venerdì 18 settembre 2015

The first cat show in history: London, Chrystal Palace, July 13th, 1871.





La spedizione scientifica promossa da Napoleone in Egitto negli anni 1798-1901 nonché la pubblicazione del trattato in 23 volumi dal titolo Le Description de l'Égypte (1809 - 1828) promosse un crescente interesse da parte dell'occidente verso il mondo magico e mistico rappresentato da questa antica civiltà e dalle sue divinità, interesse che crebbe notevolmente durante l'epoca vittoriana tanto che i gatti non furono più visti come animali utili, anzi necessari da tenere fuori casa per questioni igieniche al fine di preservare l'abitazione dai topi, ma vennero promossi ad autentici animali da compagnia: se è vero che una casa vittoriana non era tale se non riccamente corredata di tendaggi e mobili adeguati ed arricchita da piante, soprattutto felci, palme ed orchidee - spesso anche da pesci - e da almeno una WARDIAN CASE ( se ancora non avete letto il post di ~ My little old world ~ che ne tratta cliccate QUI ), è altresì vero che tale non era senza almeno un gatto come animale da compagnia comodamente accovacciato su di una poltrona od un divano ... sì, un bel micio, meglio se persiano ...


Frances Simpson, amante ed ibridatrice di gatti a pelo lungo, & Cambyses


... perché di razza persiana erano i due gatti che aveva la Regina Victoria a Buckingham Palace, per l'esattezza due persiani blu.



L'importanza ed il costante e crescente amore per i gatti furono significativamente promossi da due importanti sviluppi appartenenti all'epoca vittoriana: il miglioramento del trattamento di tutti gli animali domestici e l'entusiasmo per l'esposizione e le varietà di allevamento di gatti che condusse anche a dar vita a nuove razze. 
Furono questi i motivi che indussero Harrison Weir a promuovere la prima mostra felina che si tenne in Inghilterra, al Crystal Palace di Londra, il 13 luglio 1871, un evento che si rivelò talmente importante da poter definire il 1871 come l'ANNO DEL GATTO; se l'idea di creare un'esposizione di gatti di razze differenti ai quali attribuire dei premi in base a criteri di giudizio va riconosciuta ad Harrison Weir, l'organizzatore dello show, M.F.Wilson, direttore del Chrystal Palace Natural History Department, decise che i gatti da esibire fossero circa 170, appartenenti alla classe medio alta ( ne deduciamo che con ogni probabilità l'ingresso non era gratuito






e tra gli altri vi presero parte il primo gatto proveniente dal Siam, alcuni Manx ( i gatti provenienti dall'Isola di Man) gatti africani, francesi e persiani, ovvero d'angora a pelo lungo, gatti inglesi a pelo corto e persino un gatto selvatico scozzese appartenente al Duca di Sutherland.
Scriverà più tardi Weir che il suo intento principale nel dare vita a questo primo Show era quello di far sì che d'ora innanzi, dopo lunghi secoli di abbandono, maltrattamento e crudeltà assoluta, i gatti venissero attentamente seguiti e che il gatto domestico seduto davanti al fuoco avrebbe potuto possedere una bellezza ed un fascino unici e dare al suo proprietario soddisfazioni emotive sconosciute prima.

Nessuno, comunque, sarebbe stato in grado d'immaginare la cifra raggiunta dagli spettatori che vi presero parte, neppure lo stesso Weir: più di 20.000 londinesi visitarono lo Show, creando anche qualche scompiglio il giorno dell'apertura.


Immagine tratta dall'Illustrated London News.




Furono allora assegnati 54 premi, il maggior numero in assoluto, con l'intento di incentivare gli spettacoli futuri - furono inserite classi di concorso del tutto nuove di certo non ammesse oggi, tra cui il premio per il gatto più grasso vinto da un enorme micio di 20 lb - poco più di 9 kg ( e pensare che il peso forma di Geremia era di 13 Kg !) appartenente ad un certo signor Nash -: 32 furono dati a signori, 15 a donne maritate e solamente 4 a 'zitelle', a quanto pare sfatando il mito che voleva che i gatti fossero animali domestici per zitelle. Il Daily Telegraph invitava i suoi lettori ad affrettarsi non appena avessero ultimato di leggere queste righe poiché il numero dei visitatori era così alto che non sempre era possibile vedere tutti i gatti esposti.

