lunedì 13 aprile 2015

FOR THE LOVE OF GARDENING - Henrietta Lady of Luxborough.




GARDENING IS ONE OF MY DELIGHTS; AND I CAN AMUSE MYSELF IN PROJECTS FOR IMPROVE A QUARTER OF AN ACRE AS MUCH AS IF HIS MAJESTY HAD GIVEN ME THE CARE OF KENSINGTON GARDENS. 

Catherine Talbot ( 1721 - 1770 ) 1 



Se vi lasciate prendere per mano quest'oggi vi porto con me 
nel XVIII secolo, quando ormai il giardinaggio si era consolidato 
quale attività di svago prettamente femminile.



Fino a solamente un secolo prima per il giardinaggio era considerato necessario quell'ingegno che unicamente del sesso maschile era ritenuto appannaggio e perciò a quello femminile veniva lasciata la cura del Kitchen Walled Garden, l'orto diremmo oggi, dove qua e là faceva la sua amabile comparsa qualche corolla da bulbi o sementi annuali; con il definirsi della politica quale 'impegno' sempre più coinvolgente la classe sociale nobile-aristocratica, il tempo per il giardinaggio venne meno e perciò esso venne affidato ad abili giardinieri, spesso seguiti dalle Ladies che rimanevano a casa e che talvolta, con grande diletto, ad insaputa dei mariti, li affiancavano. maturando passione per questa nobile attività.




Il volto soave della nobildonna che vedete ritratta nel dipinto qui sopra, uno dei pochi che di lei possediamo, è quello di Henrietta St.John, una deliziosa aristocratica che al giardinaggio legò il suo nome e la sua vita, anche se molto raramente se ne fa menzione ed, analogamente, i suoi meriti vengono riconosciuti.

Nata quale unica figlia femmina di Henry, visconte di St.John, e della sua seconda moglie, Angelica Magdalena, nota al suo tempo per le proprie doti di poetessa e scrittrice, di indole docile ed amabile, aveva un solo grande 'difetto', quello di aver raggiunto i 28 anni di età senza ancora essersi maritata e perciò il 20 giugno 1727 la giovane, allora considerata decisamente 'matura', fu forzata ad accettare il matrimonio con il nobile Barone Robert Knight di Burrells, Warwickshire, ma molto presto il matrimonio cadde in disgrazia a partire da quando il marito iniziò con il sospettare una relazione della moglie con Charles Peters, il suo medico.


 Horace Walpole riferisce che ella recava un ritratto del marito che le adornava i capelli quale segno del suo amore e rispetto per lui, ma un ulteriore sospetto causò la definitiva rottura del matrimonio: John Dalton lavorava come tutore al Castello di Hertford, residenza di Lady Frances Seymour-Conway, Contessa di Hertford, amica di Henrietta e dello stesso Dalton; divenuto amico anche della giovane sfortunata Henrietta, Dalton, ammirato anche come poeta, fu la causa definitiva della separazione dei coniugi Knight che avvenne nel 1736.

Ripudiata dal marito che le impedì anche di vedere i loro due figlioli per il resto della sua vita, Henrietta venne relegata con pochissimo denaro ed il divieto di comunicare anche con gli amici presso Barrell Estate, una proprietà della famiglia nota per la natura selvaggia del luogo, dal 1554 appartenente ai Knights.

Completamente dimentica dei suoi nobili natali si appellò a tutte le proprie energie per dare vita ad una sorta di fattoria in cui allevava 'Tacchini, anatre, polli e faraone' e una ricca varietà di verdure, spesso ottenute dai semi forniti da suo fratello, che sempre le rimase fedele. Lattuga, meloni e cetrioli erano un successo regolare. 



