giovedì 6 marzo 2014

Ritratto di Signora: Mrs Margaret "Molly" Brown (The unsinkable Molly Brown)






Divenuta celebre quale sopravvissuta alla strage dell'RMS Titanic, non per fatalità, ma in qualità, sostenne al tempo, di passeggera di prima classe, Mrs Margaret Tobin Brown, meglio conosciuta come Molly Brown, era donna di qualità straordinarie anche se fino a quel tragico evento, occorso nella notte tra il 14 ed il 15 aprile del 1912, la maggior parte del mondo le ignorava.

Margaret Tobin era nata il 18 luglio 1867 ad Hannibal nel Missouri 






in un'umile famiglia di cattolici emigrati dall'Irlanda, seconda dei tre figli ( con lei Daniel nato nel 1863 e William nato nel 1869 ) nati dal matrimonio di John Tobin e Johanna Collins, ma della famiglia facevano parte anche due sorellastre, Mary Ann, nata dalle prime nozze della madre e Catherine Bridget, da quelle del padre (entrambi rimasti vedovi, i genitori si erano infatti risposati); 






all'età di 13 anni, la piccola Meggie cominciò con il lavorare in una fabbrica e quando Daniel si trasferì in Colorado in cerca di fortuna nelle miniere d'argento ella nel 1886 si unì a lui.
La città di Leadville, 



Colorado - Our Wonderful Mineral Productions - A View of the New City of Leadville, numero del 12 Aprile del 1879 del Frank Leslie's Illustrated Newspaper




dove i due fratelli Tobin andarono ad abitare, era come un grande campo di minatori e lì la giovane Meggie trovò lavoro come sarta in un negozio del luogo inconsapevole del fatto che presto la sua vita sarebbe cambiata totalmente; presto conobbe James Joseph Brown, soprannominato J.J., sovrintendente alle miniere anch'egli di origine irlandese, ed i due, innamoratisi, si sposarono già nel mese di settembre del medesimo anno: Meggie aveva allora solamente diciannove anni, J.J. ne aveva trentadue.

Desideravo un uomo ricco, ma amai subito Jim Brown. Pensai a come avrei voluto dare conforto al mio vecchio padre e come avevo deciso di rimanere single fino a quando si sarebbe presentato un uomo che avrebbe potuto dare al vecchio stanco le cose che desideravo per lui. Jim era povero come noi, e non aveva più possibilità di noi nella vita. Lottai duramente con me stessa in quei giorni. Amavo Jim, ma lui era povero. Infine decisi che sarei stata meglio con un uomo povero che amavo piuttosto che con uno ricco la cui ricchezza mi aveva attirato. Così sposai Jim Brown. 1






Nel 1887 nacque Lawrence Palmer e dopo due anni Catherine Ellen (Helen), e finchè i figli erano ancora in tenera età, Margaret cominciò con il prendere parte attivamente alla nascita del movimento femminista in Leadville e all'istituzione del Colorado Chapter of the National American Women's Suffrage Association (associazone per il suffragio femminile) lavorando anche nelle mense dei minatori di Leadville per assistere le loro famiglie che versavano in condizioni di autentica miseria. 





Al tempo J.J. Brown non aveva ancora fatto fortuna, era poco più che un semplice operaio, i Browns vivevano in condizioni piuttosto umili, ma erano tra i più benestanti del villaggio, 




Mining life in Colorado dall' Harper's Weekly, 1879





Illustrazione dal Frank Leslie's Weekly Newspapers, 1879



però quando nel 1893 venne abrogata la Sherman Silver Purchase Act (legge sull'acquisto dell'argento) la piccola città tutta sprofondò in una grave depressione; 