Secondo il The Morning Post del giorno successivo: " La più grande novità della giornata nel modo degli spettacoli è lo show dei gatti al Crystal Palace. Abbiamo avuto spettacoli di bovini, spettacoli equestri, mostre canine e spettacoli di vari altri animali più o meno addomesticati. Ma questo è il primo spettacolo sui gatti di un'ampiezza e di un'accuratezza nell'organizzazione tali che il mondo non ha mia visto prima.".

Un siffatto successo indusse gli organizzatori a promuovere, lo stesso anno, una seconda edizione dello show che, scriveva The Illustrated London News del 22 luglio, 1871 ha riportato "Lo spettacolo è stato aperto solo un giorno." Il successo dello show è stato tale che più tardi, nel 1871, se ne tenne una seconda edizione sempre al Crystal Palace, ma questa volta della durata di tre giorni da Sabato 2 a Lunedi 4 dicembre, riportava il Times del 4 dicembre, e questa volta le porte del Crystal Palace furono aperte anche ai gatti della classe operaia.


Durante gli anni che ruotarono attorno al 1880, l'entusiasmo per la riproduzione e l'esposizione dei gatti cominciò a diffondersi e l'evento di Londra contagiò immediatamente altri paesi europei, primi fra tutti Francia, Belgio e Olanda, mentre il primo show d'oltreoceano ebbe luogo presso il Madison Gardens a New York City ed è datato 1895.

I gatti erano compagni costanti, amati e stimati, di scrittori vittoriani sia inglesi che americani, tra cui William Wordsworth, John Keats, Alfred Tennyson, Thomas Hardy, Mark Twain, Henry James e Rudyard Kipling ... e non dimentichiamo il gatto di Alice 'voluto' da Lewis Carroll il quale anche ne era appassionato.

Concludo con un aneddoto curioso che ci riporta alla simpaticissima Beatrix Potter che sappiamo trascorse la sua infanzia con molti gatti. Nel suo diario scrive: "Un giorno Micio non ha preso il suo posto con puntualità, ma velocemente apparve con due topi: ne mise uno sul piatto del suo padrone, l'altro nel suo." 

Amo tantissimo i gatti come credo poche persone al mondo, ma vi assicuro che se fossi stata io la padrona di Micio, mah ... non riesco ad immaginare quale sarebbe stata la mia reazione ( non amo altrettanto i topi ) !

Vi lascio ad ammirare alcune fotografie di epoca vittoriana che ritraggono ladies e fanciulle insieme con i loro gatti, ormai 'promossi' - e lo si vede - a veri animali da compagnia, evviva! 













♥  A presto miei cari amici e lettori, vi abbraccio con il cuore 























- picture 1




The scientific expedition organized by Napoleon in Egypt during  the years 1798-1901 as well as the publication of the treaty in 23 volumes entitled The Description de l'Égypte 
(1809-1828) began with spreading an interest for the mystical and magic world represented by this ancient world and its gods and this interest grew considerably during the Victorian era when cats, little by little,  were no longer seen as useful animals, indeed, necessary to keep out of the house, for reasons of hygiene, in order to preserve it from mice, but were promoted to real pet: if it's true that a Victorian house was not such if not richly equipped with appropriate furniture and curtains and enriched with plants, especially ferns, palms and orchids - often with fish too - and at least one WARDIAN CASE ( if you haven't still read the post of ~ My little old world ~ talkink about it just click HERE ), it is also true that it wasn't such if it hadn't at least a cat as a pet, comfortably squatting on a chair or a couch ... yes, a beautiful puss, preferably Persian ...







- picture 2 - Frances Simpson, lover and breeder of long-haired cats, & Cambyses






... because of this race were the two pet cats that Queen Victoria had at Buckingham Palace, to be more precise two Blue Persian.





- picture 3





The importance and the growing love for cats were significantly driven by two major developments pertaining to the Victorian era: the improvement of the treatment of all pets and the enthusiasm for showing them and for the variety of breeding cats which led also to create new breeds.

These were the reasons that led Harrison Weir to promote the first Cat Show, which was held in England, at the Crystal Palace in London, on July 13th, 1871, an event that revealed itself to be so important till define the year 1871 as the YEAR OF THE CAT; if the idea of creating an exhibition of cats of different breeds to which give award prizes based on criteria of judgment must be recognized in Harrison Weir, the organizer of the show, it was M.F.Wilson, director of the Chrystal Palace Natural History Department, who decided that the cats to be shown had to be about 170, belonging to the upper- middle class (it means that probably the entrance wasn't free)





- picture 4


- picture 5


- picture 6





and, among the others, it was shown the first cat from the Siam, some Manx (cats from the Isle of Man) African Cats, French and Persian - that means Angora or longhaired cats -, British shorthair and even a Scottish wildcat belonging to the Duke of Sutherland.
Weir will write later that his main intention in giving birth to this first Show was to ensure that from that moment, after centuries of neglect, maltreatment and absolute cruelty, cats were carefully followed and that the domestic cat sitting in front the fire might  have had a unique beauty and charm and give his owner emotional satisfactions unknown before.
Nobody, however, would have been able to imagine the figures  reached by the viewers who took part to it, even the same Weir: more than 20,000 Londoners visited the Show, also creating some havoc during the opening hours.





