sabato 26 luglio 2014

Per amore di un cavallo - Ludwig, Sisi e l'equitazione.





Chissà se il Duca Max in Baviera, al secolo Maximilian Joseph von Wittelsbach, padre di Sissi, futura Imperatrice d'Austria, fu colui che diede l'avvio a quella che divenne quasi una tradizione per tutti gli appartenenti al suo casato, ... quel che è certo è che con lui la passione per l'equitazione raggiunse livelli al limite della verosimiglianza.




Egli era quasi ossessionato dai cavalli, trascorreva giornate intere lontano dal Castello di Possenhofen, dove abitava con la famiglia, in sella al proprio cavallo, appagando inoltre l'irrefrenabile spirito, così avido di libertà, che lo caratterizzava; amava cavalcare soprattutto in modo spericolato, lasciandosi trasportare dal richiamo della natura selvaggia che il cavallo, quando è libero, avverte.

Quale sistema migliore, inoltre, se non in groppa ad un cavallo, esiste per chi ama immergersi nella natura ... tutti gli animali selvaggi non avvertono la presenza di chi cavalca, ma scorgono solamente il cavallo e perciò, non intimoriti, si lasciano osservare nel loro agire naturalmente, come andando a piedi a nessun uomo è e sarà mai concesso ... quello del cavalcare diviene perciò un mezzo prezioso per entrare in contatto con la vitalità del mondo animale che vive ancora allo stato selvatico ed un mezzo quasi sovrannaturale per dialogare con una creatura non umana ... il cavallo, infatti, avverte non solo la nostra presenza, ma il nostro stato d'animo, le nostre emozioni, intende prima ancora di capire le nostre intenzioni, con il cavallo, quasi per incantesimo, si diventa un 'unicum', indistinto !
Dalle mie parole non è difficile capire quanto anche io ami i cavalli ...

Ma torniamo ai Wittelsbach e soprattutto ai due esponenti più carismatici del periodo vittoriano, Sissi e Ludwig, poichè se è vero che Max cercò di trasmettere questa sua grande passione ad ognuno dei suoi figli, fu, tra di essi, Sissi colei che ad essa più divenne sensibile, e Ludwig, quale assiduo frequentatore del castello di Possenhofen, compagno di giochi della cugina ed amante del clima di quella grande gioiosa, spensierata famiglia di cui si sentiva parte più che della propria, ne subì a sua volta il fascino ed ai cavalli legò il resto della propria vita; per la piccola principessa Max creò addirittura una sorta di circo con tanto di giochi acrobatici da compiersi a dorso di cavalli ed inevitabilmente ella divenne la più famosa ed impavida amazzone del suo tempo 




Sissi a cavallo presso Possenhofen ( autore sconosciuto )






Stampa che ritrae l'Imperatrice Sissi e l'Imperatore Francesco Giuseppe a caccia ( autore sconosciuto )



( al castello di Godollo, in Ungheria, Sissi creò a sua volta un circo equestre in cui dava spettacolo, con l'amata nipote Marie Larisch, figlia del fratello Luigi, tristemente, ripudiata dopo Mayerling ), e Ludwig, a sua volta, spericolato cavaliere, creò una scuderia al tempo senza pari.
Questi i destrieri del re di Baviera dipinti da Friedrich Wilhelm Pfeiffer (1822 - 1891):






Nel montare un cavallo, noi prendiamo in prestito la libertà. 

(H. Thomson)







"Gli uomini sono migliori quando cavalcano, più giusti e più comprensivi, più attenti, più disinvolti e più animosi, più consapevoli di tutte le contrade e di tutti i percorsi; a dire il vero, le buone abitudini e le buone  maniere provengono da ciò, e anche la salute dell’uomo e della sua anima." 

( Edoardo Plantageneto )







In sella ad un cavallo l'uomo può riuscire a placare il suo slancio verso l'infinito. A sentirsi, anche solo per un istante, più vicino al cielo.

