mercoledì 15 gennaio 2014

La leggenda del Calicanto e del pettirosso.







Narra una leggenda che in un tempo molto, molto lontano, durante un gelido e nevoso giorno di Gennaio, un piccolo pettirosso vagasse infreddolito tra i cespugli in cerca di un riparo dalla neve .. i rami nudi che, intirizziti, oscillavano tristi battuti dall'alito glaciale del mese più freddo dell'anno rispondevano languidi alla sua richiesta di aiuto producendo suoni lamentevoli per comunicargli mestamente che in alcun modo potevano essergli di sollievo, ma tra tanti rami spogli il povero pettirosso, ormai stremato e fiaccato dal freddo, riuscì finalmente a trovare ricovero sotto un gruppo di foglie, brunite, rinsecchite dal gelo, ma ancora attaccate ai rami: l'ospitalità gliela stava offrendo un cespuglio di Calicanto.
Il cielo, vedendo un atto di così naturale e spontanea misericordia, quasi si commosse e non potè esimersi dal premiare l'umile cespuglio facendo scendere su di esso una pioggia di stelle luminose 







dall'intenso profumo e da allora il Calicanto continua a fiorire a Gennaio deliziando i nostri gelidi giorni d'inverno ed avvolgendo della sua unica ed inconfondibile fragranza i nostri giardini solo in apparenza dormienti. 


Il nome originario del Calicanto, CHIMONANTHUS, in lingua greca, che significa 'fiore d'inverno', ci riporta alle regole tassonomiche anteriori il medioevo, tradendo un'origine che si perde nella notte dei tempi e non ci è, perciò, difficile immaginare quanto con ogni probabilità potesse rendere ancor più favolosi gli antichi giardini di Babilonia e chissà che non fosse proprio questo suo inebriante profumo ad ammaliare i viaggiatori che riportavano racconti di quei luoghi come di un paradiso di colori ed aromi prima sconosciuti, un paradiso dei sensi che rendeva arduo il non smarrire il contatto con la realtà ..









Questo arbusto che quasi passa inosservato durante la bella stagione tra tanti altri fioriti e profumati, ma che è protagonista assoluto dei giardini in Gennaio, originario della Cina e coltivato in Giappone, sappiamo con certezza che in occidente giunse sul finire del XVIII secolo insieme con tante altre piante prima di allora sconosciute, decantate con toni favolistici dai viaggiatori che erano usi frequentare le terre d'Oriente e cominciò con il diffondersi agli albori del periodo vittoriano contribuendo a dare quel tocco di esotismo con cui gli inglesi tanto amavano personalizzare i propri giardini, quel tocco e quell'atmosfera che ancor oggi rende unici i giardini d'Inghilterra che hanno conservato la loro impronta ottocentesca.





E dall'Inghilterra fu poi presto diffuso nei 'dominions', primo fra tutti l'Australia; se ne trova menzione nell'Hortus Cadmenensis, il catalogo illustrato delle piante coltivate da Sir William MacArthur at Camden Park, NSW, Australia, tra il 1820 ed il 1861, in cui leggiamo:

"Il dotto e acculturato Kaempfer * nel suo Amaen. Exot. che era edotto in fatto delle più utili informazioni, ci fornisce un'immagine di questa pianta,


in cui è rappresentata sia con fiori che con i vasi di coltivazione, accompagnato da una breve descrizione su di essa, da cui si apprende che è coltivata in Giappone come pianta ornamentale, che i fiori sono prodotti nel mese di febbraio, prima delle foglie e che essi hanno il profumo della violetta, ma diventano piuttosto sgradevoli sul finire della fioritura. Udito che Lord Coventry fu il primo a possedere questa pianta in Inghilterra, mi sono preso la libertà di scrivere a sua signoria nel mese di gennaio 1799, per richiedere alcune informazioni a tal proposito, così come alcuni altri relativi alla sua cultura, e tc . Il 13 dello stesso mese, sua signoria ebbe la bontà di mandarmi un bellissimo esemplare di pianta in fiore, una piantina di un anno, insieme ad un vaso del 1798, e alcuni semi; della lettera del Conte cito il seguente passo : - " la bellezza del Calycanthus praecox in questo momento supera ogni descrizione, è coperto di fiori da cima a fondo, e la sua fragranza può essere percepita ad una distanza di cinquanta metri dalla conservatory . " [ T.466/1800 BM ] .