Nel 1892 i cittadini degli Stati Uniti elessero Grover Cleveland come loro nuovo presidente. Cleveland era un uomo che credeva fermamente nel sistema monetario aureo, e nel mese di ottobre 1893 la Sherman Silver Purchase Act venne abrogata. In quattro giorni il prezzo dell'argento scese da 83 centesimi l'oncia a 62. Gli investitori in preda al panico assistettero ad un ulteriore progressivo tracollo del prezzo. Le banche, il commercio e imprese minerarie giunsero ad un punto morto, e da metà estate del 1893, un buon 90 per cento dei lavoratori di Leadville rimase senza lavoro.
La gente di Leadville 'si fece in quattro' per superare il disastro. Molti minatori fecero sù le proprie famiglie e lasciarono la città [...] L'abrogazione della legge Sherman Silver Purchase aveva raggiunto conseguenze di una vastità incalcolabile -. Non solo Leadville ma ogni città ad ovest del Mississippi spofondò in una grave depressione economica. Leadville aspettava che accadesse qualcosa di buono, e così fu

il sospetto che nella sabbia in cui ritrovava l'argento nella proprietà della Little John Mine vi fosse dell'oro condusse J.J. ad ideare una specie di filtro, di setaccio fatto di legname e di fieno capace di isolare le eventuali pagliuzze del minerale prezioso e fu così che nel giro di pochissimo tempo egli divenne l'uomo più conosciuto e facoltoso del suo paese in campo minerario: l'oro nella Little John Mine vi era davvero !

Nel 1894 i Browns si trasferirono a Denver in quella che sarebbe divenuta la dimora di tutta una vita:




costruita nel 1889 per i coniugi Large che avevano fatto fortuna con la Silver Rush dal noto architetto William Lang combinando il noto stile vittoriano Queen Ann con il neoclassicismo ed il Richardsonian Romanesque 






quella che era conosciuta come The House of Lions e che diverrà negli anni settanta la Historic Molly Brown House era considerata al tempo della sua edificazione un fabbricato decisamente moderno in termini di tecnologia poichè possedeva già un impianto elettrico ed idraulico, il servizio telefonico ed il riscaldamento che funzionava a vapore e solamente persone di un certo rango potevano permettersene l'acquisto ed il mantenimento.


In quegli anni Meggie, sempre sensibilizzata verso le urgenze della società tempo, cominciò a mettersi in luce nell'ambito aristocratico di cui faceva ormai parte distinguendosi per il proprio attivismo in quanto ad opere di volontariato, opere umanitarie, opere filantropiche: divenne membro fondatore del Denver Woman's Club di Denver, parte di una rete di club che auspicava l'alfabetizzazione, l'istruzione, il suffragio, ed il rispetto dei diritti umani in Colorado e in tutti gli Stati Uniti, raccolse fondi per costruire la Cathedral of Immaculate Conception ed il St.Joseph's Hospital, lavorò con il giudice Ben Lindsey per aiutare i bambini indigenti ed istituire il primo Tribunale per i minorenni nel paese che fu fondamentale per l'odierno sistema giudiziario minorile degli Stati Uniti, provvedendo inoltre alla sua formazione culturale frequentando il Carnegie Institute di New York, dove imparò letteratura, lingua e recitazione; inoltre, insieme con i propri figli, Margaret crebbe anche le tre povere fanciulle figlie del fratello Daniel, rimaste orfane di madre in tenera età. 


Spesso in viaggio, tra Egitto, Indie e vecchio continente, i coniugi Brown affittavano la loro dimora a facoltosi inquilini per il periodo della loro assenza, anche se va detto che

non per un viaggio di piacere si trovava a bordo del Titanic, ma per una fortuita combinazione, si era infatti imbarcata quasi all'ultimo momento per raggiungere dalla Francia in cui si trovava in visita alla figlia che frequentava la Sorbona a Parigi, il nipote malato a New York e perciò in pochi, anche della famiglia, la sapevano coinvolta nel più tragico episodio cui il mare assistette durante il secolo scorso: dopo che la nave colpì l'iceberg, Margaret aiutò ad imbarcare gli altri superstiti sulle scialuppe di salvataggio e alla fine fu costretta a salire sulla scialuppa numero sei a bordo della quale collaborò con le altre donne che erano con lei a remare e a sollevare il morale degli altri passeggeri anche se sicuramente il contributo più significativo ella lo diede a bordo del Carpathia dove assistette tutti i superstiti del Titanic ivi imbarcati, grazie anche alla sua padronanza delle lingue francese, tedesca, italiana, russa, e quindi al rientro a New York, dando vita al Comitee Survivor's, il comitato per i sopravvissuti, di cui fu eletta presidente e a nome del quale riuscì a raccogliere fondi per un ammontare $ 10.000 necessari a supportare i sopravvissuti più indigenti.
Alcuni giorni dopo sbarco il suo senso dell'umorismo le fece pronunciare la seguente frase:

Grazie per i pensieri gentili. L'acqua era buona e si nuotava bene ! Nettuno è stato estremamente gentile con me e ora sono asciutto e famosa. 3

Margaret Tobin Brown fu inoltre una delle prime donne negli Stati Uniti ad intraprendere una carriera politica essendo in corsa per l'ammissione in Senato ben otto anni prima che le donne ottenessero il diritto al voto. Il 25 luglio del 1914 organizzò inoltre una conferenza internazionale per la rivendicazione dei diritti delle donne a Marble House, Newport, Rhode Island, insieme con Alva Vanderbilt Belmont, evento a cui presero parte attivisti per i diritti umani provenienti da tutto il mondo.

Nel 1922 la morte del marito, da cui peraltro si era separata già nel 1909, la fece precipitare in periodo non più così florido economicamente e fu perciò costretta a trasformare la propria abitazione dapprincipio in una pensione e successivamente in una casa di accoglienza per 'ragazze ribelli'; la sua scomparsa nel 1932 procurò un progressivo abbandono all'edificio che nel 1970 rischiò la demolizione, ma grazie ad un comitato volto alla conservazione dei beni storici della città di Denver venne non solo salvato dal disfacimento e recuperato, ma ricondotto al suo originario splendore: 



gli interni, con i ricercati arredi e le autentiche finiture d'epoca, ci parlano di una dimora tanto ambita, amata e curata, una dimora che da allora merita il nome di Hystoric Molly Brown House ed accoglie i visitatori che da ogni parte del mondo desiderano conoscere più da vicino uno dei personaggi che contribuirono a scrivere la storia più recente degli Stati Uniti d'America, una Lady affascinante dalla vita movimentata, quasi degna di un romanzo d'avventure, che continua a vivere in questi splendidi ambienti.






Un'ultima cosa tenevo a dirvi infine di Margaret Tobin Brown: nel 1931 fece erigere a Washinghton D.C. il monumento commemorativo in onore dei dispersi durante il naufragio del Titanic; sulla lapide si legge

PER GLI UOMINI CORAGGIOSI
CHE PERIRONO
NEL NAUFRAGIO
DEL TITANIC
IL15 APRILE 1912
DANDO LA LORO VITA
AFFINCHE' LE DONNE
E I BAMBINI
POTESSERO ESSERE SALVATI.
ERETTA DALLE
DONNE D' AMERICA

Sul retro è scritto:
AL GIOVANE E AL VECCHIO
AL RICCO E AL POVERO
ALL' IGNORANTE E AL COLTO
A TUTTI
COLORO CHE HANNO DATO LA VITA NOBILMENTE
PER SALVARE LE DONNE E I BAMBINI


Parole che non si possono commentare...

Anche oggi il nostro tempo è terminato miei carissimi amici e lettori, vi lascio con un abbraccio ringraziandovi tutti caramente per l'affetto con cui sempre mi seguite.

A presto 









Bibliografia:

Kristen Iversen, Molly Brown: Unraveling the Myth. The true life story of the Titanic's most famous survivor., Johnson Books, Boulder, Colorado, 1999 ( qui ne trovate una breve edizione in cui potere comunque saggiare il testo ed ammirare foto d'epoca )


Citazioni:

1 - Kristen Iversen, Molly Brown: Unraveling the Myth. The true life story of the Titanic's most famous survivor., Johnson Books, Boulder, Colorado, 1999, pag. 90

2 - op. cit., pag. 102

3 - op. cit., pag. 172






Portrait of Lady :  Mrs Margaret "Molly" Brown ( The unsinkable Molly Brown).


