estate, the bacon-loft being no longer wanted it was walled off from the chimney, and had a new entrance made from a bedroom passage. It was proposed to turn the space to account as a cupboard; but, in
spite of thorough cleansing and lime - whiting, its walls are so deeply impregnated with the briny infiltration that they have received from the tons of salted pig-meat that have hung against them for centuries, that the place cannot be used for any other purpose than the keeping of crockery. Everything of a more absorbent nature becomes damp and mouldy, and the place still gives off a faint, lingering aroma of the departed flitches. It seems to protest against being put to any other
use, and to say: "I have been a bacon-loft for centuries, and I will not adapt myself to any other use." 2

The houses dating back of centuries, mindful of their past, seem as if the time had, through the moments, the moods and gestures of those who lived there, matured and consolidated core and soul and couldn't by it be regardless, any it is our intention to restructure them ...


- picture 4


they tell us of their experience, and almost require us to be, with respect, to be humored. 
And so the furnishings, bearing with it the meaning given by the hand of those who have hardly, with wisdom and skill, worked it ... impossible to resist the fascination of the ancient objects: to touch them, observe them, it's like to suffer the charm of old events narrated by an elderly man who, while narrates, recalling, with the mind's eye, sees and lives again what has already lived once, much time before .... 


- picture 5 on the right - It seems a strange thing that, in these days of general progress and enlightenment, the household furniture of cottage and farm should have become so much debased and deteriorated.
In the older days it was sufficient, strong, well-made, and beautiful of its kind. It gave a comfortable sense of satisfaction, in that it was absolutely suitable for its purpose. Many of the more solid pieces, oak tables, dressers, linenchests and cupboards, had come down from father to son from Tudor and Jacobean times. They had gained a richly dark colouring and delightful surface by age and by frequent polishing with bses'-wax, and were the just pride of the good housewife. Now, alas ! this fine old furniture is rare in these country dwellings. It has been replaced by wretched stuff, shoddy and pretentious. It is even more noticeable in the farmhouses, where, even if a good piece or two remains, it is swamped by a quantity of things that are merely flimsy and meretricious. 3


In every ancient rural home the places that speak more of their history are those topical, such as the front porch, the fireplace in the central room, the back-kitchen with its oven:


picture 6 on the left - Just such a cage, with a magpie in it, appears in one of the pictures in ' Dame Wiggins.' N.d.A. Dame Wiggins Of Lee, And Her Seven Wonderful Cats is a storybook for children written in 1823 by Lady of Ninety and edited by John Ruskin, illustrated in the edition of 1885 by Kate Greenaway ) It was hung outside the cottage porch or under any projection, and, when brought indoors, from a nail driven into one of the thick oak joists that in the older unceiled cottages helped so much to give character to the rooms. Endless were the uses of these joists, with stout nails driven in to hold all manner of things. Especially in the useful, roomy back-kitchens, where the great brick oven was, there were nails in the joists, from which hung baskets, tools, beehives, lanterns and all sorts of small tackle, besides ropes of onions, hams, chaps and so on. Everything so hung up could be seen at a glance. The long-handled iron peel, for placing loaves in the oven and taking them out, stood in some corner close to the oven. 4


Each cottage was a small industry in its own (just think that in the cottage gardens were even kept a few hives with bees to produce honey and wax !) right where everyone who lived there produced: who was in the house spinning wool, who sewing pieces of cloth in the picturesque quilt patchwork, who prepared preserves in the kitchen or took care of the housework, while men outside, with still very rough and basic tools, took care about working in the fields. 

In order to also document the folk traditions and ways of speaking, Miss Jekyll provides us, with Old West Surrey, a slice of a whole era that she has had the pleasure and the joy of experiencing during her childhood lived so happily as much as to want to remain connected to it and to fix it in words and pictures as if time was thus able to keep it from fading completely. 


- picture 7

- picture 8


It is sad to think that, within a few years, death will have claimed the few yet living of the old people who retain the speech and manner of the earlier part of the nineteenth century. Born and brought up in remote and quiet country villages and hamlets, many of them can neither read nor write, and I have met with some who have never been ten miles away from their birthplace. But they are by no means among the dull ones of the earth; indeed, their simple wisdom and shrewdness are in many ways quite equal to those of their brethren in the wider world. Their lives have been perhaps all the happier in that they have been concerned with few wants and few responsibilities ; and if their thoughts are mainly of haytime and harvest, and root-crops, and the care of sheep and cattle, shall we presume to think that these interests are of less account than our own; for, after all, what can be of greater need or of more supreme importance ?They are good to have to do with, these kindly old people. Bright and cheerful of face, pleasant and ready of speech, courteous of manner, they are a precious remnant of those older days when men's lives were simpler and quieter ; free from the stress and strain and restless movement, and endless hurry and struggle against time, and from all the petty worrying distractions that fret the daily life of the more modern worker. So pleasantly does this make itself felt that to be with one of these old people for an hour's quiet chat is a distinctly restful and soothing experience.