'Fu introdotto nel 1766, e fu coltivato perfettamente dal defunto conte di Coventry, nel cui giardino d'inverno a Croome, crediamo, l'impianto originario sia ancora in crescita. [...] Se la pianta è al riparo dalle intemperie, o riesce a crescere in un inverno mite, continua la propria fioritura da ottobre ad aprile: i fiori hanno un profumo delizioso '[LBC no.617/1822] 1




Gli inglesi lo nominarono, con tutta la dolcezza di cui solamente loro sono in grado di fare uso nel dare nomi alle piante, 'Wintersweet', 'Dolcezza d'inverno' e nel linguaggio dei fiori, consegnatoci dal romanticismo vittoriano, esso simboleggia protezione, affettuosa accoglienza, forse proprio in memoria della leggenda cui è legato; donare perciò un ramo adornato da queste umili corolle, 





dai petali esterni di un giallo così tenue e da quelli più interni che descrivono quasi una coppa al centro del calice variegati di un vivace purpureo, 







significa offrire amorevolmente appoggio, difesa, sostegno ed allora, vuolsi per il suo profumo, vuolsi per il suo significato simbolico, quale luogo migliore se non la prossimità dell'ingresso del giardino per coltivarlo.

E furono infine proprio le vezzose 'ladies' del tempo, che amavano profumarsi con le più svariate ed intense essenze floreali, a divulgare la tradizione popolare che suggerisce che strofinare i polsi e le caviglie con queste delicate corolle per carpirne il profumo rinvigorisca lo spirito e doni vitalità ... 




Toilette by Jules James Rougeron, 1877




cosa erano capaci d'inventarsi pur di avvolgersi di conturbanti nuvole di profumo per far girare la testa ai propri corteggiatori !

Nella speranza di avervi intrattenuti piacevolmente con queste curiosità su di un fiore così delizioso e particolare, vi saluto con affetto 

A presto 










Note e citazioni:

* Engelbert Kaempfer (1651 – 1716) fu un naturalista, botanico, medico, viaggiatore e scrittore tedesco che ci ha lasciato resoconti significativi sulle culture e le piante del continente asiatico, soprattutto il Giappone, il cui nome è legato a quello del Gingko Biloba poichè fu il primo a classificarlo.

1 - http://hortuscamden.com/plants/view/chimonanthus_praecox_link







The legend of the Calycanthus and the robin.



- picture 1


A legend goes that a long, long time ago, during a cold and snowy day in January, a little robin wandered among the bushes searching for a shelter from the snow ... the bare branches that, numb, swayed sad beaten by the glacial breath of the coldest month of the year answered languidly to his request for help while doing lamentable sounds to tell ruefully that in any way they couldn't be of any relief to him, but among the bare branches, the poor robin, now exhausted and weakened by the cold, was finally able to find shelter under a clump of leaves, burnished, withered by the frost, but still attached to the branches: the hospitality was offering him by a bush of Calycanthus.
The sky, seeing an act of so natural and spontaneous mercy, as if touched, couldn't refrain from rewarding the humble bush making fall down on it a shower of bright stars


- picture 2

- picture 3



with intense perfume and since then the Calycanthus continues to flourish in January delighting our cold winter days and wrapping with his unique and unmistakable fragrance our gardens only apparently dormant.

The original name of the Calycanthus, CHIMONANTHUS, in Greek, which means 'flower of winter', takes us back to the front taxonomic rules in use before than the Middle Ages, betraying an origin that is lost in the mists of time, and it's not, therefore, difficult to imagine as with every chance it could have make even more fabulous the ancient gardens of Babylon and we wonder if it was just this intoxicating scent to captivate travelers who reported stories of those places as a paradise of colors and flavors previously unknown, a paradise for the senses that made it difficult not to lose touch with reality ..