At the Cottage door, Helen Allingham (1848 - 1926)





Baking Bread, Helen Allingham





Feeding the Kittens, Helen Allingham



Quasi condannata a proseguire la propria esistenza nel silenzio e nella solitudine, la povera Henrietta cercò di adoperarsi per ridare vita a questo luogo desolato,



The Staircase, Helen Allingham



curando in un secondo tempo anche lo spazio verde e trovando immenso diletto nel giardinaggio, anzi, in tutta onestà, è lecito dire che il giardinaggio divenne per la povera Lady l'unica ragione di vita; memore degli insegnamenti che le furono impartiti in giovane età dalla nonna materna e dalla madre, cominciò con il bonificare il luogo, piantare nuovi cespugli ( a lei si deve l'aver coniato il termine 'shrubbery' - arbusti -anche se si tende a  dimenticarlo ) ed alberi, eliminando quelli che, nati spontanei, potevano 'disturbare' la percezione prospettica dello spazio all'aperto ... Henrietta si andava così, del tutto inconsapevolmente, qualificando come la prima paesaggista della storia.

Al di fuori della parte così selvaggia Henrietta diede vita ad uno splendido giardino. Aveva costruito un 'ha-ha' per tenere lontani gli animali, segnò gli alberi da eliminare per creare un paesaggio visivamente emozionante evitando di sacrificare lo spazio necessario per i fiori e la frutta, assaporando la sfida di porre una panchina - o 'cattura-sguardo 'come lei le chiamava - anche se aveva pochi visitatori capaci di godere dei panorami ella che aveva creato. 3 

Ma dal giardinaggio si trae un diletto che innanzitutto è giovevole per lo spirito di chi lo pratica, poiché quasi come se osservando la vita che si genera e si rinnova dalla terra, questi trovasse rispecchiato in tutto ciò sé stesso e percepisse la forza creatrice della natura, più potente di ogni preparazione farmacologica ed ogni terapia.
Io stessa ho scoperto il giardinaggio ed ho dato vita alle zone più intimistiche e forse poetiche del mio grande ed la tempo selvaggio giardino in un momento di profondo turbamento, in cui credevo di aver smarrito per sempre la speranza e la possibilità di poter godere di qualsiasi forma di serenità; trascorrevo ore ed ore in un lavoro che dapprincipio fu molto faticoso, poi si fece di pazienza ed infine di manutenzione e di grande, grandissima soddisfazione, quella che si prova nel sentirsi vivi a dispetto delle avversità che fanno parte della vita.

Proprio negli anni in cui Henrietta si adoperava a Barrel Estate ( 1775 ) nasceva Friederich Schelling, filosofo tedesco appartenente con Fichte ed Hegel alla corrente dell'Idealismo, che identificherà nella natura «lo specchio finito dell'infinito»: egli sosteneva che essa avesse un'anima ed una forza vivificatrice che si attiva in forme sempre più perfette nel superamento del dualismo con lo spirito essendo essi due aspetti di uno stesso principio assoluto.

Ed infine, per concludere, mi piace citare le parole che alcuni giorni fa scrisse in un  commento proprio qui, su ~ My little old world ~ il DrSc Giuliano Russini




" C'è più potere ed energia in un boccio di fiore che si schiude, che negli arsenali di tutti gli eserciti di questo pianeta".



A presto, miei cari amici e lettori  













Bibliografia:

Catherine Horwood, GARDENING WOMEN - THEIR STORIES FROM THE 1600 TO THE PRESENT, Virago Press, Great Britain, 2010;

Jane Brown, My Darling Heriott: Henrietta Luxborough, Poetic Gardener and Irrepressible ExileHarper Collins, .....




Citazioni: 

1 - Catherine Horwood, GARDENING WOMEN - THEIR STORIES FROM THE 1600 TO THE PRESENT, Virago Press, Great Britain, 2010, pag. 99;

2 - Ibidem, pag. 93;

3 - Ibidem, pag. 94.












GARDENING IS ONE OF MY DELIGHTS; AND I CAN AMUSE MYSELF IN PROJECTS FOR IMPROVE A QUARTER OF AN ACRE AS MUCH AS IF HIS MAJESTY HAD GIVEN ME THE CARE OF KENSINGTON GARDENS. 

Catherine Talbot ( 1721 - 1770 ) 1 





If you were allowed to join hands today I bring with me

in the eighteenth century, when it had consolidated gardening

as a leisure activity feminine.