- picture 7 - From the Illustrated London News.





They were then assigned 54 awards, the highest number ever, with the intent to promote future Shows - they were inserted new classes of competition certainly not admitted today, including the prize for the fattest cat won by a huge cat of 20 lb - just over 9 kg (and think that the weight of Jeremiah was 13 kg!) belonging to a man named Mr.Nash - 32 were given to lords, 15 to married women and only 4 to spinsters, apparently dispelling the myth that  wanted 'cats were pets for spinsters'. The Daily Telegraph invited its readers to hurry as soon as they finished reading its lines because the number of visitors was so high that it wasn't always possible to see all the cats exposed.

According to the Following day's Morning Post: "'The greatest novelty of the day in the way of shows is the show of cats at Crystal Palace. We have had cattle shows, horse shows, dog shows and shows of various other animals blackberries or less domesticated. But this is the first cat show of an extensive and thoroughly Organised character the world has ever seen. "

Such success prompted the organizers to promote the same year a second edition of the  




Show, wrote 
The Illustrated London News of 22nd July 1871 reported "The show was only open one day." So successful was the show That later in 1871, a second show was held at the Crystal Palace, this time at three day show running from Saturday 2nd to Monday 4th December 


and this time the doors of the Crystal Palace were also open to cats of the working class.









- picture 8





During the years that swiveled around 1880, the enthusiasm for breeding and exhibiting cats began to spread and the London event immediately contaminated other European countries, first of all France, Belgium and the Netherlands, while the first Show overseas took place at Madison Gardens, New York City in 1895.

Cats were constant companions, loved and respected, by both English and American Victorian writers, including William Wordsworth, John Keats, Alfred Tennyson, Thomas Hardy, Mark Twain, Henry James and Rudyard Kipling ... and let's don't forget Alice's cat which Lewis Carroll, also passionate with them, wanted in his novel.

I conclude with an anecdote that brings us back to the lovely Beatrix Potter, who spent her childhood with many cats. In her journal she writes, "One day Puss did not take hiss place punctually, but presently sppeared with two mice, one of which he placed on his master's plate, the other on its own."
I love cats like few people in the world, I think, but if I had been the mistress of Puss, well ... I cannot imagine what would have been my reaction ( I have for mice another kind of feeling ) !

I leave you to admire some photographs depicting Victorian ladies and girls together with their cats, now fully 'promoted' - and we may clearly see it - as real pets, hurray !




- picture 9


- picture 10


- picture 11


- picture 12


- picture 13


- picture 14


- picture 15


- picture 16






♥  See you soon my dear friends and readers, I embrace you with all my heart ♥











This post is joining the link-up party at





28 commenti:

  1. Cara Daniela,leggendomi mi sono trovata in una casa vittoriana,piena di tendaggi,piante con un gattino in braccio!Che belle foto antiche!Forse abbiamo sbagliato epoca per nascere!Un bacione,Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Rosetta
      dolcissima, sapessi quante volte mi sono trovata a pensarlo, ma mi ritengo ancora fortunata perché amo, o meglio, amiamo un'epoca di cui ancora possediamo fotografie e con un po' di fantasia possiamo ricrearla, sognandoci su ... pensa che accadrà, tra chissà quanto tempo, quando ci sarà chi amerà la nostra epoca e non avrà neppure una foto stampata essendo ora tutto digitale... speriamo che continuino ad esistere i mezzi per documentare e tenere viva la storia, non possiamo fare a meno di ciò che è stato prima di noi.
      Ti abbraccio forte con tanto affetto, stima e simpatia, mia carissima amica, ti auguro di concludere in serenità questa domenica e di cominciare una settimana colma di gioia ಌ•❤•ಌ