- picture 4

- picture 5



This shrub that almost goes unnoticed during Spring and Summer among many flowered and fragrant, but that is the absolute protagonist of the gardens in January, native of China and cultivated in Japan, we know with certainty that in the West came in the late XVIIIth century, along with many other plants before then here still unknown, praised with fable tones by travelers who used to travel in the lands of the East and its diffusion began with the dawn of the Victorian period, helping to give that touch of exoticism with which the British so loved to personalize their gardens, that touch and atmosphere that still makes unique the gardens of England who have retained their XIXth century mark.


- picture 6


And from England it was then quickly spread to the 'Dominions', first of all in Australia and we can find mention of it in the Hortus Cadmenensis, the illustrated catalog of the plants cultivated by Sir William MacArthur Park at Camden, NSW, Australia, between 1820 and 1861, where we read:



"The learned and instructive Kaempfer* in his Amaen. Exot. that vast fund of most useful information, gives a figure of this plant, 


- picture 7 on the left - in which it is represented both with flowers and seed vessels, accompanied with a description and short account of it; from which we learn that it is cultivated in Japan as an ornamental plant, that the flowers are produced in February, before the leaves, that they have the scent of the violet, but become unpleasant on being long smelt to.  Hearing that Lord Coventry was the first who possessed this plant in England, I took the liberty of writing to his Lordship in January 1799, to request some information on this point, as well as some others relative to its culture, &tc.  On the 13th of the same month, his Lordship had the goodness to send me a beautiful specimen of the plant in bloom, a seedling plant one year old, together with a seed-vessel of the year 1798, and some seeds; in the Earl's letter is the following passage:-"the beauty of the Calycanthus praecox at this moment surpasses all description, it is covered with blossoms from top to bottom, and the fragrance of it may be perceived at the distance of fifty yards from the conservatory."  [BM t.466/1800].

‘It was introduced in 1766, and was first cultivated in perfection by the late earl of Coventry, in whose conservatory at Croome, we believe, the original plant is still growing. […] If the plant is sheltered from the weather, or should the winter prove mild, it continues flowering from October to April: the blossoms have a delicious fragrance.’  [LBC no.617/1822]. 1



The British, with all the sweetness of which they only are able to make use in giving names to plants, appointed it 'Wintersweet', and in the language of flowers, delivered to us by the Victorian romanyicism, it symbolizes protection, warm reception, perhaps in memory of the legend which it is related to, thus giving a branch adorned with these humble corollas,


- picture 8


the outer petals of which are of a pale yellow and the innermost ones, describing almost a cup in the center of the calyx, are of a vibrant variegated purple,


- picture 9


means providing loving support, defense, and then, maybe for its scent, or for its symbolic meaning, what better place if not near the entrance of the garden to grow it.

And they were finally the coquettish 'ladies' of the time, who loved to perfume themselves with the most varied and intense flower essences, to disclose the popular tradition which suggests that rubbing one's wrists and ankles with these delicate blooms to capture their scent reinvigorates the spirit and gifts vitality ...


- picture 10 - painting by Jules James Rougeron, 1877


what were they capable of inventing to wrap themselves in perturbing clouds of perfume to make their admirers's head turning !


Hoping to have pleasantly entertained you with these curiosities about a so delicious and special flower, I greet you with affection

See you soon 













Notes and quotations:

* Engelbert Kaempfer (1651 – 1716) was a German naturalist, botanist, physician, traveler and writer who left us significant reports about cultures and plants of Asia, especially Japan, whose name is linked to that of Gingko Biloba as he was the first to classify it.



32 commenti:

  1. What a beautiful legend this is, Dany, and the dress in the last photograph is so, so gorgeous!

    Have a wonderful evening, dear friend. xo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Lisa
      I think that it's everything so sweet.. the legend, the blooming of this lovely bush, so precious in Winter, the scent that wraps every corner of our entrance garden ... and the dress in the Rougeron's painting, yes, you're right, it's really gorgeous, I felt immediately enchanted when I first saw it !!!

