sabato 8 novembre 2014

XIXth century 'Spectacles'.



Come avrete ormai compreso, molti, per non dire tutti, gli 

oggetti che erano in uso durante il XIX secolo, con il loro

 fascino, da sempre suscitano la mia curiosità …. 

oggi voglio approfondire con voi la conoscenza degli

"Spectacles” come venivano al tempo chiamati gli occhiali 

da vista.






François Martin Kavel (1861 - 1931), Young Lady wearing pink Dress and Eyeglass



Teniamo innanzitutto presente che stiamo per calarci in un tempo in cui piuttosto precocemente, rispetto ad oggi, veniva perso l'uso della dentatura e dell'organo della vista, per cui quella degli occhiali era una necessità piuttosto diffusa fin dalla giovane età; affascinante già il termine, Spectacles, che sembra tutto un programma, come se a chi li indossava avesse dovuto aprirsi un mondo nuovo ( mutuato dal francese in cui significa 'esibizione', 'spettacolo' ) e forse era proprio così se la carenza visiva era notevole, la realtà tutta riprendeva corpo in un vero e proprio spettacolo ! 

Durante la loro vita, che conta più di ottocento anni, essi hanno conosciuto svariate trasformazioni prima di divenire come li conosciamo noi oggi e sembra quasi impossibile scoprire che già nel 1727 Edward Scarlett, un inglese, inventò gli occhiali forse più simili a quelli odierni, con le lenti fissate su di una montatura che poggiava sia sul naso che sulle orecchie, ma non vennero considerati un accessorio alla moda e perciò non furono apprezzati dal bel mondo che rivolse la propria attenzione su altri modelli ritenuti più eleganti e distinti.





L'epoca Regency conobbe la grande popolarità del “quizzing glass”, come veniva chiamata una unica lente con una piccola impugnatura, legata ad una catenella o ad un nastro e portata al collo quasi come fosse un ciondolo, 








che veniva accostata ad un singolo occhio per migliorarne la capacità visiva: era questo l'accessorio che le Ladies delle classi più agiate desideravano invece degli occhiali proposti da Scarlett, le quali, a partire dagli anni '50 del 1800, lo indossavano quasi come fosse un gioiello, talmente apprezzato che lo vestivano anche coloro che non avevano alcun problema di vista, molto spesso per vezzo o per atteggiarsi, da cui il nome “quizzing” ovvero “interrogarsi”, poiché molto spesso il quizzing glass veniva avvicinato ad un occhio per scrutare con fare interrogativo o di disapprovazione una persona che si stava approssimando.



Vignetta di epoca Regency che ironizzava sull'uso più diffuso del quizzing glass





Vi era chi invece preferiva usare la “lorgnette”,






che aveva due lenti ed era sorretta da un lato da un'impugnatura, e poggiava alla radice del naso, che poteva essere prescritta solo da un ottico optometrista e che conquistò definitivamente il pubblico femminile a partire dal 1830; i gentlemen continueranno a preferire l'uso di una sola lente, passando dal quizzing glass, sul finire del 1800, al
“monocle”





costituito sempre da una sola lente, ornata semplicemente da un fiocco o da una catenella, senza alcuna impugnatura.



Ed infine pensate, cinquecento anni dopo essere stati inventati gli occhiali che si reggevano esclusivamente sulla parte superiore del naso grazie ad una leggera compressione a molla, riapparvero intorno al 1840 per divenire celebri con il nome di “pince-nez”,



La cantante lirica Adelina Patti in una fotografia del 1900, ritratta con indosso un paio di pince-nez





raggiungendo larga diffusione presso la classe media, sia per le donne che per gli uomini, fino agli inizi del XX° secolo. 

E poi gli occhiali, quelli fatti con tanto di montatura e bacchette, si diffusero nel periodo vittoriano e furono proprio questi ad essere più propriamente definiti “spectcles”, con montatura dapprincipio in metallo e poi, solo più tardi, di avorio o di osso di tartaruga.

Concludo con una deliziosa cartolina augurale vittoriana con cui, oltre che mostrarvi i suddetti spectacles, rendo edotti coloro che, tra di voi, ancora non lo fossero, circa la venerazione che i Victorians nutrivano per i gatti, tanto da ironizzare su di loro e dar loro un aspetto antropomorfo, argomento per me meraviglioso di cui presto vorrei parlarvi.







Auguro a tutto voi tanta gioia e tanto bene, ringraziandovi come sempre per il dono che mi fate seguendomi con il vostro affetto.