      Elimina
  2. In un giro di parole...
    Mia carissima amica,con la voce del tuo cuore,metti in parole piacevoli emozioni.
    Hai creato un'atmosfera unica e coinvolgente...
    Questi adorabili amici comunicano con lunghi silenzi e sguardi sognanti, carichi di grande mistero tutto quello che hanno nel cuore,ed io ne sono ammaliata.
    Qui nel tuo bellissimo blog, c'è un universo affascinante ed è un dolce star bene.
    Grazie Dany,ti auguro una felice sera e ti mando un caro abbraccio.
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Luci@
      ogni qualvolta mi trovo a leggere un tuo commento, un fiume di parole mi va dritto al cuore, un fiume fatto di dolcezza e di poesia la cui sorgente è un animo talmente delicato da commuovere ... carissima, ti sono infinitamente grata per ciò che mi scrivi, te lo dico con il cuore !

      Con riconoscenza ed ammirazione ti abbraccio teneramente augurandoti che questo modo così lirico e sentimentale di vedere le cose del mondo mai ti abbandoni, è un dono il tuo, credimi, molto prezioso e raro, e sono talmente felice di esserne partecipe ⊰✿*✿⊱

      Elimina
  3. Amo gli animali in generale, spesso danno più affetto delle persone...Il gatto è un animale molto affascinante ed elegante.Le immagini che ci hai mostrato mi sono piaciute molto ed ho imparato , ancora una volta grazie a te, un argomento curioso ed interessante.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Alessandra
      come non amare gli animali, con tutto l'amore di cui ci fanno dono, in modo del tutto disinteressato, e con tutto quello che ci insegnano !
      Sono felicissima che tu abbia trovato interesse in questo post e, credimi, anche io imparo molto ogni volta che vengo a trovarti nel tuo mondo romantico, fatto di tanto amore, mia cara.

      Ti lascio con l'augurio di una notte serena ringraziandoti ancora per la gentilezza e la delicatezza del tuo animo, adorabile amica mia ❥

      Elimina
  4. My, what a fascinating and delightful post, sweet friend. During my teen years I had a precious cat that is part Persian and part Siamese - he is quite beautiful! Toby is his name and he lives with my parents now.

    Thanks for sharing such a lovely post. Love and hugs to you, dear friend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Stephanie
      so you also are a cat lover, my sweet soul, it couldn't be otherwise, cats are loved by the most sensitive hearts !
      I live with at least one cat in my home since I was a teenager too, now Giuliano and Philippo are part of our family, the former is a Siberian, the last, who's also the last arrived, is a black and white middle long hair with such a cheerful and lively personality ( Have you ever watched 'Bright Star ? Well, Philippo seem Fanny's pet cat ! ) ...
      They're my babies :) !!!

      Have a most beautiful new week, dear one, and remeber, your words always bless my heart ღ*ღ

      Elimina
  5. Very interesting post about cats in the past years. We had a Siamese cat when we were first married, had him for quite a few years until we had our daughter and he would bring home dead animals to the back door and then come in and lick our daughter when she was a baby and I just didn't think that was a good idea, we asked around and a family that had a farm said they would love a cat that would take care of their farm and so we gave him to them. We just recently lost two of our cats that were 18 years old, still miss them very much. Thanks for all your sweet comments on my cards!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Connie
      my darling friend, sweet words are more than deserved for your little and so inspired masterpieces !
      I know what you mean when you talk about the pain that the lost of your cats made suffer you: we've lost our Geremia a few years ago, he was living with us since we got married and was truly part of our life; at the age of 15 he left us, surely for a better world, but it was such a great pain for us all, for me bigger than for all my dears, a pain so deep that still today when I think about him or look at a photograph which portrays him my eyes begin to become shiny for a moment because of commotion ...

      ஐ With love and gratitude I wish you a blessed new week, sweet friend of mine, and a joyful, serene Autumn ஐ

      Elimina
  6. Thank you for sharing this wonderful post with Roses of Inspiration, sweet friend. Last night when my family and I came home from church there were two precious cats sitting on our porch. One was a kitten and the other was the mother I believe. How I wanted to bring them inside, but I knew they likely belonged to one of our neighbors :)

    Much love to you, sweet friend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Stephanie
      Oh my, I wonder the tenderness that you felt looking at them and I do understand your istinct, that to give them love and protection !