      I wish you a lovely continuation of the week, and if we won't meet before than Saturday, a lovely weekend too ❀⊱╮

      Elimina
  2. Chissà se un giorno inventeranno fotografie che oltre che immagini saranno capaci di trasmettere anche profumi ... Fino ad allora lasceremo che chi non conosce il Calicanto, chi non lo ha nel propri giradini possa solo immaginare quanto sia sublime la sua fragranza :)
    Ciaux ;)
    Ross

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Ross
      chissà se un giorno sarà possibile sentire il profumo di ciò che è fotografato .. comincia a pensare come poter fare, tu che sei con la mente sempre un passo avanti !
      Baci baci ♡ ♥ ♡

      Elimina
  3. Such a beautiful legend, and a new one for me. Thank you for another delightful post, dear Daniela! *huggles* and sweet dreams.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Kia
      yes, I think this legend isn't very well known in fact .. I'd like to know if the Calycanthus also grows from you in Scotland, I think that your climate should allow it because it needs the frost of the winter to be prosperous in flowering :)
      I wish you a far too wonderful weekend my dear. xoxo

      Elimina
  4. Buon venerdì, cara Daniela. Non ho capito quale problema hai avuto con l'URL del mio blog: http://italiancozycorner.be - scusa ma oggi sono un po' addormantata. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Kia
      ma figurati, metti in conto che sia probabile che anche io mi sia espressa in modo non del tutto comprensibile :)
      Allora, cercando di essere sintetica, nel mio elenco di lettura ho inserito il vostro blog facendo copia - incolla dell'indirizzo, ma il server mi dice che non riesce a trovare i feed, ovvero non ricevo gli aggiornamenti dei nuovi post; questa mattina vedendo che l'URL era mutata mi sono precipitata a rifare tutto daccapo sperando di riuscire nel mio intento, ma niente, non mi muovo da lì, in pratica il vostro blog figura solamente con l'ultimo post da me commentato, è come se prima non avesse storia, ma neanche dopo visto che io non ricevo quello che pubblicate di nuovo; questa mattina sono stati i tuoi commenti a farmi supporre che avessi pubblicato qualcosa ed allora sono venuta a farvi visita ...
      Mi piacerebbe riuscire a trovare una soluzione a questo .. intoppo, vorrei essere aggiornata su quello che fate così come lo sono per ciò che pubblicano gli altri che seguo ... tutto qui !
      ❣ Ti ringrazio mia cara per la premura che hai avuto, un abbraccio a te e al tuo caro Zeno, buona serata ❣

      Elimina
    2. Oh, adesso capisco. :)
      Come ho cercato di spiegare qui: http://italiancozycorner.be/Blog/Blog2013/ContactUs.php, purtroppo non c'è modo di aggiungere il mio blog come "feed" perché non si tratta di un blog prefatto (tipo Blogger o Wordpress), siamo noi (più che altro Zeno) che creiamo le pagine in HTML. Abbiamo cominciato a farlo molto prima che comparissero le prime piattaforme per blog, e ci piace continuare così. :)
      Tempo fa ho aperto Twitter al solo scopo di far sapere a chi ci segue che abbiamo scritto un nuovo post. Ho appena notato che hai Twitter anche tu, ti aggiungerò al più presto. :)
      Un abbraccio e buona serata. xo

      Elimina
    3. @ Kia
      ti ringrazio cara per il tempo che mi ha concesso con la tua spiegazione ❤
      Lascia che ti dica che siete davvero bravissimi, se siete in grado di gestire un blog che si fa di volta in volta, anzi, siete a dir poco straordinari e fate benissimo a continuare così, complimenti !!
      Quanto a Twitter mi si aggiorna automaticamente con la pagina Facebook, confesso di non curarlo troppo, ma ora mi dai un buon motivo per seguirlo con più attenzione :)

      Buona serata a voi, ancora grazie e buon inizio settimana ღ xxx ღ

      Elimina
  5. I love this legend of the robin and the pretty flower, Dany, lovely post !
    Thanks for your comment, always beautifully written ...
    Have a wonderful weekend !
    Hugs,
    Sylvia


    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sylvia
      hi my dear and thank you so much for your words, your visits are always so appreciated and precious to me ❥
      ❋ With a warm hug I wish a lovely Winter weekend to you too my sweet and sensitive friend ❋

      Elimina
  6. calycanthus praecoz fiore incantevole

    RispondiElimina
  7. Thank you for linking in with "Through My Lens"

    Mersad
    Mersad Donko Photography

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Mersad
      it's my pleasure, believe me I'm truly honoured to have you here, my new friend !