- picture 1


Became famous as a survivor of the massacre of the RMS Titanic, not for fate, but in quality, she argued at the time, of a passenger of the first class, Mrs. Margaret Tobin Brown, better known as Molly Brown, was a woman of extraordinary qualities, even though up to that tragic event, occurred on the night between April 14th and 15th, 1912, most of the world ignored.

Margaret Tobin was born on July 18th , 1867 in Hannibal, Missouri


- picture 2


in a humble family of Catholics who emigrated from Ireland, the second of three children (with her Daniel born in 1863 and William born in 1869) born from the marriage of John Tobin and Johanna Collins, but of the family made also part two other half-sisters, Mary Ann, born from the previous marriage of her mother, and Catherine Bridget, from that of her father, for her parents, both widowed, had remarried;


- picture 3

- picture 4


at the age of 13, the little Meggie began with working in a factory and when in 1886 Daniel moved to Colorado in search of fortune in the silver mines, she joined him.
The town of Leadville,


- picture 5 - Colorado - Our Wonderful Mineral Productions - A View of the New City of Leadville, April 12, 1879 issue of Frank Leslie's Illustrated Newspaper


where the two Tobin brothers went to live, was like a big mining camp and there the young Meggie found work as a seamstress in a local shop unaware that soon her life would have change completely; she soon met James Joseph Brown, nicknamed J.J. , superintendent of mines, also of Irish origin, and the two, who fell in love, got married in the month of September of the same year: Meggie was then only nineteen, J.J. was thirty-two.

I wanted a rich man, but I loved Jim Brown. I thought about how I wanted comfort for my father and how I had determined to stay single until a man presented himself who could give to the tired old man the things I longed for him. Jim was as poor as we were, and had no better chance in life. I struggled hard with myself in those days. I loved Jim, but he was poor. Finally, I decided that I'd be better off with a poor man whom I loved than with a wealthy one whose money had attracted me. So I married Jim Brown. 1


- picture 6


In 1887 Lawrence Palmer was born and after two years, Catherine Ellen (Helen), and as long as her children were still little, Margaret began to take an active part in the birth of the feminist movement in Leadville and the establishment of the Colorado Chapter of the National American Women's Suffrage Association and also working in the miners of Leadville's refectories to assist their families who lived in conditions of true misery.


- picture 7


At the time J.J. Brown hadn't made ​​his fortune yet, he was little more than a simple worker, the Browns were living in pretty humble, but were among the most wealthy of the whole village,


- picture 8 - Mining life in Colorado from the Harper's Weekly, 1879

- picture 9 - Illustration from the Frank Leslie's Weekly Newspapers, 1879


but when in 1893 the Sherman Silver Purchase Act was repealed, throughout the small town sank into a severe depression;

In 1892 the citizen of the United States elected Grover Cleveland as their new president. Cleveland was a men who firmly believed in the gold standard, and in October 1893 the Sherman Silver Purchase Act was repealed. In four days the price of silver dropped from eighty-three cents an ounce to sixty-two. Investors panicked as the price dropped even more. Banks, business and mining operations came to a standstill, and by midsummer 1893, a full 90 percent of Leadville's labor was out of work.
The people of Leadville scrambled to ride out the disaster. Many miners packed up their families and left town.[...] The repeal of Sherman Silver Act had far- reached consequences - not just Leadville but every city west of the Mississippi was plunged into a deep economical depression. Leadville was waiting for something good to happen, and it did. 2

the suspect that in the sand when they rediscovered silver in the properties of the John Little Mine there was any gold led J.J. to devise a kind of filter, a sieve made ​​of wood and hay able to isolate any specks of the precious ore and so it was that in a very short time he became the most famous and wealthy man of his country in mining: in the Little John Mine there was really lots of gold !