Until just a century earlier for gardening was considered necessary that kind of intelligence which only of males was considered the prerogative and therefore to women was left the care of the Kitchen Walled Garden, where here and there made its amiable appearance some annually corolla from bulbs or seeds; with the defined of politics as 'commitment' increasingly engaging the noble-aristocraticsocial class, the time for gardening wasn't enough anymore and then it was entrusted to skilled gardeners, often followed by the Ladies who remained at home, and who sometimes, with great delight, without the knowledge of their husbands, flanked them, maturing passion for this noble activity.



- picture 1



The sweet face of the noblewoman you see portrayed in the painting above, one of the few of her we own, is Henrietta St.John's, a delicious aristocratic who linked her name and her life to gardening, though very rarely it is mentioned and, similarly, her merits are recognized.

Born as the only daughter of Henry, Viscount of St.John, and his second wife, Angelica Magdalena, known as a poet and writer, docile and sweet-natured, she had only one big 'defect', that of having reached 28 years of age without getting married and that's the reason why on June 20th, 1727, the young, then definitely considered 'mature', was forced to accept the marriage with the noble Baron Robert Knight of Burrells, Warwickshire, but very soon this marriage fell out of favor from when her husband began to suspest a relationship of hers with Charles Peters, his doctor.



- picture 2 on the left - Horace Walpole says that she bore a portrait of her husband that adorned their hair as a sign of her love and respect for him, but another suspect caused the final breakdown of the marriage: John Dalton worked as a tutor at Hertford Castle, the residence of Lady Frances Seymour-Conway, Countess of Hertford, friend of Henrietta and of Dalton too; when he became a friend of the unfortunate young Henrietta, Dalton, also admired as a poet, was the definitive cause of the separation of the Knights that occurred in 1736.

Divorced from her husband that prevented her even to see their two children for the rest of their lives, Henrietta was relegated with very little money and prohibited to communicate with her friends at Barrell Estate, a property of the family known for the wild nature of the place, belonging to the Knights from 1554.
Forgetting completely her noble birth and appealed to all her energies, she tried to create a kind of farm where she raised 'Turkeys, ducks, chickens and guinea-fowl' and a varied vegetable plot, often from seeds provided by her brother, who always remained loyal to her. Lettuce, melons and cucumber were a regular success. 2




- picture 3 - At the Cottage door, Helen Allingham (1848 - 1926)


- picture 4 - Baking Bread, Helen Allingham


- picture 5 - Feeding the Kittens, Helen Allingham


Almost doomed to continue her existence amongst silence and solitude, the poor Henrietta tried to work to restore life in this desolate place



- picture 6 - The Staircase, Helen Allingham



devoting herself trying to restore, then, the green space and finding immense pleasure in gardening, indeed, in all honesty, it is permissible to say that gardening became for this poor Lady the only reason for living; mindful of the lessons that were taught as a young girl by her maternal grandmother and mother, she began with the clean up the place, planting new bushes (she was responsible for the coining the term 'shrubbery' even if history tends to forget ) and trees, eliminating those that, born spontaneously, could 'disturb' the perspective perception of the open space ... and Henrietta, unconsciously for sure, in this way, was going to qualify herself as the first landscape gardener in history.

Out of the wilderness Henrietta created a substantial garden. She had a ha ha built to keep out to encroached animals, she markead out trees to create a visually exciting landscape while making no sacrifices in the space needed for flowers and fruit, she relished the challenge of placing a seat - or 'eye-traps' as she called them - althought she had few visitors to enjoy her vistas. 3 


But gardening is a delight that draws first its beneficial to the spirit of those who practice it, because it's almost as if observing the life that creates and renews the earth, it can find itself reflected in everything and perceives the creative power of nature, more powerful than any drug preparation and each therapy.

I myself have discovered gardening and gave life to the most intimating and perhaps poetic corners of my large and at the time still wild garden in a moment of profound anxiety, in which I thought I had lost forever the hope and the chance to enjoy any form of serenity; I spent hours and hours in a work that at first was very tiring, then requiring patience and finally maintenance and then arrived a great, great satisfaction, that satisfaction you can feel when you feel yourself alive in spite of the adversities which are part of life.