( proverbio arabo )









Era questa una delle tante affinità che lo legavano all'amata ed ammirata cugina, in compagnia della quale spesso faceva lunghe cavalcate nei boschi selvaggi che fiancheggiano lo Starneberger See, e, quando si trovava lontano da Possenhofen, presso uno dei suoi amati castelli, nel momento in cui scendeva il buio, si faceva accompagnare da alcuni dei suoi attendenti in passeggiate a cavallo che duravano ore ed ore, qualsiasi fosse la stagione, con il caldo delle serate estive o con il gelo e la neve di quelle invernali ... quale modo migliore per osservare la luna !
Era la luna infatti l'astro prediletto da Ludwig: se da bambino era solito disegnarla, da adulto adorava la buona, argentea, tacita luna; divenuto re si faceva annunciare la sua apparizione in cielo: un servitore, racconta Anton Hirschberg, entrava nella stanza in cui egli si trovava per annunciare, tra profondi inchini, in modo analogo a quello in cui si annuncia una visita importante, che la luna era appena sorta.





Nächtliche Schlittenfahrt König Ludwigs II, R. Wenig, 1880, © Bayerische Schlösserverwaltung

Una romantica uscita notturna in slitta nell'Ammergebirge, vicino a Linderhof



I cavalli, la natura e gli abitanti delle montagne della sua cara Baviera, erano coloro cui Ludwig teneva di più in assoluto.



Editha



Regina


Il cavallo
Un´anima.
Quattro zoccoli.
Una criniera.
Una coda.
Amici dell´uomo da millenni.
Mai schiavi davvero.
Sempre lontani, un poco selvatici.
Diversi dai cani, un po' simili ai gatti, uguali a nessuno.
Occhi lucidi profondi come canyon.
Groppe.
Muscolose.
Un fiato dolce d'erba, saporito di Fieno
Una voce che fa nitrito.
Gambe di tendini, di forza, di veloce fuga.
Pensieri fatti di ossa, tendini, e muscoli.
Luminose scie nel buio.
Stelle forse.
Nobili angeli con le ali infangate dall'uomo
che tiene le redini
di questi esseri incredibili
e troppo lontani dalle nostre coscienze per essere capiti davvero.
Fiato che si fa nuvola nel freddo del mattino,
ed esce dal morbido naso di velluto
di un essere antico
e ricco di tutto quello che l'Uomo non avrà mai:
La tenerezza di un'anima selvaggia.

( autore sconosciuto)




Erda



Antigone




Thorilde



Sissi, come il cugino, amava il rapporto privilegiato che s'instaura con i cavalli, non nel suo stesso modo amava il proprio popolo dal quale cercherà sempre più, con il trascorrere degli anni, di celarsi, soprattutto quando i segni di un persino precoce invecchiamento veleranno il suo bel volto.





Alcuni dei cavalli dell'Imperatrice



E' noto che anch'ella collezionasse ritratti dei suoi cavalli preferiti in una cappella dove solo pochi intimi amici erano ammessi e proprio a questa serie appartiene la spilla regalatale dalla figlia, l’arciduchessa Marie Valerie, che ne raffigura uno.




Ho sempre pensato che ella, grande cultrice della lingua greca e della tradizione mitologica, in sella ai suoi destrieri sentisse quasi di realizzare il sogno che da sempre l'uomo insegue, quello di volare e di abbandonarsi alle ali del vento, che i suoi cavalli diventassero con lei una sorta di proiezione del cavallo alato generato dal sangue di Medusa caduto a terra quando Perseo la colpì a morte, Pegaso, e che ella, da Titania, s'immedesimasse in Bellerofonte, l'eroe delle cui imprese ci narrano Omero e Pindaro, che grazie alla briglia dorata donatagli da Atena, riuscì, unico, a cavalcarlo, lui, Pegaso, bellissimo ed indomito, sinonimo per eccellenza dell'immaginazione creatrice e dell'estro poetico ...



Acquerello di autore sconosciuto che ritrae la giovane principessa a cavallo con sullo sfondo il Castello di Possenhofen.


Sissi, in sella ai suoi destrieri, non cavalcava, si abbandonava al vento ... e perciò li addestrava a compiere vere e proprie acrobazie, quelle giuste per dare loro lo slancio necessario a conquistare il cielo ... ella davvero sentiva l'aria del Paradiso soffiare tra le orecchie del suo cavallo, come dice un antico proverbio arabo !




Da sinistra in lato verso destra: Sissi con un suo cavallo a Godollo sul finire degli anni '70, nella corte della Hofburg agli inizi degli anni '80, la sua sella rossa per cavalcare all'amazzone, uno dei cavalli 'Lipizzaner' per lei fatti arrivare a Schonbrunn e tutt'ora lì addestrati a rappresentare ancor'oggi uno dei vanti del popolo viennese.