In 1894, the Browns moved to Denver in what would have become the home of a lifetime:


- picture 10


built in 1889 for the Large spousies who had made their fortune in the Silver Rush by the renowned architect William Lang combining the well-known Queen Ann Victorian style with neo-classicism and the Richardsonian Romanesque


- picture 11


what was known as The House of Lions and in the seventies will become the Historic Molly Brown House was considered at the time of its construction a very modern building in terms of technology as it already had a wiring and plumbing, a telephone service and heating that worked on steam and only people of a certain class could afford purchasing and maintenaning it.


- picture 12 on the left - In those years, Meggie, always sensitized to the needs of the society of the time, began to shine amongst the aristocratics which was now part of distinguishing hereself by her activism in regards to voluntary, humanitarian and philanthropic work: she became a founding member of the Denver Woman's Club, part of a network of clubs which advocated literacy, education, suffrage and the respect of the human rights in Colorado and throughout the United States, raised funds to build the Cathedral of Immaculate Conception and the St.Joseph's Hospital, worked with Judge Ben Lindsey to help destitute children and establish the first juvenile court in the country which was essential for today's juvenile justice system in the United States and alsoprovided to her cultural education by attending the Carnegie Institute in New York where she learned literature, language and drama; furthermore, together with her children, Margaret grew even the three poor girls daughters of his brother Daniel, orphaned of mother at an early age.


- picture 13 on the right - Often on the road, including Egypt, India, and the old continent, the Browns rented their home to wealthy tenants for the period of their absence, although it must be said that not for a pleasure trip she was aboard the Titanic, but for a fortuitous combination, she had in fact embarked almost at the last moment to reach from France, where she was visiting her daughter who attended the Sorbonne in Paris, the sick grandson in New York and so in few, even of the family, knew her to be involved involved in the most tragic incident when the sea was present during the last century: after the ship struck the iceberg, Margaret helped the other survivors to board the lifeboats and was finally forced to get on the lifeboat number six on board of which she collaborated with the other women who were with her to row and to boost the other passengers' morale though surely the most significant contribution she gave on board of the Carpathia where she witnessed all the survivors of the Titanic therein board, thanks to her mastery of French, German, Italian, Russian, and then on their retutn to return to New York, giving life to the Survivor's Commettee, of which she was elected President and on behalf of which she could raise funds for a total of $ 10,000 needed to support the survivors most in need.
A few days after landing her sense of humor made ​​her pronounce the following sentence:

Thanks for the kind thoughts. Water was fine and swimming good. Neptune was exceedingly kind to me and I am now high and dry. 3

Margaret Tobin Brown was also one of the first women in the United States to pursue a political career being in running for the admission in the Senate eight years before then women got the right to vote On 25th July 1914 also organized an international conference to claim the rights of women at Marble House, Newport, Rhode Island, along with Alva Vanderbilt Belmont, in what was an event that called activists in the human rights from all over the world.

In 1922 the death of her husband, of which she had separated in 1909, precipitated her in a period no more so economically prosperous and was therefore forced to turn her home into a boarding house at first and then in a home for 'rebels girls', and her death in 1932 procured a gradual abandonment of the building which in 1970 threatened the demolition, but thanks to a committee aimed at historic preservation in the city of Denver was not only saved from decay and recovered, but returned to its original splendor:


- picture 14



the interiors, with refined furnishings and authentic antique finishes, speak to us of a much-coveted home, loved and cared, a home that since then deserves the name of Hystoric Molly Brown House and welcomes visitors from all over the world wanting to know more about one of the characters who helped writing the recent history of the United States of America, a charming lady from the exciting life, almost worthy of an adventure story, which continues to live in these wonderful rooms.


- picture 15


One last thing I wanted finally to tell you about Margaret Tobin Brown: in 1931 she made build in Washington DC the Titanic Memorial in honor of the missing people during the sinking of the Titanic; on the tombstone you may read

TO THE BRAVE MEN
WHO PERISHED
IN THE WRECK
OF THE TITANIC
APRIL 15 1912
THEY GAVE THEIR
LIVES THAT WOMEN
AND CHILDREN
MIGHT BE SAVED
ERECTED BY THE
WOMEN OF AMERICA

and on the back there's written:
TO THE YOUNG AND THE OLD
THE RICH AND THE POOR
THE IGNORANT AND THE LEARNED
ALL
WHO GAVE THEIR LIVES NOBLY
TO SAVE WOMEN AND CHILDREN


 Words that you cannot comment ...