Just in those years when henrietta was working so hard at Barrell Estate (1775) was born Friedrich Schelling, a German philosopher who, with Fichte and Hegel, belonged to the current of Idealism, and will identify the Nature as the "the finished mirror of the Infinity": he argued that it had a soul and a vivifying force that is active in ever more perfect forms in overcoming the dualism with the spirit since they are two sides of the same Absolute Principle.

And finally, I would like to quote the words that some days ago, right here, on ~ My little old world ~, DrSc Giuliano Russini wrote in a comment:




"There is more power and energy in a budding flower that's going to open, that in the arsenals of all the armies of this planet."




See you soon my dearest friends and readers  

















Bibliography:

Catherine Horwood, GARDENING WOMEN - THEIR STORIES FROM THE 1600 TO THE PRESENT, Virago Press, Great Britain, 2010;

Jane Brown, My Darling Heriott: Henrietta Luxborough, Poetic Gardener and Irrepressible ExileHarper Collins, ...




Quotations: 

1 - Catherine Horwood, GARDENING WOMEN - THEIR STORIES FROM THE 1600 TO THE PRESENT, Virago Press, Great Britain, 2010, page 99;

2 - Ibidem, page 93;

3 - Ibidem, page 94.






This post is linked up to the lovely blog








30 commenti:

  1. What truly beautiful images. Thankyou for sharing them. Mimi xxx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Mimi
      you're far too welcome, thank you for visiting ~ My little old world ~ and for writing such lovely words, have a JOY-filled day ✿≼≽✿

      Elimina
  2. Such beauty and romance in these images. They truly bring you back to a more relaxed and gentile time.

    Such simple elegance. Thank you for sharing Daniella. Hugs

    Janet

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Janet
      dearest and sweetest friend of mine, thank you for your visit and your words, you're such a lovely and delicate heart, a so beautiful soul which I love to have here so very much !
      Have a wonderful new week, I'm sending love and hugs to you, dearie ღ*ღ

      Elimina
  3. Oh si`, quanto mi piace farmi prendere per la mano da te, e seguirti nei tuoi meravigliosi viaggi nel passato! :) Quanta serenita` in questi dipinti... un abbraccio, mia cara! Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Kia
      dolcissima amica dal cuore tenero, sapessi quanto piace a me tenere la tua mano con la mia per 'viaggiare' con te al mio fianco !
      Sono così tanto lieta di essere riuscita a donarti un po' di serenità, dolcissima, ne hai tanto, tanto bisogno, è l'unico modo per farti sentire il mio affetto ... e lascia che speri che questa serenità ti accompagni per tutta la settimana appena cominciata, ti abbraccio con tutto il cuore ❥

      Elimina
  4. Ho scoperto questo blog per caso... Ma è semplicemente stupendo! Cpmplimenti!
    CIAO! :-) Fujiko

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Fujiko
      grazie infinite per le bellissime parole e per la tua graditissima visita, torna presto a trovarmi, sei la benvenuta, credimi !
      ஜ Buona serata ஜ

      Elimina
  5. Leggendo questo racconto, sei riuscita a farmi allontanare tanti pensieri dalla mia mente, facendomi quasi sentire dentro a questo vissuto, così lontano nel tempo. Grazie mille.....di ♥. Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Paola
      che gioia leggere che riesco, con ciò che pubblico, a rasserenare il vostro animo e liberare le vostre menti da pensieri molesti, è l'obiettivo principale che speravo di raggiungere avviando questo Blog e quanto di meglio possa tutt'ora desiderare, grazie infinite, mi fai davvero felice !
      Trascorri una bellissima serata ed un sereno prosieguo di settimana cara, e grazie a te •ಌ••ಌ•

      Elimina
  6. A lovely gardening post with wonderful images, Dany, love the ones with the kittens ... of course :-)
    I think 'The Staircase' has such a tender feeling to it !
    Have a great week, my friend !
    Hugs,
    Sylvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sylvia
      your sweet words greet this day of mine in such a lovely way, thank you from the deep of my heart dearie !
      I wish you too a wonderful Spring week, sending hugs ⊰✿⊱