      Thank you for this sweet comment of yours and above all thank you for your precious friendship, my dearest heart, sending much love to you too ⊰♥⊱

      Elimina
  7. What an unexpected view on history. So much fun. I am constantly amazed by the quality of these old photos and how well they've lasted.
    Amalia
    xo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Amalia
      so you also are fascinated by vintage photographs :) !
      I'm so very glad you've enjoyed this little piece of history, my dear friend, thank you so much for your words, have a joyous rest of the week ❖♡❖

      Elimina
  8. Bello scoprire le origini delle mostre feline . Non ho avuto modo di visitarne una , ma penso che si vedano gatti , veri e propri capolavori della natura! ... ma quanto mi piacciono i mici , simpatici, pieni di brio e ,un attimo dopo , batuffoli quieti , che ci riempiono il cuore di dolcezza. E in mancanza di un gatto vero ... mi accontenterei di uno di quei dipinti vittoriani con i gatti "umanizzati" , autentico , naturalmente !!
    Un abbraccio ,
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Franca
      neppure io ne ho mai visitata una, mia cara, e pensare che anni fa avevo un persiano che già da cucciolo era stato più volte campione; spesso le mostre feline si tenevano lontano da noi e mi sembrava di fargli soffrire lunghi viaggi solo per una mia gratificazione personale ... però quando vedo certi servizi alla tv non me li perdo, te l'assicuro !
      Con questo post mi faceva piacere farvi sapere che anche questo dobbiamo ai nostri Victorians, quando magari è comune opinione che sia un istituzione ben più recente.

      Grazie carissima, davvero te lo dico con tanto affetto, questa tua amicizia mi scalda il cuore !
      Buona serata dolcissima ✿⊱╮

      Elimina
  9. Sono un'innamorata dei gatti ! Questo biglietto è pieno di fascino ed i gatti sono e saranno dei compagni unici !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Christelle
      a chi lo dici, cara amica, per me sono dei compagni di vita magnifici, ciascuno con il proprio carattere, tutti amabili e da coccolare !

      Ti ringrazio infinitamente per questa tua visita e per le tue bellissime parole, averti qui mi onora davvero ed allieta la mia serata, credimi !
      Augurandoti la buona notte ancora ti ringrazio e ti faccio i miei più sinceri complimenti per il tuo affascinante blog ⊰✽*✽⊱

      Elimina
  10. Oh, this is right up my alley ... but you already knew :-)
    What a lovely post, Dany ... and the cat pictures are so adorable !
    Have a wonderful week, sweet friend !
    Sylvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sylvia
      :D!
      I was waiting for you just around the corner, this is my alley too, as you well know !
      We both adore cats and vintage photographs, so when I was preparing this post you were always on my mind !!!

      With dear love I hug you, my lovable friend •ღ❤ღ•

      Elimina
  11. Delizioso post "felino", cara Dany. Lo hanno apprezzato molto anche i miei due gatti Alice e Leonida!
    Un abbraccio, buona giornata
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Susanna
      carissima, buongiorno, grazie a te, ad Alice e Leonida che si saranno sicuramente sentiti protagonisti :) !!!

      ❖ Un forte abbraccio a te, dolce amica, per augurarti una gioiosa giornata ed un sereno autunno ❖

      Elimina
  12. un post interessante e ricco di splendide immagini!!! Passa da qui e trovo sempre armonia nell'esposizione degli argomenti e tanto tanto amore per questi anni lontani! ti abbraccio fortissimo e ti auguro una dolce serata Lory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Lory
      sei dolcissima mia cara, le tue parole portano sempre una ventata di gioia e di calore che fa tanto, tanto bene al cuore !

      Con un grande bacio colmo di gratitudine ti auguro un gioioso prosieguo di settimana, grazie ancora •ಌ•❀•ಌ•

      Elimina
  13. Beautiful. Appreciate music and history. wishing you peace and love,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Barbara
      I wholeheartedly thank you for your lovely words !
      Have a wonderful day and a joyous end of the week ahead ✿⊱╮

      Elimina
  14. Cara Dany, finalmente sono riuscita a leggere il tuo post. È un periodo un po' frenetico con mille impegni .... Come sempre interessante. Un abbraccio e al tuo prossimo post.... Corro :)) smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ WOODY
      mia cara, non deve essere un problema che si aggiunge agli impegni che già hai quello di leggere i miei post, stai tranquilla, anche io sto attraversando un momento molto intenso ed il tempo che trascorro al pc è davvero molto poco, perlomeno molto meno di quello che vorrei e dovrei ... facciamo come possiamo, stai serena cara :)
      ♡ Ti abbraccio con tutto il cuore ♡

      Elimina

I WHOLEHEARTEDLY THANK YOU FOR YOUR THOUGHTS AND WORDS, SO PRECIOUS TO ME.