Quante cose ho da raccontarvi sulle sue cavalcate e sui suoi viaggi in Inghilterra ed in Irlanda compiuti in nome di questo suo grande amore, ma credo che dovrò rimandare tutto ad uno dei nostri prossimi incontri, miei cari amici, molto, davvero molto ho ancora da dirvi.

Per ora vi lascio con l'augurio che tutta la serenità che desiderate vi accompagni fino al nostro prossimo incontro.

A presto 











Bibliografia: 


Hellmut Andics, Die Frauen der Habsburger, WILHELM HEYNE VERLAG, München1995

Elisabetta d'Austria, Diario poeticoMGS PRESS SAS, 1998

Maria Valeria d'Asburgo, La prediletta - Il diario della figlia di Sissi, a cura di Martha e Horst Schad, traduzione di Flavia Floradini, MGS PRESS, 2001


Brigitte Hamann, Elisabeth. Kaiserin wieder Willen, Amalthea Verlag, Wien, München, 1982

Greg King, LUDWIG. Genio e follia di un re, Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., 1999

Gabriele Praschl-Bichler, L'IMPERATRICE ELISABETTALonganesi & C. Editore, 1997











Loving horses: Ludwig, Sissi and horse-riding.


- picture 1



I wonder if the Duke Max in Bavaria, born Maximilian Joseph von Wittelsbach, Sissi's father, future Empress of Austria, was the one who gave the start to what became almost a tradition for all the members of his family, ... what is certain is that his passion for riding reached level at the limit of plausibility.


- picture 2


He was almost obsessed with horses, spent whole days away from his Castle at Possenhofen, where he lived with his family, riding his horse, satisfying also his irrepressible spirit, so eager for freedom, which characterized him; he especially loved to ride recklessly, drifting by the call of the wild that the horse, when is free, feels.

What better way, also, than riding a horse, for those who love to immerse themselves in nature ... all the wild animals don't feel the presence of who's riding, but they see only the horse and therefore, not intimidated, they let observe themselves such as having a walk no man it will ever be granted ... that of riding becomes, therefore, a valuable means to get in touch with the vitality of the world of the animals that still live in the wild and an almost supernatural way to communicate with a non-human creature ... the horse, in fact, warns not only our presence but our mood, our emotions, intends even before than understanding our intentions, with the horse, as if by enchantment, you become a 'unique', indistinct!
By my words, it is not difficult to understand how I also love horses so much ...

But let's go back to the Wittelsbachs, and especially to the two most charismatic leaders who lived in the Victorian period, Sissi and Ludwig, as if it is true that Max tried to convey his passion to each child of his, Sissi was, among them, the one who became more sensitive to it, and Ludwig, who frequently was guest at Possenhofen, playmate of her cousin and lover of the climate of that great joyful, carefree family of which he felt to belong more to that of his own, was charmed in turn by horses and tied to them the rest of his life; for the little princess Max even created a sort of circus with lots of acrobatic games to be accomplished on the backs of horses and inevitably she became the most famous and fearless horsewoman of her time.


- picture 3 - Sissi riding at Possenhofen ( unknown author )

- picture 4 - Print depicting Empress Sissi and Emperor Franz Joseph during a hunt ( unknown author )


(At Godollo Castle, Hungary, Sissi, created a circus in which she gave the show, with her beloved niece Marie Larisch, daughter of his brother Luigi, sadly, ripudiated after Mayerling affair), and Ludwig, in turn, reckless knight, created a stable like no other at his time.
Here are the King of Bavaria's horses all painted by Friedrich Wilhelm Pfeiffer (1822 - 1891):


- picture 5

- picture 6



While riding a horse, we borrow freedom.

(H. Thomson)



- picture 7

- picture 8




"Men are better when riding, more just and more understanding, more alert, more relaxed and more courageous, more aware of all the lands and all the routes; to be honest, good habits and good manners come from this, and also the health of a man and of his soul. "

(Edward Plantagenet)



- picture 9

- picture 10



In the saddle of a horse the man may be able to quench its momentum towards the infinite and feel, if only for a moment, closer to heaven.

(Arabic proverb)



- picture 11

- picture 12


This was one of the many affinities that bounded him to his beloved and admired cousin, in the company of which he often did long rides in the wild woods that flank the Starneberger See, and when he was far from Possenhofen, at one of his favorite castles, when darkness fell, accompanied by some attendants of his, he went for horseriding that last for hours and hours, whatever the season was, with the heat of the summer evenings or with the frost and the snow of the winter ... what better way to observe the moon !
The moon was in fact Ludwig's favorite star: as a child he used to draw it, as an adult he loved the good, silvery, silent moon; become king they had to announce its appearance in the sky: a servant, as Anton Hirschberg tells, entered the room in which he stood, between deep bows, to announce, in a similar way to that in which it was announced an important visit, that the moon had just risen.