And could she finally, according to you, miss, at least in the appendix, a few words and a few pictures about the cottage gardens, authentic expression of the motions of the deep soul of rural British people ? 
Don't forget that we are talking about Gertrude Jekyll who, with her usual and unmistakable grace so writes:


- picture 9

- picture 10

- picture 11



Cottage folk are great lovers of flowers, and their charming; little gardens, in villages and by the roadside, are some of the most delightful incidents of road-travel in our southern counties.6
These little gardens always seem to me to speak of the joy of life and cheerfulness of disposition, that are such fine attributes of the character of our genuine country folk. 7


- picture 12



What do you say, did you enjoy this trip? I did a lot and I hope, with the enthusiasm that I have tried in among these pages, to have, once again, 'contaminated you' and have made you spend a few moments of carefree gaiety and serenity. 

I thank you with all my heart and embrace you with love. 


See you soon 










Bibliography:

Gertrude Jekyll, Old West Surrey, 1904



Quotations:

1 - Gertrude Jekyll, Old West Surrey, op. cit, PREFACE
2 - ivi, pg. 19
3 - ivi, pg. 44
4 - ivi, pg. 76
5 - ivi, pg. 218
6 - ivi, pg. 269
7 - ivi, pg. 277 

22 commenti:

  1. A lovely post about one of my favorite garden designers, Dany !
    I really enjoyed it !
    I bought a book years ago, the gardens she designed are wonderful ... a grand dame !
    Wishing you a great weekend, dear friend !
    Sylvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sylvia
      Gertrude Jekyll was truly an artist, and to be fully an artist means to me not to excel in the art in which he / she specializes, but in many fields in which to give expression to his / her feelings more completely. In fact I don't know if until now many women like her have lived, she was a woman to define whom is not easy finding a suitable adjective ! I'm really glad you know her and have already had the occasion to appreciate her works, dear Sylvia, she was more than special and left us a legacy of treasures !
      A wonderful weekend to you too, my dear ♡

      Elimina
  2. Se mi è piaciuto questo viaggio?! E' stato semplicemente meraviglioso.......
    Il Surrey è una delle più belle contee inglesi,andarci è come immergersi in una fiaba, nel vero senso della parola. E che dire di questa grande donna? Mi piace molto come e cosa scriveva, uno spaccato di vita vera di quel periodo che adoro....
    Ancora una volta " tremendamente affascinante "........
    Grazie mia cara Dany per i tuoi post, per me sempre molto salutari!
    Love Susy ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Susy
      le tue parole mi rendono non felice, felicissima cara amica mia, mi fanno così bene al cuore !!!
      Io credo che però sia un limite non da poco che certi testi non siano più disponibili in commercio ed anche sul web siano solamente nella versione in lingua originale .. se tutto ciò li rende altresì più preziosi, pensa a quante persone che non conoscono l'inglese sono tagliate fuori !
      Eppure, a parte i testi sull'architettura del verde e sull'allestimento di giardini, che ne fecero la sua specialità, in Italia ( ed in italiano ) di Gertrude Gekyll non si trova altro ... credo che altri volumi, oltre quelli più diffusi, meriterebbero maggiore attenzione, è stata una donna straordinariamente sensibile e talentuosa, non solo la prima e più grande paesaggista della storia ... ( che non è comunque dir poco ! )
      ❖ Grazie infinite Susy carissima, sei un raggio di sole tra la pioggia ❖

      Elimina
  3. Un viaggio davvero piacevolissimo,alla scoperta di un mondo che mi ha da sempre affascinato.La scelta delle foto e degli scritti di Gertrude Jekill parlano al cuore.
    Sono convinta che le abitazioni d'epoca siano una culla di vissuto e ricordi, che accompagnino benevolmente i proprietari che si avvicendano.
    Un fine settimana sereno , Dany
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Franca
      preziosi, sempre, i tuoi commenti mia cara !
      E' vero, le case vecchie accolgono, coccolano tra le loro 'braccia', proteggono come se fossero forti del tempo che già hanno vissuto e raccontano ... proprio così ... pensa che la mia è vecchia di alcuni secoli .. riesci ad immaginare quante cose ci ha raccontato e quante ancora ne ha in serbo per noi ?!
      Ti abbraccio forte cara amica mia augurandoti una lieta serata e ringraziandoti infinitamente per la cura che riponi nel seguirmi, l'interesse che hai per gli argomenti che tratto e l'affetto che sta nascendo tra noi.
      ❤ Grazie di cuore ❤

      Elimina
  4. Come vorrei visitare questi posti cara Danyperche' sono sicura che conservano ancora la magia unita alla semplicità' descritta e rappresentata dalla Jekyll. Straordinario viaggio nel tempo, grazie cara amica e buona domenica. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ laura
      le tue parole sono sempre motivo di grande grande gioia per me e sono felicissima di leggere che il viaggio ti sia stato gradito !
      Mi sei così cara !
      Trascorri un fine settimana lieto dolce amica mia, un abbraccio ღ