      *❖* With so much gratitude I wish you a most beautiful new week *❖*

      Elimina
  8. Oh my! Looks like spring! Love these pictures :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Monas
      you're so welcome !
      Thank you so much for your beautiful words!

      May your week be filled with joy ✿*♡*✿

      Elimina
  9. Risposte
    1. @ Tanya
      thanks most sincerely, your words fill my heart with joy !

      ༺❀༻ Enjoy your week ༺❀༻

      Elimina
  10. Such a sweet, sweet legend, Dany. The flowers are beautiful. I love the fact they found their way all the way down here in the colonies all those years ago. Sir William MacArthur obviously knew beautiful flowers when he saw them. I cannot go without ooohing and aaahing over that dress. Be still my beating heart. One cannot almost touch the beautiful silk taffeta. Lovely post, Dany.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Kim
      YOU are truly lovely, my darling, wonderful friend !
      I'm so glad you've enjoyed this post and especially the painting, I know, I also love it so much, everytime I look at it I seem to find in that dress a new detail !

      So grateful to you, I hug you with so much love, wishing you a most beautiful remainder of your week, sweetie ಌ•❤•ಌ

      Elimina
  11. What a lovely story, and the pictures are so incredibly beautiful. I never, ever tire of flower photos. Unfortunately, that is the only way to enjoy flowers here in Canada in January - photos. Thank goodness for art!
    Have a beautiful day Dany.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Andrea
      my dearest, sweetest friend, I'm sure that in Canada you've such temperatures that of course no flower can live, but certainly when the Winter is so cold, Spring is always so very generous with colours and perfumes !

      I'm praying for you, my blessed friend, I wish you to find soon the strength to grow suited to this change in your life, sweet heart, I'm holding your hand and walk by your side ...
      *♥* With all my love *♥*

      Elimina
  12. You carried me away to another place and time! The music completed the journey. Just lovely!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Marie
      your beautiful words go straight to my heart filling it with such a deep joy, thank you, it's my pleasure, i welcome you with a hug !

      I hope you're having a great week so far,
      fondly ♡❤♡

      Elimina
  13. Lovely flowers, I don't remember ever seeing them when we were in England but my how you have me curious about how their scent is. Love the little story that comes with this plant. Gorgeous pictures!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Connie
      loveling friend of mine, his scent is so intoxicating, 'enveloping' ... and so long, long lasting, just think that this bush is in bloom since November and the scent of its flowers, which now are about to wither away, reaches us at a distance still now !
      Thank you, sweetie, for all your beautiful words filling my heart with joy, I hug you with so much love !

      May your day be blessed with gladness,
      my so precious friend,
      ✿⋰⋱✿ with all my heart ✿⋰⋱✿

      Elimina
  14. Another gorgeous and interesting post, lovely friend. When I saw the painting of the young lady in pink I nearly swooned! Oh, what a gorgeous dress and her stance is so gloriously feminine :)

    How you bless me, dear Dany. Happy Valentine's Day! Love and hugs!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Stephanie
      I know what you mean, the dress of that painting is truly fabulous, breathtaking !
      Believe me if I say that you always put me in so high spirits when you come an visit me, so, it's true, the blessing is mutual, my sweet soul !

      May also your Valentine's Day be joyous and filled with love, you truly deserve it !
      Thinking of you with deep love ❥

      Elimina
  15. Ciao Daniela, ho appena scoperto il tuo blog perchè stavo cercando leggende sul calicanto per una nuova rubrica del mio blog ed è veramente bello, complimenti! Nei prossimi giorni lo guarderò meglio :-) Buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Ariel Scrittrice
      sono felicissima di averti qui con noi, passa quando desideri e puoi, ogni volta che lo vorrai, mia nuova amica !

      Vengo subito a trovarti ...
      e grazie per i complimenti, sei troppo generosa ಌ•❤•ಌ

      Elimina

I WHOLEHEARTEDLY THANK YOU FOR YOUR THOUGHTS AND WORDS, SO PRECIOUS TO ME.