Even today, our time is up, my dear friends and readers, I'm leaving you with an embrace for thanking you all dearly for the affection with which you always follow me.

See you soon 










Bibliography:

Kristen Iversen, Molly Brown: Unraveling the Myth. The true life story of the Titanic's most famous survivor., Johnson Books, Boulder, Colorado, 1999 ( qui you can find a short preview with some interesting photographs of the epoque. )


Quotations:

1 - Kristen Iversen, Molly Brown: Unraveling the Myth. The true life story of the Titanic's most famous survivor., Johnson Books, Boulder, Colorado, 1999, pg. 90

2 - op. cit., pg. 102

3 - op. cit., pg. 172

10 commenti:

  1. Ho letto con molto interesse : a volte le sorprese e le vicissitudini della vita , possono superare ogni trama romanzesca.
    Fermarsi per un breve momento nella nostra giornata e scoprire "qualcosa di nuovo" del Passato , è molto bello.
    Buon pomeriggio,
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Franca
      ti ringrazio per avermi dedicato parte del tuo tempo, mia cara amica, una pausa nella tua giornata tutta per 'My little old word'... per me è qualcosa di meraviglioso !
      Un abbraccio ❤

      Elimina
  2. Daniela cara che storia straordinaria e che donna incredibile e determinata che deve essere stata questa Molly. Interessante come la forza di una persona possa determinarne il destino nonostante le sorprese che ci riserva (nel suo caso la tragedia del Titanic)! Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ laura
      una vita fatta di colpi di scena la sua, ma l'intelligenza, l'intraprendenza, la forza di volontà ed il cuore l'hanno sempre guidata verso le mete migliori ... soprattutto il cuore ...
      Appartiene a quel genere di persone che avrei tanto piacere di conoscere, quel genere di quelle persone che sempre più di rado si affacciano alla nostra storia !
      Contraccambio di cuore l'abbraccio cara amica mia per augurarti una lieta serata ed un sereno weekend ღ

      Elimina
  3. Interesting life story of Molly Brown ... each time I visit here
    I'm learning something new, Dany !
    We're enjoying warm and sunny weather here, hope you have some
    sunshine too ...
    Have a wonderful weekend, my friend !
    Sylvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sylvia
      how glad for your visits I am, my dear !
      Here, too, after a sting in the tail of Winter that has affected us during the last week we are we're enjoying an advance of Spring, so much welcome !
      Wishing a happy weekend to you too, my dear friend ❥

      Elimina
  4. Sapessi quanto mi appassiona leggere biografie che appartengono al secolo scorso, conoscere donne così ricche di fascino che si sono messe in risalto per le loro qualità uniche in un secolo che ancora tanto spazio lasciava ai singoli!
    Grazie Dany, il mio sabato comincia come meglio non potrebbe, buon fine settimana :)
    Mavi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Mavi
      grazie a te, sono sempre tanto felice di leggere il vostro entusiasmo, lo sai !
      Ti auguro un weekend colmo di serenità ♥♡♥

      Elimina
  5. I was glad to go back to read this post that I missed, Dany! I ahve vsiited the Molly Brown house a few times as my son and daughter-in-law lived near it for awhile in Denver. Here is a post I wrote about it with my photos:
    http://millefiorifavoriti.blogspot.com/2012/04/margaret-brown-unsinable-molly-brown.html

    She was truly a woman ahead of her time and lived an amazing life!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Pat
      what a delight to have you back here among us !
      I wonder how fascinating to visit her home was, such a place that certainly still talks about her fabolous life .. you're right, she was ahead her time, it's far too true, and thank you, with much pleasure I will come and read your post about her ^^ !
      Enjoy the rest of the week my friend ❥

      Elimina

I WHOLEHEARTEDLY THANK YOU FOR YOUR THOUGHTS AND WORDS, SO PRECIOUS TO ME.