      Elimina
  5. Cara Daniela, rileggendo...mi scuso per la sintassi!..."parla al cuore"!
    Buona domenica ,
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Franca
      ... mi chiedi di scusarti per una piccolezza del genere :) !
      Le tue parole sono sempre così tanto importanti per me che se anche fossero frammiste ad errori, e fossero anche questi ben più notevoli di questa tua svista, nemmeno ci farei caso, credimi !
      Buona serata mia cara e felice domenica a te ❥

      Elimina
  6. I love Gertrude's quote here, Dany, and what a wonderful post this is. She really was a multi-faceted, multi-talented woman. I know I wold have loved to have lived during those times.

    I hope you had a wonderful weekend, and I wish you a beautiful week ahead, sweet friend. xo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Lisa
      you cannot imagine how much I also would have wanted to live in that time, my dear .. I wonder if we would have met even then ... certainly not by means of a pc !
      A big hug, my dear Lisa, to thank you so much for your always beautiful words and wish you a joyful week ⊰♡⊱

      Elimina
  7. Ciao Daniela, un saluto veloce dal computer di un'amica. :) Spero di poter leggere al più presto tutti i tuoi post. Un abbraccio e felice primavera! xo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Kia
      un tuffo al cuore è stato per me leggere il tuo nome tra gli altri questa mattina ed ho pubblicato il tuo commento in fibrillazione dalla gioia proponendomi di rileggerlo con più calma in serata quando avrei avuto il tempo di rispondere come meritate.
      Non trovo le parole per esprimerti la gioia che mi dai con questo tuo commento e con la notizia di un tuo possibile imminente ritorno, sapessi quanto, quanto mi manchi !
      Ti abbraccio con tanto tanto affetto mai cara ed attendo con ansia i vostri prossimi post ... la vostra assenza in questi mesi, è stata per me una nota di vera malinconia.
      ஜ Baci ஜ

      Elimina
  8. ...che viaggio merviglioso.. entrare nel tuo blog è come aprire un libro di storie d'altri tempi popolate di personaggi incantati...
    Il cestino gabbietta, le che spazza vestita di tuttopunto, la sedia davanti al dondolo e tutto con questo musica che infonde una gran pace...Mi piace!
    Grazie!
    Buon lunedì!
    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Barbara
      un grazie grande grande perchè arriva dal profondo del cuore !
      Questo è il mio mondo, un mondo in cui vivo da sempre e che solamente da quasi un anno è divenuto qui ' realtà ', e sono sempre più felice di trovare chi come te in qui si sente bene ... ormai non è più solo il mio mondo, ' My little old world ' è diventato il nostro mondo, sei la benvenuta !
      Felicissima di questa tua visita ti auguro una serata colma di cose liete ed una bellissima settimana, grazie ancora ♡♥♡

      Elimina
  9. Dearest, Dany! You have "contaminated" me indeed! And I thank you!

    "perhaps all the happier in that they have been concerned with few wants and few responsibilities" {sigh}

    And the gardens, the vines covering the cottages, I'm green with envy!

    Have a blessed week, my dear friend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ June
      when a few months ago I first had a look at this book I though it to be overflowing with joy, both expressed by words and images ... and by your words I understand that you also feel the same, and I'm very glad for that, my dear friend !
      I wish you a rest of the week filled with much love, a big and strong hug ~ ❤

      Elimina
  10. I thoroughly enjoyed looking back in time in this post, Dany. How wonderful that Gertrude Jekyll recorded rural life in that time in Old West Surrey through her writings and photographs. I do not think she would be impressed at all with present day furniture if she saw it, but I do think she'd be impressed with blogs as we are also recording our era in time!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Pat
      I'm so happy you've enjoyed browse the pages of this document of the era together with me, I'm really very grateful to you for it.
      I agree with you in thinking that surely the modern furnishings wouldn't be to her liking (actually they're not even of mine !) and in the belief that, probably, if she was still with us today, who knows, she'd do what we are doing with our blogs ... there's not much difference, actually, ... of course the time has changed, but the intention and the result, compared hers with our era, is almost the same !
      ⊰♡ Thanking you so much for your visit, I'm sending lots of hugs while wishing you a great, lovely day, my dear friend ♡⊱

      Elimina
  11. Per un attimo ho avuto la sensazione di trovarmi nel passato .. ed è stato meraviglioso !
    Grazie Dany !
    Mavi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Mavi
      meraviglioso è averti qui, leggere i tuoi commenti scritti dopo che hai letto le mie parole ed osservato le immagini che ho pubblicato ... meraviglioso !
      ✶ Dolce notte ✶

      Elimina

I WHOLEHEARTEDLY THANK YOU FOR YOUR THOUGHTS AND WORDS, SO PRECIOUS TO ME.