A presto 















Bibliografia:

Rosenthal, J. William, Spectacles and other vision aids: A History and Guide to Collecting, Norman, San Francisco, 1996













As you may have understood by now, most, if not all, of the


objects that were in use during the XIXth century, with their


charm, have always aroused my curiosity ....


Today I want to explore with you the knowledge of


"Spectacles" as they were called at the time the eyeglasses.






- picture 1 - François Martin Kavel (1861 - 1931), Young Lady wearing pink Dress and 

Eyeglass




First of all we have to think that we are about to immerse ourselves in a time when 

quite early, compared to today, they lost the use of the teeth and of the sight, that's 

why that of the eye glasses was a necessity rather widespread since youth; so fascinating

the term, Spectacles, which seems a whole program, as if to who had to wear them had 

to open up a new world (borrowed from French, it means 'performance', ) and perhaps, 

if the visual deficiency was remarkable, they led him truly into a real perfomance, that 

of reality !


During their lifetime, which is lasting more than eight hundred years, they have

experienced several changes before becoming as we know them today and it seems 

almost impossible to read that already in 1727, Edward Scarlett, an Englishman, 

invented eyeglasses so very similar to those of today, with the lens fixed on a frame 

that was based on both the nose and the ears, but they weren't considered a fashion 

accessory, and therefore weren't appreciated by the beautiful world which turned its 

attention to other models considered the most elegant and distinguished - looking.



- picture 2



During the Regency period it met a great popularity the "quizzing glass" as it was called 

single len with a small handle, attached to a chain or ribbon and worn around the neck 

almost like a pendant,



- picture 3

- picture 4



that was drawn near a single eye to improve its vision: this was the accessory that well - 

to - do Ladies wanted instead of the eyeglasses proposed by Scarlett, which, until the 

50s of 1800, will be wore like a jewel, so popular to be worn even by those who had no

vision problem, very often for whim or to pretend to be elegant, hence the name 

"quizzing" because very often the quizzing glass was used to express a questioning air or 

the disapproving for a person who was approaching.



- picture 5 - Regency-era vignette satirizing on the most widespread use of the

quizzing glass




There were those who preferred to use the "lorgnette"



- picture 6



which had two lenses and was supported on one side by a handle, and rested on the 

top of the nose, which could only be prescribed by an optometrist and definitively

conquered the female audience since 1830; the gentlemen still preferred the use of a 

single len, going from the quizzing glass, at the end of 1800, to the "Monocle"



- picture 7 - The opera singer Adelina Patti in a photograph dated 1900, wearing a pair 

of pince-nez




also consisting of a single len, simply adorned with a bow or by a chain, without any 

handle.



And finally, you have to know that, five hundreds years after they were invented, the

eyeglasses that are held up exclusively on the top of the nose thanks to a slight 

compression made by a spring, reappeared in the 1840s to become famous with the 

name of "pince-nez",



- picture 8



achieving widespread among the middle class, for both women and men, until the 

beginning of the XXth century.


And then the eyeglasses, those made with a hype and chopsticks, spread in the Victorian 

period and they were these to be more properly called "spectcles", with a frame made of

metal, as first, and then, only later, of ivory or of tortoise bone.


I'm going to conclude with a lovely Victorian greeting card with which not only I'm 

showing you the spectacles, but I also want to let know, to those among you, who yet 

aren't aware of it, about the veneration which Victorians had for cats, much to be 

ironical with them (or with men ?!? ) and give them an anthropomorphic look, wonderful

argument to me of which I would like to talk to you about soon.



- picture 9




I wish you all much joy and much love, thank you as usual for the gift that you make me,

following me with your affection.




See you soon 















Bibliography:


Rosenthal, J. William, Spectacles and other vision aids: A History and Guide to CollectingNorman, San Francisco, 1996



16 commenti:

  1. I'm always amazed by the variety of your posts, Dany, this one is such an interesting one ... and I so love that cute cat :-)
    No need to apologize, life can be so busy ... I'm far behind in commenting too ...
    Wishing you a wonderful weekend, my dear friend !
    Hugs,
    Sylvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sylvia
      I'm so thankful to have such friends like you, my dear, thank you so much to be so understanding !
      ❤ Have a joy-filled evening and a serene new week ahead ❤

      P.S.: I was far too sure you've enjoyed the Victorian postcard, you're so in love with cats :)