- picture 13 - Gemälde "Nächtliche Schlittenfahrt König Ludwigs II.", R. Wenig, 1880, © Bayerische Schlösserverwaltung



Horses, the nature and the inhabitants of the mountains of his beloved Bavaria, were the things that Ludwig mostly loved.


- picture 14 

- picture 15  



The horse
A soul.
Four hooves.
A mane.
A tail.
Friends of man for thousands of years.
Never really slaves.
Still far away, a little wild.
Different from dogs, a bit similar to cats, equal to none.
Eyes shining like deep canyons.
Croups.
Muscular.
A breath of fresh grass, tasty of hay
A voice that makes nitrite.
Saddle of tendons, of strength, of quick getaway.
Thoughts made of bones, tendons, and muscles.
Light trails in the dark.
Maybe stars.
Noble angels with wings muddy by man
who holds the reins
of these incredible beings
too far from our consciences to be truly understood.
Breath that gets cold cloud in the morning,
and goes out from the soft velvet nose
of an ancient beeing
and full of everything that a Man will never have:
The tenderness of a wild soul.

( unknown author)



- picture 16

- picture 17 

- picture 18


Sissi, like her cousin, loved the special relationship that develops with the horses, not in the same his way she loved her people from whom she'll hide more and more, with the passing of the years, especially when the early signs of an even premature aging will veil her beautiful face.


- picture 19 - picture 20 - picture 21 - Some of the Empress' horses


It is known that she too collected portraits of her favorite horses in a chapel where only a few close friends were allowed to come in and to this series belongs the brooch given to her by her daughter, Archduchess Marie Valerie, who portrays one of them.


- picture 22


I always thought that she, as a great fellow of the Greek language and mythology, riding her horses almost felt to realize the dream that always chases the man, to fly and to surrender to the wings of the wind, that her horses become to her a sort of projection of the winged horse created from the blood of Medusa when Perseus hit her to death, Pegasus, and that she, as Titania, identified herself in Bellerophon, the hero about which Homer and Pindar tell us, who, thanks to the golden bridle given to him by Athena, managed, unique, to ride him, he, Pegasus, beautiful and untamed, synonymous par excellence for the creative imagination and poetic oestrus ...


- picture 23 - Watercolor by unknown artist who portrays the young princess while riding a horse; on the background you can see the Possenhofen Castle.


Sissi, riding her horses, didn't ride, she indulged in the wind ... and therefore trained them to do real stunts, the right ones to give them the momentum needed to conquer the sky ... she really felt the air from Heaven blowing between the ears of her horse, as an old Arab proverb says !



- picture 24 - From the left to the right side: Sissi in Godollo with her horse at the end of the 70s, in the court of the Hofburg at the beginning of the 80s, her red saddle to ride sidesaddle, one of the horses 'Lipizzaner' arrived to Schonbrunn for her and still even today there trained to represent the pride of the people of Vienna.



How many things I have to tell you about her riding and about her travels in England and Ireland, made in the name of this great great love of hers, but I think I'll have to postpone everything to one of our next meetings, my dear friends, so, so much I still have to tell you.

For now I leave you with the hope that all the serenity you wish will accompany you till we meet again.



See you soon 











Bibliografia: 

Hellmut Andics, Die Frauen der Habsburger, WILHELM HEYNE VERLAG, München1995

Elisabetta d'Austria, Diario poeticoMGS PRESS SAS, 1998

Maria Valeria d'Asburgo, La prediletta - Il diario della figlia di Sissi, a cura di Martha e Horst Schad, traduzione di Flavia Floradini, MGS PRESS, 2001



Brigitte Hamann, Elisabeth. Kaiserin wieder Willen, Amalthea Verlag, Wien, München, 1982

Greg King, LUDWIG. Genio e follia di un re, Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., 1999

Gabriele Praschl-Bichler, L'IMPERATRICE ELISABETTALonganesi & C. Editore, 1997


20 commenti:

  1. Catching up on your lovely posts, dear Dany. I regret that I cannot visit you every day as I would like. I have a friend who had a love affair with an Arabian - I will share your beautiful post with her. It will be most appreciated!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ June
      you don't have to be worried about your time, I also do manage as I can and always feel myself in default, be sure, I'd love to do much more for you ... the web isn't the whole our life, alas !
      Rather, reading that you've decided to share this post with your friend makes me really happy, dear, thank you so much from the deep of my heart !
      ღ Be blessed ღ

      Elimina
  2. Carissima amica, la sensazione che si prova ad andare a cavallo e' qualcosa che trascende l'uomo, che davvero come scrivi tu lo porta ad essere un tutt'uno con la natura da una parte e più vicino all'infinito dall'altra. Io ho fatto per due anni equitazione esperienza che è' coincisa con con un momento difficile della mia vita e le uniche volte in cui provavo benessere era durante le lezioni e le passeggiate lunghe e silenziose nella natura. Poi purtroppo ho dovuto smettere ma quella sensazione ora fa parte di me. Tu che ami tanto i cavalli penso che sappia bene di cosa parlo..ti ringrazio tanto di avermi fatto riprovare quelle sensazioni, un caloroso abbraccio, Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ laura
      sono così tanto contenta di leggere nelle tue parole la piena rispondenza a quello che ho voluto comunicare, solo chi ha trascorso ore a dorso di un cavallo è in grado di comprendere la sensazione che ci viene data in dono !
      Anche lego l'esperienza dell'equitazione a molto tempo fa, fui messa in groppa ad un cavallo per la prima volta quando avevo sei anni, quasi per gioco, da un amico più grande di me e molto spericolato, era il suo cavallo, piuttosto ribelle, che lui cavalcava senza sella e senza redini ... ho cominciato così, ... volando tra la sua criniera, cavalcando il vento, davvero, senza tenermi in alcun modo ... fu un'esperienza che non trovo parole per descrivere, che, come dici giustamente tu, ci appartiene !
      Un caro saluto, dolce amica, trascorri una domenica serena, ti abbraccio con tanto affetto ✿⊱╮

      Elimina
  3. mi piace la storia e gli accostamenti tra uomo e cavallo...ed e' verissimo che in sella ad un cavallo ci vestiamo di fierezza lealta' portamento e rispetto...e quella fuga libera abbracciati solo dal vento non ha pari al mondo....forse perche' l'ho provata forse perche' paura ed emozione l'hanno resa indimenticabile ma so per certo che per un attimo ho sognato che quel cavallo mi portasse lontanissimo ed ho sperato che quella corsa fosse eterna.....come sempre suggestivi i tuoi racconti intrisi di storia e sapienza, garbatissima la scrittura e fine il raconto.... che bella compagnia mi fai Danielina cara
    Susanna....giu' dal muretto !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Susanna
      perchè leggere le tue parole sempre mi emoziona ?
      Tu scrivi con il cuore, forse è questo che sento, e vivi tutto in modo così intenso, sei partecipe di ogni singolo istante della tua vita con tutta te stessa, metti il cuore in ogni cosa che fai, dalla più alla meno importante ... non so quanto ancora dovremo attendere prima di incontrarci di nuovo, spero molto poco, il tempo trascorso con te è un tempo preziosissimo ... ma intanto, prometti, dal muretto, no, non scendere ... mai !
      Credimi, con immenso affetto, anche se non mi vedi, ti sono sempre accanto ❥

      Elimina
  4. Ciao cara Daniela...questo tuo bellissimo post mi ha fatto ricordare un altro uomo..il mio nonno,che ha dedicato la sua vita a queste meravigliose creature...allevandole educandole e cavalcandole in acrobazie memorabili in tutto il paese .
    Romantica quella in cui la sera prima delle nozze ..ritto in piedi sulla sua Colomba (nome del cavallo)..bussa ai vetri della finestra della camera da letto della nonna per avere da lei l'ultimo bacio prima delle nozze..Un amore e una simbiosi per questi animali che purtroppo nessuno dei tanti figli e nipoti ha ereditato in egual misura.Conosco molto bene la storia che riguarda Sissi e la sua famiglia ..ma tu narri sempre col tuo modo così piacevole e privato che sembra di ascoltarle per la prima volta...grazie grazie!
    un bacio A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ A.
      grazie a te carissima, è così bello leggere nei vostri commenti episodi della vostra vita, ricordi a cui siete legate .. mi piace tantissimo e mi entusiasma entrare in contatto con voi così ... per gli scritti sono ben riusciti anche quando sono in grado di suscitare echi di momenti trascorsi, evocare persone che hanno lasciato un segno nella nostra vita e nel nostro animo ... sì, sono io che ringrazio te, davvero molto !
      ஜ Ti abbraccio con tanto affetto e gratitudine, trascorri una serata lieta dolce amica ஜ