      Elimina
  7. Your pictures are beautiful. I love to spend time in the garden and I usually take a walk around the flowers early in the morning when the dew is still on them. Peaceful. Thanks for sharing.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Rebecca
      I also love having walks in the gardens especially early in the morning or late in the afternoon, when the sun is going to leave the day ... There's so much peace in those moments among the shades and the scents of flowers and plants and trees, you're so right !
      Thank you for your sweet words, dear friend, have a very lovely day ❤*❤

      Elimina
  8. Lovely post, my dear, Dany! My heart, too, reposes in the garden~! Have a blessed week!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ June
      here's my beloved friend !
      I'm so very glad you've enjoyed this reading, dearie, I wish you with all my heart a Joy-filled week, be blessed ❖ಌ❖

      Elimina
  9. Gardening is such a therapeutic hobby! My husband especially is able to relieve a lot of his stress while digging in the dirt. It is like a sanctuary. The images you shared today are lovely as well though the story was a sad one. Thank you for sharing!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ JES
      that's true, it's such a therapeutic hobby, you're perfectly right, I wonder how lovely your garden is, if cared with so much passion !
      Thank you from the bottom of my heart for you visit, my dearest and precious friend, have a blessed rest of the week ಌ•❤•ಌ

      Elimina
  10. Con grande piacere torno a sognare ed a rilassarmi attraverso le immagini ed i racconti romantici che tu proponi sempre con grande capacità.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Alessandra
      ed io, con immensa gioia, saluto questo tuo ritorno qui tra noi, la tua presenza, le tue dolci parole, la tua voglia di sognare sono un qualcosa di ormai irrinunciabile per me mia cara, ti abbraccio con affetto augurandoti una lieta serata, romantica amica mia ♥ ♥ ♥

      Elimina
  11. testo, immagini e sottofondo musicale sono gradevoli e rilassanti!!!! grazie cara è sempre un piacere passare da te, ti abbraccio forte forte Lory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Lory
      carissima, dolce amica mia, il piacere, grandissimo, è il mio ad averti qui grazie infinite, grazie di tutto cuore.
      Contraccambio l'abbraccio, spero che ti giunga fortissimo, per augurarti una splendida giornata ✿⊱╮

      Elimina
  12. Un giardino grande è un Universo verde dove le varietà spontanee , quelle coltivate e gli angoli particolari dove è bello sostare , sono pianeti dagli influssi benefici che fanno da contorno alla vita quotidiana.
    Bellissimo post , come sempre , Dany!
    Ti auguro un delizioso pomeriggio ,
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Franca
      proprio così, dare vita ad un giardino e viverlo con la medesima passione con cui lo si è creato è qualcosa che arricchisce notevolmente le nostre giornate, abbiamo bisogno del contatto con la Natura anche se talvolta ce ne dimentichiamo !
      Trascorri anche tu un bellissimo pomeriggio carissima, grazie per le sempre preziose parole ಌ*ಌ

      Elimina
  13. La tua citazione finale mette il cappello a questo post.....peccato stia solo nei libri e non entri nelle sale dei palazzi del potere e nelle grandi multinazionali ....la esattamente la io farei fiorire un giardino piuttosto che altro....un incanto ogni tua storia ko è sempre
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Susanna
      no, non strapazzarti troppo tesoro, non devi essere ko, abbiamo tutti bisogno di te, lo sai !!!
      Bellissima vero, la citazione suggeritami dal dottor Russini, voglio pubblicarla anche sulla pagina di fb, peccato che, come giustamente dici tu, sia poco ... conosciuta, o forse sarebbe meglio dire troppo ignorata....
      Un bacio grande dolcezza ⊰❤⊱

      Elimina
  14. Hello, my friend! The beauty of a garden....there is nothing quite like it. How I love to sit among the flowers especially the roses :)

    Thank you, my dear, for another lovely post. Now I shall leave your page up so I can enjoy the music for a while. Love and hugs to you!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Stephanie
      sending love, much love, and deep gratitude, I wish you a Beautiful weekend and thank you, always, more and more, for your visits and your sweet words, my blessed friend ღ ♥ ღ

      Elimina
  15. Risposte
    1. @ elisabetta
      conosci forse qualcosa di più travolgente ...❥

      Elimina

I WHOLEHEARTEDLY THANK YOU FOR YOUR THOUGHTS AND WORDS, SO PRECIOUS TO ME.