      Elimina
  2. Another exquisite post, Daniela! And I just love the cute Victorian kitty-card you are sharing with us. :) Looking forward to reading your next post, I love cats! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Kia
      my dear friend, I didn't know you also love cats, actually I cannot think of my life without them, and Victorian reproductions are so curious and far too nice !
      I'm going to come and visit you as soon as possible, I've been missing your lovely photographs and quotes ... truly ...
      Sending much love to you and your beloved Zeno ⊰✿⊱

      Elimina
  3. Lezione molto interessante, mia cara Dany.
    Un paio di pince-nez inglesi li ho anch'io, figurati
    se non li trovo affascinanti....vengono dritti dritti dall'ottocento!!
    Buona settimana e un abbraccio cara amica
    Love Susy ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Susy
      ed immagino li terrai esposti insieme con tutti gli altri oggetti antichi di cui ami circondarti ... che atmosfera da sogno si deve respirare in casa tua !!!
      Contraccambio di cuore l'abbraccio mia dolce e carissima amica, passo presto a trovarti ... accipicchia a questi tempi frenetici ... anche per quello amo il periodo vittoriano, allora il tempo scorreva diversamente e di sicuro tutto aveva un altro 'sapore' !
      ღ Trascorri una serata lieta ღ

      Elimina
  4. This was so interesting, Dany.as I have worn glasses since I was seven years old. I wore contact lenses many years, but Now I'm back to wearing glasses, as it is easier in this dry climate of Colorado. The picture of the Victorian cat wearing glasses made me smile!

    Hugs,

    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Pat
      my dearest friend, you're so welcome !!!
      I read your mail a few days ago, and I'm so sorry for this delay with my answer, I'm truly far too busy during this period, I'm sure you're going to forgive me !
      Before than going to sleep I'll write it, I do promise :)

      Sending much love to you, sweet friend ஐ

      Elimina
  5. Riesci sempre a trovare argomenti curiosi ed affascinanti. Per natura, amo gli oggetti d' uso quotidiano. Leggere i tuoi post, che ne illustrano la storia, mi incanta sempre. Molto singolari questi occhiali. Incantevole la cartolina vintage del gatto.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Alessandra
      carissima, devi perdonarmi, la fretta talvolta induce a commettere delle mancanze ed io qui, pubblicando il tuo commento senza ricordarmene ieri, e facendoti giungere la mia risposta solamente ora che mi sono avveduta di tutto ciò, ne ho commessa una che davvero non meriti, scusami ... !
      Le tue parole, dolci e garbate, sono per me un modo delizioso con cui salutare il nuovo giorno, che ancora si preannuncia piovoso ... la pioggia non smette di scendere da un Cielo che sembra adirato con tutti noi .... la mia Liguria continua a piangere, danni e vittime ....

      ಌ Ti abbraccio mia cara, per me è una grande gioia essere seguita da una persona dall'animo così delicato ಌ

      Elimina
  6. E che affascinanti....questi prince nez!
    Grazie Dany per questa bella lezione...
    Un bacio
    A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ A
      anche tu sei catturata dal fascino degli antichi accessori che conferivano un'aria così importante ai nostri antenati !
      Grazie a te carissima amica mia, averti qui è sempre così tanto importante per me, ti auguro tanto bene ♥ ♥ ♥

      Elimina
  7. Carissima Daniela , i miei occhiali da presbite sono rimasti affascinati dalla tua passeggiata nella storia !!... ora attendo con curiosità il tuo post sui gatti antropomorfi vittoriani , che hanno sempre attirato la mia attenzione , così artisticamente agghindati !
    Lieto pomeriggio ,
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Franca
      per forza, hanno incontrato i loro progenitori !!!
      Sì, prometto di dedicare presto un post a quei meravigliosi mici, devo farlo, davvero :)
      Ti auguro una gioiosa serata ed un sereno riposo, carissima, ti abbraccio ❥

      Elimina
  8. Dany, these spectacles are so beautiful. Each one is so exquisitely made. The detail is simply gorgeous. Thank you for sharing here, sweet friend. xo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Lisa
      good morning my dear friend !
      Yes, these old eyeglasses are truly fascinating ... and you also love ancient object for the charm they preserve, don't you ?
      With love I thank you and wish you a lovely Sunday and a beautiful week ahead, I've just seen your last photograph, I suppose taken in your porch, it's so very romantic ✿⊱╮

      Elimina

I WHOLEHEARTEDLY THANK YOU FOR YOUR THOUGHTS AND WORDS, SO PRECIOUS TO ME.