      Elimina
  5. So beautifully written, dear Dany, enjoyed reading !
    Thanks again for the lovely award, I mentioned it in my previous post ...
    As for the lavender sugar I'm planning to do a post on Tuesday where I'll share the recipe ... it's easy to make ...
    Wishing you a great week, my friend !
    Sweet dreams,
    Sylvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sylvia
      good morning my dear and thank you so much, I'm looking forward your next written for the recipe of the lavender sugar !
      Actually I've read your previuos post and I'm sure to have put my comment thanking you, but I've just seen that it doesn't appear among the others ... I wonder what has happened ! Lately my connection is having a little of problems, maybe something has gone wrong, I don't know, forgive me, I'm going and put it once more, let's hope this time to be more lucky ;) !
      Have a lovely day today and a beautiful new week, dear ♥

      Elimina
  6. che bello qui da te!ti ho conosciuta grazie a Lory e ti seguo con molto piacere simona:)http://simofimo.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ simona
      con un abbraccio ti do il benvenuto in questo piccolo angolo creato per chi ama le atmosfere d'altri tempi e ti ringrazio di cuore, il piacere è il mio nell'averti come nuova amica !
      Buona serata ♡

      Elimina
  7. Ludwig e il suo castello...Linderhof.....che bei ricordi ho di quei magnifici luoghi,
    le montagne e i paeselli della Baviera sono i luoghi che più ho amato, dopo l'Inghilterra.
    Purtroppo non ho mai cavalcato, ma resta un mio sogno nel cassetto, so che prima o poi riuscirò ad esaudirlo, dev'essere fantastico come dici tu!
    Buona giornata mia cara Dany e un abbraccio di cuore
    Love Susy ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Susy
      ancora una volta trovo una sintonia perfetta in ciò che senti, sono quelli luoghi a cui sono molto legata anche io, che hanno conquistato il mio cuore anni fa, dove ancora la natura incontaminata fa avvertire forte il legame che da sempre l'uomo ha avuto con essa, cose che la nostra cultura ha purtroppo ormai da troppo tempo dimenticato !
      Cavalcare è un'esperienza indescrivibile e sono più che certa che una persona sensibile come te possa attingervi attimi indimenticabili.
      Grazie per la gioia che sempre porti qui con le tue visite, mia cara, ti auguro un lieto prosieguo di settimana, speriamo ancora senza caldo ... così, un po' 'British style' ..., come piace a noi ⊰❀⊱

      Elimina
  8. Ciao, ho scoperto il tuo meraviglioso blog da Lory. Sono una romantica sognatrice e l'epoca e le vicende di Sissy mi hanno sempre affascinata. Ti seguirò con piacere.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Alessandra
      benvenuta tra noi per sognare romanticamente e condividere passioni !
      Sono felicissima di averti come nuova amica, ti accolgo con tanta gioia e ti auguro una piacevole serata, un abbraccio ღ

      Elimina
  9. Another fascinating and wonderfully presented post, dear Dany! Truly, you spoil your readers. Hope you are have a lovely week! G

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ G
      my dear, your visits are always such a joy to me and your words are so important to me for I estimate you and your wonderful artistic work so much, your sensitiveness is truly uncommon !
      Thanking you with all my heart I wish you a lovely course of summer !
      ⊰✿ Love and hugs ✿⊱

      Elimina
  10. Just lovely Dany. It is such a joy to read your amazing post. You are a wealth of knowledge and a true ambassador for all things past. It would be such a pleasure to have the opportunity to enjoy a chat with you sweet friend. Thank you for your visits Dany. Your beautiful and kind words always brighten my day.

    Janet

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Janet
      I'm so glad to read this words of yours, my dear, you cannot imagine how much !
      I've also sent you a mail because I was a little worried and afraid that there was a misunderstanding between us, I didn't want to loose your friendship and affection at all, I do esteem you so much !

      Thanking you with all my heart once more I wish you a beautiful and inspiring new summer week ♡♥♡

      Elimina

I WHOLEHEARTEDLY THANK YOU FOR YOUR THOUGHTS AND WORDS, SO PRECIOUS TO ME.